Osvaldo Supino ritorna con la ballad “I’ll help you let me go”

Osvaldo Supino, Here I am, I’ll help you let me go, musica, web star, EP, 2012, ultimo, nuovo, singolo, Mans Ek, Charlie Mason, intervista, video, youtube

Appariscente e trasgressivo, la web-star Osvaldo Supino ha deciso invece di cambiare pelle, e immagine, per il nuovo singolo I’ll help you let me go, ti aiuterò a lasciarmi andare, a cominciare dalla bellissima immagine di copertina curata dal fotografo Stefano Oliva, che per la prima volta ha ritratto il cantante in un semplicissimo primo piano, distante dalle provocatorie immagini finora proposte. Il brano con cui si propone oggi Osvaldo al suo pubblico è una romantica ballad dalle sonorità elettroniche con influenze R&B. Il pezzo, terzo singolo estratto dall’EP Here I am, è stato scritto per il cantante dallo svedese Mans Ek (già produttore di Sarah Connor) e da Charlie Mason (autore e produttore di Miley Cyrus). «Lavorare con Mason e Mans Ek è stata un’esperienza senza precedenti. Mi aspettavo da loro un certo distacco, quello di chi ha lavorato con star della musica mondiale. Invece sono stati molto presenti in tutto il processo di lavorazione. Mi hanno subito messo a mio agio».  

Diverso dai brani dance finora proposti, Osvaldo del nuovo singolo dice: «Ho amato fin da subito questa canzone e dal primo momento sapevo che sarebbe stato uno dei pezzi che meglio rappresentavano questo EP».

Il singolo, e l’EP da cui è tratto, è in vendita, e in rotazione radiofonica, da oggi sulla piattaforma digitale iTunes.

Osvaldo Supino si racconta. Cosmomusic intervista il vero fenomeno italiano del web

Osvaldo Supino 2.jpg

Osvaldo Supino 1.jpg

Oggi internet è quasi esclusivamente sinonimo di social network: facebook, tag, stati danimo e uno scambio disordinato di link. Sono tante le community che consentono di condividere praticamente ogni istante della nostra vita: dal video girato col cellulare in classe ad una foto scattata al mare e postata su twitter. Cresce la popolazione della rete, ma la vera comunicazione è inversamente proporzionale alla massa che affolla postazioni PC e siti web, e mentre gli utenti aumentano, diminuisce invece la reale necessità di dire qualcosa. Ma Osvaldo Supino, cantante venticinquenne di Milano, ha dimostrato che internet può trasformarsi da strumento di condivisione svogliata di commenti e post, a potente mezzo di autopromozione low budget: il risultato è l’unica vera web star italiana, come l’ha definito il Corriere della sera, che ha saputo imporsi sui nuovi media, conquistando per ben due anni conseutivi una nomination ai prestigiosi BT Digital Music Awards, i premi della musica digitale inglesi. Tante le star anglosassoni nate in rete, dal giovanissimo Justin Bieber a Charice Pempengco, ma nessun italiano era mai riuscito nell’impresa. Le sue canzoni spopolano su iTunes, i suoi video su YouTube sono cliccatissimi, ed Osvaldo è così riuscito ad uscire dall’anonimato telematico trasformandosi in un vero e proprio fenomeno della rete.

Sei tra i pochi italiani ad essere diventato famoso attraverso il web, come hai mosso i primi passi?

In realtà ho fatto quello che fanno più o meno tutti quelli della mia età che amano la musica. Ho aperto una pagina myspace, costruito il mio primo sito internet… tutto in maniera molto semplice e autonoma. Il resto è venuto da sé.

La tua è sicuramente una personalità forte, a tratti stravagante: immagine genuina o una premeditata costruzione a tavolino?

Cerco solo di lasciarmi andare e dare spazio alla creatività. E’ questo il vantaggio di essere artisti indipendenti: avere la possibilità di mostrarsi per quel che si è per davvero.

Quando hai capito che internet poteva essere uno strumento per emergere?

Oggi tutti gli artisti, anche quelli più noti ricorrono a internet. E nel caso dei giovani come me, molto spesso è l’unica risorsa che si ha, perciò vale la pena usarla nel migliore dei modi.

Hai mai pensato di partecipare a un talent?

Ci avevo pensato qualche anno fa ma i produttori con cui lavoravo all’epoca mi avevano sconsigliato passi del genere. Nel futuro però, mai dire mai.

Il tuo ultimo lavoro discografico si chiama “Fell for the Enemy”, un inno a…

Fell for the enemy è il pezzo più importante che abbia mai interpretato. Avevo appena chiuso una storia importante e quando ho ascoltato il pezzo per la prima volta mi sono rivisto in ogni aspetto, tanto da volerla avere a tutti i costi. La musica è il riflesso di ciò che viviamo ed io sentivo l’esigenza di sfogarmi, di affrontare nuovamente tutto ciò che stavo provando in quel periodo. E’ un pezzo davvero speciale per me che mi emoziona ogni qual volta lo riascolto.

Quali sono i modelli cui ti ispiri nel look e quali invece ti ispirano nella tua musica?

La cosa fondamentale è sentirmi a mio agio. Mio fratello GiovanniPio e Roberto Chierici, il regista del video, hanno contribuito molto a far crescere la mia immagine, perciò sotto questo punto di vista devo moltissimo a loro. Musicalmente ascolto di tutto, ma i miei miti restano Michael Jackson e Madonna. Tra gli italiani invece Tiziano Ferro e Paola & Chiara: stimo molto le sorelle Iezzi, sono coraggiose, piene di talento e non hanno paura di reinventarsi… cosa veramente rara nel nostro paese.

Quando hai capito che avevi talento e volevi diventare un cantante di successo?

Non c’è stato un giorno in particolare in cui ho deciso di voler fare il cantante: la musica è sempre stata parte di me, fin da quand’ero molto piccolo… le scelte fatte nella mia vita sono sempre state mosse da questa fortissima passione.

I prossimi progetti di Osvaldo Supino…

L’uscita di un nuovo singolo per la prossima primavera e poi live, live e ancora live!

I link ufficiali dell’artista:

www.osvaldosupino.com

www.youtube.com/osvaldosupino

www.twitter.com/osvaldosupino

www.youtube.com/osvaldosupino

www.myspace.com/osvaldosupino

Le foto di Osvaldo utilizzate nell’articolo sono di Davide Di Lorenzo.