Biagio Antonacci completamente nudo sulla copertina di Vanity Fair!

orig_C_0_articolo_494850_listatakes_itemTake_0_immaginetake.jpg

Ci sono cose che ci si aspetta solo da trasgressivi cantanti anglosassoni o americani, eppure succedono anche in casa nostra da chi meno te lo aspetti. Dopo Tiziano Ferro, che ha messo a nudo la sua anima sulle pagine di Vanity Fair, su quelle stesse pagine Biagio Antonacci, per la gioia delle ragazze e delle sue fan in particolare, ha invece deciso di mettere (letteralmente) a nudo il suo corpo. Il cantante milanese è infatti apparso sulla copertina del magazine completamente nudo, coperto soltanto da un vinile del suo primo album, dal profetico titolo “Sono cose che capitano”: «A 47 anni mi sento finalmente libero di fare qualcosa che la gente da me non si aspetta – ha commentato il cantante – nude in copertina di solito si vedono solo donne. E, quando sono uomini, si tratta sempre di attori o modelli». Antonacci probabilmente attore o modello non è, ma sulla copertina del periodico di cultura e moda, mostra un fisico tonico e asciutto, da fare invidia ad un ragazzino, e sul timore di una reazione del pubblico dice: «Ben vengano le critiche. Mi diverte immaginare la faccia che la gente farà».

Mina festeggia i settant’anni con un nuovo album

Mina.jpg

A pochi mesi dall’uscita del nuovo disco di inediti Facile, pubblicato soltanto alla fine dello scorso anno, Mina in occasione dei suoi settantanni si fa un regalo e lo fa anche ai suoi fan che da cinquanta fremono per sentire la sua voce: la Tigre di Cremona pubblicherà infatti un nuovo album, non cover o reinterpretazioni dei suoi successi, ma un nuovo disco composto da sole tracce inedite, la cui data di uscita è stata fissata per il 14 Maggio 2010, ma dal titolo ancora sconosciuto. Ad annunciarlo lo stesso sito ufficiale della Mazzini attraverso un comunicato stampa. Ma le sorprese non sono finite: sembra infatti che Sony ha deciso di pubblicare ben quattordici dischi dell’artista in vinile: album compresi tra Canarino Mannaro del 1994 e l’ultimo progetto Facile del 2009; saranno dunque in tutto quattordici, di cui due doppi, alcuni dei quali mai pubblicati prima d’ora in vinile, e che saranno adesso disponibili in versione picture disc, con le riproduzioni delle copertine originiali: un’occasione unica per gli appassionati del disco che, secondo alcune stime, sono nuovamente in aumento, dopo un periodo d’ombra a vantaggio di CD ed mp3.