Tiziano Ferro: «Mi voglio innamorare di un Uomo»

tiziano-ferro_280x0.jpgSpesso oggetto di gossip e rumors sempre più insistenti sulla sua presunta omosessualità, Tiziano Ferro ha deciso adesso di venire allo scoperto. Secondo quanto già riportano vari siti di informazione on-line, il cantante di Perdono è il protagonista di un’intensa intervista-confessione rilasciata al magazine italiano Vanity Fair, in edicola da mercoledì 6 Ottobre, che ha così titolato le sue confidenze in copertina “Mi voglio innamorare di un uomo”. Insomma Ferro come il collega Ricky Martin, dopo aver glissato elegantemente l’argomento per anni, ha deciso di raccogliere questa sua profonda introspezione personale in un’autobiografia, edita da Kowalski, in uscita il 20 Ottobre, intitolata Trent’anni e una chiacchierata con papà (copertina a lato), raccolta dei diariTiziano ferro.jpg dell’artista dal 1995 ad oggi. Un regalo alle persone che gli vogliono bene, ma soprattutto un dono prezioso a se stesso per essere felice: «Un paio di anni fa ho iniziato un percorso di analisi – dice il cantante romano al magazine italiano – da tempo non stavo bene, avevo capito di dover riprendere in mano una serie di cose: dal forzato esilio lontano da amici e famiglia [vive in un quartiere alla periferia di Londra, ndr] alla relazione col mio lavoro, al rapporto contrastato con l’omosessualità». Un’intervista a cuore aperto in cui Ferro tocca le corde più profonde della sua anima: «Sono arrivato a una conclusione – continua – volevo vivere meglio».

Grande coraggio, ma anche il timore di ciò che accadrà dopo la pubblicazione dell’intervista: «Cosa succederà dopo? – si chiede Ferro, rispondendosi da solo come in un’intervista di Marzullo – niente sarà come prima».

Lady Gaga, nuda su Vanity Fair tra sesso, droga e solitudine

Lady Gaga - Vanity Fair nuda.jpg

Non è la prima volta che si fa ritrarre nuda, eppure Lady Gaga, ogni volta che si spoglia, riesce a fare scalpore, attirando l’attenzione di magazine e media: l’ultima è per la copertina di Vanity Fair, sulla quale la cantante sfoggia l’ennesimo nuovo look: capelli platino, vagamente rosati, lisci e lunghissimi, e trucco pesante, completamente nuda. Per il magazine di costume e moda, l’interprete di Alejandro non si è solo scoperta fisicamente, ma ha spogliato la sua anima, parlando con franchezza in un’ampia intervista anche della sua vita sessuale: «Scopo – dice la cantante sul numero di settembre del magazine – ma sicuramente non sono promiscua. Ho questa strana cosa che se dormo con qualcuno, prende la mia creatività attraverso la mia vagina».

Ma le rivelazioni scottanti dell’artista non riguardano soltanto la sua vita sessuale, Lady Gaga infatti ammette di fare uso di droghe, cocaina per lo più, perché letteralmente terrorizzata dall’eroina: «Non voglio mentire è occasionale, e quando dico occasionale, intendo forse un paio di volte l’anno – dice al magazine – ma se si stampa questa cosa, non voglio che i miei fan mi emulino, non voglio che pensino che farlo sia grande».

Ma dalle pagine di Vanity Fair traspare anche una Lady Gaga inedita, meno star internazionale e più umana e sensibile: «Sono continuamente sola. Mi sento sola anche quando ho una relazione, è la mia condizione di artista – racconta – per quanto riguarda le relazioni sono attratta dai “cattivi romanzi” [in riferimento alla sua hit Bad romance, ndr]». E per chi si domanda se il cuore della cantante del momento è impegnato, Lady Gaga dice: «Adesso sono decisamente single, non ho davvero il tempo di incontrare nessuno».

Christina Aguilera, su Vanity Fair Italia: «Bionic l’ho dedicato a mio figlio»

Christina Aguilera Vanity Fair.jpg

Ennesima copertina per Christina Aguilera, che dopo i magazine patinati oltreoceano e teutonici, conquista oggi anche il Bel Paese. La Aguilera infatti è la covergirl dell’edizione italiana di Vanity Fair, al quale concede un’intervista molto intima, certo finalizzata alla promozione del nuovo album Bionic, in uscita il prossimo martedì, ma dove c’è poca musica e molta vita privata: dal burrascoso rapporto con il padre, che la picchiava a sangue, allo straordinario legame con suo figlio Max, di due anni.

Parla poco Christina del suo ultimo lavoro discografico, quasi volesse proteggere quel bambino così pregiudizievolmente attaccato ancor prima dell’uscita ufficiale. Ma la Aguilera parla anche del film Burlesque, di cui è protagonista, in uscita agli inizi del prossimo anno: «È la storia di una ragazza dell’Ohio, sua madre è morta quando era molto giovane, è rimasta a prendersi cura della nonna. Ma quando anche la nonna muore, decide di andare a inseguire i propri sogni. Così si trasferisce a Los Angeles, dove finisce a lavorare in un club, Burlesque appunto. Cher interpreta la proprietaria del locale».

E sul disco? Christina si sbilancia solo su di una sola traccia, All I need, una delle poche ballad che compone l’album, e della quale ha detto: «L’album è dedicato a lui [a suo figlio Max, ndr]. E c’è una canzone in particolare, All I Need, che per me è il punto focale di tutto il disco, e che ho scritto proprio pensando a lui. È una sorta di ninna nanna, un pezzo molto “crudo”, senza nessun suono elettronico. Parla della sensazione di essere incinta e della bellezza di scoprire il proprio corpo che cambia e sentire il tuo bambino dentro di te».

 

Madonna, di nuovo disperata per “D&G”

Madonna D&G.JPG

Un celebre documentario invitava tutti “A letto con Madonna”, oggi Vanity Fair Italia, invita tutti a pranzo con la celebre cantante. Una Madonna così l’avevamo vista solo qualche tempo fa, quando la stessa cantante si cimentò in una serie di scatti che la ritraevano come una sorta di “casalinga disperata” alle prese con aspirapolveri e lavori domestici. Adesso Miss Ciccone ritorna nell’inedita veste casalinga, in uno stile tutto italiano, posando per la nuova campagna primavera/estate 2010 di Dolce & Gabbana. Le immagini sono state scattate dal noto fotografo Steven Klein, e saranno in edicola questa settimana con l’edizione italiana del magazine Vanity Fair. Gli scatti, in bianco e nero, sono ispirati al neorealismo del cinema italiano, e ritraggono una Madonna inedita tra stoviglie da lavare, pranzi da preparare o in tavola con bicchieri di vino e tovaglie a quadroni in uno stile tipicamente italiano, ricordando forse anche le vere radici della cantante. I due stilisti, Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno detto: «Avere Madonna nella nostra campagna è un sogno che diventa realtà».

Madonna D&G Vanity Fair.JPG

Le prime polemiche di Sanremo 60

Nicolas Bonazzi.jpgNon c’è Sanremo che si rispetti senza le consuete polemite prima dell’attesa kermesse canora che, giunta quest’anno alla sessantesima edizione, sarà presentata dall’ex cuoca di RaiUno Antonella Clerici.

Resa nota la lista delle nuove proposte, subito è scattata la prima e forse inaspettata polemica: uno degli emergenti che dovrebbe calcare il palco dell’Ariston, Nicolas Bonazzi, appartenente alla categoria “nuova generazione” rischia adesso di essere escluso dalla gara: a detta di molti il suo brano sanremese sarebbe già stato pubblicato in streaming sulla pagina MySpace dell’artista, così come dimostra un’intervista di tgcom in cui lo stesso Bonazzi parlava del suo pezzo. La canzone, secondo l’attuale regolamente di Sanremo, per essere considerata “nuova”, non soltanto inedita, non dev’esser stata fruita nemmeno gratuitamente on-line o con altri mezzi digitali o meno di distribuzione ed ascolto. Secondo un articolo del tg flash mediaset, la canzone postata dall’artista sulla sua pagina musicale sarebbe stata una versione demo, ben diversa da quella presentata adesso al Festival della canzone italiana.

Anche la categoria “Big” in questa nuova edizione festivaliera non poteva sottrarsi alla tradizione della polemica: abbandonate le canzonette-filastrocca che inneggiavano all’amore per i bambini o quello puro come un piccione, da qualche anno Povia sembra presentarsi al Festival di Sanremo più per suscitare polemiche piuttosto che per la gara e vittoria. Dopo la polemica gay in cui cantava il disagio di un omosessuale che si psicanalizza e “guarisce” in Luca era gay, e le foto in cui posava nudo per il magazine Vanity Fair, il cantautore porta quest’anno un testo impegnato sull’eutanasia intitolato La verità (Eluana), chiaro riferimento a Eluana Englaro, ragazza che per oltre diciassette anni è stata in coma in seguito ad un incidente stradale, e morta soltanto dopo aver staccato i macchinari che la tenevano in vita per volere del padre Beppino. Ma una nuova polemica getta altra benzina sul fuoco: sembra infatti trapelato in rete parte del testo della canzone di Povia in cui il cantautore sosterrebbe che Eluana in realtà avrebbe preferito vivere. Immediata tuttavia la smentita del cantante milanese e di Gianmarco Mazzi, direttore artistico della kermesse canora. Aspettare per credere…

Povia.jpg