Melanie C: l’ex Spice Girls ritorna e fa scatenare tutti sulla pista da ballo!

Melanie-C-X-Jodie-Harsh cover.jpg

La più produttiva delle Spice Girls, Melanie C, ritorna con un nuovo lavoro discografico. Ma Sporty Spice, dopo cinque album questa volta cambia genere e cambia strategia, pubblicando l’EP The Night, un mini-album (in gergo extended play) di soli tre brani, prodotti dal Dj Jodie Harsh per la Red Girls Records, etichetta discografica indipendente fondata dalla stessa  cantante, che è anche co-produttrice e co-autrice del disco.

Ad anticipare l’album, la cui uscita è prevista per domani, domenica 13 Maggio 2012, è il singolo Set you free, sulla falsariga di Till the world ends di Britney Spears, che incita a ritrovare la libertà nella musica sulla pista da ballo.

Gli altri due brani che compongono il disco sono Sunrise, pezzo che si ispira alle notti dei club di Ibiza, mentre a chiudere la mini-compilation c’è il mid-tempo Walk Away, pezzo orchestrale che si distacca del tutto dai primi due, conferendo così anche una varietà sonora a questo interessante progetto.

Brandy: dopo quattordici anni di nuovo in coppia con Monica per “Human”

Brandy-030212.jpg

ef2d7afd41db698d0eb6a6889284eb1d_full.jpgDopo quattro anni di silenzio, Brandy ritorna con il suo nuovo album, Human. Tante cose sono cambiate in questi anni: «Mi sto reinventando – ha raccontato la cantante R&B a Rolling Stone – e non ho paura». Ma Brandy parla anche della sua musica: «Non ho fatto R&B per molto tempo. Quest’album è radicato nell’R&B, ma il sound è diverso, parla d’amore. È maturo, grintoso, tagliente».

Per il disco si sono riuniti i migliori produttori del momento: da Jim Jonsin, a Danja, da Timbaland a Chris Brown, passando per lo storico collaboratore dell’artista Rodney Jerkins.

In quello che è il sesto album da studio della cantante è contenuto anche It all belongs to me, scritta e prodotta da Rico Love, in coppia con la cantante Monica, che ritorna a duettare con l’artista a quattordici anni dal successo, premiato col Grammy, The Boy is Mine del 1998: «Monica ed io abbiamo un legame come donne e come madri – dice l’artista mamma di un adolescente – quando lavori con lei, non lo senti come lavoro». Per il brano, che è il singolo che fa da apripista a questo nuovo lavoro discografico, Brandy e Monica si sono ritrovate sul set, per girarne un video alla Thelma & Louise.

ABBA: i contenuti speciali di “The Visitors” in uscita ad Aprile

abba-visitors-500px.jpg

Per la riedizione di The Visitors, l’album del 1981 del gruppo svedese ABBA, i fan dovranno aspettare ancora un paio di mesi. Il disco uscirà infatti il prossimo 23 Aprile, ed avrà una ricchissima Deluxe Edition, con bonus track ed una parte video in DVD con materiale raro e inedito della band. Ad annunciarlo sono gli stessi ABBA tramite il loro sito ufficiale.

Già molto rumore aveva fatto la notizia di una canzone inedita che sarebbe stata inclusa in questa nuova edizione dell’album: si tratta di From A Twinkling Star To A Passing Angel, demo di un brano che doveva essere incluso nella versione originale del disco, e che è il primo brano inedito del gruppo dall’ormai lontano 1994.

Ma questa non sarà l’unica sorpresa che i fan troveranno sullo scaffale: il disco infatti conterrà un medley di nove minuti che porterà i fan ad attraversare tutta la carriera del gruppo, dai primissimi demo alle ultime registrazioni più elettroniche e sperimentali, tra cui una demo di Frida e Benny con un testo alternativo di Another Morning Without You.

Tra i brani non inseriti in precedenza, in chiusura della (nuova) tracklist ci sarà anche Should I Laugh Or Cry, originariamente registrata per il disco e poi pubblicata come b-side del singolo One of Us, ed una breve intro pubblicata nell’edizione inglese e sudafricana del singolo.

Le altre bonus track di The Visitors sono invece registrazioni e sessioni studio del 1982.

Il DVD invece si apre con lo speciale televisivo di Dick Cavett dedicato al gruppo, dove gli ABBA presentarono due brani dell’allora prossimo disco, e una selezione di programmi televisivi in cui il gruppo propone alcuni noti brani con delle piccole differenze e rivisitazioni.

Un appuntamento da non perdere per rivivere il mito degli ABBAcinanti ABBA.

Osvaldo Supino ritorna con la ballad “I’ll help you let me go”

Osvaldo Supino, Here I am, I’ll help you let me go, musica, web star, EP, 2012, ultimo, nuovo, singolo, Mans Ek, Charlie Mason, intervista, video, youtube

Appariscente e trasgressivo, la web-star Osvaldo Supino ha deciso invece di cambiare pelle, e immagine, per il nuovo singolo I’ll help you let me go, ti aiuterò a lasciarmi andare, a cominciare dalla bellissima immagine di copertina curata dal fotografo Stefano Oliva, che per la prima volta ha ritratto il cantante in un semplicissimo primo piano, distante dalle provocatorie immagini finora proposte. Il brano con cui si propone oggi Osvaldo al suo pubblico è una romantica ballad dalle sonorità elettroniche con influenze R&B. Il pezzo, terzo singolo estratto dall’EP Here I am, è stato scritto per il cantante dallo svedese Mans Ek (già produttore di Sarah Connor) e da Charlie Mason (autore e produttore di Miley Cyrus). «Lavorare con Mason e Mans Ek è stata un’esperienza senza precedenti. Mi aspettavo da loro un certo distacco, quello di chi ha lavorato con star della musica mondiale. Invece sono stati molto presenti in tutto il processo di lavorazione. Mi hanno subito messo a mio agio».  

Diverso dai brani dance finora proposti, Osvaldo del nuovo singolo dice: «Ho amato fin da subito questa canzone e dal primo momento sapevo che sarebbe stato uno dei pezzi che meglio rappresentavano questo EP».

Il singolo, e l’EP da cui è tratto, è in vendita, e in rotazione radiofonica, da oggi sulla piattaforma digitale iTunes.

Beyoncé, ritorno alla musica con il quarto album: «La mia voce cruda in “4”»

Beyoncé, titolo, disco, ultimo, nuovo, album, cd, 4, four, quattro, tracklist, recensione, 2011, cover, copertina, foto

A quasi un mese dal leak “sospetto”, esce oggi il quarto album da studio di Beyoncé Knowles, intitolato semplicemente 4, quattro. Dopo la fredda accoglienza di ben due singoli estratti dal disco, l’apripista afro-beat Run the world (Girls) e la non riuscitissima ballad 1+1, sono in tanti a gridare al flop, e la stessa casa discografica dell’artista, temendo un buco nell’acqua, secondo quanto rivela il blogger Perez Hilton, pare stia già pensando ad una strategica reunion delle Destiny’s Child, gruppo di cui la cantante era leader, dopo aver assecondato la ferrea volontà della cantante di pubblicare il disco così com’era adesso, anziché rimaneggiarne ancora i brani: «Quando ho interpretato Etta James – ha recentemente scritto Beyoncé su facebook – ho imparato a conoscere meglio me stessa, fino alla registrazione di quest’album. Quando sono andata in studio, ho messo la stessa passione, onestà, e approccio con la mia voce con cui ho cantato Etta James. Non suona come la stessa voce dei miei precedenti lavori.  È molto più cruda. Proviene da un luogo profondo». Ma com’è davvero quest’album tanto discusso ancor prima dell’uscita? Ebbene se paragonato al multi-grammy I’m… Sasha Fierce, che ha venduto oltre cinque milioni di copie, ed ha regalato hit come Single Ladies e Halo, il disco naturalmente è poca cosa. Benché la voce della Knowles sia davvero più grezza, più autentica, e meno filtrata, mostrando una Knowles quanto mai sicura, le dodici tracce del disco, a fronte delle diciannove del precedente album, non brillano particolarmente. Composto per lo più da ballad, tra i pezzi forti di 4 c’è sicuramente Best thing I ever had, terzo singolo ufficial-ufficioso estratto, e il brano R&B Party, molto Destiny’s-style, in collaborazione con André 3000. Lungo la tracklist, la Knowles ha miscelato un sound anni ’90 alle sonorità degli anni ’70, è il caso di Love on top. Da segnalare invece in chiusura End of time, sulla falsariga del singolo di lancio “Girls”, e l’intensa I was here. Insomma sebbene il disco non sia all’altezza del precedente capitolo musicale di Beyoncé, ci ha piacevolmente sorpreso, e seppure a tratti un po’ piatto, è un lavoro di grande maturità artistica, e molto meglio di quanto si possa pensare.

Rihanna: dopo “California King Bed” arriva per gli USA “Man Down”

Rihanna - Man Down.png

I fan di Rihanna lo sanno bene: la bella cantante delle Barbados è davvero instancabile. Negli ultimi dodici mesi, l’interprete di Only girl (in the world) non soltanto ha pubblicato ben due album, ma ha collezionato un’innumerevole rosa di collaborazioni, da Eminem, con cui ha dominato le classifiche la scorsa estate con Love the way you lie, a Shy Ronnie 2, ultimo solo in ordine cronologico, con il quale invece ha duettato sulle note della simpatica Ronnie & Clyde, con tanto di video stile anni ’30, in cui Miss Fenty interpreta con il cantante una divertente coppia, un po’ parodia, dei celebri ladri-amanti Bonnie & Clyde.

Ma RiRi non si risparmia nemmeno per la prossima estate ormai alle porte, e reduce della bollente performance live ai Billboard Awards 2011 con Britney Spears con il remix di S&M, ha lanciato ben due nuovi singoli dal suo fortunatissimo LOUD, la rock-ballad California King Bed (colonna sonora dello spot Nivea) e, in esclusiva per il mercato statunitense il brioso brano Man Down, quinto singolo del quinto album da studio dell’artista.

Sophie Ellis Bextor ritorna in estate con “Make a Scene”

covers - 1672 (540x480).jpg

In principio era un best of, poi il nuovo progetto discografico di Sophie Ellis Bextor si è trasformato in un nuovo album di inediti. Ad annunciarlo è la stessa cantante attraverso il suo sito ufficiale. Il quarto album da studio s’intitolerà Make a scene e sarà pubblicato il prossimo 6 Giugno. Il disco sarà anticipato dal singolo Starlight, che invece uscirà una settimana prima, il 30 Maggio. Secondo una breve nota sul sito dell’artista, il singolo sarà un pezzo dance con sonorità elettroniche, molto orecchiabile, con un ritmo morbido ma al tempo stesso ruvido. Un pezzo insomma molto versatile, pensato per l’estate, che può essere ascoltato di giorno, sul lettino in spiaggia prendendo il sole, e ballato di notte nei nightclub.

L’album invece pare sarà un concentrato di puro pop energico ed emozionante, in cui Sophie è stata coinvolta in tutte le fasi, tra cui la co-scrittura di gran parte del disco, lavorando duramente con un team di autori e produttori tra cui Greg Kurstin, Calvin Harris, Cathy Dennis, Metronomy, Hannah Robinson, Richard X e Armin Van Buuren con cui la Bextor ha già collaborato per il brano Not giving up on love.

Lady Lopez: J.Lo si trasforma in Lady Gaga e canta “Lambada”

JLo.jpgSono in molti a domandarsi quando Jennifer Lopez ritornerà concretamente al suo secondo amore, la musica. Il nuovo giudice del talent statunitense American Idol ha infatti pubblicato il suo ultimo, e non proprio entusiasmante, album, Brave, nel 2007. Il suo ritorno discografico era infatti previsto per la primavera dello scorso anno, con l’attesissimo Love?, già anticipato dal brano on-line Fresh out of Oven con il rapper Pitbull, ma il cui singolo ufficiale era Louboutins, presentato con svariate performance live e di fatto ultimo brano della cantante su etichetta Epic Records. Scaricata dalla sua etichetta discografica, Jennifer ha infatti dovuto posticipare l’uscita del disco all’agosto successivo, ma ad oggi l’album non è ancora stato pubblicato. Nel frattempo la Lopez ha pubblicato un terzo singolo europeo, Everybody’s Girl,  da quello che in effetti è un lavoro-fanasma, ed ha presentato i brani Starting Over e Pieces al Saturday Night Live. Ma la Lopez ha adesso firmato con la Def Jam Recordings e dopo tanti tira e molla sembra finalmente pronta a pubblicare il suo sesto album da studio. Il brano che dovrebbe finalmente segnarne ufficialmente il ritorno è On the floor, che vede ancora una volta la bella J.Lo collaborare con il rapper Pitbull. Il brano è trapelato da qualche ora on-line. Come Christina Aguilera, Rihanna e Britney Spears anche Jennifer Lopez si lancia nel filone dance, ma con una variante. Introdotta dal rap di Pitbull On the floor campiona il ritornello di Lambada dei Kaoma, hit del 1989, declinandolo in chiave dance, per un risultato non proprio originale, ma decisamente godibile. Che sia finalmente la volta buona?

Britney Spears: “Hold it against me” potrebbe anticipare l’album in uscita a marzo

Britney Spears.jpgLa scorsa settimana Britney Spears ha festeggiato il suo ventinovesimo compleanno annunciando ai fan che il suo attesissimo album, il settimo da studio, vedrà la luce il prossimo marzo: «Ho quasi finito il mio nuovo album che dovrebbe uscire a marzo – ha scritto la cantante su twitter, ringraziando i fan per i loro auguri – ed io ne sono I-N-N-A-M-O-R-A-T-A». È di qualche ora fa invece la notizia che il primo singolo estratto dal nuovo lavoro discografico della Spears, ancora senza titolo, potrebbe invece essere Hold it against me. Dietro il brano ci sarebbe la firma del produttore Max Martin e Dr.Luke (già a lavoro per Kesha e Katy Perry): «Tenetevi pronti – ha infatti “twitterato” ancora la Spears, qualche giorno fa – ho appena finito di registrare un mostro con Doctor Luke e Max Martin».

Ma cosa sarebbe la musica di Britney Spears senza le sue famose coreografie? Secondo quanto riporta il sito news mtv.com sembra che la cantante della Louisiana abbia incontrato il suo ballerino-coreografo Brian Friedman, il quale aveva già lavorato con la Spears per il video del remix di Overprotected. In un messaggio su facebook, parafrasando il titolo di una nota canzone di Britney, il guru della danza ha infatti scritto: «Ciao a tutti, non ritornerò a Londra fino alla fine di Dicembre. Sarà meglio che tiriate fuori le scarpe da ballo è tempo per me di “colpirvi ancora una volta” (hit you baby one more time, riferimento alla canzone “baby one more time”). Sì, io e Britney siamo ritornati in azione!».

L’ex Ginger Spice ritorna la prossima estate con una cover dance

Geri-Halliwell-105.jpg

Mentre si cercherà di ripercorrere la carriera delle Spice Girls con un musical, Geri Halliwell tenta invece di rilanciare la sua carriera solista, che non poche soddisfazioni le aveva regalato agli esordi, nonostante qualche delusione dall’ultimo album, Passion, del 2005. Contrariamente a quanto si possa pensare, l’ex Ginger Spice non ha preso una pausa dalla musica per il calo delle vendite, ma per adempiere al meglio il ruolo di madre della piccola Bluebell, di quattro anni, ma adesso, secondo il Sun, sembra che la Halliwell sia di nuovo a lavoro in studio di registrazione ed è più decisa che mai a ritornare. Secondo quanto riportava qualche giorno fa il tabloid on-line Daily Star, l’ex Spice Girls, sulla scia della collega di band Melanie C, sarà anche produttrice di questo nuovo progetto discografico: «Geri è ritornata in studio – dice dalle pagine telematiche del giornale britannico – vuole pubblicare un album da solista la prossima estate. Il suo piano iniziale è quello di rielaborare una cover in chiave dance».

Ed è stata proprio una cover, It’s raining men, nell’ormai lontano 2001, originariamente cantata dalle Weather Girls negli anni ’80, a rappresentare uno dei maggiori successi della Spice rossa: «Sta registrando una manciata di cover – continua la fonte anonima – lei non ha un contratto discografico, così ha deciso di farlo e autofinanziarsi. Benché abbia preso in considerazione l’idea di affidarsi ad un’etichetta discografica, ha poi ritenuto che il modo in cui Melanie Chisholm ha intrapreso la sua carriera solista era un’idea migliore». Secondo la fonte, Geri avrebbe anche indetto un piccolo sondaggio, tra amici e conoscenti: «Ha messaggiato tutti i suoi amici, tra cui Victoria e David Beckham, chiedendo i loro brani preferiti per lei da registrare».