È morta Whitney Houston, il mondo della musica in lutto

whitney-houston-profile.pngIl mondo della musica è in lutto. A soli quarantotto anni è morta ieri, 11 Febbraio, Whitney Houston, una delle più grandi voci che la musica pop mondiale possa vantare. Innegabile la sua influenza per cantanti e intere generazioni, da Mariah Carey a Christina Aguilera, fino a interpreti giovani come Leona Lewis e Alexandra Burke.

Cantante, ma anche attrice, Whitney ha saputo, con un solo film, entrare di diritto anche nella storia del cinema, interpretando il ruolo della capricciosa cantante Rachel Marronn in La Guardia del Corpo (1992), che tanto le somigliava in quella ribellione alle regole.

Ma la Houston era soprattutto una donna, una donna tormentata che ricercava nell’alcol e, soprattutto, nelle droghe, quella felicità che quel matrimonio fallito con il marito violento Bobby Brown proprio non aveva saputo darle.

A dare notizie della scomparsa della cantante, le cui cause della morte e il luogo sono ancora sconosciute, l’addetto stampa Kristen Foster.

Whitney aveva venduto oltre cinquantacinque milioni di album nei soli Stati Uniti. Il suo ultimo disco, I Look to You risale al 2009, quando la cantante, dopo essersi curata, era ritornata sulla scena musicale con un lavoro di inediti, dopo sei anni di silenzio: «Il più grande demone sono io – aveva dichiarato la cantante in un’intervista del 2002 a Diane Sawyer – io sono sia la mia migliore amica che il mio peggior nemico» e questa volta il nemico sembra proprio aver vinto.

Il ritorno di Avril Lavigne: «Il mio album è una nuova direzione»

1000x1000.jpg

Se si esclude il singolo Alice, tema principale dell’omonimo film di Tim Burton, Avril Lavigne manca dal mercato discografico da The Best Damn Thing, dell’ormai lontano 2007, ma la cantante ritornerà nella notte di Capodanno con What the Hell, singolo che anticiperà l’album Goodbye Lullaby, addio ninna-nanna, in uscita il prossimo 8 Marzo su etichetta RCA. Un album di svolta insomma, almeno dal titolo, quasi un addio all’adolescenza, che arriva dopo un momento non facile della vita della cantante canadese, fresca di divorzio dal marito Deryck Whibley (dei Sum 41), che ha comunque collaborato alla realizzazione del disco. Tra i produttori e autori che hanno collaborato, anche Butch Walker e Max Martin.

Molto raffinata la copertina dell’album, che vede una ieratica Avril in abito bianco su di un pianoforte tra i boschi in autunno. Non è stata resa nota invece la tracklist ufficiale che comporrà il disco, ma tra i brani di “Goodbye”, secondo un comunicato pubblicato sul sito ufficiale dell’artista, dovrebbero esserci Smile, descritta come una canzone rock che “esprime la gratitudine per le persone speciali nella sua vita”, Push, dove invece Avril ha indagato le dinamiche delle relazioni e la ballad Wish you were here. Ma nel disco trova spazio anche Stop standing there, brano ispirato ai suoni delle girl-band anni ’50, ed infine Goodbye, title-track dove la Lavigne “trova la forza di chiudere un capitolo della sua vita e andare avanti”.

«È un album diverso sono cresciuta adesso e credo che ciò si rifletta nella mia musica, non è più pop-rock, ma un po’ più morbido e profondo – diceva qualche settimana fa la cantante dalle pagine di MTV.com, e ai fan che temono un radicale cambio di genere subito fa sapere –il mio primo singolo è molto pop-rock, simile alle mie vecchie produzioni, ma il resto dell’album è una nuova direzione».

Rihanna presenta la tracklist ufficiale di “Loud” e torna in coppia con Eminem

Rihanna.jpg

Tra indiscrezioni e rettifiche, dopo tanta attesa Rihanna presenta la tracklist ufficiale del suo quinto album da studio, Loud, la cui uscita è prevista a metà novembre. Definitivamente smentiti i rumours su di una collaborazione con Lady Gaga, RiRi aveva maturato invece l’idea di duettare con l’amica di sempre Kate Perry: «Ne stiamo parlando in studio» aveva infatti detto qualche giorno fa la bella cantante delle Barbados, anche se la collaborazione, almeno per il momento, sembra dovrà aspettare una riedizione del disco o un prossimo lavoro dell’artista. Come avevamo invece già confermato qualche giorno fa, tra i featuring di questo nuovo disco, che segna il ritorno di Rihanna all’amata dance, ci sono Drake, che duetta con la cantante in What’s my name?, la rapper americana Nicki Minaj, per Raining Men, mentre manca all’appello la ritmata e orecchiabile Who’s that chick, frutto di una collaborazione con il Dj francese David Guetta, così come la ballad Straight Up Beautiful, della quale aveva parlato la stessa cantante qualche settimana fa. Tra le sorprese della tracklist il brano  Love The Way You Lie (Part II), che vede il ritorno di Eminem dopo il grandissimo successo della prima parte del brano inciso per l’album del rapper di Detroit, Recovery. L’appuntamento è dunque fissato per il prossimo 12 Novembre.  

 

1.  S&M

2. What’s My Name? Feat. Drake

3. Cheers (Drink To That)

4. Fading

5. Only Girl (In The World)

6. California King Bed

7. Man Down

8. Raining Men Feat. Nicki Minaj

9. Complicated

10. Skin

11. Love The Way You Lie (Part II) Feat. Eminem

Il ritorno (anticipato) di Laura Pausini

Laura Pausini.jpg

Aveva annunciato una pausa di due anni, ed invece sembra che Laura Pausini, anche lontana dai riflettori, sia più impegnata che mai: la cantante infatti è stata impegnata nella realizzazione del DVD, Amiche per l’Abruzzo, di cui il nostro blog si è già ampiamente occupato e, come già detto, il dvd conterrà oltre quattro ore di musica dal vivo, dello storico concerto dello scorso 21 Giugno che ha visto per la prima volta riunite sul palco oltre cinquanta artiste femminili, raccogliendo oltre un milione di euro devoluti in beneficenza per la ricostruzione dell’Abruzzo, colpito dal terremoto nell’Aprile del 2009, e che sarà pubblicato il prossimo 22 Giugno 2010.

Laura Pausini adesso rompe il silenzio e ritorna a cantare, e anche questa volta la cantante romagnola lo fa per beneficenza: sembra infatti, secondo quanto riporta oggi tgcom.it, che la Pausini sia impegnata nel progetto benefico di Beto Cuevas, Voces Unidas por Cile, voci unite per il Cile, registrando un brano che sarà pubblicato sul mercato digitale il prossimo 4 maggio e che raccoglierà fondi per il Cile anch’esso colpito da un devastante terremoto: insieme alla nostra Laura Pausini parteciperanno grandi nomi della musica latina da Miguel Bosé a Shakira, da Alejandro Sanz a Juan Luis Guerra, ma anche il canadese Michael Bublé. L’incasso del brano, in vendita sulle piattaforme digitali, andrà a Habitat for Humanity, associazione non-profit che opera in Cile dopo il terremoto. Gli artisti reinterpreteranno il classico Gracias a la Vida, cantato originariamente da Violeta Parra, un messaggio di speranza, ma anche un concreto aiuto per chi ne ha davvero bisogno. Sarà invece il produttore cileno Humberto Gatica a curare la realizzazione del brano.