Ti lascio una canzone: prima puntata

Ti lascio una canzone logo.jpg

Noi che… la musica non ci basta mai, nemmeno durante un tranquillo sabato sera casalingo. Figli della generazione Io Canto e di quelli che pensando “quando la copia è meglio dell’originale”, abbiamo provato a vincere la diffidenza verso una stagione televisiva, questa, che straborda di bambini, da Chi ha incastrato Peter Pan? a Io Canto, e ci siamo sintonizzati fiduciosi su RaiUno per Ti lascio una canzone, l’omologo (originale) del programma del sabato sera di Canale 5 condotto da Gerry Scotti.

Presentato ancora una volta da Antonella Clerici, che, dopo Sanremo, vive una seconda giovinezza artistica, il programma è giunto con successo, ed una media di sette milioni di telespettatori, per la terza edizione: un programma qualitativamente inferiore rispetto alla “copia”. Molti i bambini, ma pochi i veri talenti e nessuna voce che fuoriesca dal coro. La terza edizione del programma Rai è di fatto al di sotto delle aspettative, al di sotto di un livello posto dallo stesso programma con le passate edizioni.

Al palco dell’Ariston si sostituisce quest’anno l’Auditorium Rai di Napoli e subito si passa alla “sceneggiata”: i bambini della Clerici infatti appaiono vagamente costruiti, mettendo in scena, tra un’esibizione e l’altra, veri e propri sketch con la conduttrice quale spalla d’eccezione, vestiti con un forte retrogusto anni ’50.

Tra gli ospiti della serata Claudio Baglioni, neo-prezzemolino della TV italiana che da Io Canto a Questo sono io (di Gigi D’Alessio) è ormai onnipresente, e non perde occasione per riproporsi ad un pubblico giovane, cantando tutte le canzoni del suo repertorio: da Questo piccolo grande amore a Strada facendo.

A duettare invece con il gruppo femminile denominato “Le Tagliatelle” Sylvie Vartan, che ha invece ripercorso velocemente la storia delle sigle TV. Ospite a sorpresa invece Valerio Scanu, che ha cantato con una concorrente, sulla falsariga di Alessandra Amoroso, la sua canzone vincitrice di Sanremo, Per tutte le volte che…, annunciando anche il suo primo tour, con tappa a Napoli il 16 Maggio al Palapartenope.

Tra i giurati fissi l’ex Pooh Stefano D’Orazio e la bellissima Barbara De Rossi nella sera ritrovata forma fisica, più sensuale e meno burrona.

In chiusura, cantante d’eccezione della serata Claudia Gerini, già giurata della prima puntata, che si è esibita insieme ad una piccola concorrente.

Bizzarra invece l’idea di mandare nello spazio, in un viaggio shuttle, l’incisione della canzone che vincerà il programma, chi potrebbe mai ascoltarla? A dispetto delle tante, troppe voci, che non conquistano e che non vengono fuori dal coro.

Premio speciale della giuria, esclusivamente assegnato ai concorrenti delle passate edizioni, a Gabriele e Veronica, che hanno interpretato Ti lascerò, brano vincitore di Sanremo ’89 di Fausto Leali e Anna Oxa.

Ma a vincere invece il televoto da casa, il brano La prima cosa bella, cantato dal gruppo I Fantastici Quattro, forte forse della seconda giovinezza che vive grazie alla cover di Malika Ayane, colonna sonora dell’omonimo film di Virzì. Per noi di Cosmomusic la canzone vincitrice della serata era Tutt’al più di Patty Pravo, cantata da Grazia Buffa. Insomma, qualche aspettativa è stata già delusa, ma noi di Cosmomusic, siamo ancora fiduciosi e, nonostante tutto, sabato prossimo ci sintonizzeremo su RaiUno, per la seconda puntata.