Madonna: abuso di Photoshop per il poster di “Truth or Dare”

Madonna, Truth or Dare, profumo, fragranza, uscita, Give me all your luvin’, Girl gone wild, M.D.N.A., poster, foto, 2012, uscita, vendita, Macy’s, photoshp, ritocco

Continua un uso, o forse è meglio dire un abuso, di Photoshop per Madonna. A cinquantatré anni suonati, la cantante di Give me all your luvin’ è oggi apparsa sul poster promozionale della sua prima fragranza, in vendita dal primo aprile da Macy’s, Truth or Dare by Madonna (verità o sfida), più giovane che mai. Dopo la copertina di Girl gone wild, il secondo singolo estratto dall’attesissimo M.D.N.A., in uscita a fine mese, sulla quale la cantante somiglia ad un magrissimo manichino di plastica, Madge si fa levigare ancora per una bellezza senza tempo.

Il primo profumo firmato da Madonna è un mix di gardenia, tuberose e neroli, con un retrogusto di vaniglia, ambra e muschio. E così, in uno scatto in bianco e nero che ricorda ancora i fasti di Erotica e Justify my love, la regina del pop appare con labbra scure e pelle liscissima, senza dubbio più giovane dei suoi anni, mentre si guarda languida allo specchio: «Sono sempre stata ossessionata dai profumi – ha detto l’artista a Women’s Wear Daily lo scorso novembre – e per anni volevo creare qualcosa di personale che fosse una mia espressione, ma che potesse riguardare anche altre persone: qualcosa di onesto, ma audace».

Britney cede (ancora) a Photoshop: più giovane e magra col ritocco digitale

32535.jpg

article-1370542-0B5DE88700000578-743_306x554.jpgAncora Britney, ancora Photoshop. La stampa inglese proprio non è clemente verso la principessa del pop, ritornata oggi con il suo nuovo disco Femme Fatale, e dopo lo “scandalo” dei ritocchi digitali per le foto dell’ultima campagna pubblicitaria per Candie’s, il Mail Online punta adesso il dito contro gli scatti promozionali del settimo album da studio dell’artista, pubblicati dalla Jive Records, storica etichetta discografica della Spears, per supportarne l’uscita. Nelle foto infatti Britney appare come una vera femme fatale, irresistibile e bellissima, ma, soprattutto, in gran forma. Non solo il computer avrebbe fatto apparire la cantante di almeno dieci anni più giovane, ma le avrebbe donato una straordinaria forma fisica in realtà mai raggiunta. A dimostrarlo l’ultima esibizione dal vivo di Britney girata a San Francisco per il programma televisivo Good Morning America, dove la cantante sarebbe apparsa appesantita e forzatamente strizzata in un completino di pelle, che ha, ingloriosamente, mostrato le sue burrose forme. Insomma, se anche Femme Fatale (leggi il post della recensione), a dispetto di tutto, è un ottimo disco, con pezzi di grande impatto come I wanna go e Drop dead (Beautiful) con la giovane rapper Sabi, oltre i due singoli già estratti, il fisico della cantante è lontano anni luce dalla tonicità e forma degli esordi.

BRITSEXY.jpg

Britney Spears e lo zampino di Photoshop per Candie’s

Britney Spears.jpg

Forse avrà anche ritrovato la sua silhouette Britney Spears, paparazzata mentre si dirigeva allo studio di registrazione di nuovo tonica e in forma, ma non per questo la cantante disdegna un aiutino digitale per avere un aspetto fresco e giovane. Secondo il malpensante Daily Mail infatti, nella nuova campagna pubblicitaria di Candie’s ci sarebbe lo zampino dell’airbrush di Photoshop. Il magazine inglese accuserebbe infatti la Spears di apparire di almeno dieci anni più giovane, come al suo esordio alla fine degli anni ’90 quando era soltanto una delle tante teen star.

Nel nuovo spot Britney, la cui colonna sonora è una versione instrumental di Piece of me, Britney si diverte a posare come una modella scarpe, giubbotti e magliette coloratissime, mentre alcuni flash mostrano la collezione in edizione limitata firmata dall’artista per la casa di moda di cui è testimonial. La linea di abbigliamento firmata dalla Spears sarà in vendita in esclusiva nei negozi Kohls a partire dal prossimo mese.