Social King 2.0: i WIP conquistano la RAI

In un panorama, quello televisivo, asfissiato da programmi-fotocopia e trasmissioni trash, ritorna, dopo il grande successo della prima edizione, Social King 2.0, lo show televisivo RAI in cui i concorrenti, e veri protagonisti, sono i W.I.P., web important people, ovvero quel popolo della rete che grazie ad internet e i suoi strumenti, e canali come YouTube, blog e social network hanno acquisito popolarità e influenza.

E in un format come questo, caratterizzato da internet e, soprattutto, dall’interazione, è il pubblico da casa a decidere, votando di volta in volta i sei concorrenti di turno che dovranno sfidarsi a suon di prove sempre legate al mondo della rete. E se nella passata edizione il vincitore della puntata era decretato da un sistema di voto che ricordava i “Like” del noto social network di Mark Zuckenberg, quest’anno l’upgrade, è proprio il caso di dirlo, del programma sta al passo con i tempi, ed introduce un nuovo sistema di votazione, novità assoluta nel panorama delle trasmissioni televisive, il Qr Code. Il meccanismo, noto ai possessori di uno  smartphone di ultima generazione, è caratterizzato da una particolare applicazione, realizzata in collaborazione con Telecom Italia, in grado di raccogliere le presenze dei telespettatori. L’app potrà essere scaricata ed installata gratuitamente sul proprio cellulare, e consentirà di riconoscere i codici grafici, appunti Qr Code, che compariranno in sovraimpressione nel corso del programma, consentendo ai telespettatori di esprimere la propria preferenza. Sarà il pubblico da casa dunque a scegliere, confermando, o meno, la loro presenza all’interno del programma, esprimendo il proprio voto e la propria preferenza sulle esibizioni dei concorrenti e sulle loro eventuali sfide esterne.

La seconda edizione è già partita con successo lo scorso 23 Ottobre su Rai2 la domenica alle 9:20 e sulla rete giovane del digitale terrestre, Rai Gulp, che trasmetterà la replica pomeridiana e la striscia quotidiana dello show dal lunedì al venerdì.

Ma il meccanismo di gioco, che trasforma il programma da game-show in talent/reality, non è il solo cambiamento. Tra le novità di quest’anno, il giovane neo-conduttore Ruggero Pasquarelli, noto ai più per aver preso parte ad X Factor.

Insomma tra vecchie repliche della Signora in Giallo e reality show che sanno di vecchio, una ventata di freschezza nella programmazione giovane RAI.   

Articolo sponsorizzato

Viral video by ebuzzing

“Io Canto” ritorna a settembre, ecco come partecipare alla seconda edizione

Io Canto logo.jpg

Con un netto anticipo rispetto alla messa in onda originaria della scorsa stagione televisiva, il programma di piccoli talenti canori condotto da Gerry Scotti, Io Canto, inizierà ufficialmente domenica 12 Settembre 2010, nel prime time di Canale 5. A darne notizia l’Official fan page facebook della piccola Sara Musella, volto dello show sin dalla primissima puntata.

Ai volti storici del programma Mediaset, verranno quest’anno ad aggiungersi nuove voci, di cui in questo periodo sono in corso i casting. In tanti hanno scritto direttamente al nostro indirizzo sperando di poter effettuare l’iscrizione al programma, ma purtroppo cosmomusic.it è solo un blog in cui si parla liberamente di musica, e pertanto non è in alcun modo legato al programma Mediaset né tanto meno alla redazione. Per potersi iscrivere o iscrivere il proprio figlio alla seconda edizione dello show, bisogna collegarsi al sito ufficiale del programma www.iocanto.mediaset.it dove è possibile compilare, oppure cliccare direttamente qui, e compilare il form in tutte le sue parti, inserendo i dati anagrafici completi, allegando una propria foto (non superiore ad 1 mega) ed un video (la cui dimensione non potrà superare i 14 megabyte) con un breve provino del candidato, acconsentire all’informativa della privacy ed il gioco è fatto. Il casting è partito e bisognerà aspettare pazientemente una convocazione dalla redazione del programma Mediaset. Buona Fortuna a tutti i prossimi piccoli talenti dello show!

Concorso on-line per duettare nel prossimo album di Susan Boyle

Susan Boyle.jpg

Figlia di un talent show, Susan Boyle, vincitrice di Britain’s got Talent, ha lanciato un concorso on-line per trovare la voce che duetterà con lei nel suo prossimo album. Se pensavate infatti che la signora Boyle fosse una meteora da sette milioni di copie per poi sparire all’orizzonte come nei romanzi, vi sbagliavate di grosso: Susan è infatti al lavoro sul seguito del fortunatissimo I Dreamed a Dream, la cui uscita, data la natura del concorso, è prevista per la fine dell’anno. La cantante inglese ha soprannominato questo bando on-line “The Susan Search”, la ricerca di Susan. Per partecipare e tentare la sorte sperando di duettare con lei, bisogna caricare su youtube un proprio video in cui si intona il brano Silent Night.

«L’anno scorso il mio sogno di diventare un’artista si è avverato dopo le audizioni di Britain’s got Talent – ha detto la cantante scozzese – da allora ho vissuto momenti fantastici. È stato un vero e proprio regalo e adesso vorrei passare questo regalo a qualcun altro».

Susan pensa infatti a quanti come lei sognano di cantare ma non ne hanno la possibilità: «Ci sono un sacco di persone là fuori che non hanno fiducia o i mezzi per entrare a far parte di un contest come Britain’s got Talent, quindi questo potrebbe essere molto meno scoraggiante per alcune persone, poiché si può registrare il brano nella privacy della propria abitazione. Spero che dia una possibilità a tutte quelle persone che hanno sempre voluto cantare e auguro a tutti buona fortuna!».

Questa sera live chat «Io Canto»

toolbar.jpg

Live chat «Io Canto»: dopo aver lanciato la pagina fan facebook, Cosmomusic, da sempre attento al le nuove tecnologie e strumenti di comunicazione online compie un altro piccolo passo, inaugurando una propria chat dove commentare in diretta i più importanti eventi musicali. Il primo appuntamento è per questa sera dalle ore 21.10 con i commenti a caldo sul programma Mediaset condotto da Gerry Scotti. Accedere alla nostra chat è davvero semplicissimo e gratuito: basterà cliccare sul tasto in basso a destra della nostra nuova barra, “Join Chat”, e decidere se registrarsi attraverso il servizio Tiny Chat, in pochi semplici passi, o connettere il proprio profilo twitter o facebook, entrando direttamente nel vivo della nostra chat in maniera semplice e veloce, ed iniziare a condividere pareri e commenti sullo show. Cosmomusic attraverso la sua nuova toolbar ha infatti aggiunto tante nuove funzionalità, oltre alla chat infatti, è possibile restare aggiornati con i nostri Feed RSS, condividere con community e social network i nostri articoli, seguire i post più recenti, fare ricerche on-line o mirate al nostro blog e persino tradurre le nostre pagine in undici lingue.

ATTENZIONE: alcuni lettori tuttavia ci hanno segnalato che la nuova toolbar può avere problemi di visualizzazione con il browser Microsoft Internet Explorer 8. È possibile tuttavia risolvere il problema installando uno dei browser alternativi della rete come FireFox 3.6 o Chrome di Google: veloci ed affidabili, ma soprattutto facili da installare, renderanno la vostra navigazione del nostro sito e di tutto il web un vero piacere, veloce e sicura.

… e dopo Sanremo ritorna «Io Canto»

Io Canto logo.jpg

Raffaella Carrà.jpgRitorna, dopo la pausa sanremese, il programma di piccoli talenti di Canale 5, Io Canto, e domani, ritroveremo tutti i piccoli protagonisti che in questa prima edizione abbiamo conosciuto ed imparato ad amare. E se all’inizio lo show condotto da Gerry Scotti stentava a decollare, qualche settimana fa ha invece addirittura battuto il competitor di Milly Carlucci su RaiUno, Ballando con le Stelle, totalizzando una media di ascolto di sei milioni di telespettatori: merito di bambini carismatici e vocalmente dotati, come Cristian Imparato, vero idolo del televoto sin dalla seconda puntata, o la simpatica Sara Musella, Zendryll Lagrana, la Charice italiana, o il piccolo tenore Mattia Rossi. Sono davvero tanti i nomi delle piccole grandi voci del programma che potrebbero qui essere elencate, e nessuno forse meriterebbe l’esclusione, poiché Roberto Cenci, regista ed autore della trasmissione, ha davvero fatto uno straordinario lavoro di scouting alla ricerca di questi piccoli talenti.

Guest star d’eccezione questa settimana, uno dei volti di RaiUno, che con i suoi programmi ha conquistato e commosso tutta l’Italia, Raffaella Carrà, cui i ragazzi del programma Mediaset hanno omaggiato interpretando ironicamente una delle canzoni simbolo della Carrà, Tanti Auguri, in una versione rivisitata più adatta agli under 14. Appuntamento dunque per domani, sabato 27 Febbraio 2010, alle ore 21.10 sempre su Canale 5.

Mina, la più grande

Mina.jpg

Mina copertine.jpg

Ha debuttato qualche settimana fa il nuovo programma di RaiDue, Il Più Grande, programma condotto da Francesco Facchinetti che ha il compito, attraverso una giuria d’eccezione in studio ed il televoto da casa, di eleggere l’italiano più grande di tutti i tempi. Tanti gli scontri a tratti anche bizzarri ed inverosimili che accostano grandi attori del passato a cantanti contemporanei, premi nobel a campioni del motociclismo. Secondo un sondaggio on-line, bandito dal sito ufficiale del gruppo www.ilpiugrande.rai.it l’italiano più grande di tutti i tempi sarebbe sinora Laura Pausini, al secondo posto un’altra grande della musica italiana, Mina, che hanno battuto la concorrenza di grandi pittori e geni del passato.

Cosmomusic fa il tifo per Mina (che sarà di nuovo in gara questa sera), non che il genio di Laura Pausini, vincitrice di ben quattro Grammy Awards (unica italiana ad averlo fatto) sia da meno, ma perché la Tigre di Cremona, a nostro avviso, non rappresenta soltanto una cantante straordinaria, ma un vero e proprio “stile di vita”. Molte delle scelte fatte da Mina nel corso della sua carriera infatti sono state improntate sulla libertà d’espressione, libertà artistica, ma soprattutto libertà personale e, ad oltre cinquant’anni di carriera, Mina è ancora sulla cresta dell’onda, vero e proprio punto di riferimento per molte artiste affermate ed emergenti contemporanee.

Citatissima dai concorrenti dei moderni talent show, ma anche da cantanti quali Irene Grandi o Delta V, Mina muove i primi passi nel mondo della canzone nel 1958, notata dal discografico dell’Italdisc-Broadway, David Matalon, incide quattro canzoni, due delle quali in inglese con lo pseudonimo di Baby Gate. E se in una prima fase della sua carriera il suo alter-ego musicale coinvive con Mina, alla fine sarà la stessa Mina e le sue canzoni in italiano ad imporsi sul mercato discografico italiano ed internazionale.

La sua bellezza, oltre che il talento, le ha subito spalancato le porte della televisione italiana e non, partecipando a programmi storici quali Il Musichiere, Studio Uno e Milleluci. Nel suo mezzosecolo di carriera Mina ha collezionato anche due partecipazioni al Festival di Sanremo, senza raggiungere mai il podio: dopo la seconda partecipazione la cantante giura, tenendo sempre fede alla promessa, che non sarebbe mai più ritornata sul prestigioso palco dell’Ariston.

La sua potente estensione vocale fa sì che rientri in quella categoria di cantanti degli anni ’60 che la stampa definisce “urlatori”, ma Mina, grazie ad interpretazioni quali Il Cielo in una stanza di Gino Paoli, che porta con successo in tutto il mondo, sa trasformarsi anche in raffinata interprete di musica d’autore.

Ma noi sosteniamo Mina soprattutto per la sua libertà e per le sue scelte anticonvenzionali che coerentemente difende fino alla fine, come la “scandalosa” relazione con il primo compagno, l’attore teatrale Corrado Pani, allora già sposato, da cui avrà il figlio “illeggittimo” Massimiliano. Per questa scelta Mina sarà bandita dalla televisione italiana, vi ritornerà però con successo nel 1964 con il programma La fiera dei sogni. Ma Mina si oppone anche alle major discografiche, fondando nel 1967, insieme a suo padre, la PDU, sua casa discografica personale, che porta avanti nonostante le prime difficoltà, fino al grande e primo successo di Non credere, vero e proprio tormentone dell’estate del 1969.

Si ritira ufficialmente dalle scene televisive nel 1978, con uno spettacolo d’addio alla Bussola di Viareggio, là dove tutto era cominciato vent’anni prima quasi per caso, registrando un doppio LP live. Nei suoi primi vent’anni di carriera Mina sa imporsi anche all’estero, dalla Spagna al Giappone, dall’Argentina agli Stati Uniti.

Ma Cosmomusic tifa per Mina anche, e forse soprattutto per l’innovazione con cui promuove la sua immagine e la sua musica. Mina infatti guarda avanti e guarda lontano, è stata la prima artista femminile ad aver registrato, nel 1968, album che fu realizzato solo in parte, con registrazioni poi fatte in studio, a causa di alcuni problemi tecnici.

Nel 2001 Mina fa un ulteriore step, e tiene un concerto virtuale su internet che fa un vero e proprio boom di ascolto, con oltre venti milioni di contatti, mostrandosi nello studio di registrazione. Una impresa simile è stata poi ripetuta nel 2009 (ben otto anni dopo) dagli U2 che hanno tenuto un concerto live su YouTube.

Pur non mostrandosi mai, Mina gioca molto con la sua immagine attraverso le copertine dei suoi album (ne proponiamo qualcuna), trasformandosi dalla gioconda di Olio ad una damina del settecento in Canarino Mannaro fino ad un fumetto in stile Linchestein. Mina si è trasformata in un mito vivente, circondandosi di un’aura di mistero come Marilyn Monroe, Michael Jackson, Elvis Prestley, ed è forse per questo che per noi di Cosmomusic è lei la più grande.

Zendryll Lagrana: a «Io Canto» la risposta italiana a Charice

Zende La grana.jpg

Si chiama Zendryll Lagrana il nuovo acquisto della scuderia di piccoli talenti di Io Canto, il noto programma condotto da Gerry Scotti nel sabato sera di Canale 5, ed è immediato è stato l’accostamento a Charice, piccola grande interprete che l’Italia ha potuto (ri)vedere la scorsa settimana ospite del programma mediaset. Anche Zendryll infatti, come Charice, è di origine filippina, a spingerla a candidarsi e a desiderare fortemente di voler cantare sul palco dello show televisivo proprio l’esibizione della sua connazionale, che la scorsa settimana ha egregiamente cantato il non facile brano Listen di Beyoncé Knowles. Ed è proprio con un brano del gruppo Destiny’s Child, di cui la Knowles era leader e voce principale, che Zendryll debutta sul palco dello show diretto da Roberto Cenci. Lagrana ha infatti cantato Stand up for love, brano d’addio del celebre gruppo americano, mostrando da subito una potente estensione vocale, ed un talento che potrebbe portarla a ripercorrere le orme della sua più nota connazionale. La sua interpretazione era meritevole di rientrare quantomeno nella rosa dei vincitori della quarta puntata, ma il televoto, ancora una volta, ha preferito Christian Imparato, che ha cantato E penso a te (forse strafacendo un po’), mentre la giuria in studio, capitanata da Ron, ha invece preferito la piccola Sara Musella, la quale, nonostante inizialmente avesse dimenticato le parole, ha regalato al pubblico una bellissima interpretazione de La voce del silenzio di Mina, e l’altro debuttante della serata, Mattia Rossi, che ha invece emozionato con una straordinaria voce tenorile, interpretando Il mare calmo della sera.

Listen, il duetto di Charice e Christian Imparato a “Io Canto”

Io Canto logo.jpg

Come ormai noto, Io Canto, baby talent di Canale 5 condotto da Gerry Scotti, è uno dei tanti programmi-fotocopia delle reti televisive italiane, al quale, alla stessa regia e il medesimo studio (o giù di lì), è stato cambiato solo il titolo, restando tuttavia uguale nella sostanza, per la stessa ammissione del conduttore, al format di Ti lascio una canzone, programma condotto durante la scorsa stagione da Antonella Clerici su RaiUno. Il programma vede protagonisti un nutrito gruppo di bambini, che reinterpretano (talvolta storpiando) grandi successi senza tempo del patrimonio musicale mondiale: da testi impegnati, come Perdere l’Amore di Massimo Ranieri a Viva la Mamma di Edoardo Bennato. Alcuni sono spontanei, altri invece visibilmente costruiti: comunque sia il programma di Gerry Scotti, seppur con una partenza in sordina, con quasi cinque milioni di telespettatori ed il 21,27% di share, ha pian piano guadagnato piccoli punti percentuali che, puntata dopo puntata, vanno ad insidiare il competitor di RaiUno di Milly Carlucci, Ballando con le Stelle.

Vinta l’asfittica presenza del prodigio-bambino Christian Imparato, il quale, seppur meritevole, ha forse ingiustamente monopolizzato il programma, prendendo spazio e merito ad altri ed ugualmente validi concorrenti, la novità più piacevole è stata la presenza di Charice, cantante filippina, nota in tutto il mondo per la poderosa estensione vocale sin da giovanissima, che ha duettato tre volte proprio con Imparato, neo-fenomeno di Io Canto e già popolarissimo in rete su YouTube proprio come la sua più illustre collega, della quale Imparato dice di essere un grande fan, in un intenso duetto di Listen dell’ex Destiny’s Child Beyoncé. La puntata di ieri, sabato 23 Gennaio, è stata seguita da 5.349.000 di telespettatori, e benché la gara degli ascolti sia stata ancora una volta vinta da Ballando con le Stelle, questa volta lo stacco era davvero minimo, per una manciata di migliaia di telespettatori, che pian piano stanno preferendo il programma scanzonato di Gerry Scotti ai balletti stellari di Milly Carlucci.

Charice, da YouTube a Io Canto: il fenomeno del web di nuovo in Italia

Charice.jpg

Charice My Ispiration.jpgL’Italia l’ha conosciuta durante il programma condotto da Antonella Clerici Ti lascio una canzone, ma Charice, diciassettenne di origine filippa, nota in tutto il mondo per la sua poderosa estensione  vocale, è ritornata in Italia ospite del programma-fotocopia Io Canto, condotto invece da Gerry Scotti su Canale 5, e che fedele all’originale di RaiUno ha riproposto persino la stessa ospite, facendola, ancora una volta duettare con i piccoli concorrenti-prodigio. Ma chi è Charice? Anche lei, come i concorrenti delle due trasmissioni, è stata una bambina prodigio, cantando in pubblico in tenerissima età.

In pochi sanno che Charice Pempengco, questo il suo nome completo, è stata cresciuta, insieme a suo fratello, soltanto dalla madre Raquel, che aveva abbandonato il padre in seguito alle violenti liti domestiche quando Charice aveva soltanto tre anni. Per aiutare la famiglia, Charice sin da giovanissima (già a sette anni) comincia a gareggiare in diverse manifestazioni canore locali. La svolta arriva nel 2005, quando la piccola Charice partecipa al programma Little Big Star, format dedicato a baby talenti, su modello del più noto American Idol, in onda su un broadcaster nazionale filippino. Nonostante il talento e la poderosa estensione locale, la prima performance live di Charice non convince, e viene eliminata al primo turno. Ripescata come concorrente-jolly, una sorta di riserva, riesce a rientrare nella rosa dei finalisti del programma. Nonostante fosse una delle possibili vincitrici del programma, Charice deve accontentarsi solo di un terzo posto. Fino al 2007, Charice fa soltanto sporadiche apparizioni su reti locali, ma è grazie ad un accanito fan che carica i suoi video su YouTube che esplode on-line il fenomeno Charice: il web impazzisce per quella ragazzina dalla incredibile estensione vocale, che riesce a passare con nonchalance da Whitney Houston a Celine Dion, senza cambiare una sola nota dei toni originali delle canzoni.

Il primo album omonimo dell’artista, Charice, esce nel maggio del 2008, costituito per lo più da cover di Whitney Houston, Jennifer Holliday, Amy Diamond e molti altri.

Il secondo album, My ispiration, esce invece in occasione della festa della mamma, nel maggio del 2009, nel quale Charice duetta con la madre Raquel in You and me against the world.

Il prossimo singolo dell’artista-bambina è Pyramid, in uscita il prossimo febbraio.

Nel frattempo abbiamo selezionato una performance live che Charice ha tenuto nel salotto americano per eccellenza, all’Oprah Winfrey Show.

Laura Pausini, la “più grande”

Laura Pausini.jpgDa mercoledì 20 Gennaio 2010 debutterà su RaiDue Il Più Grande, nuovo programma basato sul format inglese della BBC e già esportato con successo in molti paesi europei dalla Francia alla Spagna, ma anche in America, dagli Stati Uniti al Cile. Il programma, come recita il promo sul sito www.ilpiùgrande.rai.it  non si tratta di un programma, ma di una vera e propria elezione, per decretare qual è l’italiano più grande di tutti i tempi. L’importante istituto di ricerca Eurisko ha effettuato un sondaggio, stilando una classifica con i 50 italiani “più grandi” di tutti i tempi: «più grande – si legge sul sito – si intende il più amato, il più importante, il più ammirato, insomma colui o colei che più degli altri incarna l’ideale di “Grande Italiano”».

I cinquanta italiani “più meritevoli” si dovranno sfidare nel corso delle quattro puntate condotte da Francesco Facchinetti, che ritorna in televisione dopo la recente conduzione di X Factor.

Il programma dunque andrà a miscelare vari generi, si tratterà di un talk-spettacolo, che unirà informazione e curiosità, decretando di volta in volta i vincitori che saranno scelti attraverso il meccanismo del televoto da casa.

A questo punto i lettori di Cosmomusic inizieranno a domandarsi che attinenza possa avere un programma televisivo non musicale con la musica: la curiosità arriva proprio da un sondaggio che in questi giorni è stato aperto su internet, per decretare il proprio più grande attraverso un semplice (e gratuito) click. Con il 40,31% delle preferenze al primo posto è stabile Laura Pausini, che si piazza dinanzi all’illustre collega Mina, che deve accontentarsi di un secondo posto con il 15,29%, dietro di lei il genio di Leonardo Da Vinci, solo terzo con l’8,24%.

Per lanciare il programma la Rai confida molto nel web, creando infatti un gruppo facebook cui è possibile iscriversi e dove già sono sorte le prime polemiche che contestano alla cantante romagnola il primo posto perché “indegna” di aver superato grandi del passato come Galileo Galilei, Michelangelo e molti altri. Noi di cosmomusic invece facciamo un grande in bocca al lupo alla Grande Laura.

Ultima curiosità: in Inghilterra il programma è stato vinto da Winston Churchill.