Justin Timberlake dopo dieci anni parla della Spears: «Auguro a Britney il meglio»

2736400_640px.jpg

La loro è stata una delle storie d’amore più chiacchierate e seguite del pianeta, memorabile il volto di lui ai Video Music Awards del 2003 quando la sua già ex compagna baciò un’altra donna sul palco di MTV in mondovisione. Adesso, a otto anni dalla loro separazione, avvenuta nel 2002, Justin Timberlake, dopo aver sempre negato ogni intervista o commento in merito, parla della sua storia con Britney Spears. L’ex leader degli Nsync parla dalle pagine dell’ultimo numero di Vanity Fair e dice: «Eravamo due uccelli dalle stesse piume, ragazzi di una piccola città, che facevano le stesse cose. Ma quando si diventa adulti, il modo in cui eri da ragazzo non ha alcun senso. Non parlo per lei, ma almeno per quanto mi riguarda, io ero una persona completamente diversa. Non credo noi fossimo normali, non c’era niente di normale nella nostra vita. Abbiamo impiegato molto del nostro tempo a diventare la cosa più grande per adolescenti musicomani».

Dalle pagine del magazine americane, il cantante e attore ha spiegato che lui e la Spears hanno vissuto una vita stravagante: «Era eccitante che noi avessimo così tanto successo, e potevamo fare qualsiasi cosa volessimo. E per noi intendo tutti: i Backstreet Boys, ‘Nsync, Britney, Christina (la Aguilera): potevamo letteralmente andare ovunque. Bastava dicessimo “Andiamo a Bali” e saremmo stati su di un aereo per Bali. Eravamo bambini piccoli con grandi giocattoli. Fate i conti, tutto questo non è destinato a durare» ha detto il protagonista di Friends with Benefits.

Justin Timberlake è oggi un giovane trentenne, più maturo e consapevole: ha venduto oltre venti milioni di dischi in tutto il mondo, ed ha preso parte a film di successo come The Social Network, nominato agli scorsi Academy Awards, Alpha Dog e Love Guru e forse la prossima estate ritornerà alla musica e si rimetterà a lavoro sul suo attesissimo terzo album da studio. E su Britney infine chiude: «Non abbiamo parlato per nove o dieci anni, ma le auguro il meglio».