Paola&Chiara: “francesi” e un po’ malinconiche per il prossimo album

paola-e-chiara.jpg

Da sempre regina della musica, e dei tormentoni estivi in particolare, Paola&Chiara sono ritornate ad esibirsi insieme sul palco di “I Migliori Anni – Canzonissima”, la nuova trasmissione del sabato sera di RaiUno, condotta da Carlo Conti, che, alla nostalgia degli anni che furono, ingloba questa volta, in atmosfera pre-sanremese, la gara della canzone italiana, nel tentativo, forse un po’ stanco, di rievocare i fasti di una delle trasmissioni più amate e seguite di mamma rai.

Ma tra le artiste più energiche ci sono sicuramente loro, Paola & Chiara, che in questa prima puntata hanno cantato uno dei brani simbolo degli anni ’70, Un’estate fa, versione italiana della francese Una belle histoire, su testo di Franco Califano. E non potevano scegliere brano migliore, le due sorelline della musica italiana, che con le loro hit hanno accompagnato le nostre estati degli ultimi dodici anni, da Vamos a Bailar a Festival, passando per tanti altri successi ed influenze: «“Un’estate fa” l’abbiamo scelta d’istinto – raccontano dal loro diario su Vanity Fair.it – forse perché ci sentiamo di appartenere a quella stagione in cui tutto prende forma, quella stagione che riscalda».

L’ultima uscita ufficiale del duo milanese risale ormai al 2010, con l’album da studio insieme, Milleluci, omonimo di un’altra storica trasmissione Rai, come in un ciclo vitale in cui tutto ritorna, anche la loro musica: «Siamo tornate in studio d’incisione da poco. Sono passati due anni dall’ultimo nostro cd e ogni volta è come ripartire rinnovate. Nuovo ciclo dove manifestare nuove percezioni, trasferirle in musica, cantare, comporre». In fibrillazione i fan, che si domandano quali saranno le influenze musicali cui andranno ad attingere questa volta due delle artiste più eclettiche, e musicalmente più internazionali della musica italiana, e rivelano che la chiave di lettura del prossimo lavoro discografico potrebbe essere proprio quel brano che in origine fu di Michel Fugain: «il nostro prossimo album sarà così. Quando l’orchestra ha iniziato a suonare ci siamo sentite avvolte da quella ispirazione un po’ francese, un po’ malinconica».

Paola Iezzi presenta “Xcept You” brano inedito per la nuova campagna di Enrico Coveri

Paola Iezzi.jpg

In poco più di una decade, Paola&Chiara si sono trasformate da duo emergente italiano a vere icone della moda e dello stile, e non solo. Le due sorelline della musica italiana, infatti, hanno spesso lottato per i diritti degli omosessuali, affermandosi tra le poche icone gay italiane.

A quindici anni dal loro debutto sul palco dell’Ariston tra le “nuove proposte”, le sorelle Iezzi hanno ormai raggiunto una maturità artistica che le ha portate a distaccarsi dalle major, per potersi esprimere con una maggiore libertà, scevra delle costruzioni e costrizioni che invece una grande casa discografica impone. Fondata una propria etichetta, la Trepertre S.r.l., Paola&Chiara hanno così iniziato a sperimentare, proponendo, un po’ in ombra forse e non con la giusta luce, lavori discografici sempre più azzardati e di grande qualità, da Win the Life all’ultimo, Milleluci, con un sound che va dalla dance all’elettronica, dal jazz al pop melodico, portando avanti, al contempo, progetti solisti che ne hanno evidenziato le diverse qualità canore e musicali, che, insieme, ne fanno uno dei gruppi italiani più amati di sempre.

Oggi Paola Iezzi dalla sua pagina facebook ufficiale ha presentato il suo nuovo lavoro solista, Xcept You, brano, scritto e interpretato dalla stessa cantante, su produzione di MarcoBastianon&Stefano Tiron, che la brunetta del duo ha curato per la nuova campagna Primavera/Estate 2012 di Enrico Coveri. Non è ancora dato sapere se il pezzo sarà in vendita su iTunes, la prediletta piattaforma digitale attraverso la quale Paola ha promosso alcuni dei suoi pezzi più interessanti, ma il sound internazionale, il forte messaggio di autoaffermazione del testo, lasciano ben sperare che presto i fan dell’artista potranno scaricare il brano dalla “grande mela” della musica.