Mariah Carey ricoverata in ospedale durante le riprese di #Beautiful

mariah-carey-beautiful-miguel-teaser-600x337.jpg

Tempo d’estate, tempo di vacanze. Per molte stare avvistare sulle spiagge più belle del mondo, molte altre invece sono dedite al loro lavoro. Tra queste Mariah Carey che proprio in questi giorni sta registrando il video del remix di #Beautiful, brano che originariamente l’artista ha inciso e filmato con il cantante Miguel. La clip del remix è diretta dal marito della cantante Nick Cannon, il quale spera così di passare dalla (quasi inesistente) carriera di rapper e attore a quella di regista. L’idillio amoroso-lavorativo tuttavia è stato interrotto da un piccolo incidente sul set. Secondo il New York Post Mariah infatti sabato sera sarebbe stata ricoverata in ospedale per essersi lussata una spalla durante le riprese: «È stata ricoverata sabato sera in ospedale, dove i dottori le hanno risistemato la spalla – ha detto la portavoce della cantante Cindi Berger – sta bene e si sta riprendendo a casa».

Il video che la Carey sta girando è per una versione che la cantante ha inciso con il rapper Young Jeezy. Il singolo è il primo estratto dall’imminente nuovo album The Art of Letting go, l’arte di lasciarsi andare.

Mariah sembra più intenzionata che mai a concentrarsi solo sulla sua carriera musicale, e per questo motivo ha deciso di lasciare la poltrona di giudice di American Idol dopo una sola stagione, lasciando altresì l’ala protettrice di Randy Jackson, co-giudice al talent.

Nel frattempo però non s’è fatta mancare un cameo nel prossimo film di Lee Daniel, The Butler (il maggiordomo), incentrato su di un uomo di colore che ha lavorato alla Casa Bianca per oltre trent’anni. La Carey dovrebbe interpretare la madre dell’uomo quando era un ragazzo.

 

Mariah è anche attesa ad un concerto benefico a Central Park per raccogliere fondi a favore delle vittime dell’uragano Sandy. Secondo alcune voci di corridoio, la cantante potrebbe esibirsi con il braccio al collo.

Paris Jackson ricoverata: la figlia di Michael in ospedale dopo aver tentato il suicidio

paris-jackson-2-w352.jpg

Paris Jackson, figlia del compianto Michael, è stata ricoverata in ospedale in seguito ad un (potenziale) tentativo di suicidio. È quanto riportano oggi i magazine americani, come TMZ e People. Tra loro anche Glamour, magazine di stile e moda.

La quindicenne sarebbe stata portata in ospedale in ambulanza dalla sua Calabasas, in California alle due del mattino.

La ragazza di recente ha passato molto tempo con la sua madre naturale, Debbie Rowe. Le due sono state infatti avvistate a cavalcare insieme. A confermare l’accaduto Rowe a Entertainment Tonight. Ancora sconosciute le esatte condizioni cliniche della ragazza.

 

«Amo mio padre – aveva confidato Paris lo scorso settembre a Glamour – ed io sono orgogliosa di essere sua figlia. Ma non credo che il titolo “figlia di Michael Jackson” mi rappresenti» e in merito alle sue velleità artistiche, o comunque la voglia di apparire ha detto: «Le persone credono che lui sia la sola ragione per cui lo faccio, ma voglio dimostrare di avere talento e che posso riuscirci, se ci provo. Io voglio avere una personalità mia».

Rihanna ricoverata d’urgenza in ospedale durante un party a New York

Rihanna-black-gown.jpg

Rihanna finisce in ospedale. Nessun dramma, la bella cantante delle Barbados ha avuto un leggero malore ieri sera, durante il Gala Annuale del Metropolitan Museum di New York. L’artista è stata subito portata in un Ospedale di Manhattan, secondo quanto riporta oggi un articolo on-line del New York Post. Fasciata da un sensualissimo abito nero di coccodrillo di Tom Ford, Miss Fenty, magrissima, era stata fotografata in splendida forma sul tappeto rosso.

All’Ospedale la cantante di We found love è stata curata per disidratazione e esaurimento, cause, queste, generalmente riportate da Hollywood quando si desidera nascondere disturbi ben più gravi.

Ma Rihanna è stata dimessa già dopo alcune ore, ed ha confermato la notizia del suo ricovero, postando su twitter una sua immagine che ritraeva il suo braccio (unghie lunghissime) sul letto d’ospedale con la flebo ancora attaccata.