Enrique Iglesias protagonista di un’orgia da censura

Enrique99.jpg

È inutile negarlo, il successo di Enrique Iglesias, figlio maggiore del noto cantante spagnolo Julio, è dovuto, oltre che da canzoni di facile ascolto dal sapore latino e belle ragazze in bikini nei suoi videoclip anche, e forse soprattutto, dal suo sex appeal. E così il bell’Enrique ormai trentacinquenne, se in Heartbeat (colonna sonora dello spot wind con Raul Bova) seduce a torso nudo la bella pussycat Nicole Scherzinger, per il suo nuovo singolo estratto dall’album Euphoria, ha deciso di puntare tutto ancora una volta sul suo lato hot, e così nel video di Tonight (I’m lovin’ you), questa notte ti amo, in coppia con Ludacris, si lancia senza imbarazzi nella bollente esibizione di un’orgia di gruppo. Nel video infatti, il cantante di Bailamos, dopo aver preso parte ad una festa in discoteca, dove l’atmosfera decisamente si riscalda, viene trascinato da un gruppo di femme fatale, belle e pericolose, in una camera da letto. Il video ha addirittura richiesto la censura: gli americani possono invece ammirarne la uncensored version, la versione integrale senza tagli, sulla piattaforma VEVO, per gli italiani invece una magra versione epurata.

Robbie Williams si cala di nuovo i pantaloni!

robbie williams.jpgGià in passato era stato pizzicato con le braghe calate, ma sembra che Robbie Williams proprio non riesca a tenere su i pantaloni. L’ultima arriva dalla televisione danese, dove il ritrovato Take That era ospite insieme a Mark Owen in un noto show danese, Good Evening Denmark, e alla richiesta della conduttrice del programma di abbassarsi pantaloni e slip dinanzi a centinaia di fan in visibilio in piazza, per la modica cifra di venti sterline, Williams non ci ha pensato due volte e immediatamente ha slacciato i pantaloni, mostrando il lato B ad una folla in estasi, tra lo sbigottimento divertito della conduttrice. L’avete perso? Ecco il video:

Biagio Antonacci completamente nudo sulla copertina di Vanity Fair!

orig_C_0_articolo_494850_listatakes_itemTake_0_immaginetake.jpg

Ci sono cose che ci si aspetta solo da trasgressivi cantanti anglosassoni o americani, eppure succedono anche in casa nostra da chi meno te lo aspetti. Dopo Tiziano Ferro, che ha messo a nudo la sua anima sulle pagine di Vanity Fair, su quelle stesse pagine Biagio Antonacci, per la gioia delle ragazze e delle sue fan in particolare, ha invece deciso di mettere (letteralmente) a nudo il suo corpo. Il cantante milanese è infatti apparso sulla copertina del magazine completamente nudo, coperto soltanto da un vinile del suo primo album, dal profetico titolo “Sono cose che capitano”: «A 47 anni mi sento finalmente libero di fare qualcosa che la gente da me non si aspetta – ha commentato il cantante – nude in copertina di solito si vedono solo donne. E, quando sono uomini, si tratta sempre di attori o modelli». Antonacci probabilmente attore o modello non è, ma sulla copertina del periodico di cultura e moda, mostra un fisico tonico e asciutto, da fare invidia ad un ragazzino, e sul timore di una reazione del pubblico dice: «Ben vengano le critiche. Mi diverte immaginare la faccia che la gente farà».

Will Young nudo su twitter

Will Young 2.jpg

Inutile negarlo, la scena musicale, mai come in questo momento è femmina, e se le classifiche musicali, almeno quella italiana, è dominata dagli uomini, Ligabue, Litfiba, Biagio Antonacci, l’attenzione dei media e magazine è tutta per loro: le donne. Matrimoni, gravidanze, profumi, scatti sexy, un’artista femminile ha decisamente più chance di attirare oggi l’attenzione. Eppure il britannico Will Young è riuscito nell’impresa di far parlare di sé. Il vincitore della prima edizione del programma inglese Pop Idol, dopo lo sfolgorante successo con Light my fire, cover dei Doors del 1967, che ha portato il suo nome anche in Italia, ha avuto una carriera prevalentemente nazionale, raggiungendo i vertici delle classifiche con i suoi quattro album nel Regno Unito. Ma oggi il nome dell’artista potrebbe ritornare a riecheggiare anche nel Bel Paese: Will ha infatti stupito i suoi fan postando su twitter una sua foto nudo, con solo una scarpa a coprire il gioiello di famiglia. Lo scatto, come si legge dal Daily Star, è stato fatto su di una piccola spiaggia privata, e vede un Young sorridente, che beffardo si copre con una scarpa, mentre alza un braccio in segno di vittoria. Nel post che accompagnava la foto il cantante scherzando ha scritto: «La mia nuova campagna di scarpe!».

Will Young.jpg

Enrique Iglesias, nudo per la sua Spagna

ff475g.jpgManterrà la sua parola? Enrique Iglesias, fresco di pubblicazione dell’album anglo-spagnolo Euphoria, aveva promesso che in caso di vittoria dei mondiali della sua adorata Spagna, avrebbe fatto lo sci nautico nudo davanti a Miami, città in cui l’artista vive, per la gioia delle tante fan che acclamano il suo corpo senza veli. Beh, la Coppa del Mondo, come l’ultimo campionato ci insegna, è nelle mani delle furie rosse: «Se la Spagna vince – riporta People magazine – mi ubriacherò e scierò nudo nella baia di Biscayne» avrebbe detto il cantante alla BBC lo scorso 23 Giugno, quando la Spagna, perso un incontro, rischiava di non accedere alla fase delle eliminazioni dirette.

Forse Iglesias quando ha fatto la promessa, non si aspettava che di lì a poco, quella squadra che rischiava di non arrivare ai quarti, avrebbe ribaltato la situazione vincendo la finale contro l’Olanda per 1 a 0.

Ma Enrique non dimentica la parola data, e ad un reporter di Access Hollywood avrebbe detto: «Una scommessa è una scommessa!».

Tuttavia il cantante non ha specificato quando avrebbe intenzione di pagare pegno, ma secondo quanto egli stesso a continuato a dire alla BBC di certo non sarebbe la prima volta che comparirebbe in costume adamitico tra le onde: «Di solito lo facevamo – dice – quando eravamo bambini».

Il nudo integrale di Roberto Bolle finisce in rete

Roberto Bolle Teatro.jpg

Tutti ne parlano, il web è impazzito il suo video su YouTube è cliccatissimo. Stiamo naturalmente parlando del nudo integrale del ballerino Roberto Bolle, che l’altro ieri al Teatro San Carlo di Napoli ha eseguito una rivoluzionaria esecuzione di Giselle, per il coreografo svedese Mats Ek: «È Albrecht nudo di fronte alla vita, alla nuova vita, perché in quel momento, anche così, rinasce».

Roberto Bolle, che non aveva provato in precedenza la scena, l’aveva comunque definita “geniale”, dicendo che la versione di Ek è una delle poche rivisitazioni del repertorio classico in grado di diventare classico a sua volta.

Nonostante l’etoile del San Carlo avesse dichiarato di non provare alcun imbarazzo con la sua prima scena di nudo integrale, aveva tuttavia vietato macchine fotografiche e telecamere, finanche ufficiali che fossero, che lo potessero ugualmente immortalare. Tuttavia moderni cellulari e smartphone sono impietosi quanto discreti e così le immagini amatoriali di qualche spettatore sono comunque finite in rete. Ma per chi spera di vedere Bolle completamente nudo probabilmente resterà un po’ deluso: nel video infatti il nudo del ballerino, benché di spalle, è bene avvolto da una fitta penombra che lascia appena intravedere la nudità, e quando è il momento di mostrarsi frontalmente, il suo Albrecht è già rinato a nuova vita, e viene prontamente ben coperto, lasciando il voyeurismo degli spettatori, che speravano di vedere il suo corpo tonico nudo, a bocca asciutta.

Ricky Martin nudo: adesso il cantante portoricano si spoglia in un video

Ricky Martin nudo.jpg

Appena qualche settimana fa aveva dichiarato la propria omosessualità, adesso il cantante portoricano Ricky Martin, superati tutti i suoi complessi interiori, si mostra completamente nudo in un video di circa due minuti. Il cantante di Livin’ la vida loca, sfoggia un corpo tonico e palestrato, asciutto e muscoloso. Il video è un vero e proprio inno alla ricerca del sé: la clip infatti vede Martin in diverse posizioni, con tatuaggi che emergono sulla sua pelle, con messaggi scritti in spagnolo: “trova te stesso”, “perdona” queste alcune delle frasi che è possibile scorgere sul corpo dell’artista, che simbolicamente si denuda del tutto, liberandosi, forse, di quelle pesanti vesti di finzione che fin’ora aveva indossato. Non un videoclip di un nuovo singolo, ma un video alla libertà, accompagnato da una colonna sonora futuristica ed un montaggio, a tratti “visionario” in stile The Ring.

Le prime polemiche di Sanremo 60

Nicolas Bonazzi.jpgNon c’è Sanremo che si rispetti senza le consuete polemite prima dell’attesa kermesse canora che, giunta quest’anno alla sessantesima edizione, sarà presentata dall’ex cuoca di RaiUno Antonella Clerici.

Resa nota la lista delle nuove proposte, subito è scattata la prima e forse inaspettata polemica: uno degli emergenti che dovrebbe calcare il palco dell’Ariston, Nicolas Bonazzi, appartenente alla categoria “nuova generazione” rischia adesso di essere escluso dalla gara: a detta di molti il suo brano sanremese sarebbe già stato pubblicato in streaming sulla pagina MySpace dell’artista, così come dimostra un’intervista di tgcom in cui lo stesso Bonazzi parlava del suo pezzo. La canzone, secondo l’attuale regolamente di Sanremo, per essere considerata “nuova”, non soltanto inedita, non dev’esser stata fruita nemmeno gratuitamente on-line o con altri mezzi digitali o meno di distribuzione ed ascolto. Secondo un articolo del tg flash mediaset, la canzone postata dall’artista sulla sua pagina musicale sarebbe stata una versione demo, ben diversa da quella presentata adesso al Festival della canzone italiana.

Anche la categoria “Big” in questa nuova edizione festivaliera non poteva sottrarsi alla tradizione della polemica: abbandonate le canzonette-filastrocca che inneggiavano all’amore per i bambini o quello puro come un piccione, da qualche anno Povia sembra presentarsi al Festival di Sanremo più per suscitare polemiche piuttosto che per la gara e vittoria. Dopo la polemica gay in cui cantava il disagio di un omosessuale che si psicanalizza e “guarisce” in Luca era gay, e le foto in cui posava nudo per il magazine Vanity Fair, il cantautore porta quest’anno un testo impegnato sull’eutanasia intitolato La verità (Eluana), chiaro riferimento a Eluana Englaro, ragazza che per oltre diciassette anni è stata in coma in seguito ad un incidente stradale, e morta soltanto dopo aver staccato i macchinari che la tenevano in vita per volere del padre Beppino. Ma una nuova polemica getta altra benzina sul fuoco: sembra infatti trapelato in rete parte del testo della canzone di Povia in cui il cantautore sosterrebbe che Eluana in realtà avrebbe preferito vivere. Immediata tuttavia la smentita del cantante milanese e di Gianmarco Mazzi, direttore artistico della kermesse canora. Aspettare per credere…

Povia.jpg