Pink regina della classifica americana

231112014005_660x400-250712054306_pink.jpg

Dopo il successo della grande “ondata dance” sembrava quasi impossibile riportare la tendenza musicale ai ritmi più pacati della musica pop, eppure Pink sembra esserci riuscita, aggiudicandosi il suo quarto primo posto. È successo questa settimana, con il brano Just give me a reason, terzo singolo estratto dal fortunatissimo The Truth about Love, in coppia con Nate Ruess, leader dei Fan. Questo successo personale di Pink arriva dopo il primo posto del 2001, con il mega featuring Lady Marmalade con Christina Aguilera, Lil’ Kim e Mya, So what (del 2008) e Raise your glass (2010).

“Rules” rappresenta anche il singolare record personale di Nate Ruess: al primo posto per sei settimane insieme alla sua band lo scorso anno con We are young (con Janelle Monae), con questo successo Nate è il primo artista maschile di una rock band ad avere un primo posto nella classifica americana.

La verità sull’amore di Pink

Pink.jpg

Pink - The Truth about Love (cover).jpgA quattro anni da Funhouse, e una gravidanza dopo, Pink ritorna sulla scena musicale con The Truth about love, la verità sull’amore, già anticipato dal singolo Blow me (one last kiss). Ma il brano, subito nella top ten US, e ai vertici delle classifiche di tutto il mondo, non è l’unico pezzo meritevole di quest’album che, nella Deluxe Edition con bonus track, vanta ben diciannove inediti. Scorrendo la tracklist del sesto album da studio della cantante dal capello rosa, merita una menzione Try, secondo estratto di questo ottimo lavoro discografico, che vede una Pink in splendida forma, come non la si vedeva da tempo, e che nella bellissima Just give me a reason duetta con Nate Ruess. Ma quello con il vocalist dei FUN non è il solo duetto, nell’album infatti trovano posto l’orecchiabile True Love, in coppia con Lily Allen, e Here Comes the Weekend, in coppia con il rapper bianco Eminem. Sorprende invece nelle ballad Beam me up e The Great Escape, quasi versione acustiche, e Run, dove mostra il suo lato più malinconico e riflessivo. Un disco davvero riuscito, con pezzi forti ed orecchiabili, che segnano il ritorno di una grande Pink e della sua originaria ritrovata verve.