La magica notte di Adele: “Skyfall” vince (anche) l’Oscar

adele-wins-oscar-bond-film.jpg

Se decidesse di ritirarsi adesso, Adele potrebbe star certa di aver vinto davvero tutto: dai sei Grammy in una sola notte, per l’album 21, ai Brit Awards, dal Golden Globe per il brano Skyfall, omonimo tema principale dell’ultimo 007, all’Oscar: sì, perché ieri sera, nella notte delle statuette degli Academy Awards, la cantante britannica ha strappato un altro primato ed un altro premio, vincendo anche l’ambita statuetta per la miglior canzone. Ed è davvero una vittoria incredibile, quella di Adele, che ha scritto il pezzo di suo pugno, confermandosi come una delle migliori autrici degli ultimi anni.

Il suo è stato davvero un anno magico: diventata mamma lo scorso anno per la prima volta, apparendo in splendida forma sul red carpet e sul palco del Dolby Teather di Los Angeles.

Una notte straordinaria quella degli Oscar 2013, che se ha visto anche partecipare la first Lady Michelle Obama, non ha invece visto molte sorprese sulle vittorie: Anne Hathaway porta a casa l’Oscar come miglior attrice non protagonista per la sua memorabile interpretazione di Fantine nel musical Les Misérables, Daniel Day Lewis si becca il secondo Oscar per il suo Lincoln, miglior attore, mentre Argo (miglior film di Ben Affleck) e Lincoln di Spielberg, dati per favoriti, hanno invece dovuto vedersela con Ang Lee e il suo Vita di Pi, che porta a casa ben quattro statuette (compresa miglior colonna sonora e miglior regia).

Grande sorpresa per la giovanissima Jennifer Lawrence, miglior attrice protagonista per Il lato positivo e Christoph Waltz attore non protagonista in Django Unchained.

Scopri tutti i vincitori.

Melanie C ritorna con “Stages” e evoca il fascino dell’off Broadway

Melanie_C-Stages-Frontal.jpg

Melanie C ritorna con un nuovo progetto discografico. Messa da parte, almeno per il momento, la musica dance e progetti “popular”, l’ex Spice Girl si ripropone adesso con l’album Stages. Reduce dalla sua esperienza di musical actress, interpretando sul palco il musical Blood Brothers, e presto Maria Maddalena in Jesus Christ Superstar, Mel, attualmente giudice della trasmissione Superstar dell’iTV per trovare il ruolo del protagonista del musical, interpreta adesso dodici brani (tredici nell’iTunes edition), dodici brani da altrettanti musical, più o meno (s)conosciuti, dando vita ad un lavoro di nicchia, ma non per questo minore, anzi, forse per la prima volta nella sua carriera, l’ex Sporty Spice si mette davvero in gioco andando contro-tendenza con questo nuovo progetto. Non mancano collaborazioni d’eccezione come quella con l’ex compagna di band Emma Bunton nel brano I know him so well. Tra i brani più riusciti di questo interessante disco Maybe this time, da Cabaret, Aren’t You Kinda Glad We Did, cantata originariamente da Judy Garland, e Both Sides Now, che ne fanno un disco quasi intimo. Nessun artifizio digitale, nessun click (a parte quelli sulla copertina), ma voce limpida e musica che rievocano quasi i fasti della vecchia Hollywood dell’off Broadway. Ottima anche la bonus track di iTunes Anything Goes, dal musical omonimo.

Le Spice Girls riunite per presentare il musical “Viva Forever”

Spice-Girls-Style-Viva-Forever-Musical-Reunion.jpg

Viva-Forever-Image.jpgÈ proprio il caso di dire “a volte ritornano”. Dopo la reunion del 2007, che mise insieme Emma Bunton, Geri Halliwell, Victoria Beckham (al secolo Adams), Melanie Brown e Melanie Chisholm, le Spice Girls a sedici anni dal loro singolo d’esordio, Wannabe, si sono ritrovate nel Gothic Hotel di Londra, dove le cinque ragazze speziare ne girarono il videoclip. La prima cosa che salta agli occhi nel rivederle tutte e cinque insieme è quanto le Spice siano invecchiate bene: poco più che ragazzine, sono cinque donne ormai (quasi) tutte alla soglia dei quaranta. Le cinque cantanti britanniche sono apparse in splendida forma per la presentazione di Viva Forever, musical scritto sulle loro canzoni, che dalla fine dell’anno sarà in programma nel West End di Londra, al Piccadilly Theatre. Scritto da Jennifer Saunders, il musical spera di bissare lo stesso successo di uno dei musical più noti di sempre, Mamma mia! (con le canzoni degli ABBA), da cui qualche anno fa ne fu tratto anche un film omonimo con Meryl Streep. Ed è ancora una volta Judy Craymer, già produttrice dello spettacolo del gruppo svedese,  a produrre questo nuovo musical, che si spera possa (ri)portare presto nel mondo la musica delle Spice Girls: «È meglio di quanto potevamo immaginare» ha detto entusiasta Melanie Chilsholm. «Cantano meglio di noi» ha subito aggiunto Melanie Brown.

Anne Hathaway: la diva de “Il Diavolo veste Prada” diventa cantante ne “I Miserabili”

anne hathaway,i miserabili,les miserables,film,movie,trailer,i dreamed a dream,musical,youtube,canta,video,foto,cast

L’abbiamo amata tutti nel film cult Il Diavolo veste Prada, accanto alla straordinaria Meryl Streep, e nel tempo ne abbiamo apprezzato le doti di attrice talentuosa ed eclettica nei ruoli più disparati: dalla fragile Emma di One Day alla perfida Cat Woman dell’imminente Batman, dalla determinata Jane Austin alla problematica Rachel sono tanti i ruoli e le vite in cui ha saputo egregiamente calarsi, ma oggi Anne Hathaway, presentatrice della passata edizione degli Oscar, si cimenta anche nel ruolo di cantante. L’attrice infatti, oggi trentenne, sarà tra i protagonisti della nuova trasposizione cinematografica de Les Miserables (I Miserabili), il musical che dal 1980 miete successi in tutto il mondo, insieme ad un cast di tutto rispetto, tra cui  Hugh Jackman, Russell Crowe, Amanda Seyfried, Sacha Baron Cohen, Colm Wilkinson.

Nelle prime immagini del trailer, diffuso da poche ore on-line, Anne canta il noto brano I Dreamed a Dream, riportato in auge qualche anno fa anche dalla cantante Susan Boyle, interpretando il ruolo di Fantine, ragazza madre che, per mantenere sua figlia presso dei tutori, si prostituisce.

Il musical è basato sull’omonimo romanzo di Victor Hugo del 1862, girato tra l’Inghilterra e Parigi, è una storia corale sullo sfondo della rivoluzione francese, il cui cardine è l’ex prigioniero Jean Valjean, che sconta una pena nel bagno penale per aver rubato un pezzo di pane.

La pellicola è diretta da Tom Hooper, regista del pluripremiato agli Oscar Il Discorso del Re, e sarà nei cinema statunitensi a partire dal prossimo 14 Dicembre.

VIVA FOREVER, un musical e un (nuovo) film per le Spice

Emma_Bunton.jpg

Non solo un musical nell’immediato futuro delle Spice Girls, ma anche un nuovo film. Secondo le ultime indiscrezioni rivelate al Mail Online da Emma Bunton, la baby Spice oggi trentaquattrenne, oltre ad un musical ispirato alle canzoni delle cinque ragazze speziate, cui starebbe lavorando il regista Judy Craymer, già produttore del film Mamma mia!, ci sarebbe in programma anche una trasposizione cinematografica, proprio come già successo per lo spettacolo degli ABBA: «Siamo coinvolte nel nuovo film delle Spice Girls, che è stato fatto da Judy Craymer e lo stesso team che c’era dietro Mamma mia!» ha rivelato la Spice al giornale.

Per la band inglese si tratterebbe del secondo film dopo Spice World del 1997, pellicola a supporto dell’omonimo album, che pur riscuotendo un discreto successo al botteghino, con quasi cinquanta milioni di euro, non eccelse per la sceneggiatura, un po’ troppo confusa, a metà strada tra musical, docu-film e commedia e fu letteralmente fatto a pezzi dai critici. Ma la Bunton fa una inaspettata rivelazione. A dispetto dello scarso successo di critica e valore artistico del film, la cantante ha infatti detto al Mirror che un’idea per un secondo film era già in cantiere, ma fu subito accantonata per la promozione dell’album prima e l’improvviso abbandono di Geri Halliwell dopo, che volle lasciare il gruppo proprio quando era all’apice del successo: «Ci sarebbe piaciuto fare un altro film – ha detto la Bunton – ma dopo Spice World, ci fu un album, poi un tour e poi Geri lasciò il gruppo, e così non è successo».

Titolo dei due progetti dovrebbe essere Viva Forever. Tra le canzoni che comporranno lo spettacolo e la colonna sonora dell’adattamento cinematografico, dovrebbero esserci le storiche hit del gruppo, da Wannabe a 2 become 1, da Who do you think you are? a Say you’ll be there e sarà fatto sullo stesso modello del film premio Oscar Mamma mia! con Meryl Streep.

Il musical farà il suo debutto nel West End a Novembre: «Ci inviamo mail l’un l’altra – aggiunge Emma, confermando un effettivo coinvolgimento tra le Spice – e siamo felicissime che stia accadendo».

Viva Forever, le canzoni delle Spice Girls in un musical

Emma-Bunton-007-606428.jpeg

Dopo due album, un film, un’antologia e un reunion tour, da tempo magazine e giornali di gossip parlavano di un musical ispirato alle Spice Girls, il cui titolo dovrebbe essere, manco a dirlo, Viva Forever, il che può suonare strano per una band formatasi nel 1995 e scioltasi appena tre anni dopo, nel 1998 con l’abbandono di Geri Halliwell. Secondo quanto riporta oggi il Daily Star, le cinque ragazze terribile sarebbero coinvolte nella supervisione dei casting. Il progetto, come racconta il tabloid britannico, dovrà impressionare alcune persone molto importanti e alla Spice Girls è stato chiesto un contributo nel corso del processo di produzione. Il musical sarà un omaggio alle celebri canzoni delle cinque ragazze terribili, ovvero Emma Bunton, Geri Halliwell, Melanie Brown, Melanie Chisholm e Victoria Beckham al secolo semplicemente Victoria Adams. A parlarne la Baby Spice Emma, la quale ha detto di essere davvero emozionata di lavorare al progetto insieme alle ex compagne di gruppo: «Sta andando tutto bene – ha rivelato al sito inglese digitalspy.co.uk – ci siamo riunite tutte insieme per alcuni incontri, stiamo lavorando con Judy Craymer, che ha lavorato a Mamma mia!, il musical e il film. Lei è davvero in gamba! Ed è bello per noi ragazze avere un progetto su cui lavorare ancora».

Ma Emma anticipa che non si tratterà di uno show biografico per ripercorrere la vita delle cinque ragazze al pepe e della formazione della band: «Sarà una storia molto diversa, non basata sulle nostre vite attuali, quindi non siamo alla ricerca di persone che dovranno interpretare noi, ma siamo state coinvolte nel casting».

E per tutte le ragazze che andranno a vedere lo spettacolo non soltanto per le canzoni, la Bunton assicura: «Non preoccupatevi, le ragazze si assicureranno che ci siano anche un sacco di bei ragazzi!».

Lily Allen scriverà i brani per il musical su “Bridget Jones”

lily-allen.jpg

Portato felicemente al cinema da Renee Zellweger nel 2001, al punto da determinarne un sequel nel 2005, Il Diario di Bridget Jones, tratto dall’omonimo romanzo di Helen Fielding, incentrato sulla single cicciottella e pasticciona in cerca di un uomo che da il titolo all’opera, arriverà anche sul palcoscenico, sotto forma di musical. A scrivere le musiche per questa ennesima trasposizione del libro sarà Lily Allen. La cantante britannica, interprete di successi come Not fair e di 22, secondo quanto riporta il Daily Star si è detta onorata di essere riconosciuta, con questo prestigioso incarico, come autrice di canzoni. Secondo il magazine inglese, la cantante avrebbe già scelto dieci delle sue canzoni per questa nuova produzione, basate sulla commedia interpretata dal premio Oscar Renee Zellweger: «Tutti pensano che si tratti solo di una o due canzoni – ha detto la cantante in merito allo spettacolo al Sunday Mirror – ma hanno già accettato dieci brani». La Allen, come ha riportato il Sunday Mirror, si è detta inoltre felice per i tre premi per autori Ivor Novello: «Sono davvero orgogliosa di ciò, ed è qualcosa per cui ho lavorato davvero duro – ha detto la cantante – ma è essere riconosciuta come autore e paroliere che mi eccita davvero».

Nine, il musical che omaggia Fellini

nine-poster.jpg

nine ost cover.jpgÈ costato 64 milioni di dollari, ma dal 18 dicembre scorso ne ha incassati solo 16, il musical Nine, tratto dall’omonimo musical di Broadway (vincitore di ben cinque Tony Awards) a sua volta seguito ideale di 8 e ½ di Federico Fellini, nonostante un prestigiosissimo cast da Oscar, da Daniel Day Lewis a Judi Dench, da Nicole Kidman a Sophia Loren, si è rivelato un flop al botteghino. A nulla è servita la fastosa rievocazione della Roma degli anni ’60, quella della dolcevita felliniana, cui il film vuole rendere omaggio, né le spettacolari coreografie e nemmeno l’inedita veste sensuale e canterina di Kate Hudson e Penelope Cruz. Nine insomma non decolla, ma il blog di Cosmomusic non poteva esimarsi dall’occuparsi della colonna sonora della pellicola, sugli scaffali il 22 Gennaio, appena una settimana dopo l’uscita italiana del film che da oggi debutta anche nel bel paese.

Sedici le tracce in tutto cantate dai vari attori del film, ma anche brani cantati da Fergie, voce dei Black Eyed Peas, che ha preso parte al film con un piccolo cameo, e che nel disco interpreta Quando Quando Quando, inclusa in chiusura del CD come bonus track. Sorprende Kate Hudson con la sua Cinema Italiano, così come Marion Cotilard, attrice premio Oscar per La Vie en Rose in cui interpretava Edith Piaf, che qui canta Take it all. È invece ormai una veterana del musical, Nicole Kidman, che ritorna a “recitar cantando”, dopo la felice parentesi con Moulin Rouge, in una orecchiabile Unusually Way. Un disco che forse restituisce a metà l’atmosfera patinata e glamour di una pellicola cinematografica che forse avrebbe più propriamente dovuto restare sui palcoscenici di Broadway.