La magica notte di Adele: “Skyfall” vince (anche) l’Oscar

adele-wins-oscar-bond-film.jpg

Se decidesse di ritirarsi adesso, Adele potrebbe star certa di aver vinto davvero tutto: dai sei Grammy in una sola notte, per l’album 21, ai Brit Awards, dal Golden Globe per il brano Skyfall, omonimo tema principale dell’ultimo 007, all’Oscar: sì, perché ieri sera, nella notte delle statuette degli Academy Awards, la cantante britannica ha strappato un altro primato ed un altro premio, vincendo anche l’ambita statuetta per la miglior canzone. Ed è davvero una vittoria incredibile, quella di Adele, che ha scritto il pezzo di suo pugno, confermandosi come una delle migliori autrici degli ultimi anni.

Il suo è stato davvero un anno magico: diventata mamma lo scorso anno per la prima volta, apparendo in splendida forma sul red carpet e sul palco del Dolby Teather di Los Angeles.

Una notte straordinaria quella degli Oscar 2013, che se ha visto anche partecipare la first Lady Michelle Obama, non ha invece visto molte sorprese sulle vittorie: Anne Hathaway porta a casa l’Oscar come miglior attrice non protagonista per la sua memorabile interpretazione di Fantine nel musical Les Misérables, Daniel Day Lewis si becca il secondo Oscar per il suo Lincoln, miglior attore, mentre Argo (miglior film di Ben Affleck) e Lincoln di Spielberg, dati per favoriti, hanno invece dovuto vedersela con Ang Lee e il suo Vita di Pi, che porta a casa ben quattro statuette (compresa miglior colonna sonora e miglior regia).

Grande sorpresa per la giovanissima Jennifer Lawrence, miglior attrice protagonista per Il lato positivo e Christoph Waltz attore non protagonista in Django Unchained.

Scopri tutti i vincitori.

Christina Aguilera: il momento migliore e il momento peggiore

Christina Aguilera before-after.jpg

Se ci trovassimo in un episodio di Sex and the City lo potremmo intitolare “Il momento migliore, il momento peggiore”, sì perché Christina Aguilera sta vivendo proprio quello che potrebbe essere uno dei momenti più felici ed infelici della sua carriera artistica e la sua vita personale, e proprio come Samantha Jones in un episodio del noto serial della HBO, che mescola moda e sesso, la cantante di Not myself tonight ha recentemente scandalizzato gli inglesi con una performance bollente alla finalissima di X Factor a limite della censura. Chiuso definitivamente il capitolo “flop” Bionic, l’ultimo disco della cantante che ha venduto poco più di duecentomila copie, ed il divorzio dall’ormai ex marito Jordan Bratman, la Aguilera va avanti e, guardata con favore dalla stampa per il suo debutto cinematografico in Burlesque, si gode al contempo la sua nuova relazione con l’attore Matthew Rutler conosciuto proprio sul set della pellicola che la vede protagonista in questi giorni. Eppure il momento peggiore sembra proprio non voler passare e, osservando gli ultimi scatti dai red carpet mondiali per la presentazione del film, ci si domanda che fine abbia fatto la figura filiforme che la cantante sfoggiava qualche mese fa, quando all’inizio dell’anno prese parte al concerto benefico Hope for Haiti Now. Oggi infatti Christina sfoggia forme decisamente più generose e morbide, lontana anni luce dall’esile figura degli inizi del 2010 e dalla ragazza che si muove con disinvoltura sul grande schermo interpretando la nobile arte dell’ironico spogliarello nato a metà dell’Ottocento nell’Inghilterra vittoriana, il burlesque. Ma il momento migliore è la probabile nomination agli Oscar 2011: Bound to You, la straordinaria ballad che fa da colonna sonora al film interpretato proprio da Christina, e scritto da lei stessa in collaborazione con Samuel Dixon e Sia Furler, è infatti rientrato nella rosa dei papabili top five ai prossimi Academy Awards, ma prima di cantare vittoria bisognerà tuttavia aspettare il prossimo 11 Gennaio, quando saranno ufficializzate le nomination dei prestigiosi premi cinematografici americani. E sicuramente questo è dunque per Christina il momento migliore e il momento peggiore.