L’ottava puntata di “Io Canto”

Io Canto.jpg

Inutile riservare la notizia per l’ultimo momento ormai, anche l’ottava puntata di Io Canto è stata vinta al televoto da Cristian Imparato, che ha cantato One moment in time, premio giuria invece alla piccola Chiara, e Mattia Rossi che ha invece cantato il brano Mamma.

Guest star d’eccezione un emozionato ed emozionante Renato Zero, che ha cantato molti brani del suo repertorio recente, ma che ha toccato l’anima del pubblico intonando I migliori anni della nostra vita insieme ai piccoli grandi talenti dello show Mediaset.

Ma anche Elisa è salita sul palco di Cologno Monzese, proponendo le canzoni del suo ultimo lavoro discografico Heart, come il singolo Ti vorrei sollevare e Anche se non trovi le parole, insieme a Sara Musella, che nella gara ha invece portato il brano di Nikka Costa Oh my own.

Tra gli ospiti seduti nel parterre vip, come già annunciato il produttore discografico americano David Foster, l’attrice ed ora produttrice Edwige Fenech, il presidente di giuria Claudio Cecchetto e l’immancabile presenza di Katia Ricciarelli.

Tra interpretazioni più intense della serata quella di Zendryll Lagrana, penalizzata forse un po’ dal brano assegnatole, I wanna dance with simebody, ma che ha ugualmente interpretato con vigore, mettendo in luce la sua poderosa estensione vocale. Ancora due le puntate del programma, che andranno a stringersi sui finalisti dello show.

«Io Canto», la compilation

Io Canto - Compilation (cover).jpg

Il programma di Gerry Scotti, Io Canto, rappresentava per il conduttore e la rete, Canale 5, una doppia sfida: vincere nella gara degli ascolti del sabato sera, sul competitor di RaiUno, Ballando con le Stelle, e far dimenticare il successo di Antonella Clerici, Ti lascio una canzone, su cui il programma è basato. Nonostante le iniziali, e forse prevedibili difficoltà, lo show di piccoli talenti canori di Mediaset è riuscito nell’intento, ed ha finalmente recuperato negli ascolti e, seppure con un leggero svantaggio al programma di Milly Carlucci, la puntata di sabato 6 Febbraio è stata seguita da quasi sei milioni di telespettatori. Adesso Io Canto è diventata anche una compilation, in vendita nei migliori negozi ed in digital download, oltre alla sigla iniziale del programma, medley tra Il mondo che vorrei di Laura Pausini e Non Mollare mai di Gigi D’Alessio, ripropone diciannove canzoni-simbolo della trasmissione, raccogliendo le migliori performance dei piccoli divi dello show: da Adagio, cantato da Cristian Imparato a My heart will go on proposta da Benedetta Caretta. Non poteva mancare Sara Musella, bambina napoletana di 8 anni, che è diventata un po’ la mascotte del programma televisivo, che qui ritroviamo con Prendi una matita. Non manca un omaggio nella musica degli anni ’60 e ’70 con pezzi disco come Think, cantata da Fidalma Intini.

Un’occasione per ritrovare quasi tutti i piccoli protagonisti della trasmissione, benché un secondo volume della compilation è doveroso per far spazio nella tracklist a talenti che si sono aggiunti allo show solo recentemente, come il piccolo e promettente tenore Mattia Rossi, e la piccola Zendryll Lagrana, di origini filippine, che con la sua straordinaria voce ha letteralmente stregato l’Italia.

Il disco è distribuito da Sony, i ragazzi sono accompagnati dall’Orchestra del maestro Maurizio Pica.

Non un disco per bambini, ma fatto da bambini per adulti, un omaggio alla canzone italiana e la musica internazionale.

Questa la tracklist completa del disco:

Sigla d’apertura (Stefania Tesoro, Sara Musella, Roberta Spampinato, Francesco Pugliese, Roberto Tramutola, Virgilia Siddi, Davide Caci)

Come saprei (Cristian Imparato)

Io Canto (Simone Frulio e Chiara Sapienza)

Think (Fidalma Intini)

My heart will go on (Benedetta Caretta)

Nessuno (Simone Frulio)

La tua ragazza sempre (Ilenia Gironimo)

Adagio (Cristian Imparato)

Più bella cosa (Francesco Pugliese)

Prendi una matita (Sara Musella)

Un nuovo bacio (Liudmila Luglisci e Davide Caci)

50 Special (Shania Kathapurmall, Domiziana Scarano e Valeria Marraffa)

Non amarmi (Vito Fasano e Francesca Manetti)

Uguale a lei (Chiara Sapienza)

Sei nell’anima (Ilenia Gironimo)

A chi mi dice (Simone Frulio, Francesco Botti, Cristian Imparato, Vito Fasano, Francesco Pugliese e Roberto Tramutola)

Man in the Mirror (Francesco Pugliese, Alessandro La Cava e Roberto Tramutola)

Billie Jean (Francesco Pugliese)

Will you be there (Roberto Tramutola, Francesco Pugliese e Alessandro La Cava)

Heal the World (Roberto Tramutola, Cristian Imparato e Alessandro La Cava)

«Io Canto», i vincitori della quarta serata

Abbiamo parlato di Zandryll La grana, la vera rivelazione della quarta puntata di Io Canto, ma oggi vogliamo parlarvi anche di un altro talento puro, Mattia Rossi, che ieri ha intonato in modo perfetto la non facile canzone di Andrea Bocelli, Il mare calmo della sera. Tradito forse da una iniziale timidezza, il suo aspetto un po’ timoroso infatti nascondeva in realtà una voce straordinaria e, a dispetto dei suoi tredici anni, Mattia ha regalato ieri sera, sabato 30 Gennaio, una straordinaria interpretazione, facendo coincidere il suo debutto nella squadra dei bambini di Gerry Scotti, con la sua prima vittoria decretata dalla giuria. Stessa sorte anche per Sara Musella, una delle bambine più simpatiche del team del programma di Canale 5, la quale, nonostante ne avesse inizialmente dimenticato le parole, ha invece interpretato una intensa La voce del silenzio di Mina, conquistando il secondo premio della giuria. Il pubblico da casa invece, ancora una volta, ha premiato Christian Imparato, quello che forse dal pubblico da casa è stato sentito come la vera rivelazione del programma Mediaset, e che attualmente ha all’attivo tre vittorie consecutive. Ma Imparato non approderà alla finale con tre (o magari più brani) diversi: alla fine, così come ha spiegato Gerry Scotti nel corso della serata, dovrà sceglierne soltanto uno, cedendo le altre canzoni vincitrici agli altri ragazzi. Sì, perché ad Io Canto, ricordiamolo, non sono i ragazzi a vincere, ma le canzoni che interpretano.

Christian, nella serata di sabato, ha cantato il brano di Mogol-Battisti E penso a te, forse però strafacendo un po’, e benché abbia già una poderosa estensione vocale, ed un sapiente uso, ha trasformato il brano intimista di Lucio Battisti, in una sorta di pezzo dei cosiddetti “urlatori” degli anni ’60. A voi il giudizio, con i link di tutte e tre le interpretazioni.

Zendryll Lagrana: a «Io Canto» la risposta italiana a Charice

Zende La grana.jpg

Si chiama Zendryll Lagrana il nuovo acquisto della scuderia di piccoli talenti di Io Canto, il noto programma condotto da Gerry Scotti nel sabato sera di Canale 5, ed è immediato è stato l’accostamento a Charice, piccola grande interprete che l’Italia ha potuto (ri)vedere la scorsa settimana ospite del programma mediaset. Anche Zendryll infatti, come Charice, è di origine filippina, a spingerla a candidarsi e a desiderare fortemente di voler cantare sul palco dello show televisivo proprio l’esibizione della sua connazionale, che la scorsa settimana ha egregiamente cantato il non facile brano Listen di Beyoncé Knowles. Ed è proprio con un brano del gruppo Destiny’s Child, di cui la Knowles era leader e voce principale, che Zendryll debutta sul palco dello show diretto da Roberto Cenci. Lagrana ha infatti cantato Stand up for love, brano d’addio del celebre gruppo americano, mostrando da subito una potente estensione vocale, ed un talento che potrebbe portarla a ripercorrere le orme della sua più nota connazionale. La sua interpretazione era meritevole di rientrare quantomeno nella rosa dei vincitori della quarta puntata, ma il televoto, ancora una volta, ha preferito Christian Imparato, che ha cantato E penso a te (forse strafacendo un po’), mentre la giuria in studio, capitanata da Ron, ha invece preferito la piccola Sara Musella, la quale, nonostante inizialmente avesse dimenticato le parole, ha regalato al pubblico una bellissima interpretazione de La voce del silenzio di Mina, e l’altro debuttante della serata, Mattia Rossi, che ha invece emozionato con una straordinaria voce tenorile, interpretando Il mare calmo della sera.