Sanremo 2013: un festival x factor-centrico

the-x-factor1.jpg

Pur avendo confermato le aspettative, con la vittoria dei talent, quest’anno il Festival di Sanremo è stato quasi una risposta ai programmi Mediaset, che lo scorso anno con Alessandro Casillo (ex “Io Canto”) vincitore della categoria giovani, e Emma Marrone (ex “Amici”) vincitrice del Festival, avevano dimostrato che le trasmissioni musicali del Biscione non sono popolari e di scarsa qualità, ma hanno saputo sfornare nel tempo, e regalare al pubblico, talenti e voci come Alessandra Amoroso, Lorendana Errore e il giovane cantautore Pierdavide Carone.

Negli anni X Factor poco o nulla aveva fatto, salendo sul podio (con Marco Mengoni e Noemi, rispettivamente nel 2010 e 2012) ma senza tuttavia portare a casa una risposta.

Con il 2013 invece X Factor, passato da due anni sulla piattaforma satellitare Sky, ha fatto l’en plein, conquistando i primi posti di giovani, big e non solo. Se Marco Mengoni infatti, vincitore del 2009, ha vinto il Festival con il brano L’Essenziale, il primo posto dei giovani se l’è aggiudicato l’ex Aram Quartet (e vincitore della prima edizione dell’ex trasmissione di RaiDue) Antonio Maggio. Ma la storia della X dai mille talenti quest’anno non si conclude qui: il secondo posto dei giovani e big è in qualche modo legato allo show sky: Ilaria Porceddu, seconda classificata a X Factor nel 2008 proprio alle spalle di Antonio Maggio, concorrente e vincitore nella stessa edizione, ripetendo così, dopo cinque anni lo stesso podio; stessa sorte per Elio (giudice di X Factor) e le Storie Tese, che, con “La Canzone Mononota”, sono riusciti a raggiungere la seconda posizione, facendo un’incetta di premi e consensi di critica e pubblico. Un po’ com’era già successo ad Arisa nel 2012, che con la bellissima “La Notte”, lo scorso anno s’era piazzata al secondo posto, lasciando il terzo a Noemi (anche lei ex concorrente del talent).

Insomma quest’anno X Factor a Sanremo ha fatto un po’ da asso piglia tutto: riusciranno nei prossimi anni i talent Mediaset a rispondere al guanto di sfida?

Concorrenti dei talent a Sanremo: talento o attitudine al televoto?

marco-mengoni-vince-sanremo-2013.jpg

Con la vittoria di Marco Mengono all’ultimo Festival di Sanremo si è riaperto il dibattito sui talent: sono tante le trasmissioni televisive e le pagine di giornale che hanno parlato infatti delle quattro vittorie sanremesi (non consecutive) degli ultimi cinque anni, aggiudicate da ex concorrenti (o vincitori) dei talent. Non solo primi posti: la stessa Emma Marrone, vincitrice dello scorso anno, si era piazzata al secondo posto insieme ai Modà, così come Marco Mengoni, vincitore in carica, aveva conquistato il gradino più basso del podio nel 2010, lo stesso che si è invece aggiudicato la sua collega di talent, Noemi, nel 2012. Vero talento o attitudine al televoto? I detrattori dicono che sono i fan, già sostenitori nei diversi talent show, li portino poi conseguentemente alla vittoria sul palco più importante della musica italiana.

I sostenitori invece dicono che sia il talento a premiare. Di certo è molto più probabile la prima ipotesi che la seconda: se nel 2012 infatti Sanremo Giovani è stato vinto da Alessandro Casilli (vincitore di “Io Canto”, Canale 5) e il primo posto se l’è aggiudicato Emma Marrone (vincitrice di “Amici”, Canale 5), quest’anno invece la scena è stata tutta per il fattore X. La trasmissione, trasmigrata ormai su Sky, ha visto infatti ben due ex concorrenti e vincitori piazzarsi ai primi posti del festival: Antonio Maggio, vincitore della categoria giovani di quest’anno, è infatti il vincitore (insieme all’allora gruppo “Aram Quartet”) della prima edizione di X Factor, quella che vide invece la consacrazione di Giusy Ferreri, vincitrice morale della stessa edizione.

Il dubbio tuttavia resta: sono tanti infatti i nomi arrivati sul palco dell’Ariston da una precedente trasmissione televisiva, senza tuttavia portare a casa alcuna statuetta: la stessa Chiara Galiazzo, vincitrice di X Factor di quest’anno, torna a casa a mani vuote, intascando però, un elogio pubblico da parte di Mina, così come Annalisa Scarrone, ex concorrente di “Amici”, nonostante una magistrale interpretazione della sua Scintille, è passata quasi inosservata. Ma anche la stessa Giusy Ferreri, Karima, Maria Pia, antesignana nell’ormai lontano 2003.

Talent o no, televoto o meno, sono ben diversi i concorrenti e i vincitori attuali, dai primi concorrenti un po’ allo sbaraglio che sfornavano i vari Operazione Trionfo e Saranno Famosi: più decisi e con una loro personalità, i ragazzi dei talent hanno saputo ritagliarsi un’ampia fetta di pubblico di ascoltatori della musica italiana. A loro il merito dunque di avercela fatta, e di dimostrare agli scettici di essere stelle e non meteore.