I Black Eyed Peas al cinema in 3D, mentre Fergie canta da sola

Black Eyed Peas.jpg

Diventa sempre più frequente il binomio musica-cinema, che da This is it, backstage di quello che sarebbe stato l’ultimo tour di Michael Jackson, ai film di Hanna Montana, passando per le trasposizione cinematografiche di musical di successo come Nine, segna un legame indissolubile di queste due arti così diverse, ma complementari. Sarebbe impossibile immaginare oggi un film senza musica, così come lanciare un nuovo brano senza videoclip. Le stesse colonne sonore di pellicole di successo sono quasi più attese dei film che accompagnano, scalando le classifiche con brani esclusivi e inediti. Ultimi a cavalcare l’onda della musica sul grande schermo i Black Eyed Peas. Secondo quanto si legge dalle pagine on-line di MTV News, i fagiolini dagli occhi neri pare siano in trattative con il Re Mida di Hollywood, James Cameron, regista di Avatar e Titanic, per la realizzazione di un Tour Movie in 3D: «In questo momento stiamo progettando un film in 3D del nostro tour e James Cameron lo sta dirigendo – ha rivelato Will.i.am – abbiamo il più grande regista perché siamo il gruppo più grande del pianeta. I Peas stanno girando in Sud America. La gente sarà in grado di vederci al cinema con gli occhiali 3D e tutto il resto».

Il film, ancora senza titolo, mostrerà l’intera attività itinerante della band in tournée mondiale: come afferma lo stesso leader del gruppo, non si tratta soltanto di due città, ma di un vero e proprio tour mondiale, dall’America all’Europa, dal Medio Oriente al Sud America fino ad arrivare in Asia e Africa.

Smentite le voci di un presunto abbandono del gruppo, da Will.i.am arrivano anche delle buone notizie per i fan di Fergie: se prima infatti la voce femminile del gruppo aveva detto di essere troppo impegnata per lavorare su di un secondo album solista, sembra che adesso la bella cantante abbia invece cambiato idea: «Fergie vuole fare un altro album solista, e noi sicuramente lo faremo, abbiamo già del materiale pronto – ha detto Will.i.am – ma per il momento siamo concentrati sul gruppo, il tour mondiale e il film».

Avatar 2, James Cameron parla dell’atteso seguito del kolossal dei record

Avatar Poster.jpg

Anche se da tempo è ormai uscito dalle sale cinematografiche, Avatar, l’ultimo film di James Cameron, già regista di Titanic, continua a mietere successi: è infatti stato pubblicato solo lo scorso giovedì il DVD e il Blue-Ray del film, in occasione dell’Earth Day, il giorno della terra, che già è record di vendite: sembra infatti che il kolossal fantascientifico hollywoodiano, vincitore di tre premi Oscar, tra cui migliori effetti speciali, in appena quattro giorni abbia già venduto quasi sette milioni di DVD, nel solo mercato americano e canadese, incassando oltre 130 milioni di dollari, mentre la versione in Alta Definizione, il Blue-Ray, ha invece prodotto 2,7 milioni di dollari.

Nel frattempo per i fan folgorati dalla pellicola in 3D ci sono buone notizie: Cameron, che già da tempo ha confermato la sua volontà di farne una trilogia, da qualche anticipazione al Los Angeles Times sul secondo capitolo della saga: «Parte del mio obiettivo principale nel prossimo capitolo – dice il regista premio Oscar – sarà quello di creare un ambiente diverso, una ambientazione diversa da Pandora». Ma non spaventi chi a Pandora vorrebbe andare ad abitarci e teme di non rivederla più. Il regista infatti ha subito aggiunto: «Questo non significa che non ammireremo ciò che abbiamo già visto; vedremo anche dell’altro».

Cameron infatti intende concentrarsi su di una zona ben localizzata del fantastico mondo di Pandora: «Mi concentrerò sullo spazio di Pandora, che sarà ugualmente ricco, vasto, insolito e fantasioso, e non una semplice foresta pluviale».

Ma il regista parla già di un terzo capitolo, e se nel 2012, in occasione del centenario dall’affondamento, Cameron vuole lanciare di nuovo nelle sale Titanic, ma in 3D, del terzo ideale capitolo di Avatar dice: «Ci allargheremo all’interno dell’ambiente e aggiungeremo altri dettagli alla storia, non necessariamente nel secondo film, nel terzo soprattutto».

Noi di Cosmomusic non potevamo non parlare anche della colonna sonora del film, il cui tema principale è cantato dalla bravissima e bellissima Leona Lewis, che ci regala I see you, una romantica ballad, scritta da James Horner, già compositore premio Oscar delle musiche di Titanic che ha accompagnato anche questa fantastica avventura ambientalista-digitale.

Oscar 2010: vittoria tutta al femminile. L’Iraq batte Avatar

Oscar 2010 poster.jpgL’ottantaduesima edizione degli Oscar sarà ricordata per quella che è stata definita dai giornali di gossip americano “La Guerra dei Cameron”, parafrasando il titolo di una nota commedia con Michael Douglas: a contendersi le statuette più importanti infatti James Cameron e l’ex moglie Kathryn Bigelow, ma alla fine Avatar, il colosso hollywoodiano da due miliardi di dollari d’incasso, non ce l’ha fatta contro la guerra in Iraq trattata dalla Bigelow, che ha così portato a casa ben sei statuette tra cui quella di miglior film dell’anno e miglior regia per The Hurt Locker, realizzando così anche il primato di essere la prima donna regista a ricevere l’ambito premio. Un premio che sicuramente vale doppio per la bella e brava Bigelow che ha così commentato la consegna dell’Oscar: «Questo è il giorno più bello della mia vita». A Cameron sono rimasti solo i premi minori per gli effetti speciali visivi. Migliore colonna sonora e miglior cartone animato per Up, il cartoon della premiata ditta Disney-Pixar che ha visto protagonista un simpatico vecchietto innalzare la sua casa attaccando centinaia di palloncini colorati.

Tre gli attori a conquistare il titolo di miglior attore dell’anno Jeff Bridges (Crazy Heart), mentre miglior attore non protagonista è stato Christoph Waltz per il film Bastardi senza Gloria di Tarantino. Non ce l’ha fatta a conquistare il suo terzo Oscar Meryl Streep, che ha dovuto cedere il passo alla già favorita Sandra Bullock, miglior attrice per il film The Blinde Side; miglior attrice non protagonista Mo’nique per la pellicola indipendente Precious, dove recita anche una irriconoscibile Mariah Carey.

A vincere invece come miglior canzone, contrariamente alle nostre previsioni, che preferivamo Marion Cotillard per Nine, ancora una volta The Weary King, il tema principale del film Crazy Heart, già vincitore del Golden Globe.

Avatar-mania… come ti trasformo il vip in Na’vi!

Avatar film.JPG

Katy Perry - Avatar.jpgNel 1997, il regista premio Oscar James Cameron fece letteralmente impazzire il pubblico con la straordinaria storia d’amore tra il pittore squattrinato Jack Dawson e la bella aristocratica Rose nel film Titanic, che fece scoppiare la Titanic-mania, con quello che divenne il film più visto nella storia, lanciando al contempo la Di Caprio-mania, con milioni di ragazzine in delirio per il bel Leo. A distanza di tredici da quello che fu il suo più grande successo cinematografico, James Cameron con Avatar è riuscito a bissare e superare quel primato: il film tridimensionale sui giganti blu, Na’vi, ha infatti ampiamente sforato i due miliardi di dollari e, come Titanic all’epoca, ha dato avvio ad una vera, e forse bizzarra, mania: quella di trasformare tutte le star internazionali negli umanoidi blu alti tre metri. Presentiamo due delle più simpatiche trasformazioni virtuali sugli artisti musicali del momento, ritrovate in rete, come Britney Spears, nella versione degli MTV Video Music Awards 2007 e Katy Perry.

Britney Spears - Avatar.jpg