Adele, regina dei Grammy Awards, eguaglia il record di Beyoncé

Adele Grammys 2012.jpg

Adele.jpgSi è svolta ieri a Los Angeles la cinquantaquattresima edizione dei Grammy Awards, i prestigiosi Oscar della musica che ogni anno premiano i migliori lavori discografici. Il 2012 passerà alla storia per aver visto la giovanissima Adele sbaragliare una agguerritissima concorrenza, tra cui la temibilissima Lady Gaga.

La cantante britannica ha infatti portato a casa ben sei statuette in una sola notte, eguagliando così il primato finora detenuto soltanto dall’ex Destiny’s Child, Beyoncé Knowles. Adele infatti si è aggiudicata il Grammofono d’Oro per l’album dell’anno, il suo 21 è in testa alle classifiche da oltre venti settimane, Rolling the deep (miglior canzone e miglior videoclip), per Someone like you, miglior performance pop di un’artista solista e miglior album vocale pop.

Altri vincitori della serata sono stati i Foo Fighters, che hanno portato a casa i premi come miglior abum rock e migliore canzone rock per Walk.

Tra le performance live da segnalare, quella di Katy Perry che ha eseguito il brano inedito Part of me che andrà a comporre la tracklist della riedizione del suo Teenage Dream.

Sul red carpet è stato il nero a farla da padrone, con abiti lunghi e molto sexy. La vincitrice della serata Adele, si è presentata con un look più fresco ed un nuovo tono di biondo, affidandosi allo stilista italiano Armani, con una inedita manicure in stile Louboutin, grigio-perla sopra, rosso sotto.  

Nel corso della cerimonia è stata anche ricordata Whitney Houston, la cantante trovata morta in una stanza di un albergo alla vigilia della premiazione, e il cui omaggio è stato affidato dalla cantante (e attrice premio Oscar) Jennifer Hudson, che ha eseguito una commossa interpretazione di I will always love you, brano della Houston, colonna sonora del film La Guardia del Corpo di cui era protagonista.

Jennifer Aniston si trasforma in Babra Streisand per un giorno

barbra-streisand-320.jpg

1281045582_jen-lg.jpg

Jennifer Aniston si trasforma in Barbra Streisand. L’ex protagonista di Friends ha posato nelle vesti dell’attrice premio Oscar per la copertina del magazine americano Harper’s Bazaar. La Aniston ha parlato al magazine nella sua casa di Los Angeles della sua passione per la cantante: «Qualcuno mi ha detto “Se avessi la voce di Barbra per un solo giorno” ed io ho risposto “Nooo, non voglio essere avida. Se avessi la sua voce per una sola doccia!». Come si legge dalla lunga intervista, Jennifer ha sempre amato la Streisand, vera leggenda vivente con i suoi otto Grammy Awards vinti e ben due Oscar. L’attrice racconta di aver incontrato la Streisand qualche anno fa ad una festa di Capodanno: «L’ho amata sin da quando ero una bambina, e tutto ad un tratto eccola lì, lei è proprio la persona che hai sempre conosciuto – racconta Jennifer entusiasta di quel fortuito incontro – sai quando incontri persone che idealizzi e poi durante una conversazione pensi che sia stata una delusione, perché magari erano più gentili o favolosi nella tua mente? Beh, è stato meraviglioso, e con le si poteva parlare di tutto».

L’idea di trasformare Jennifer Aniston in Barbra Streisand è stata del parrucchiere e amico della star da oltre vent’anni Chris McMillan: «Lui, naturalmente, è ossessionato dai capelli – racconta l’ex compagna di Brad Pitt – ed io per lui sono come una Barbie. Così ogni volta che guardavamo una bella foto di Barbra o un film, era come se dicesse “devi fare un omaggio a Barbra Streisand”. Ed è stato in un teatro di Los Angeles, circondata da immagine iconiche della grande star, da “Funny Girls” a “Ma papà ti manda sola?” che è iniziata la Streindificazione: «Prima di tutto, un trucco drammatico agli occhi e la parrucca». E dalle foto pubblicate dal magazine si vede che il risultato è davvero straordinario. Ma cosa pensa Barbra di questa trasformazione-omaggio? Qualche giorno fa la cantante ed attrice ha scritto sul proprio sito web: «Mi ha lusingato molto che Jennifer Aniston abbia scelto di interpretare il mio stile negli scatti di Harper’s Bazaar – e continua – penso che abbia fatto un ottimo lavoro». Tutto era perfetto, forse meno che per un particolare: «Se solo avesse avuto una gobba sul naso» ha scherzato infine la Streisand.

Grammy Awards: tributo 3D per Michael Jackson

Michael Jackson This is it.jpg

La cinquantaduesima edizione dei Grammy Awards si aprirà con un commosso omaggio a Michael Jackson, scomparso lo scorso giugno. Saranno infatti le voci di alcuni vincitori del prestigioso grammofono d’oro, come Celine Dione e Usher ed altri artisti, ad unirsi a quella di Michael durante la serata di domenica 31 Gennaio, che sarà trasmessa in diretta dal network americano CBS. Durante la performance sarà trasmesso un corto in 3D, mai visto prima, di Earth Song, noto brano della produzione recente di Michael Jackson, che è stato creato dallo stesso cantante come momento principale del suo This is it tour, ma mai mostrato al pubblico.

Il mini-film infatti era stato creato per accompagnare la performance live della nota hit di Jackson. Michael infatti da sempre attento alle tematiche sociali, lanciò con questo brano un forte messaggio sul futuro del nostro pianeta, lo stesso Jackson disse che questa sarebbe stata un’occasione unica per dare un messaggio a milioni di persone che lo avrebbero visto in tour: «È stata uno dei momenti più importanti dei concerti di Michael Jackson – ha detto Ken Ehrlich, co produttore esecutivo della manifestazione – quando Michael ha visto il film per la prima volta gli sono venute le lacrime agli occhi».