Beyoncé: anteprima esclusiva di “I was here” per la Giornata Umanitaria Mondiale

Beyoncé I was here.jpg

19 Agosto. Giornata Umanitaria Mondiale, il giorno in cui ognuno dovrebbe far sentire la propria presenza ed il proprio sostegno al prossimo con un piccolo-grande gesto. Non soltanto le solite donazioni, atte forse più ad alleggerire la propria coscienza, ma un piccolo aiuto concreto anche a chi ci è vicino. Lo sa bene Beyoncé Knowles, da sempre attenta ai temi sociali, che con il suo brano, I was here, estratto dall’album 4, celebra questa giornata indetta dall’ONU, dove ne ha girato anche un video, facendone il simbolo di questa importante iniziativa. L’ex Destiny’s Child spinge i propri fan, e non solo, a dare di più, e poter dire con orgoglio “I was here”, io ero qui. E per lasciare un proprio contribuito è stato aperto il sito internet www.whd-iwashere.org dove Beyoncé ha presentato in anteprima esclusiva lo straordinario videoclip del suo intenso brano. Visitate il sito, lasciate un segno, lasciate la vostra firma e condividetelo con i vostri amici sui social network e non solo, e siate fieri anche voi di poter gridare al mondo, insieme a Beyoncé, “I was here”.

Beyoncé Knowles: troppo “bianca” in uno scatto promozionale

Beyoncé bianca.jpg

A pochi giorni dalla maternità, Beyoncé Knowles è nell’occhio del ciclone mediatico per una foto promozionale apparsa qualche giorno fa sul suo sito ufficiale. Non si tratta di una trasgressione religiosa, né di una provocazione sessuale. Nello scatto, in cui la cantante è ritratta sensualissima come non mai, distesa languidamente su di una chaise animalier con capelli platino, la cantante americana appare bianchissima, scatenando così le polemiche della community afroamericana, che accusa l’artista di aver, ancora una volta, tradito le sue origini. Sì, perché non è la prima volta che l’ex Destiny’s Child è rea di essersi fatta “schiarire” con l’artifizio di photoshop, che in questo scatto ne ha fatto però quasi una qualsiasi modella di lingerie nordica. I maligni hanno addirittura ipotizzato che la cantante si sia sottoposta ad un intervento “smacchiante”, com’era già successo per Michael Jackson per combattere la vitiligine, altri invece ritengono che lo scatto sia apparso soltanto adesso per riportare l’attenzione su “4”, ultimo album da solista dell’artista, le cui vendite, nei soli Stati Uniti, sono state decisamente basse, aggirandosi appena intorno ad un milione di copie. Chirurgia o Photoshop, una cosa è certa: Beyoncé è troppo bianca in quello scatto!

Beyoncé Knowles lancia i singoli “Love on top” e “Countdown”

beyoncé countdown.jpg

Ha annunciato la sua gravidanza poco più di un mese fa, ma chi credeva che se ne sarebbe restata in panciolle ad aspettare il suo primo ed attesissimo figlio, giunto dopo otto anni di matrimonio dal compagno Jay Z, dovrà ricredersi, perché Beyoncé Knowles, attualmente in promozione con l’album 4, ha pubblicato due videoclip musicali per la promozione di altrettanti singoli estratti dal suo ultimo lavoro discografico. Si tratta dei brani Love on top e Countdown: il primo, una delle canzoni più orecchiabili del disco, è un pezzo ballabile che strizza l’occhio alle sonorità anni ’70: nel video una raggiante Beyoncé, burrosa, ma ben lontana dalle neo-forme morbide della sua gravidanza, balla in body nero e cappello marinaresco, in quello che sembra uno studio-attico con vista mozzafiato sul mare. Nella clip di Countdown invece, pancione in vista, ma sempre splendida, la cantante non si risparmia e continua a scatenarsi in uno sgargiante video che rende omaggio alla contemporanea pop art.

Beyoncé Knowles: di nuovo numero uno con “4” e per festeggiare “si sposa”!

264716_10150715829675601_28940545600_19749560_4404139_n.jpg

A dispetto delle critiche e di ben due singoli di lancio di scarso successo, Run the world (Girls) e 1+1 (presentato solo con una performance live), e una promozione scoordinata, il quarto album da studio di Beyoncé, 4, è riuscito ugualmente a toccare il gradino più alto della classifica americana. A darne notizia Billboard.com che rivela che l’album dell’ex leader delle Destiny’s Child ha venduto nella sua prima settimana oltre trecentomila copie, nonostante le stime iniziali non proprio lusinghiere, riuscendo ad arrivare al primo posto, evitando il così tanto temuto flop. In 4 Beyoncé appare decisamente più matura, e la sua voce, scevra dai troppi click digitali, è autentica e calda. I brani, sebbene di minor impatto rispetto al precedente lavoro discografico dell’artista, I’m… Sasha Fierce, mostrano una nuova consapevolezza e padronanza vocale, unita alla voglia, seppur non propriamente riuscita di sperimentare, mixando al proprio stile e R&B, un sound tribaleggiante non molto apprezzato e a tratti “disordinato”. Cosa dovranno aspettarsi adesso i fan dalla loro beniamina? Il disco contiene ancora due tracce che potrebbero ridar lustro alla bella Knowles, con sonorità retro anni ’70 ed un maggior ritmo, Love on top, e Lay up under me che paradossalmente è una bonus track. Nel frattempo Beyoncé festeggia questo suo quarto traguardo lanciando il video del secondo (beh, quasi terzo) singolo ufficiale estratto dal disco, Best Thing I Never Had, in cui appare nelle vesti di sexy sposina.

Beyoncé, ritorno alla musica con il quarto album: «La mia voce cruda in “4”»

Beyoncé, titolo, disco, ultimo, nuovo, album, cd, 4, four, quattro, tracklist, recensione, 2011, cover, copertina, foto

A quasi un mese dal leak “sospetto”, esce oggi il quarto album da studio di Beyoncé Knowles, intitolato semplicemente 4, quattro. Dopo la fredda accoglienza di ben due singoli estratti dal disco, l’apripista afro-beat Run the world (Girls) e la non riuscitissima ballad 1+1, sono in tanti a gridare al flop, e la stessa casa discografica dell’artista, temendo un buco nell’acqua, secondo quanto rivela il blogger Perez Hilton, pare stia già pensando ad una strategica reunion delle Destiny’s Child, gruppo di cui la cantante era leader, dopo aver assecondato la ferrea volontà della cantante di pubblicare il disco così com’era adesso, anziché rimaneggiarne ancora i brani: «Quando ho interpretato Etta James – ha recentemente scritto Beyoncé su facebook – ho imparato a conoscere meglio me stessa, fino alla registrazione di quest’album. Quando sono andata in studio, ho messo la stessa passione, onestà, e approccio con la mia voce con cui ho cantato Etta James. Non suona come la stessa voce dei miei precedenti lavori.  È molto più cruda. Proviene da un luogo profondo». Ma com’è davvero quest’album tanto discusso ancor prima dell’uscita? Ebbene se paragonato al multi-grammy I’m… Sasha Fierce, che ha venduto oltre cinque milioni di copie, ed ha regalato hit come Single Ladies e Halo, il disco naturalmente è poca cosa. Benché la voce della Knowles sia davvero più grezza, più autentica, e meno filtrata, mostrando una Knowles quanto mai sicura, le dodici tracce del disco, a fronte delle diciannove del precedente album, non brillano particolarmente. Composto per lo più da ballad, tra i pezzi forti di 4 c’è sicuramente Best thing I ever had, terzo singolo ufficial-ufficioso estratto, e il brano R&B Party, molto Destiny’s-style, in collaborazione con André 3000. Lungo la tracklist, la Knowles ha miscelato un sound anni ’90 alle sonorità degli anni ’70, è il caso di Love on top. Da segnalare invece in chiusura End of time, sulla falsariga del singolo di lancio “Girls”, e l’intensa I was here. Insomma sebbene il disco non sia all’altezza del precedente capitolo musicale di Beyoncé, ci ha piacevolmente sorpreso, e seppure a tratti un po’ piatto, è un lavoro di grande maturità artistica, e molto meglio di quanto si possa pensare.

Beyoncé Knowles presenta adesso “1+1”, nuovo singolo ufficiale di “4”

Beyoncé 1+1 (cover).jpg

Per ogni attesa che finisce ce n’è sempre una invece che comincia, e così se Born this way di Lady Gaga è già storia, o forse meglio dire leggenda, avendo mandato in tilt il sito amazon.com, scatenando una vera guerra tra piattaforme digitali con iTunes, è partito nel frattempo il countdown per 4, Four, il nuovo lavoro di Beyoncé, che, reduce da un singolo, Run the world (Girls), che proprio non è piaciuto, prova adesso a risalire la china proponendo già il singolo successivo, 1+1, di cui ha postato anche la cover ufficiale sul web.

Contrariamente a quanto si pensava fino a ieri dunque, il brano in questione non sarà il pezzo trapelato in rete qualche giorno fa, Till the end of time, ma 1+1, pezzo che apre la tracklist del disco, svelata ieri sulla pagina facebook ufficiale dell’artista. E con un po’ di stupore scopriamo che Till the end of time è stato rinominato in End of Time. Beyoncé ha presentato 1+1 ieri, alla finalissima del talent American Idol e, al contrario del primo singolo estratto da Four, scopriamo che si tratta di una romantica ballad, in puro stile Beyoncé, la quale però, come il brano precedente, continua a non convincerci del tutto. Per farvene anche voi un’idea, ecco la clip della performance live durante lo show americano.

Beyoncé Knowles, dopo la disfatta di “Run the world (Girls)”, trapela un nuovo brano

Beyoncé Knowles, Destiny’s Child, vendite, Run the world (Girls), Till the end of time, sinfolo, 4, Four, disco, cd, musica, 2011, tracklist

A dispetto della forte impronta personale che, al contrario di tante sue colleghe l’ha portata ad un rifiuto di una musica dance di facile presa, e della novità afro-tribale, Run the world (Girls), nuovo singolo di Beyoncé, che anticipa l’album 4 in uscita il prossimo 28 Giugno, non ha riscosso grande consenso di pubblico, arenandosi subito ad una deludente settantaseiesima posizione della prestigiosa Billboard Chart. Ma nel frattempo un altro brano dell’ex Destiny’s Child sta facendo il giro della rete e ha letteralmente mandato in visibilio i fans: si tratta del pezzo Till the end of time, fino alla fine dei tempi. Nessuna conferma ufficiale è arrivata dall’entourage della cantante, ma si pensa che il brano possa essere il secondo singolo estratto dal quarto album da studio della cantante. Si tratta di un pezzo energico, che alle influenze afro-tribali già sperimentate con il primo singolo, mixa sonorità elettroniche, un pezzo decisamente più orecchiabile che potrebbe risollevare la non felice posizione dell’artista in classifica, che ha addirittura visto un’altra ex componente del gruppo, Kelly Rowland, superarla con la canzone R&B Motivation in coppia con Lil Wayne. Una bizzarra coincidenza per la Knowles la terribile assonanza del titolo del pezzo con l’ultima hit di Britney Spears, Till the world ends. Riuscirà questa fatalità a portarle fortuna e riportarla ai vertici delle classifiche? Chi può dirlo?! Nel frattempo ecco il brano caricato da qualche fan su YouTube, e a partire dalle ore 15.00 di oggi, mercoledì 25 Maggio 2011, la bella cantante svelerà ogni ora, sulla sua pagina facebook ufficiale, i brani e le rispettive posizioni che comporranno la tracklist del suo prossimo lavoro discografico: il countdown è partito, la dodicesima traccia è proprio Run the world (Girls).

Beyoncé pubblica il video di “Run the world (Girls)” e lo scatto di copertina di “4”

Beyoncé - 4 (cover).jpg

I fan hanno atteso qualche giorno in più, ma alla fine sono riusciti a vederlo. Il nuovo attesissimo video di Beyoncé, previsto per venerdì 13 Maggio, è stato invece presentato ieri in premiere esclusiva durante il talent American Idol. Il video accompagna l’uscita del singolo Run the world (Girls), che anticipa l’album “4”, Four, la cui data di pubblicazione è prevista per il prossimo 28 Giugno (negli States). Ma le novità per i fedelissimi dell’ex Destiny’s Child non sono finite: proprio qualche ora fa infatti la bella Knowles ha postato sui suoi social network la copertina del suo quarto album da studio. Sebbene sia quasi irriconoscibile, e molto “chiara”, nello scatto della cover Beyoncé appare bellissima e sensuale, completamente nuda, e coperta soltanto da una pelliccia nera con frange dorate, e ricorda quasi, più o meno volontariamente, la collega Shakira, per una foto in fin dei conti davvero molto minimal.

Beyoncé Knowles parla del suo nuovo album, “Four”

Beyoncé Billboard.jpg

Dalla copertina di Billboard Magazine, l’autorevole rivista musicale dell’omonima chart americana, una raggiante Beyoncé Knowles parla ai lettori del suo nuovo album in uscita quest’anno. Tante le anticipazioni svelate dalla cantante nell’ampia intervista alla rivista americana, a cominciare dall’annuncio del titolo del suo quarto album da studio, che si chiamerà semplicemente “Four”, quattro. Primo, non proprio entusiasmante, singolo estratto da questo imminente lavoro discografico, il brano Run the world (Girls), un inno d’indipendenza femminile dal sound tribaleggiante di cui, come vuole la recente moda videografica, da Britney Spears a Katy Perry, il videoclip avrà uno scenario “apocalittico”: «È  di sicuro qualcosa di più rischioso di una cosa più… semplice – dice in merito l’artista – mi sentivo un po’ africana, un po’ elettronica e futuristica. Mi ha ricordato ciò che amo, cioè mixare differenti culture ed ere, cose che normalmente non vanno insieme, per creare un nuovo sound».

Dopo il grande successo di I’m… Sasha Fierce, che ha portato a casa il numero record di ben sei Grammy Awards in una notte sola, Beyoncé non ha voluto riposare sugli allori, e anziché cavalcare l’onda del (suo) successo ha deciso di cambiare pelle: «Mi sento come se il mio compito in questo settore fosse di oltrepassare i limiti – ha detto l’ex Destiny’s Child – e di dover evolvere costantemente». Four è il primo lavoro dell’artista senza la supervisione del papà (ed ex manager) Matthew Knowles, prendendo così in mano le redini della propria carriera: «Ho registrato più di sessanta canzoni, tutto ciò che ho sempre voluto provare, e l’ho fatto». Tante le fonti di ispirazioni che hanno influenzato questo attesissimo disco, da Fela Kuti, pioniere della musica Afrobeat, fino all’R&B degli anni ’90, da Lionel Richie a Teena Marie.

Il sito Justjared ha ascoltato alcune tracce trapelate in rete, tra cui Till the End of Time, pubblicata su YouTube qualche giorno fa. Secondo le prime indiscrezioni reperite in rete, il disco ruoterebbe intorno ad un sound tribale, proprio come anticipato dal lead single, di cui Beyoncé pubblicherà a breve il video, ma non mancheranno le ballad, che ben evidenziano la voce calda dell’artista, tra cui ce ne sarà una lunatica e dark, ed un pezzo che campiona il brano Uhh Ahh dei Boyz II Men: «Ho appena segnato un obiettivo più alto. È così che sono arrivata dove sono».