Kylie Minogue dea dell’amore: nei negozi da oggi con “Aphrodite”

Kylie Minogue - Aphrodite (cover).jpg

Kylie Minogue (Aphrodite promo).jpg

Esce oggi il nuovo disco di Kylie Minogue, Aphrodite, attesissimo undicesimo album da studio della cantante australiana, seguito di X del 2008. Anticipato dal singolo All the lovers, candidato a tormentone estivo per l’estate 2010, l’album presenta dodici brani inediti dell’artista. Molto sentita da parte dei fan della Venere della musica, non a caso il titolo Aphrodite, per le collaborazioni contenute in questo undicesimo progetto discografico, da Stuart Price, già produttore esecutivo del fortunatissimo Confessions on the Dancefloor di Madonna, a Calvin Harris, fino a Jake Shears degli Scissors Sisters. Sulla scia di Confessions, anche Aphrodite miscela sapientemente tracce da ballo, per un risultato di musica da disco non-stop. Oltre al singolo, ormai nelle rotazioni musicali da qualche settimana, tra le tracce più interessanti Get outta of my way e Put your hand up (If you feel love), brani dance di grande impatto, che fanno letteralmente scatenare, tra cui l’energica title-track, che propone una dance decisamente aggressiva.

Tra i brani Closer è quello che forse risente maggiormente dell’influenza di Lady Ciccone: il brano infatti ricorda vagamente l’arrangiamento per la versione live di Erotica del Confessions Tour. Molto bello uno dei brani di chiusura del disco, Looking for an angel. Se pensate di acquistare il disco della Minogue, fatelo, nonostante non sia all’altezza del capolavoro dell’artista, Fever, o del decimo disco X, il nuovo album è decisamente godibile e potrà accompagnare i vostri party in spiaggia.

 

Lee Ryan, l’ex Blue ritorna con un “amore segreto”

Lee Ryan.jpgA cinque anni di distanza, si riaffaccia sulla scena musicale Lee Ryan. L’ex Blue, che aveva già debuttato nel 2005 con un album solista omonimo, presenta adesso al suo pubblico Secret Love, singolo che anticipa il nuovo disco, Confessions, la cui uscita è prevista per quest’anno. Meno pop del suo primo lavoro discografico, il singolo mostra influenze prevalentemente dance, in cui si avvertono echi di George Michael. Il brano evidenzia la caratteristica timbrica vocale del cantante inglese, che non si risparmia. Nella clip ufficiale che accompagna l’uscita del brano, Lee Ryan è scatenato: canta e balla nella sua perfetta forma e ritrovata ispirazione.