Beyoncé in anteprima esclusiva su Play Me, la prima web tv di facebook

91vu1hcoN6L._AA1500_.jpg
Da qualche mese Play Me è il nuovo canale monotematico musicale comparso sugli schermi degli italiani che abitano nelle zone in cui è avvenuto lo switch-off del digitale terrestre, ovvero il passaggio totale alle nuove frequenze televisive digitali, con una migliore qualità dell’immagine e una trasmissione stereo dell’audio. Ma dal prossimo da fine mese Play Me sarà la prima web TV che si accenderà sul social network più famoso al mondo, facebook. L’appuntamento è per il prossimo 29 Novembre alle ore 22.30, quando il canale internet trasmetterà in anteprima e in esclusiva I am… world tour di Beyoncé, video della tournée dell’ex Destiny’s Child, che sarà invece pubblicato in DVD il giorno successivo alla messa in onda web, il 30 Novembre 2010.

Lady Gaga paralizza New York con un concerto a sorpresa

100709-gaga-7a.grid-4x2.jpg

Venerdì scorso Lady Gaga ha letteralmente paralizzato il traffico di New York, con un concerto a sorpresa, e gratuito, al Rockfeller Center, nel centro della città. Secondo una stima approssimativa riportata da People, i “piccoli mostri”, i fan della cantante, accorsi per vederla dal vivo, sarebbero stati circa 18.000 mila. Lady Gaga si è esibita per mezz’ora, intonando le sue hit ormai storiche, da Bad Romance a Alejandro, terzo singolo estratto dall’album The Fame Monster, ma Miss Germanotta ha riproposto anche l’inedito You and I, già ascoltato al party-concerto di Elton John, scritto «Per la persona più importante che io abbia mai incontrato» ha detto la stessa cantante, riferendosi al musicista Luc Carl, con il quale la cantante è recentemente ritornata insieme dopo una temporanea rottura.

Con questa esibizione dal vivo, Lady Gaga ha dimostrato di non essere soltanto l’ennesimo fenomeno dance passeggero, che scompare insieme alle sue hit dopo una sola stagione musicale, ma di essere un’artista completa e preparata, capace di esibirsi con nonchalance accompagnandosi solo con il pianoforte in un genere, quello più propriamente pop-melodico, distante dalla musica con cui fa scatenare i fan sulle piste da ballo.  

Riccardo Muti, concerto esclusivo nell’Antica Pompei

MaestroRiccardoMuti_photoFrancescoSqueglia_H.jpg

A rischio di apparire impopolari e snob, oggi parliamo di musica classica, e più precisamente del maestro che più di tutti la rappresenta e rappresenta l’Italia nel Mondo: Riccardo Muti. Il prossimo 10 Giugno il celebre direttore d’Orchestra napoletano, inaugurerà infatti il Teatro Grande degli Scavi di Pompei insieme all’Orchestra Luigi Cherubini alle ore 21,10 (con l’unica replica il giorno successivo alla stessa ora). L’evento esclusivo è a cura del Teatro San Carlo di Napoli per rilanciare il sito archeologico come prestigiosa sede di kermesse internazionali e celebrare il ritorno del grande spettacolo nell’area archeologica. La riqualificazione della struttura è stata realizzata in quindici mesi di lavoro dal Commissario per l’emergenza dell’area archeologica di Napoli e Pompei, Marcello Fiori.

Il concerto è soltanto il primo di un ricco calendario di eventi, realizzati in collaborazione con le principali istituzioni culturali del Mezzogiorno, che oltre alla fondazione del Teatro San Carlo, vede anche la partecipazione della Fondazione Campania dei Festival.

«La riapertura  e la restituzione al mondo  intero del Teatro Grande dell’area archeologica di Pompei è un fatto di straordinaria importanza – ha detto il maestro Riccardo Muti – Tale avvenimento si inserisce in quel processo di rilancio della vita culturale di Napoli e della Campania,  che tramite le sue istituzioni, in primo luogo il Teatro di San Carlo, si pone l’obiettivo di trasmettere alle nuove generazioni la consapevolezza delle antiche tradizioni partenopee. È solo attraverso il riappropriarsi delle sue profonde radici, che Napoli può rivendicare il futuro luminoso che attende e merita».

Concerto per disastroso per Whitney Houston

Whitney Houston.jpg

Sembra che la voce della Houston proprio non ce la faccia più. A quasi un anno dalla pubblicazione di I Look to You, atteso album del ritorno, che ne aveva felicemente segnato l’ingresso nelle charts mondiali, ricevendo ottimi riscontri di pubblico e critica, Whitney Houston proprio non ce la fa a ritornare in quella forma smagliante prepotentemente ostentata dalla copertina dell’album. Sono centinaia infatti i fan delusi dopo la performance di domenica scorsa nel suo primo concerto londinese dal 1999, alla The O2 Arena di Londra, dove ha registrato il tutto esaurito. La cantante sembra aver sofferto dell’aria condizionata del palco, che ha ospitato 20.000 persone. Dopo aver sbagliato la performance del suo cavallo di battaglia, I will always love you, la Houston, secondo USA Today,  sul palco ha detto: «Sembra che la mia amica soprano non voglia venire – riferendosi alla sua voce – a volte la vecchia ragazza canta, ma non stasera». La Houston avrebbe poi aggiunta: «Io voglio farlo [cantare, ndr], ma lei non vuole».

La Houston ha poi eseguito appena un verso o due di Greatest Love of All, facendo diverse pause per riprendere fiato e ansimando affannosamente. Durante molte performace sono stati i coristi a cantare gran parte dei pezzi, mentre la cantante si è limitata a qualche ritornello qua e là. Whitney sembra purtroppo lontana anni luce da quell’artista che agli inizi degli anni ’90 dominava le classifiche musicali e cinematografiche con il film, e l’omonima colonna sonora, de La Guardia del Corpo insieme a Kevin Costner, interpretando una capricciosa cantante ed attrice. Nonostante gli abusi di acol e sostanze stupefacenti siano da tempo solo un ricordo, l’ombra della droga alegggia ancora sull’artista e sulla sua voce gravemente rovinata.

Nat Geo Music, un live per la Terra a Roma

logoearthday.jpg

Con la bella stagione arrivano anche i primi eventi live e, per fortuna, non tutti a pagamento: prima del tradizionale concerto del Primo Maggio a Roma, il prossimo 22 Aprile al Circo Massimo ci sarà infatti la terza edizione del Nat Geo Music Live, il cui volto, e voce, quest’anno sarà il cantautore partenopeo Pino Daniele. Il mondo del bouquet satellitare National Geographic, ha deciso infatti di festeggiare il quarantennale di questa importante Giornata della Terra con un esclusivo concerto Live nel cuore della capitale: il concerto è infatti organizzato ogni anno dal Nat Geo Music per festeggiare l’Earth Day, e per questa edizione, oltre a Daniele, vedrà tra i suoi protagonisti Morcheeba e Rokia Traoré, ma anche il Dj Claudio Coccoluto. Anche quest’anno l’evento sarà “ecosostenibile”, con una serie di iniziative volte a ridurre l’anidrite carbonica generata dall’evento stesso.

Tra i parthner istituzionali dell’importante manifestazione c’è anche il Ministero della Gioventù, l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma e Promoroma, azienda speciale della Camera di Commercio del capoluogo laziale.

A tutti gli amanti della musica live e dei suddetti artisti che non abita a Roma e, non potendo spostarsi, si sta sicuramente mangiando le mani, diamo però una buona notizia: l’evento sarà ripreso e trasmesso dalle telecamere di National Geographic. E chi non ha Sky? Niente paura, potete semplicemente sintonizzarvi sul canale gratuito del digitale terrestre, Cielo, della piattaforma satellitare di Murdoch, oppure, se nella vostra zona non è ancora giunto il nuovo segnale televisivo digitale o la copertura del canale c’è anche una diretta streaming sul web sul noto social network myspace.

«Hope for Haiti Now», un album di inediti e rarità

Hope for Haiti Now - Cover.jpg

Si intitola Hope for Haiti Now, come l’omonimo spettacolo Telethon, presentato da George Clooney e Wyclef Jean e che ha raccolto in una sola serata oltre sessantuno milioni di dollari, la compilation che raccoglie le migliori performance di tutti i protagonisti della scena musicale americana che si sono esibiti durante le sei ore di diretta dalle venti di sera fino alle due del mattino dello scorso Venerdì 22 Gennaio, da Beyoncé a Justin Timberlake, da Christina Aguilera, che ha presentato l’inedito Lift me up, a Rihanna, che qui canta insieme a Jay-Z e Bono in Haiti Mon Amour in uno spettacolo che ha coinvolto ben tre città, da New York a Londra, fino a Los Angeles.

Sono venti le tracce dell’album già disponibile in digital download, e che avrebbe già realizzato un piccolo primato, quello di debuttare direttamente alla posizione numero uno della prestigiosa Billboard 200 Chart Album. Un fatto unico se si considera che, almeno per il momento, il disco resterà disponibile soltanto come download digitale sul portale iTunes e non come disco fisico nei negozi, spiazzando così il record che fin’ora era detenuto dalla debuttante Susan Boyle, che deve così accontentarsi solo di un secondo posto.

Tra le performance da segnalare c’è sicuramente quella di Shakira, che interpreta una bellissima cover di I’ll stend by you, dei Pretenders, ma anche quella di Alicia Keys con Send me an Angel. Come gà annunciato in un post precedente, Christina Aguilera ha invece presentato una versione acustica di Lift me up, inedito che sarà contenuto nel nuovo album Bionic, scritto per lei da Linda Perry, mentre Beyoncé ha interpretato una bellissima versione della sua Halo, candidata anche come miglior canzone ai prossimi Grammy Awards.

Non poteva, in questo straordinario evento benefico senza precedenti, mancare Madonna, che ha invece presentato Like a Prayer, con tanto di coro gospel. Anche Justin Timberlake, da un po’ latitante dalla scena musicale come protagonista, ma sempre presente come supporter e featuring di molti artisti, ha interpretato il classico Hallelujah, classico per antonomasia di Leonard Cohen, che l’artista ha cantato in duo insieme a Charlie Sexton.

Insomma un disco per veri appassionati, una chicca da collezione per scoprire un lato inedito e diverso di molti artisti, aiutando al contempo la flagellata isola di Haiti. Acquistate l’album Hope for Haiti Now, e darete davvero una speranza all’isola haitiana. Adesso.

Hope for Haiti Now, uniti per Haiti

Beyoncé.jpg

Si chiama Hope for Haiti Now, il megaconcerto sostenuto da Telethon cui hanno preso parte le più grandi star dello showbiz mondiale, che insieme canteranno i loro più grandi successi per una raccolta fondi senza precedenti. Da Beyoncé a Christina Aguilera, da Justin Timberlake ad Alicia Keys. Ma sono tanti i nomi che via via si aggiungono alla lista dei performer della serata, che inizierà alle 20 a New York e si protrarrà fino alle 2 del mattino, da Rihanna a Jay-Z.  

La serata, che avrà luogo Venerdì 22 Gennaio 2010, sarà condotta da due presentatori d’eccezione, Wyclef Jean che lancerà canali e servizi dalla grande mela, e George Clooney da Los Angeles.

La maratona sarà trasmessa dai principali network televisivi americani, in un evento a reti unificate che non ha precedenti nella storia della musica e della televisione, ma sarà anche trasmesso dalle varie emittenti di MTV nel mondo, e in streaming web su MTV.it e vari canali di social network come MySpace e YouTube.

La registrazione delle performance live di ogni singolo artista saranno poi messe in vendita sulla piattaforma iTunes a 99 centesimi, il ricavato naturalmente sarà devoluto per aiutare l’isola di Haiti nella ripresa dopo il terremoto del 12 Gennaio scorso.