ABBA: «Di nuovo insieme? Sì, Perché no?»

ABBA.jpg

Gli ABBA, gruppo svedese più famoso al mondo, omaggiato recentemente da Hollywood con la trasposizione cinematografica del musical Mamma mia! con Meryl Streep, hanno sempre smentito le voci di una possibile reunion. Tra le proposte, prontamente rifiutate dal quartetto, c’era la cospicua offerta di un miliardo di dollari per un tour mondiale di cento date.

Oggi però Benny Andersson e Bjorn Ulvaeus, la metà maschile del gruppo, ha lasciato un barlume di speranza ai fan che ancora spera di rivedere i quattro insieme sul palco. A darne notizia il Telegraph, che riprende a sua volta degli stralci di un’intervista rilasciata dai due al Times. Alla domanda di una eventuale considerazione di una performance, magari accompagnati da un’orchestra, che potrebbe girare in tutto il mondo, Andersson ha detto: «Sì, perché no?».

«Non so se le ragazze cantino ancora, so che Frida (Anni-Frid Lyngstad) era in studio di registrazione – ha detto Andersson nell’articolo – ma non sarebbe una cattiva idea».

Ulvaeus ipotizza anche quale potrebbe essere il brano ideale per una reunion: «Potremmo cantare The way old Folks Do».

Gli ABBA sono il gruppo svedese di maggior successo nel mondo. Amatissimi, icone gay, omaggiati dalla stessa Madonna, regina del pop, che nel 2006 ha utilizzato un simple per la sua hit mondiale Hung up, omaggiati da una cover band di altrettanto successo, gli A-Teens, e vero caposaldo della musica mondiale. Basti pensare a successi senza tempo come Gimme Gimme Gimme, Fernando o Dancing Queen.

Il gruppo svedese si sciolse ufficialmente nel 1982, gli ABBA rifiutarono e smentirono categoricamente ogni ipotesi di una reunion, asserendo con fermezza che mai sarebbero ritornati insieme sul palco. Lo stesso Ulvaeus fino a pochi anni fa, aveva smentito ogni ipotesi. Anche gli altri componenti del gruppo, dalla Lyngstad, ora sessantaquattrenne e sposata con un tedesco, alla Fältskog, negli anni in diverse interviste hanno sempre mostrato un totale disinteresse per una possibile reunion del gruppo. Adesso la metà maschile accende un barlume di speranza, in quella che si preannuncia una guerra dei sessi a suon di musica e vecchie hit, vedremo se anche le donne del mitico gruppo anni ’70, cambieranno idea ritornando sui loro passi, anzi ritornando insieme sul palco.