Kesha: «Sono attratta da uomini e donne»

1357138517_kesha-article.jpg

Iniziato appena da poche ore, il nuovo anno si apre con un gossip musicale. Protagonista è Kesha, dalla copertina di Seventeen di Febbraio. La cantante, già nell’occhio della bufera per la censura radiofonica del suo brano Die Young, morire giovani, in seguito alla sparatoria nella scuola del Connecticut, è la stessa cantante venticinquenne a lanciare la bomba: «Non mi piacciono gli uomini, mi piacciono le persone – ha detto la cantante alla rivista – non riguarda il genere, ma solo lo spirito che trasuda dalla persona con la quale sei».

Durante l’intervista la cantante concede qualche battuta sul bullismo nelle scuole: «Sono totalmente contro il bullismo verso i gay/lesbiche/transgender, ma riguarda anche mio fratello più piccolo. Ha tredici anni e viene deriso perché balbuziente. Tolleranza zero per le persone che prendono in giro gli altri» ha detto l’artista.

Come Madonna e Lady Gaga anche Kesha svela di essere stata vittima del bullismo e di critiche feroci: «Ricordo ogni persona che mi diceva che non avrei potuto fare qualcosa, o che fossi troppo brutta o troppo grassa. Ho una “lista di m***e” persone del mio passato senza cuore e giudicatrici. Anche dopo aver superato la mia fase goffa, ho gettato le mie bretelle e imparato come vestire il mio corpo, la gente dell’industria discografica facevano come per dirmi “Non riuscirai mai a farlo”». Ma naturalmente la cantante ha avuto la sua rivalsa: «I li guardo adesso e dico “Haha!” questa è una delle ragioni per cui ho intitolato il mio album Warrior [Guerriera, ndr]» ed infine Kesha chiude dicendo: «Si può essere una vittima e lasciare che mangino la propria anima, o si può dire “voi finirete sulla mia lista, ed io vi dimostrerò che sbagliate”».

La bisex Tila Tequila diventa cantante (trasgressiva)

Tila Tequila - I love my dj.jpg

Tila Tequila.jpgHa cambiato look Tila Tequila, la nota modella e cantante di origine cinese, che è passata da una fluente chioma castana ad uno glamour caschetto asimmetrico platino. Dichiaratamente bisex, Tila, attraverso il suo profilo MySpace, ha trovato la notorietà ed il successo, diventando protagonista per ben due stagioni televisive, di un suo personale reality show, A Shot at Love in onda su MTV, in cui doveva scegliere la sua anima gemella tra dieci ragazzi e ragazze che concorrevano a conquistare il suo cuore. Secondo Entertainment Weekly, il nuovo look coinciderebbe con la voglia di scrollarsi di dosso la vecchia immagine di “bad girl” per assurgere a quella di artista, e ricordare al mondo che prima di fare della sua sessualità un business, era anche una cantante (?).

Secondo il sito americano, la cantante si è recata al quindicesimo piano di un grattacielo di Manhattan per promuovere una canzone, «I fucked the Dj» (letteralmente, “ho scopato il mio Dj”), pubblicata anche in una versione epurata, dal titolo I love my Dj. Ogni movimento della neo-riscoperta cantante, finisce col diventare un post di un blog, con tanto di commenti e critiche, ma ciò sembra non dispiacere alla Tequila che dice: «Faccio solo ciò che mi suggerisce il cuore: non credo che tutto ciò che faccio sia sbagliato, finché non faccio del male a nessuno. Che mi odino o mi amino, io sono nel mondo dell’intrattenimento. Ed in questo modo, sicuramente, io li sto intrattenendo e penso che sto facendo il mio lavoro dannatamente bene».

Sulla copertina del singolo Tila è a metà strada tra Rihanna e Jennifer Lopez: seduta su di una radio anni ’80, indossa delle calze leopardate, con stivali rossi ed una maglia in tinta senza reggiseno, e sfoggia una selvaggia criniera leonina.

La canzone con cui la Tequila debutta nel mercato discografico è particolarmente aggressiva e trasgressiva: «C’è un sacco di gente che dice “Come hai potuto fare una canzone del genere? Sii un modello” – ha detto la showgirl al magazine on-line – Prima di tutto non ho mai detto di essere un modello. Questo è quello che fanno i musicisti, esprimono sé stessi».

A maggio il progetto discografico della Tequila diventerà un EP, Welcome to the Dark Side.