Marilyn Monroe: “Incomparable” la raccolta per ripercorrerne la carriera e la vita

01_01181054.jpg

Esattamente cinquant’anni fa moriva Marilyn Monroe, la bionda che ha fatto impazzire Hollywood, venne ritrovata senza vita nella sua abitazione, morta in circostanze che, ancora oggi sembrano misteriose: suicidio o omicidio? Continuano a domandarsi i fan e gli amanti del mistero, mentre il mito di Norma Jane Baker, questo il suo vero nome, è cresciuto a dismisura. Marilyn era quella che oggi potremmo definire un’attrice, ma anche una cantante. Spesso infatti nelle sue pellicole, da A Qualcuno piace Caldo a Gli Uomini preferiscono le Bionde si è cimentata in stacchetti e brani divenuti famosissimi: chi non conosce I wanna be loved by you o Diamonds are the girl best friends. Pezzi che hanno accompagnato intere generazioni, e hanno ispirato artiste del calibro di Madonna e Christina Aguilera che hanno provato a confrontarsi e reinterpretare, ognuna a modo proprio, il mito senza tempo della donna più bella del mondo.

Oggi la celebriamo parlando di una raccolta completa dei suoi più grandi successi, brani estratti dalle colonne sonore che hanno contribuito a rendere immortali i suoi film. Incomparable, questo il titolo del triplice album nell’edizione Deluxe, che mette insieme sessantasette tracce (trentacinque nella standard) che ripercorrono la sua carriera e la sua vita: dall’esibizione dal vivo per gli auguri del presidente Kennedy ai duetti con Jane Russell e Laurence Olivier. Un lavoro completo, per (ri)scoprire e conoscere una Marilyn anche inedita.

Lady Gaga celebra John Lennon: la regina della trasgressione canta “Imagine”

John Lennon.jpg

Più che le istituzioni, il riconoscimento ufficiale di un evento importante ormai lo concede lui, Google, il motore di ricerca più utilizzato del web che di volta in volta celebra ricorrenze, fatti e anniversari di rilievo cambiando di volta il volta il proprio logo, e se fino a qualche mese fa sullo schermo c’erano delle palline colorate che impazzivano al passaggio del mouse, o bisognava digitare del testo per vederne colorare i caratteri, in questi giorni c’è il celebre disegno con il volto stilizzato di John Lennon per celebrare i settant’anni dalla nascita dell’artista assassinato da un folle la sera dell’8 Dicembre del 1980 all’età di quarant’anni. Ma sono in tanti gli artisti che hanno reso omaggio all’ex Beatles, tra cui Lady Gaga che, salita sul palco insieme alla vedova di Lennon, Yoko Ono, ha intonato alcuni tra i brani-simbolo del cantante, tra cui Imagine, canzone manifesto della pace nel mondo.