Nelle sale cinematografiche arrivano i Rolling Stones e Amy Winehouse

the_rolling_stones-2012.jpg

«I Beatles avevano scelto di fare i bravi. A noi cosa restava? Fare i cattivi» a dirlo sono stati i Rolling Stones, che sarà possibile (ri)scoprire in un inedito documentario che sarà nelle sale soltanto il prossimo 29 e 30 aprile, grazie a Microcinema Distribuzione. Un documentario sì, ma al tempo stesso anche un film ed un concerto, diretto da Brett Morgen. Crossfire Hurricane ha raccolto interviste e filmati storici di Mick Jagger e compagni e degli ex membri storici della band. Per i fan del gruppo e per chi ha voglia di riscoprire una delle band che ha fatto la storia della musica.

E per un documentario che arriva un altro è già in produzione. Un documentario biografico ripercorrerà infatti la vita della cantante Amy Winehouse, scomparsa prematuramente a soli 27 anni nel luglio del 2011. Il documentario è ancora in fase di progettazione, ma pare certo che sarà diretto da Asif Kapadia, già regista del documentario vincitore al Sundance Film Festival del 2010 sulla carriera di Ayrton Senna. Il documentario sarà prodotto da Universal Music e Playmaker Films, e sarà pre-venduto dalla Focus Features al Festival di Cannes.

I leak dell’estate: in rete due brani inediti di Amy Winehouse e Kelly Rownald

amy winehouse and kelly rowland.jpg

A poco meno di venti giorni dal primo anniversario della sua morte (il 23 Luglio), è trapelata in rete una nuova traccia inedita di Amy Winehouse. Si tratta di Cherry Wine, vino di ciliegie, una ironica coincidenza per l’artista, morta un anno fa per i suoi abusi di alcol e droga. Il pezzo è un duetto con il rapper newyorkese Nas, il quale aveva già collaborato con l’artista per il brano Like Smoke, incluso in Lioness: Hidden Treasures, primo album postumo di Amy. Il brano è prodotto da Salaam Remi, già produttore dei due album della Winehouse, Frank e Back to Black. Una felice coincidenza, questo ennesimo leak sospetto del pezzo, che sarà incluso nel nuovo album del rapper Life is Good, in uscita il 17 Luglio, e che vedrà anche la partecipazione di Drake, Rick Ross, Mary J Blige e Swizz Beatz: «È una sensazione agrodolce fare qualcosa con lei che adesso non è qui. Ma sono felice… il bello è che noi abbiamo fatto musica e che i fan possono ascoltare qualcosa di nuovo che appartenga a lei».

Ma questo non è il solo leak “fortunato” dell’estate. Anche Kelly Rowland si è vista trapelare in rete il pezzo Ice, che la vede di nuovo in coppia con Lil Wayne, e l’ha presa con filosofia, scrivendo su twitter: «Beh, scommetto che avete già ascoltato Ice, grazie per il vostro affetto e supporto. Mi spiace, volevo farvi aspettare ancora, ma sono contenta che vi piaccia ad ogni modo».

 

Winehouse postuma. A dicembre Amy ritorna con l’album “Lioness”

Amy Winehouse, Lioness, Hidden Treasures, album, terzo, disco, cd, uscita, 2011, foto, cover, copertina

Come già annunciato e come prevedibile, entro la fine dell’anno sarà pubblicato il terzo album di Amy Winehouse, il primo album postumo della cantante britannica scomparsa lo scorso 23 Luglio 2011. L’album s’intitolerà Lioness: Hidden Treasures, la leonessa: tesori nascosti, e vedrà la luce il prossimo dicembre. Secondo quanto riporta il Sun, il disco conterrà dodici tracce, alcune delle quali mai ascoltate prima, ed altre invece versioni alternative di noti brani dell’artista. Tra questi la slower tempo di Valerie, e il brano di Leon Russell A Song for You, cover dell’idolo musicale dell’artista Donny Hathaway, che Amy ha registrato nella primavera del 2009. Ma tra le tracce ci sarà anche l’inedito Between the Cheats. Stando alle prime indiscrezioni, l’album dovrebbe contenere anche un brano che parla dei tradimenti dell’ex marito, Blake.  Il disco è prodotto da Mark Ronson e Salaam Remi. Per ogni copia del disco, una parte andrà alla Fondazione Amy Winehouse, istituita dalla famiglia dell’artista dopo la sua prematura scomparsa a soli ventisette anni, per aiutare chi combatte la dipendenza.

 

Amy Winehouse: ad una settimana dalla morte, spuntano due inediti in rete

Amy Winehouse, morte, inediti, brani, discografia, dischi, Black to Black, classifica, 2011, video, vevo

È inutile negarlo, la morte fa vendere. Lo sanno bene i produttori e discografici di Michael Jackson, che lo scorso anno hanno pubblicato il primo album postumo dell’artista scomparso nel 2009, Michael, e lo sa bene il produttore di Amy Winehouse, Salam Remi, che sul suo canale tumblr ha postato ben due brani inediti dell’artista inglese scomparsa prematuramente lo scorso 23 Luglio 2011. Si tratta di una versione inedita di Unholy War, brano contenuto nel secondo album di Amy, Black to Black, e l’inedito Roun’ Midnite. Questi “leak ufficiali” sono destinati a precedere quello che sarà il terzo album della Winehouse, nonché primo lavoro discografico postumo, forti del rinnovato successo di Black to Black, entrato direttamente al primo posto della classifica digitale americana, e nella top ten della Billboard Chart.

Per ascoltare i pezzi basta andare sul sito ufficiale del produttore dell’artista http://salaamremi.tumblr.com/

 

Morta Amy Winehouse, interprete del disagio del nostro tempo

Amy Winehouse.jpg

Il suo “imminente” album era già stato più volte rinviato. I problemi di tossicodipendenza ed alcolismo, l’hanno portata in un cono d’ombra dal quale di tanto in tanto provava con scarso successo ad uscire. La sua ultima apparizione pubblica a Belgrado, dove si è esibita praticamente ubriaca, tra i fischi dei ventimila presenti, resterà forse una delle tante macchie scure nella sua breve carriera, iniziata solo nel 2003 con l’album Frank. Amy Winehouse è stata trovata morta ieri, 23 luglio 2011, nella sua casa londinese di Camden Square. L’artista britannica aveva solo ventisette anni, forse un cocktail letale di quei farmaci e droghe di cui Amy non riusciva più a fare a meno. Più volte entrata in cliniche per disintossicarsi, la cantante secondo alcuni amici era ormai dipendente dalla bottiglia di vodka, che beveva fino a perdere i sensi, come ha rivelato uno di loro al Daily Telegraph. Dopo una serie di performance erratiche, l’artista britannica aveva annullato tutti i suoi impegni per il mese di giugno, continuando a rinviare l’uscita di quello che sarebbe stato il suo terzo album da studio. La sua ultima incisione ufficiale, resta dunque la cover di Lesley Gore, It’s my party, pubblicata nel novembre del 2010, trasformatasi nella più famosa reinterpretazione del brano. Con due album all’attivo e sette singoli ufficiali, Amy Winehouse resterà per sempre la straordinaria interprete del disagio del nostro tempo.

 

Album studio

 

2003 – Frank

2006 – Back to Black

 

Singoli

 

2003 – Stronger Than Me

2004 – Pumps / Help Yourself

2006 – Rehab

2007 – You Know I’m No Good

2007 – Back to Black

2007 – Tears Dry on Their Own

2007 – Love Is a Losing Game

Amy Winehouse finalmente ritorna alla musica con “It’s my party”

Amy_Winehouse.jpg

Amy Winehouse ritorna finalmente a far parlare di sé per la sua musica e non per i suoi eccessi. La vincitrice di ben cinque Grammy Awards, sarà infatti la guest star d’eccezione nell’album tributo a Quincy Jones, Q: Soul Bossa Nostra, in uscita il prossimo 9 Novembre.

Dalle prime indiscrezioni riportate dal sito della CNN sembra che la cantante, insieme al produttore Mark Ronson, farà una cover di It’s my party, uno dei primissimi successi di Jones come produttore originariamente cantata da Lesley Gore nel 1963: «Sono contento che lei e Mark volessero essere parte di questo album – ha commentato Quincy in un comunicato stampa – amo il modo in cui abbiano fatto propria la canzone».

Ma il disco vede la partecipazione di molte altre stelle illustri della musica americana, da Usher a Ludacris, da Akon a Jennifer Hudson, passando per Mary J Blige e Jamie Foxx. Ma Jones sembra particolarmente soddisfatto del lavoro della Winehouse per il suo album, che ritorna finalmente alla musica dopo un periodo turbolento: «I talenti di Amy come artista sono indiscutibili, ed io sono stupito non soltanto dalla sua voce, ma dalla sua profonda conoscenza e il rispetto per la musica e la sua storia».