Nastri di partenza per “Sanremo 60”

Sanremo 2010.jpg

Tutto è ormai pronto, inizia ufficialmente oggi la sessantesima edizione del Festival di Sanremo. Antonella Clerici, terza donna a condurre la kermesse musicale, dopo Raffaella Carrà e Simona Ventura, raccoglie la pesante eredità lasciatale da Paolo Bonolis, che lo scorso anno è riuscito a bissare e superare anche gli straordinari ascolti del festival che condusse nel 2005. E se l’anno scorso si è molto giocato sulla possibile partecipazione di Mina al festival, quest’anno invece la Rai e la Clerici tergiversano sulla partecipazione dell’escluso Morgan, che potrebbe esserci ma “non fisicamente”. La Rai comunque ha prontamente smentito voci che si rincorrono su web e giornali da tempo, dicendo che il cantautore non prenderà parte in nessun modo al festival.

La prima serata però si preannuncia molto interessante: tra gli ospiti italiani proprio Paolo Bonolis e Luca Laurenti, mattatori di Sanremo 2009, che passano così idealmente il testimone alla conduttrice di RaiUno, ma anche Antonio Cassano, che qualche anno fa fu già tra i nomi legati al festival, per aver inviato cinquecento rose rosse a Michelle Hunziker, co-conduttrice insieme a Baudo dell’edizione del 2007.

Tra gli ospiti internazionali, interviene invece questa sera Susan Boyle, rivelazione del programma inglese Britain’s got talent, che ha venduto con il suo album di debutto, I Dreamed a dream, oltre sette milioni di copie.

Cambiata nuovamente la formula del programma che reintroduce la classifica sin dalla prima serata e una prima eliminazione immediata: questa sera infatti si esibiranno i quindici big in gara, i tre che risulteranno meno votati dalla giuria demoscopica in sala saranno immediatamente eliminati, ma potranno comunque sperare nel ripescaggio (di cui ci occuperemo a momento debito). Vengono presentati anche i dieci concorrenti nella categoria “Nuova Generazione” (Giovani).

Da questa sera, fino a sabato 20 (giorno della finalissima) si aprirà un nuovo sondaggio, e sarà possibile votare la propria canzone-cantante preferito. Molto sentito il nostro sondaggio sul caso Morgan, alla domanda se sia giusto o meno escludere il cantautore dalla gara il 52% dei votati ha risposto NO, mentre secondo il restante 48% è giusto così. Ancora poche ore per esprimere il vostro parere, prima che il sondaggio sia chiuso definitivamente.

Sanremo 60: scenografico e internazionale con Susan Boyle e J.Lo

Sanremo 60.jpg

Jennifer Lopez.jpgManca poco più di una settimana alla sessantesima edizione del Festival di Sanremo, ma le polemiche, le notizie, le indiscrezioni e le polemiche circolano ormai da un bel po’: per un cantante che va un altro che viene e se da una parte è stata confermata dal direttore artistico Gianmarco Mazzi l’esclusione dalla gara di Morgan, Pupo invece durante la sua trasmissione I Raccomandati ha invece dissipato ogni dubbio su un suo ripensamento: parteciperà al festival con la patriottica Italia amore mio che, come già appreso da media e notiziari, canterà insieme al Principe Filiberto di Savoia, neo-prezzemolino televisivo.

Sfumata la presenza di Lady Gaga, sul fronte ospiti internazionali sembra ci siano ancora importanti trattative in corso: ad aggiungersi infatti a Susan Boyle, rivelazione del programma inglese Britain’s got talent, e i Tokio Hotel, potrebbe essere l’attrice-cantante Jennifer Lopez, per la quale un’apparizione sul palco dell’Ariston trasmessa in eurovisione potrebbe essere un toccasana, in vista dell’uscita del suo album Love?, per la sua carriera musicale che adesso sembra stenti a ritornare ai fasti degli esordi. Al parterre di ospiti internazionale potrebbe addirittura aggiungersi Bill Clinton, benché la sua partecipazione è data ancora per improbabile, mentre le trattative sono in corso anche per Sandra Bullock, fresca di nomination all’Oscar per il film The Blind Side.

Altri ospiti italiani e non si aggiungeranno anche nella serata di venerdì 19 Febbraio, durante la quale i dodici artisti rimasti in gara presenteranno una versione rivisitata dei loro brani in coppia con ospiti d’eccezione: continua infatti la scalata degli “Amici di Maria De Filippi” sulle reti Rai e sul palco di Sanremo in particolare. Valerio Scanu, ex concorrente del talent di Canale 5 e big in gara nella kermesse, potrebbe duettare con Alessandra Amoroso, vincitrice di Amici lo scorso anno, sulle note del suo brano, Per tutte le volte che…, brano scritto per lui da Pierdavide Carone, uno dei concorrenti in gara nell’attuale edizione del talent della De Filippi.

Come già in edizioni passate, non ci sarà la tradizionale scala, ma una pedana al centro della scena di otto metri; l’orchestra occipa invece il golfo mistico sottostante. Intorno linee curve e colorate, pareti mobili con fondali e schermi che proporranno immagini e giochi di luce. La scenografia anche quest’anno è stata affidata a Gaetano Castelli, che la firma per la diciassettesima volta, e che promette sorprese e “magie”: un’enorme macchina in grado di cambiare forma e volume artista dopo artista: «È scenotecnica quest’anno più che scenografia – ha detto Castelli – la tecnologia permette di “muovere” tutto e dare dinamicità al festival».

Le prime polemiche di Sanremo 60

Nicolas Bonazzi.jpgNon c’è Sanremo che si rispetti senza le consuete polemite prima dell’attesa kermesse canora che, giunta quest’anno alla sessantesima edizione, sarà presentata dall’ex cuoca di RaiUno Antonella Clerici.

Resa nota la lista delle nuove proposte, subito è scattata la prima e forse inaspettata polemica: uno degli emergenti che dovrebbe calcare il palco dell’Ariston, Nicolas Bonazzi, appartenente alla categoria “nuova generazione” rischia adesso di essere escluso dalla gara: a detta di molti il suo brano sanremese sarebbe già stato pubblicato in streaming sulla pagina MySpace dell’artista, così come dimostra un’intervista di tgcom in cui lo stesso Bonazzi parlava del suo pezzo. La canzone, secondo l’attuale regolamente di Sanremo, per essere considerata “nuova”, non soltanto inedita, non dev’esser stata fruita nemmeno gratuitamente on-line o con altri mezzi digitali o meno di distribuzione ed ascolto. Secondo un articolo del tg flash mediaset, la canzone postata dall’artista sulla sua pagina musicale sarebbe stata una versione demo, ben diversa da quella presentata adesso al Festival della canzone italiana.

Anche la categoria “Big” in questa nuova edizione festivaliera non poteva sottrarsi alla tradizione della polemica: abbandonate le canzonette-filastrocca che inneggiavano all’amore per i bambini o quello puro come un piccione, da qualche anno Povia sembra presentarsi al Festival di Sanremo più per suscitare polemiche piuttosto che per la gara e vittoria. Dopo la polemica gay in cui cantava il disagio di un omosessuale che si psicanalizza e “guarisce” in Luca era gay, e le foto in cui posava nudo per il magazine Vanity Fair, il cantautore porta quest’anno un testo impegnato sull’eutanasia intitolato La verità (Eluana), chiaro riferimento a Eluana Englaro, ragazza che per oltre diciassette anni è stata in coma in seguito ad un incidente stradale, e morta soltanto dopo aver staccato i macchinari che la tenevano in vita per volere del padre Beppino. Ma una nuova polemica getta altra benzina sul fuoco: sembra infatti trapelato in rete parte del testo della canzone di Povia in cui il cantautore sosterrebbe che Eluana in realtà avrebbe preferito vivere. Immediata tuttavia la smentita del cantante milanese e di Gianmarco Mazzi, direttore artistico della kermesse canora. Aspettare per credere…

Povia.jpg