That’s Opera Talent: finalmente un casting per la lirica

That’s Opera Talent è un contest per cantanti d’opera e giovani musicisti classici, che offre loro la possibilità di partecipare ed esibirsi dal vivo all’Opera di Puccini “Madama Butterfly“, durante il Puccini Festival che si terrà a Torre Lago (Viareggio), ma che offre anche la possibilità di vincere altri premi. I requisiti sono semplici: la maggiore età, la residenza in Italia fino alla fine del 2010 e la registrazione sul sito YouTube. Gli aspiranti cantanti dovranno presentare un’esibizione di uno dei brani tratti dall’Opera di Puccini, Un bel dì vedremo o Addio fiorito asil, mentre i musicisti dovranno presentare una esibizione da solista con un brano che è indicato nel regolamento. In un mondo di talent e reality, dove sempre più spazio occupa la musica leggera, e l’importanza di scalare le classifiche a suon di Pop la fa da padrona, il contest offre una validissima alternativa ed una possibilità a tutti coloro che sognano di fare della lirica ben più di una passione. Sarà uno straordinario debutto per il vincitore, un’occasione unica da cogliere al volo. Allora cosa aspettate? Registratevi subito su YouTube, e caricate il vostro video sul canale ufficiale del contest http://www.youtube.com/thatsoperatalent, dove è anche possibile reperire maggiori indicazioni ed informazioni sull’iniziativa, mentre per chi è interessato a partecipare al contest può scaricare spartiti e musiche dal seguente link: http://www.thatsbutterfly.it/thatstalent_index.php È un bel giorno, un bel giorno per realizzare i propri sogni!   

Sponsored Post

 

Buon Compleanno, Mina! Per la diva italiana auguri dal mondo, ma lei però festeggia così

Mina.jpg

Ha il sapore di una festa nazionale il settantesimo compleanno di Mina, per il quale già da tempo media e televisioni si sono mobilitati: inserti speciali, raccolte di foto, riedizioni di album, sono solo alcune delle proposte che è possibile ritrovare in edicola e nei negozi, mentre crescono gli appuntamenti televisivi. Oggi infatti mediaset renderà omaggio alla Tigre di Cremona trasmettendo uno speciale su Rete4 alle 15.30, ripercorrendo tutta la carriera che ha fatto di Mina una grande artista. Ma gli auguri, per la cantante che ha preferito ritirarsi fisicamente dalle scene da oltre trent’anni, arrivano un po’ da tutto il mondo: una nota ansa infatti riporta che artisti come Liza Minnelli, Quincy Jones e Barbra Streisand sono solo alcuni dei nomi che hanno inviato i propri auguri alla straordinaria Mina.

Come ormai già annunciato da qualche settimana, Mina festeggerà il suo geretriaco pubblicando tra qualche mese un nuovo album di inediti, a pochi mesi dall’uscita di Fragile, uscito solo alla fine dello scorso anno. Ma la notizia più grande, per la gioia dei fan, è che pare che Jennifer Lopez per omaggiare la diva italiana, voglia incidere una cover della Signora Mazzini, ed avrebbe scelto Carne viva, brano scritto per Mina da Cristiano Malgioglio (fan sfegatato di J.Lo, che sarà sicuramente al settimo cielo).

Noi di Cosmomusic, oggi rendiamo omaggio alla grande (grande grande) Mina, ripescando questa clip: se telefonando, su un testo di Maurizio Costanzo e su musiche del premio Oscar Ennio Morricone.

Patrizia D’Addario diventa cantante

Patrizia D'Addario.jpg

Patrizia D'Addario - Gradisca presidente.jpgPatrizia D’Addario diventa una cantante. La nota escort, balzata alle cronache italiane per il presunto rapporto con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dopo aver pubblicato il libro “scandalo”, Gradisca Presidente, in cui racconterebbe tutta la (sua) verità sul sexy-gate, si reinventa adesso cantante presentando il primo singolo, in lingua inglese, dal titolo All for you, che anticiperebbe un album in uscita la prossima primavera. Insomma, sembra che le donne degli scandali legati a Berlusconi, cerchino tutte forzatamente le luci della ribalta e poco importa il reale talento, l’importante è che si faccia parlare di sé, e così, dopo il brano All I want for Christmas is You, cover di Mariah Carey cantata con vocina stridula da Noemi Letizia, la ragazza partenopea divenuta famosa per la festa di compleanno cui anche Berlusconi ha preso parte, e diventata subito un piccolo cult della rete, anche Patrizia D’Addario si avvicina al mondo delle sette note. Questa mattina inoltre pare che la nota escort sia giunta a Sanremo, non per il festival in programma in settimana, ma per presentare, dalla città dei fiori il suo primo singolo, che sarà ufficialmente lanciato su tutte le piattaforme digitali.

Kary Perry, acustica nell’attesa del nuovo album

Katy Perry.jpg

katyperry-unplugged.jpg

Nelle radio nostrane imperversa il nuovo singolo di Timbaland, If we meet again, cui partecipa, ma in pochi sanno che Katy Perry, nell’attesa di dar seguito al suo album di debutto, One of the boys, ha recentemente pubblicato un album, un mini-cd composto da sole sette tracce nell’ambito del progetto MTV Unplugged, aggiungendosi così alla lunga lista di artisti che hanno deciso di proporre i loro maggiori in chiave acustica. Il disco è accompagnato da un DVD con le riprese della session live, registrata lo scorso 22 luglio a New York.

La tracklist si compone dei grandi successi dell’artista riarrangiati per l’occasione, come il rocchettone I kiss a girl, ma anche Waking up in Vegas e Thinking of you, ma l’album è anche l’occasione per ascoltare due inediti, come Hackensack, cover del gruppo americano anni ’90 Fountains of Wayne, e Brick by brick, una canzone originale precedentemente trapelata, precedentemente scritta per la stellina di High School Musical Ashley Tisdale. Tra gli extra del DVD una speciale intervista dell’artista.

La foto è tratta dal myspace ufficiale dell’artista

Ronn Moss: cantante “Beautiful” a Roma. Il celebre Ridge Forrester al Lian Club

Ronn Moss.jpg

Ronn Moss - cover.jpg

In questi giorni è sugli schermi italiani nell’inedita veste di ballerino, nel cast del fortunato programma del sabato sera di RaiUno, Ballando con le Stelle, ma per gli italiani è Ridge Forrester, storico volto di una delle soap più longeve del piccolo schermo, Beautiful, eppure in pochi sanno che Ronn Moss è anche un cantante. Nel 2002 infatti l’attore americano ha inciso il suo primo CD da solista, I’m your man. Sì, perché il bello della soap, prima di diventare parte del perenne triangolo Brooke-Ridge-Taylor, aveva fondato insieme ad un gruppo di amici, la band The Player, che ora vorrebbe riunire.

Nel 2005 è uscito il suo secondo album da solista, Uncovered, la cui canzone It’s all about you, è rientrata anche nell’airplay radiofonico italiano.

Venerdì 5 Febbraio, il bel Ronn sarà al Lian Club, noto locale romano, dove, insieme al chitarrista Peter Beckett, proporrà quella che sarà la prima data live dei The Player. Il cantante infatti proporra al pubblico romano una session pop-rock, in cui canterà e suonerà anche basso e chitarra: «Mi piace l’atmosfera del piccolo club, permette una comunicazione più intima» ha raccontato l’attore al Lian. «Suoneremo solo tre o quattro pezzi – ha aggiunto Moss – tra cui una versione acustica della nostra hit, Baby come back».

Il sogno di Ronn è quello di fare un tour in Europa con la sua band, magari partendo proprio dall’amata Italia, in cui l’attore vive un momento di seconda giovinezza artistica, distaccandosi dal celebre e forse ingombrante personaggio che, dal 1987, l’ha reso celebre in tutto il mondo.

Fan di Andrea Bocelli, Moss sta anche lavorando ad un album di imminente uscita, la cui data tuttavia non è stata ancora specificata, ma dovrà collocarsi tra i molteplici impegni dell’artista.

Mina, la più grande

Mina.jpg

Mina copertine.jpg

Ha debuttato qualche settimana fa il nuovo programma di RaiDue, Il Più Grande, programma condotto da Francesco Facchinetti che ha il compito, attraverso una giuria d’eccezione in studio ed il televoto da casa, di eleggere l’italiano più grande di tutti i tempi. Tanti gli scontri a tratti anche bizzarri ed inverosimili che accostano grandi attori del passato a cantanti contemporanei, premi nobel a campioni del motociclismo. Secondo un sondaggio on-line, bandito dal sito ufficiale del gruppo www.ilpiugrande.rai.it l’italiano più grande di tutti i tempi sarebbe sinora Laura Pausini, al secondo posto un’altra grande della musica italiana, Mina, che hanno battuto la concorrenza di grandi pittori e geni del passato.

Cosmomusic fa il tifo per Mina (che sarà di nuovo in gara questa sera), non che il genio di Laura Pausini, vincitrice di ben quattro Grammy Awards (unica italiana ad averlo fatto) sia da meno, ma perché la Tigre di Cremona, a nostro avviso, non rappresenta soltanto una cantante straordinaria, ma un vero e proprio “stile di vita”. Molte delle scelte fatte da Mina nel corso della sua carriera infatti sono state improntate sulla libertà d’espressione, libertà artistica, ma soprattutto libertà personale e, ad oltre cinquant’anni di carriera, Mina è ancora sulla cresta dell’onda, vero e proprio punto di riferimento per molte artiste affermate ed emergenti contemporanee.

Citatissima dai concorrenti dei moderni talent show, ma anche da cantanti quali Irene Grandi o Delta V, Mina muove i primi passi nel mondo della canzone nel 1958, notata dal discografico dell’Italdisc-Broadway, David Matalon, incide quattro canzoni, due delle quali in inglese con lo pseudonimo di Baby Gate. E se in una prima fase della sua carriera il suo alter-ego musicale coinvive con Mina, alla fine sarà la stessa Mina e le sue canzoni in italiano ad imporsi sul mercato discografico italiano ed internazionale.

La sua bellezza, oltre che il talento, le ha subito spalancato le porte della televisione italiana e non, partecipando a programmi storici quali Il Musichiere, Studio Uno e Milleluci. Nel suo mezzosecolo di carriera Mina ha collezionato anche due partecipazioni al Festival di Sanremo, senza raggiungere mai il podio: dopo la seconda partecipazione la cantante giura, tenendo sempre fede alla promessa, che non sarebbe mai più ritornata sul prestigioso palco dell’Ariston.

La sua potente estensione vocale fa sì che rientri in quella categoria di cantanti degli anni ’60 che la stampa definisce “urlatori”, ma Mina, grazie ad interpretazioni quali Il Cielo in una stanza di Gino Paoli, che porta con successo in tutto il mondo, sa trasformarsi anche in raffinata interprete di musica d’autore.

Ma noi sosteniamo Mina soprattutto per la sua libertà e per le sue scelte anticonvenzionali che coerentemente difende fino alla fine, come la “scandalosa” relazione con il primo compagno, l’attore teatrale Corrado Pani, allora già sposato, da cui avrà il figlio “illeggittimo” Massimiliano. Per questa scelta Mina sarà bandita dalla televisione italiana, vi ritornerà però con successo nel 1964 con il programma La fiera dei sogni. Ma Mina si oppone anche alle major discografiche, fondando nel 1967, insieme a suo padre, la PDU, sua casa discografica personale, che porta avanti nonostante le prime difficoltà, fino al grande e primo successo di Non credere, vero e proprio tormentone dell’estate del 1969.

Si ritira ufficialmente dalle scene televisive nel 1978, con uno spettacolo d’addio alla Bussola di Viareggio, là dove tutto era cominciato vent’anni prima quasi per caso, registrando un doppio LP live. Nei suoi primi vent’anni di carriera Mina sa imporsi anche all’estero, dalla Spagna al Giappone, dall’Argentina agli Stati Uniti.

Ma Cosmomusic tifa per Mina anche, e forse soprattutto per l’innovazione con cui promuove la sua immagine e la sua musica. Mina infatti guarda avanti e guarda lontano, è stata la prima artista femminile ad aver registrato, nel 1968, album che fu realizzato solo in parte, con registrazioni poi fatte in studio, a causa di alcuni problemi tecnici.

Nel 2001 Mina fa un ulteriore step, e tiene un concerto virtuale su internet che fa un vero e proprio boom di ascolto, con oltre venti milioni di contatti, mostrandosi nello studio di registrazione. Una impresa simile è stata poi ripetuta nel 2009 (ben otto anni dopo) dagli U2 che hanno tenuto un concerto live su YouTube.

Pur non mostrandosi mai, Mina gioca molto con la sua immagine attraverso le copertine dei suoi album (ne proponiamo qualcuna), trasformandosi dalla gioconda di Olio ad una damina del settecento in Canarino Mannaro fino ad un fumetto in stile Linchestein. Mina si è trasformata in un mito vivente, circondandosi di un’aura di mistero come Marilyn Monroe, Michael Jackson, Elvis Prestley, ed è forse per questo che per noi di Cosmomusic è lei la più grande.

Rita Pavone, un inedito in regalo per i fans

Rita Pavone.jpg

Erano cinque anni che Rita Pavone si era silenziosamente ritirata dalle scene, ma il suo non è stato un addio. Oggi, 1 Febbraio 2010, la cantante italiana dai capelli rossi, ha deciso di ritornare sulle scene musicali, inaugurando il suo nuovo sito internet, ma, soprattutto, regalando un brano inedito ai suoi fan. Si tratta della celebre aria della Tosca, Vissi d’Arte, che la Pavone ha registrato con la prestigiosa Orchestra Sinfonica di Sofia, in Bulgaria, ma che la cantante considera ancora un “provinaccio”, regalando così la celebre aria di Puccini e lasciando ai fans il giudizio finale.

Il download gratuito sarà disponibile soltanto nella giornata di oggi, per inaugurare il nuovo sito ufficiale dell’artista www.ritapavone.it Per poter scaricare la traccia basterà compilare un breve modulo con i propri dati ed il proprio indirizzo mail e sarà recapitato un link dal quale avviare il download.

«Angels Cry», il nuovo singolo di Mariah Carey

Mariah Carey.jpg

Angels Cry era il brano più promettente del disco, una raffinata ballad R&B molto orecchiabile, eppure da tempo ci chiedevamo come mai Mariah Carey non l’avesse ancora scelto come singolo per sponsorizzare il suo non esaltante Memorie of an Imperfect Angel, da cui il disco prende il nome. Trasformato adesso in un album di remix, intitolato Angel’s Advocate, in uscita il prossimo 30 Marzo, Mariah ha finalmente lanciato il brano come nuovo singolo, sperando che le vendite possano finalmente ritornare in rialzo, e lo ha inciso insieme al rapper Neyo. Nella clip, che presentiamo qui in anteprima, Mariah canta sotto la pioggia, ripetendo forse un po’ stancamente l’idea di un altro successo della cantante: Trough the rain. Nella clip Mariah appare molto burrosa e glamour, alternando scene di sessioni in studio ad altre riprese esterne, in un video decisamente molto elegante. Invariata la canzone, rispetto alla versione originale dell’album, è arricchita nel remix dalla voce un po’ ruvida del rapper Neyo, per un risultato decisamente gradevole.

Sade, ritorno tra l’onirico e lo spazio

Sade Adu.jpg

«Quando si parla di sexy, morbido ed elegante R&B, Sade è lo standard di riferimento. Non vedo l’ora di ascoltare il suo nuovo lavoro» ha detto Christina Aguilera tramite il suo profilo pubblico facebook, entusiasta del nuovo singolo di Sade, band inglese che ritorna dopo ben dieci anni di silenzio con Soldier of Love, soldati dell’amore, in un video a metà tra l’onirico e il fantascientifico, in una sorta di deserto spaziale.

L’ultimo lavoro discografico di Sade, Lovers Rock, risale alla fine del 2000, e fu vincitore del Grammy Awards come miglior Album Vocale Pop, adesso il gruppo britannico fondato agli inizi degli anni ’80 ritornerà con Soldier of Love, omonimo del singolo che comincia a circolare nei circuiti radiofonici e presto sarà anche in quelli televisivi. Il singolo è stato pubblicato a Gennaio sulla piattaforma digitale iTunes, precedendo così il sesto album da studio della band e debuttando al cinquantottesimo posto nella prestigiosa Billboard Chart americana, divenendo così il posto di debutto più alto in classifica per la band.

Il disco è stato registrato alla fine dell’estate dello scorso anno, e scritto in gran parte da Sade Adu, leader del gruppo, e gli altri membri della band.

Il singolo è stato accolto favorevolmente dai critici musicali, che hanno così elogiato e motivato ulteriormente il ritorno sulle scene musicali dei Sade: il prestigioso Hollywood Reporter ha infatti detto che Soldier of Love “può essere solo un assaggio di ciò che verrà”, e noi, come Christina Aguilera, non vediamo l’ora di ascoltare il nuovo lavoro della band. 

Alice, il nuovo singolo di Avril Lavigne

Avril Lavigne.jpeg.jpg

Qualche giorno fa avevamo parlato dei problemi in sala di registrazione con il suo ex marito, eppure Avril Lavigne è riuscita ugualmente a confezionare un brano per i suoi fan: si tratta di Alice, canzone che andrà a far parte della colonna sonora del nuovo film di Tim Burton, Alice nel Paese delle Meraviglie, di cui la cantante canadese ha inciso il tema principale. L’inedito potrebbe far parte dell’atteso album, che Avril continua a rinviare, lasciando i suoi fan in una trepidante agitazione.

Nel frattempo però Miss Lavigne, ha proposto per i suoi fan sul social network MySpace una serie di nuovi scatti, che la vedono immortalata come una bambola senza vita. Anche nel look l’artista appare diversa, dal biondo è passata ad un castano-rosso intenso. Lo shooting è davvero molto raffinato, ed è possibile visionarlo visitando la pagina ufficiale dell’artista: www.myspace.com/avrillavigne