La “Passione” di Andrea Bocelli

Passione.jpeg

A quasi quattro anni da uno dei suoi album di maggior successo, la strenna natalizia My Christmas, Andrea Bocelli ritorna con Passione. Un album che, come suggerisce il titolo, racconta uno dei sentimenti più potenti che agitano l’animo umano e, sulla scia di Amore (2006) e Incanto (2008), continua quel mix di musica italiana, successi internazionali e classici napoletani. E non potevano mancare i grandi nomi della musica di tutto il mondo, per il quattordicesimo album da studio del tenore toscano: da Jennifer Lopez, che ritorna a cantare in spagnolo nel duetto di Quizás, Quizás, Quizás, a Nelly Furtado che ritroviamo nella brano bossa nova Corcovado, passando per il trombettista-compositore Chris Botti, fino ad un duetto (virtuale) con l’indimenticata Edith Piaf con La vie en rose. Italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese e persino napoletano: Bocelli passa con nonchalance da un genere all’altro e da una lingua all’altra, regalandoci un album variegato, ma, al tempo stesso, coerente, uno scrigno con tante perle. Prodotto da David Foster, su etichetta Sugar, Passione sarà nei negozi di dischi e negli store digitali di tutto il mondo dal prossimo 29 Gennaio. Questa la tracklist completa:

 

1.         “Perfidia”

2.         “Roma Nun Fa’ La Stupida Stasera”

3.         “Champagne”

4.         “Anema e core”

5.         “Quizás, Quizás, Quizás” (Jennifer Lopez)

6.         “Era già tutto previsto”

7.         “Tristeza”

8.         “La Vie en rose” (Virtual duet with Edith Piaf)

9.         “Corcovado – Quite Nights Of Quiet Stars” (Nelly Furtado)

10.       “Sara’ Settembre (September Morn)”

11.        “Love In Portofino”

12.       “Garota De Ipanema”

13.       “Malafemmena”

14.       “Love Me Tender”

15.       “Il Nostro Incontro” (Chris Botti)

16.       “Senza Fine”

17.       “A mano a mano”

18.       “When I Fall in Love” (Botti, Helene Fischer)

La “Passione” di Andrea Bocelliultima modifica: 2013-01-18T16:58:59+01:00da marianocervone
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento