Viva Forever, le canzoni delle Spice Girls in un musical

Emma-Bunton-007-606428.jpeg

Dopo due album, un film, un’antologia e un reunion tour, da tempo magazine e giornali di gossip parlavano di un musical ispirato alle Spice Girls, il cui titolo dovrebbe essere, manco a dirlo, Viva Forever, il che può suonare strano per una band formatasi nel 1995 e scioltasi appena tre anni dopo, nel 1998 con l’abbandono di Geri Halliwell. Secondo quanto riporta oggi il Daily Star, le cinque ragazze terribile sarebbero coinvolte nella supervisione dei casting. Il progetto, come racconta il tabloid britannico, dovrà impressionare alcune persone molto importanti e alla Spice Girls è stato chiesto un contributo nel corso del processo di produzione. Il musical sarà un omaggio alle celebri canzoni delle cinque ragazze terribili, ovvero Emma Bunton, Geri Halliwell, Melanie Brown, Melanie Chisholm e Victoria Beckham al secolo semplicemente Victoria Adams. A parlarne la Baby Spice Emma, la quale ha detto di essere davvero emozionata di lavorare al progetto insieme alle ex compagne di gruppo: «Sta andando tutto bene – ha rivelato al sito inglese digitalspy.co.uk – ci siamo riunite tutte insieme per alcuni incontri, stiamo lavorando con Judy Craymer, che ha lavorato a Mamma mia!, il musical e il film. Lei è davvero in gamba! Ed è bello per noi ragazze avere un progetto su cui lavorare ancora».

Ma Emma anticipa che non si tratterà di uno show biografico per ripercorrere la vita delle cinque ragazze al pepe e della formazione della band: «Sarà una storia molto diversa, non basata sulle nostre vite attuali, quindi non siamo alla ricerca di persone che dovranno interpretare noi, ma siamo state coinvolte nel casting».

E per tutte le ragazze che andranno a vedere lo spettacolo non soltanto per le canzoni, la Bunton assicura: «Non preoccupatevi, le ragazze si assicureranno che ci siano anche un sacco di bei ragazzi!».

Viva Forever, le canzoni delle Spice Girls in un musicalultima modifica: 2010-07-15T08:38:43+02:00da marianocervone
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento