L’Euphoria di Enrique Iglesias: «Il mio album con una marcia in più»

enrique iglesias.jpg

enrique iglesias - euphoria.jpg

Dopo le ultime produzioni discografiche anglosassoni e le prime nella sola lingua spagnola, Enrique Iglesias ritorna un po’ alle origini con il suo nono album da studio, Euphoria, il primo della sua carriera di cantante ad essere assolutamente bilingue. Per il lancio infatti, il cantante di Bailamos ha scelto ben due pezzi, uno in spagnolo, Cuando me enamoro, che ha debuttato al venticinquesimo posto nella classifica delle canzoni pop latine americana, e l’altro, I Like, in coppia con Pitbull, che vede anche la collaborazione di Jersey Shore, e che ha raggiunto le posizioni alte della Billboard Chart, ambendo a diventare uno dei brani-tormentone negli Stati Uniti.

In Italia Euphoria non ha ancora lasciato il segno, ma nel frattempo Iglesias ha già lanciato il terzo singolo, secondo in lingua inglese, in coppia con la Pussycat Dolls Nicole Scherzinger, Heartbeat. Ma sono tanti gli artisti che hanno collaborato con il cantante spagnolo a questo disco, da Akon ad Usher, da Juan Luis Guerra, artista spagnolo, a Wisin y Yandel: «Questo è il disco che ho sempre voluto fare – ha confessato Enrique a MTV News – sono cresciuto a Miami parlando lo Spanglish [misto di inglese-spagnolo, ndr], sono così eccitato per questo disco, si possono cogliere ovunque influenze ispaniche. Io ho voluto combinarle entrambe. Cantare in entrambe le lingue “mi ha dato una marcia in più”».

 

L’Euphoria di Enrique Iglesias: «Il mio album con una marcia in più»ultima modifica: 2010-07-10T08:01:00+02:00da marianocervone
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento