Il nudo integrale di Roberto Bolle finisce in rete

Roberto Bolle Teatro.jpg

Tutti ne parlano, il web è impazzito il suo video su YouTube è cliccatissimo. Stiamo naturalmente parlando del nudo integrale del ballerino Roberto Bolle, che l’altro ieri al Teatro San Carlo di Napoli ha eseguito una rivoluzionaria esecuzione di Giselle, per il coreografo svedese Mats Ek: «È Albrecht nudo di fronte alla vita, alla nuova vita, perché in quel momento, anche così, rinasce».

Roberto Bolle, che non aveva provato in precedenza la scena, l’aveva comunque definita “geniale”, dicendo che la versione di Ek è una delle poche rivisitazioni del repertorio classico in grado di diventare classico a sua volta.

Nonostante l’etoile del San Carlo avesse dichiarato di non provare alcun imbarazzo con la sua prima scena di nudo integrale, aveva tuttavia vietato macchine fotografiche e telecamere, finanche ufficiali che fossero, che lo potessero ugualmente immortalare. Tuttavia moderni cellulari e smartphone sono impietosi quanto discreti e così le immagini amatoriali di qualche spettatore sono comunque finite in rete. Ma per chi spera di vedere Bolle completamente nudo probabilmente resterà un po’ deluso: nel video infatti il nudo del ballerino, benché di spalle, è bene avvolto da una fitta penombra che lascia appena intravedere la nudità, e quando è il momento di mostrarsi frontalmente, il suo Albrecht è già rinato a nuova vita, e viene prontamente ben coperto, lasciando il voyeurismo degli spettatori, che speravano di vedere il suo corpo tonico nudo, a bocca asciutta.

Il nudo integrale di Roberto Bolle finisce in reteultima modifica: 2010-04-30T10:37:00+02:00da marianocervone
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento