Laura, Britney, Christina e Lady Gaga: tempo di singoli e pre-order

collage.jpg

Tempo di singoli e pre-order. Se c’è un merito di iTunes è senza dubbio quello di aver cambiato le regole della discografia internazionale. Se fino a qualche anno fa infatti i singoli anticipavano l’uscita degli album, oggi grazie alla musica “liquida” (così si definisce in gergo il download digitale), è possibile ascoltare, e spesso “downloadare” più brani prima dell’uscita ufficiale del disco o, addirittura, da questo possono essere estratti più singoli, anticipandone la pubblicazione. Sono ben quattro le artiste che oggi escono con un singolo o un pre-order estratto da un loro imminente lavoro. Tra queste c’è l’italianissima Laura Pausini che, dopo il duetto con Kylie, Limpido, ritorna adesso da sola con il secondo estratto, Se non te, che anticipa l’uscita dell’attesissimo Greatest Hits che ripercorre, in chiave rivisitata, i primi vent’anni di carriera dell’artista.

Sul fronte internazionale, Britney Spears, dopo aver indagato i toni house con Work Bitch, ritorna con un brano più tradizionale, e propone adesso Perfume, secondo estratto dell’attesissimo Britney Jean (in uscita il 3 Dicembre). Scevra del vocoder, che aveva offuscato la voce dell’artista nei precedenti lavori, Britney appare finalmente con una voce più pulita. Inconfondibile l’impronta di Sia, che ne ha firmato il pezzo, che, per le sonorità, ricorda quasi una ballad alla Avril Lavigne.

Tra le uscite del giorno anche Christina Aguilera che con la band A Great Big World ritorna con il pre-order di Say Something, brano che anticipa l’album del gruppo, Is there anybody out there?. Inizialmente presentata dalla stessa cantante come un duetto, la canzone è in realtà più un cameo, in cui la Aguilera fa quasi da corista, accompagnando la voce del gruppo, che presenta un brano intimo e malinconico.

A chiudere questa quadrilogia di uscite “singolografiche” anche Lady Gaga, che oggi ha pubblicato Dope e, come lei stessa ha annunciato su facebook, è l’ultimo pre-order single ad anticipare l’uscita dell’attesissimo ARTPOP, dopodiché i little monster, i fan dell’artista, dovranno aspettare ancora due giorni: il 6 Novembre anche il terzo album da studio dell’eccentrica cantante, vedrà finalmente la luce.

L’altra Christina: i camei “inediti” cui la Aguilera ha collaborato quest’anno

Oh-Aguilera-Lotus_2_Photo_Cred_Enrique_Badulescu-682x1024.png

Se siete tra i detrattori di Your Body, nuovo e non proprio fortunatissimo singolo di Christina Aguilera, che ha anticipato la pubblicazione dell’album Lotus, in uscita il 13 Novembre, allora potete provare a scoprire una Aguilera inedita, grazie a tre diversi progetti musicali cui il giudice di The Voice ha prestato la sua voce.

Tra i brani più interessanti ed attesi c’è sicuramente Feel this moment, singolo che vede Xtina collaborare per la prima volta con Pitbull, e che anticiperà l’uscita dell’album del rapper, Global Warming, la cui pubblicazione è fissata per il prossimo 12 Novembre. Il pezzo è prodotto da Lucas Secon, ed è una rivisitazione in salsa latina del simple del 1985 Take on me degli A-ha, e potrebbe preannunciarsi (finalmente) come uno dei successi della Aguilera. Nel testo Pitbull fa anche un riferimento al noto best-seller di E L James, Cinquanta Sfumature di Grigio.

Ma Christina ha anche affiancato il suo pupillo del talent The Voce, Chris Mann, per reinterpretare un’altra nota cover: si tratta questa volta del brano The Blower’s Daughter, del cantante Damien Rice, tratto dall’album O del 2001, una toccante interpretazione, magistralmente cantata da Mann cui Christina sopraggiunge nella parte finale del brano.

Ed è ancora una volta una cover quella cui Christina partecipa con tutto il suo eclettico entusiasmo: dopo la salsa latina con Pitbull, e la struggente ballad con Mann, questa volta Christina ritorna a misurarsi con il jazz, indagato con uno dei suoi migliori album, Back to Basics, con il brano Steppin’ out with my baby. La cantante lo fa con il crooner americano Tony Bennett, che l’ha fortemente voluta nel suo terzo album di duetti, Viva Duets, uscito lo scorso 22 Ottobre, e che ha scelto questo brano, già cantato dal vivo con l’artista in diverse occasioni, come primo singolo di questo nuovo progetto discografico.

Adam Lamber ritorna con “Trespassing” e va oltre

Adam_Lambert's_Trespassing_Deluxe_Version.jpg

Ancora poco noto da noi, Adam Lambert è famoso qui in Italia soprattutto per la sua Whataya want from me. Ma l’ex vincitore dell’ottava edizione di American Idol ha in questi giorni pubblicato il suo secondo album, Trespassing, sconfinare, andare oltre. Inizialmente previsto per marzo di quest’anno, poi a metà febbraio posticipato a maggio, l’album è stato finalmente pubblicato, per la gioia dei fan, due giorni fa.

Sulla scia dei singoli d’apertura, Better than i know myself, pubblicato a dicembre, e Never close our eyes, ad aprile, l’album è un disco rock, con influenze e sonorità elettroniche. Straordinari i pezzi d’apertura, come l’omonimo Trespassing, Cuckoo, e Shady che vede il featuring di Nile Rogers e Sam Sparro.

Ma nel disco trovano posto anche le ballad come Underneath, e Nirvana, che va a chiudere un secondo lavoro assolutamente perfetto.

Mel C: l’ex Spice Girl risorge (musicalmente) dalle acque come Venere per “The Sea”

Melanie C, The Sea, album, disco, cd, 2011, titolo, recensione, tracklist, singoli, video, vevo, ufficiale

Una Venere che sorge dalle acque. È così che Mel C appare sulla copertina del suo nuovo album The Sea, il mare, quinto lavoro discografico dell’artista, pubblicato un po’ in sordina lo scorso settembre per l’etichetta indipendente Red Girl, fondata dalla stessa cantante. Il disco è stato anticipato dal singolo Rock me, brano pop-rock, scelto anche come inno ufficiale del Campionato Mondiale di Calcio Femminile 2011, ma è con Think about it che l’ex Spice Girl ha avuto un po’ di eco anche nel nostro paese, su alcuni circuiti televisivi musicali minori. Caratterizzato da una sonorità dance inedita per l’artista, contrariamente a quanto invece il pezzo potrebbe far intendere, non si tratta di una vera e propria svolta dance, ma l’album è prevalentemente orientato verso un sound pop-rock, che da sempre caratterizza i lavori di Sporty Spice. Ottimi i brani estratti per supportare il disco, dalla ballad rock Weak, a Let there be love, pubblicato però solo in terra teutonica. Il disco infatti ha avuto una distribuzione fisica ridotta a pochi paesi europei, che non contempla l’Italia. Un buon lavoro comunque, fuori dai giochi puramente commerciali, che gli italiani dovranno acquistare dalla piattaforma digitale iTunes, un compromesso che sicuramente vale la qualità dell’opera.

Beyoncé Knowles lancia i singoli “Love on top” e “Countdown”

beyoncé countdown.jpg

Ha annunciato la sua gravidanza poco più di un mese fa, ma chi credeva che se ne sarebbe restata in panciolle ad aspettare il suo primo ed attesissimo figlio, giunto dopo otto anni di matrimonio dal compagno Jay Z, dovrà ricredersi, perché Beyoncé Knowles, attualmente in promozione con l’album 4, ha pubblicato due videoclip musicali per la promozione di altrettanti singoli estratti dal suo ultimo lavoro discografico. Si tratta dei brani Love on top e Countdown: il primo, una delle canzoni più orecchiabili del disco, è un pezzo ballabile che strizza l’occhio alle sonorità anni ’70: nel video una raggiante Beyoncé, burrosa, ma ben lontana dalle neo-forme morbide della sua gravidanza, balla in body nero e cappello marinaresco, in quello che sembra uno studio-attico con vista mozzafiato sul mare. Nella clip di Countdown invece, pancione in vista, ma sempre splendida, la cantante non si risparmia e continua a scatenarsi in uno sgargiante video che rende omaggio alla contemporanea pop art.

Rihanna: dopo “California King Bed” arriva per gli USA “Man Down”

Rihanna - Man Down.png

I fan di Rihanna lo sanno bene: la bella cantante delle Barbados è davvero instancabile. Negli ultimi dodici mesi, l’interprete di Only girl (in the world) non soltanto ha pubblicato ben due album, ma ha collezionato un’innumerevole rosa di collaborazioni, da Eminem, con cui ha dominato le classifiche la scorsa estate con Love the way you lie, a Shy Ronnie 2, ultimo solo in ordine cronologico, con il quale invece ha duettato sulle note della simpatica Ronnie & Clyde, con tanto di video stile anni ’30, in cui Miss Fenty interpreta con il cantante una divertente coppia, un po’ parodia, dei celebri ladri-amanti Bonnie & Clyde.

Ma RiRi non si risparmia nemmeno per la prossima estate ormai alle porte, e reduce della bollente performance live ai Billboard Awards 2011 con Britney Spears con il remix di S&M, ha lanciato ben due nuovi singoli dal suo fortunatissimo LOUD, la rock-ballad California King Bed (colonna sonora dello spot Nivea) e, in esclusiva per il mercato statunitense il brioso brano Man Down, quinto singolo del quinto album da studio dell’artista.

Rihanna contro le colleghe: «Non volevo un qualsiasi disco pop»

Rihanna - Loud (cover).jpg

Regina delle chart da un anno a questa parte, Rihanna sembra non apprezzare molto la musica delle sue, pur sempre di successo, colleghe: «Non volevo un generico disco pop che avrebbero potuto fare Kesha, Lady Gaga o Katy Parry» ha riportato MTV News, in merito al suo ultimo album di prossima uscita, Loud, che sembra riportarla agli esordi della musica dance.

«Non posso credere che sia già il quinto album – ha continuato la cantante durante la diretta radiofonica su BBC Radio – è folle da pensare, non sono mai stata così entusiasta di qualcosa che ho fatto in modo creativo, è questo disco è un perfetto album di Rihanna. Ogni canzone è fatta su misura per me».

Durante la lavorazione del disco, di cui qualche giorno fa ha ufficialmente presentato la cover, Rihanna ha infatti avuto un solo obiettivo, fare un album che fosse nelle sue e solo nelle sue corde: «Volevo canzoni che fossero solo di Rihanna, che solo io potevo fare». E stando ai primi brani già proposti di Loud, dal primo singolo Only girl (in the world) a Who’s that chick? fino al nuovo singolo What’s my name? il disco è in un perfetto e personalissimo Rihanna-style, un sound glamour, aggressivo, sexy e, soprattutto, inconfondibile.

Jennifer Lopez, a sorpresa tra i giudici di American Idol 10!

American Idol.jpg

Inizialmente scartata perché troppo cara, Jennifer Lopez potrebbe invece rientrare a sorpresa nella rosa dei giudici della nuova stagione di American Idol. Secondo People magazine una fonte ha confermato che la bella cantante e attrice portoricana avrebbe già accettato di sedere sullo sgabello della nota trasmissione statunitense per la modica cifra di 12 milioni di dollari. Insieme alla Lopez, a completare il parterre vip dei tre giudici del talent canoro, ci potrebbe essere, oltre alla già riconfermata giudice originario Randy Jackson, anche Steven Tyler leader degli Aerosmith.

La Lopez potrebbe essersi lanciata in questo progetto televisivo, visto lo scarso successo ottenuto dei suoi ultimi due singoli, Louboutin e Eeverybody’s Girl, che avrebbero dovuto anticipare il suo nuovo album Love?, previsto per agosto e rimandato invece a data da destinarsi. Probabilmente Jennifer vuole rilanciare la sua immagine di cantante, messa un po’ in ombra dallo scarso successo del suo ultimo disco di inediti, Brave del 2007, dalla pausa per la sua gravidanza gemellare e dai successi al cinema con le sue commedie romantiche. La Lopez vuole riacquistare credibilità musicale agli occhi dei fan che vedono in lei più l’attrice che la grande star glamour della musica che tutti abbiamo imparato a conoscere ai fasti tra il ’99 e il 2002. E dire che alcuni pezzi proposti anche live dal suo imminente disco, come Piece e Starting Over, erano davvero interessanti e che, a dispetto del fatto che la Sony Music l’abbia scaricata, avrebbero potuto segnare un felice ritorno sulle scene musicali.

L’Euphoria di Enrique Iglesias: «Il mio album con una marcia in più»

enrique iglesias.jpg

enrique iglesias - euphoria.jpg

Dopo le ultime produzioni discografiche anglosassoni e le prime nella sola lingua spagnola, Enrique Iglesias ritorna un po’ alle origini con il suo nono album da studio, Euphoria, il primo della sua carriera di cantante ad essere assolutamente bilingue. Per il lancio infatti, il cantante di Bailamos ha scelto ben due pezzi, uno in spagnolo, Cuando me enamoro, che ha debuttato al venticinquesimo posto nella classifica delle canzoni pop latine americana, e l’altro, I Like, in coppia con Pitbull, che vede anche la collaborazione di Jersey Shore, e che ha raggiunto le posizioni alte della Billboard Chart, ambendo a diventare uno dei brani-tormentone negli Stati Uniti.

In Italia Euphoria non ha ancora lasciato il segno, ma nel frattempo Iglesias ha già lanciato il terzo singolo, secondo in lingua inglese, in coppia con la Pussycat Dolls Nicole Scherzinger, Heartbeat. Ma sono tanti gli artisti che hanno collaborato con il cantante spagnolo a questo disco, da Akon ad Usher, da Juan Luis Guerra, artista spagnolo, a Wisin y Yandel: «Questo è il disco che ho sempre voluto fare – ha confessato Enrique a MTV News – sono cresciuto a Miami parlando lo Spanglish [misto di inglese-spagnolo, ndr], sono così eccitato per questo disco, si possono cogliere ovunque influenze ispaniche. Io ho voluto combinarle entrambe. Cantare in entrambe le lingue “mi ha dato una marcia in più”».

 

Professor Green: il nuovo Eminem britannico

Professor Green.jpg

Eminem relapse 2009_2.jpg

Lo stile è fondamentalmente lo stesso: capelli corti castani, tatuaggi in vista, e un irriverente rap bianco, pur essendo fino ad una decade fa “roba da neri”. Parliamo di Professor Green, rapper emergente britannico, che tanto ci ricorda il più noto collega Eminem (nella foto a sinistra) agli esordi, che ha già collezionato una collaborazione con Lily Allen, Just be good to Green, e che adesso impazza nelle rotazioni musicali radiofoniche e televisive con I need you tonight, featuring Ed Drewett, su un campionamento della quasi omonima Need you tonight degli INXS. Il brano è il primo singolo estratto dal secondo album del cantante, Alive Till I’m Dead, vivo finché non sarò morto. Oltre ai due album da studio, attualmente la breve discografia del cantante annovera anche un EP. Ecco tutte le produzioni per conoscerlo meglio e comprenderne appieno l’evoluzione artistica e musicale:

 

2006 Lecture#1

2006 The Green (EP)

2010 Alive Till I’m Dead