Pink regina della classifica americana

231112014005_660x400-250712054306_pink.jpg

Dopo il successo della grande “ondata dance” sembrava quasi impossibile riportare la tendenza musicale ai ritmi più pacati della musica pop, eppure Pink sembra esserci riuscita, aggiudicandosi il suo quarto primo posto. È successo questa settimana, con il brano Just give me a reason, terzo singolo estratto dal fortunatissimo The Truth about Love, in coppia con Nate Ruess, leader dei Fan. Questo successo personale di Pink arriva dopo il primo posto del 2001, con il mega featuring Lady Marmalade con Christina Aguilera, Lil’ Kim e Mya, So what (del 2008) e Raise your glass (2010).

“Rules” rappresenta anche il singolare record personale di Nate Ruess: al primo posto per sei settimane insieme alla sua band lo scorso anno con We are young (con Janelle Monae), con questo successo Nate è il primo artista maschile di una rock band ad avere un primo posto nella classifica americana.

La verità sull’amore di Pink

Pink.jpg

Pink - The Truth about Love (cover).jpgA quattro anni da Funhouse, e una gravidanza dopo, Pink ritorna sulla scena musicale con The Truth about love, la verità sull’amore, già anticipato dal singolo Blow me (one last kiss). Ma il brano, subito nella top ten US, e ai vertici delle classifiche di tutto il mondo, non è l’unico pezzo meritevole di quest’album che, nella Deluxe Edition con bonus track, vanta ben diciannove inediti. Scorrendo la tracklist del sesto album da studio della cantante dal capello rosa, merita una menzione Try, secondo estratto di questo ottimo lavoro discografico, che vede una Pink in splendida forma, come non la si vedeva da tempo, e che nella bellissima Just give me a reason duetta con Nate Ruess. Ma quello con il vocalist dei FUN non è il solo duetto, nell’album infatti trovano posto l’orecchiabile True Love, in coppia con Lily Allen, e Here Comes the Weekend, in coppia con il rapper bianco Eminem. Sorprende invece nelle ballad Beam me up e The Great Escape, quasi versione acustiche, e Run, dove mostra il suo lato più malinconico e riflessivo. Un disco davvero riuscito, con pezzi forti ed orecchiabili, che segnano il ritorno di una grande Pink e della sua originaria ritrovata verve.

 

Cher: in coppia con Timbaland per il nuovo album

cher.jpg

A undici anni dal suo ultimo album di inediti, Living Proof (2001), Cher sta pensando di ritornare alla musica. La cantante, una delle precorsici del genere dance già alla fine degli anni ’90 con Believe, secondo il Daily Star sembra che abbia registrato una traccia con il produttore hip hop Timbaland. Cher secondo quanto riporta il magazine britannico pare voglia fare un ultimo tour: «È stato grande lavorare alla canzone di Timbaland stanotte» ha twittato la cantante. Attraverso il micro-blogging twitter, Cher ha continuato ad aggiornare i suoi fan sulle fasi di registrazione del suo nuovo album, spiegando che per la mega hit Believe, venne utilizzato il noto software Auto-tune perché il brano da solo sembrava non funzionare: «Ho lavorato sodo la scorsa notte – ha aggiunto la botulinica cantante – sono entrata in studio ed ho cantato per novanta minuti. Non mi piace stare seduta fino a che il brano è finito. Io sono veloce. Molti artisti impiegano un sacco di tempo per farlo, ma più tempo non avrebbe reso la mia voce migliore».

Il disco pare che sarà orientato ad un sound dance. Il suo portavoce qualche tempo fa aveva confermato che la cantante ha registrato un brano, The Greatest Thing, scritto da Lady Gaga e prodotto da RedOne, ma pare che nel disco troverà spazio anche un brano scritto per l’artista da Pink. Non c’è ancora una data d’uscita, ma l’ottavo album da studio di Cher pare sarà pubblicato a Dicembre.

Pink presenta la tracklist ufficiale di “The Truth about love” in arrivo a settembre

Pink.jpg

P!nk Album Artwork Truth Abotu Love.jpgAnticipato dal singolo Blow me (one last kiss), entrato nella top twenty americana, The Truth about love, la verità sull’amore, il nuovo album di Pink sarà nei negozi di dischi il prossimo 18 Settembre. Oggi la cantante dalla (ex) crestina rosa, ha ufficialmente presentato la tracklist che andrà a comporre questo nuovo attesissimo lavoro discografico, il primo dalla sua gravidanza. Il successo del primo singolo estratto ha fatto di Pink la terza cantante, dopo Rihanna e Beyoncé, con il maggior numero di brani nella top ten statunitense dagli anni 2000, con ben venti piazzamenti tra i primi dieci posti della Billboard Chart negli ultimi dodici anni.

The Truth about Love si comporrà di tredici tracce, eccole:

 

01 Are We All We Are

02 Blow Me (One Last Kiss)

03 Try  

04 Just Give Me A Reason

05 True Love

06 How Come You’re Not Here

07 Slut Like You

08 The Truth About Love

09 Beam Me Up

10 Walk Of Shame

11 Here Comes The Weekend

12 Where Did The Beat Go?

13 The Great Escape

Pink: a settembre con la verità sull’amore

Pink The Truth about LOve.jpg

Anticipato dal singolo Blow me (one last kiss), lanciami (un ultimo bacio) [letteralmente soffiami], già in rotazione radiofonica, e sulla piattaforma digitale iTunes, il nuovo album di Pink s’intitola The Truth about love, la verità sull’amore, e sarà pubblicato il prossimo 18 Settembre. Nel frattempo però la cantante dalla (ex) chioma rosa, ha pubblicato in queste ore l’artwork di copertina del disco. Sulla scia della copertina del singolo, che ha fatto da apripista a questo nuovo lavoro, il primo dalla maternità dell’artista, anche la cover dell’album ricorda le copertine consunte degli LP anni ’70-’80, e vede una Pink, più in forma che mai, con una cresta platino e scarpe rosse dal tacco vertiginoso.

Musicalmente più maturo, il nuovo singolo della cantante, “Blow”, benché abbia avuto una buona accoglienza di critica, non ha proprio brillato nelle classifiche mondiali. Se si eccettua un primo posto nella chart australiana, si è arenato solo al cinquantottesimo posto della prestigiosa Billboard, la classifica statunitense, entrando in top ten solo in Nuova Zelanda, dove riesce a conquistare l’ottavo posto.

Pink ritorna con “Raise your glass” e dice: «Celebrerò un matrimonio gay»

pink-45432.jpg

Anche Pink, come molte delle sue colleghe, celebra i suoi primi dieci anni di carriera, e lo fa tirando un po’ le somme di questa prima decade musicale, pubblicando il suo primo album antologico, intitolato appunto Greatest Hits… So far!!!, I più grandi successi… finora!!!, in uscita il 16 Novembre, ad indicare che questo album non vuole essere un “letargo artistico” riposando sulle vecchie glorie che l’hanno resa celebre, ma vuole rappresentare una nuova base di partenza per dare avvio ad una nuova fase musicale. A trainare questo primo best of della cantante l’immancabile brano inedito, probabilmente primo di almeno un paio di canzoni mai pubblicate, che tenterà dunque di far scalare le classifiche all’antologia. Il pezzo in questione s’intitola Raise Your Glass, già in radio: «Celebrerò un matrimonio gay – dice Pink al sito InDemand a proprosito del videoclip, che sta girando in queste settimane – non sono un ministro. Sicuramente la tipica me psicotica, con ottantamila cose diverse».

Il tema della clip, rivela poi la cantante, è ispirato ad una esperienza di vita reale: «Ho partecipato al matrimonio della mia migliore amica nel cortile, lei è gay ed ha sposato sua moglie, ed è stato assolutamente bellissimo. Alla fine di tutto, sua madre ha detto “Perché tutto ciò non potrebbe essere legale?” e si è messa a piangere. È stata la cosa più straziante che io abbia mai visto, ecco perché lo sto facendo nel mio video».

Eminem: il secondo singolo è con Pink

eminem.jpgIeri è stato pubblicato on-line Won’t back down, secondo singolo estratto dal nuovo album di Eminem, Recovery. La traccia, lanciata via web da RapRadar.com, vede la collaborazione di Pink ed ha subito fatto un boom di ascolti on-line.

Il rapper bianco ha parlato del suo nuovo progetto discografico durante una tournée in Francia. Recovery, come già accennato qualche post fa, vede la collaborazione di firme prestigiose del panorama musicale, tra cui anche Rihanna e Lil Wayne.

Pink, ha spiegato il cantante, è stata aggiunta soltanto dopo alla traccia, quando quest’ultima era già completata: «Quando ho completato la canzone che ho fatto con Pink – ha detto il rapper – ho messo prima la mia parte e una sorta della sua voce, ed ho capito che con questo brano avrebbe spaccato».

Il brano è il secondo singolo ufficiale del rapper americano che con Not afraid, primo estratto di Recovery, ha debuttato direttamente alla numero uno della Billboard chart.