Cher: in anteprima on-line “Closer to the Truth”

Cher closer to the truth.jpg

A giudicare dalla copertina del suo album, più che vicina alla verità, come recita il titolo, Closer to the Truth, Cher sembra vicina alla fonte dell’eterna giovinezza, o di chi, grazie a luci e Photoshop, della vecchiaia, almeno in foto e in video, proprio non vuol sentirne parlare. A 67 anni suonati infatti, la cantante, dopo ben undici anni di silenzio, ha deciso di riaffacciarsi sul mondo della musica, per dimostrare ancora di essere quella donna dei record, capace di vincere tutti i premi possibili nel mondo del cinema e della musica. Da qualche ora integralmente disponibile in streaming on-line, l’album della cantante-attrice, nell’edizione standard, si compone di undici brani. Era difficile superare un album-capolavoro come Believe (dell’ormai lontano 1999), ma Cher sembra aver regalato ai suoi fan un valido nuovo capitolo alla sua carriera musicale. Tra i pezzi migliori, oltre al primo singolo estratto, Woman’s World, c’è di sicuro Takes it like a man, che lo segue a ruota, e Dressed to Kill. Pezzi dance, venati di elettronica, e forse un po’ troppo vocoder, da nascondere, più che evidenziale, la voce dell’artista, ma senza dubbio orecchiabili e godibili. Tra i pezzi da segnalare Lovers Forever, che all’elettronica mixa una bellissima parte orchestrale. La tracklist si chiude con tre ballad molto belle, in cui è possibile ascoltare davvero Cher: Favorite Scars, I Hope You Found it, e, la migliore in chiusura, Lie to Me.

Cher: giovanissima e biondissima sulla copertina di “Closer to the Truth”

Cher - Closer to the Truth (cover).jpg

Biondissima e giovanissima. Gli sforzi pioneristici di Cher per non arrivare alla vecchiaia sembrano dare i risultati sperati, almeno a giudicare dalla copertina di Closer to the Truth, vicina alla verità, l’imminente nuovo album dell’artista, che ne segna il ritorno alla musica dopo quasi dodici anni di assenza, e da cui è tratto il primo singolo, Woman’s World, del quale la cantante, qualche giorno fa, ha presentato il singolo sperato. Quello di Cher dunque è un ritorno alla musica, sì, ma anche un ritorno all’amata dance che nel 1999 con Believe, anticipando i tempi, le regalò quella notorietà e fama tra le allora nuove generazioni di adolescenti. 

Il disco, secondo i primi leak della rete, potrebbe contenere il fantomatico duetto con Lady Gaga, The Greatest Thing. Nel frattempo Woman’s World è riuscito a regalare all’artista ancora qualche soddisfazione, a cominciare dal primo posto nella classifica dance americana, e rientrando nella top twenty delle altre charts.

Britney cede (ancora) a Photoshop: più giovane e magra col ritocco digitale

32535.jpg

article-1370542-0B5DE88700000578-743_306x554.jpgAncora Britney, ancora Photoshop. La stampa inglese proprio non è clemente verso la principessa del pop, ritornata oggi con il suo nuovo disco Femme Fatale, e dopo lo “scandalo” dei ritocchi digitali per le foto dell’ultima campagna pubblicitaria per Candie’s, il Mail Online punta adesso il dito contro gli scatti promozionali del settimo album da studio dell’artista, pubblicati dalla Jive Records, storica etichetta discografica della Spears, per supportarne l’uscita. Nelle foto infatti Britney appare come una vera femme fatale, irresistibile e bellissima, ma, soprattutto, in gran forma. Non solo il computer avrebbe fatto apparire la cantante di almeno dieci anni più giovane, ma le avrebbe donato una straordinaria forma fisica in realtà mai raggiunta. A dimostrarlo l’ultima esibizione dal vivo di Britney girata a San Francisco per il programma televisivo Good Morning America, dove la cantante sarebbe apparsa appesantita e forzatamente strizzata in un completino di pelle, che ha, ingloriosamente, mostrato le sue burrose forme. Insomma, se anche Femme Fatale (leggi il post della recensione), a dispetto di tutto, è un ottimo disco, con pezzi di grande impatto come I wanna go e Drop dead (Beautiful) con la giovane rapper Sabi, oltre i due singoli già estratti, il fisico della cantante è lontano anni luce dalla tonicità e forma degli esordi.

BRITSEXY.jpg

Britney Spears e lo zampino di Photoshop per Candie’s

Britney Spears.jpg

Forse avrà anche ritrovato la sua silhouette Britney Spears, paparazzata mentre si dirigeva allo studio di registrazione di nuovo tonica e in forma, ma non per questo la cantante disdegna un aiutino digitale per avere un aspetto fresco e giovane. Secondo il malpensante Daily Mail infatti, nella nuova campagna pubblicitaria di Candie’s ci sarebbe lo zampino dell’airbrush di Photoshop. Il magazine inglese accuserebbe infatti la Spears di apparire di almeno dieci anni più giovane, come al suo esordio alla fine degli anni ’90 quando era soltanto una delle tante teen star.

Nel nuovo spot Britney, la cui colonna sonora è una versione instrumental di Piece of me, Britney si diverte a posare come una modella scarpe, giubbotti e magliette coloratissime, mentre alcuni flash mostrano la collezione in edizione limitata firmata dall’artista per la casa di moda di cui è testimonial. La linea di abbigliamento firmata dalla Spears sarà in vendita in esclusiva nei negozi Kohls a partire dal prossimo mese.

Jessica Simpson: digitalmente magra per “Lucky Magazine”

Jessica Simpson - Lucky mag.jpg

1281013658_jessica-290.jpgNon è stata di certo attenta alla linea Jessica Simpson, che di recente è stata fotografata su alcuni red carpet lievemente ingrassata. Sempre più donna di spettacolo e meno cantante, la Simpson è recentemente impegnata nel nuovo programma di MTV, The Price of Beauty, il prezzo della bellezza, show itinerante in cui la bella cantante (?) texana, insieme alle sue migliori amiche, Ken Paves e CaCee Cobb, girando il mondo per studiare le diverse culture e considerazioni sulla bellezza e ciò che sono disposte a fare le donne dei vari paesi pur di ottenerla. La polemica che da qualche giorno sta facendo il giro della rete, riguarda alcuni scatti sospetti della Simpson per il magazine americano Lucky, reo di aver ritoccato digitalmente le foto dell’artista, facendola apparire più tonica e magra, subito confrontate da US Magazine con scatti recenti tratti da alcune apparizioni pubbliche di Jessica. E le immagini non lasciano spazio ai dubbi, per gli occidentali bellezza fa ancora rima con magrezza! Tra l’altro, ammettiamolo, la foto di copertina del magazine non è nemmeno un gran che. Ah, e dire che Botero ha ritratto soggetti rigorosamente grassi!

Photo_jacket_322.jpg