Mika pubblica “Songbook Vol. 1”: nel best of il giudice di X Factor duetta con Chiara

mika-songbook-vol-1.jpg

Tempo di festa, tempo di best of. Come ormai risaputo il Natale è il periodo dell’anno più adatto per pubblicare un antologico, che ripercorra la carriera e si trasformi nel perfetto regalo per amici e parenti. Se sul fronte italiano Laura Pausini, con il suo 20 Greatest Hits, ha catalizzato su di sé l’attenzione, su quello internazionale sono tanti gli artisti che hanno deciso di tirare il punto della situazione. Tra questi Mika, che, diventato giudice di X Factor Italia, pubblica adesso Songbook Volume 1, tirando le somme di questi primi sei anni di carriera. Probabilmente per un best of è un po’ prestino, e tre album in archivio sono forse un po’ pochi da riassumere, ma mai momento fu (mediaticamente) migliore. Celebri infatti sono le citazioni del cantante libano-inglese sul web, in un italiano spesso azzardato, confuso e divertente. Il disco è in compenso il modo ideale per (ri)scoprire l’artista dal debutto con Grace Kelly a Relax, da Rain a Happy Ending. Tante le collaborazioni collezionate dall’artista in questi anni da Pharrell Williams che ritroviamo in Celebrate a Ariana Grande in Popular Song, fino al produttore Benny Benassi. Nel disco trova posto anche un duetto con Chiara, ultima vincitrice di X Factor, che canta con lui Stardust. Songbook è infatti un disco X-Factor-centrico e orientato forse più al pubblico italiano che all’estero, ma l’ideale per apprezzare la musica del cantante.

Natale in musica: le uscite discografiche per vivere la magia delle feste

collage.jpgSe quest’anno ad annunciare il Natale non è stato uno spot della CocaCola, come tradizionalmente è successo negli ultimi anni, ma uno di ikea, almeno certe cose non cambiano mai: anno che vai, strenne natalizie che trovi. Dopo il best-seller tutto italiano di Andrea Bocelli prima (2009), e di Michael Bublé dopo (2011), quest’anno sembra siano prevalentemente le donne a tentare la scalata alla classifica di Natale. Prima nell’ordine Kelly Clarkson. L’ex vincitrice di American Idol, dopo il suo primo Greatest Hist (Chapter One), e il singolo Tie it up, la Clarkson debutta con la sua prima compilation delle feste: Wrapped in Red, pubblicata lo scorso 25 Ottobre. Ad ispirare la cantante non sono i tradizionali canti di Natale, ma brani ispirati a film natalizi: dal 1954 ad oggi, sono tante le pellicole, e i rispettivi temi musicali, che ritroviamo nel disco della cantante. Dal White Christmas di Bing Crosby a Love Actually al Natale di Charlie Brown.

Per gli amanti dell’R&B anche la cantante Mary J Blige ha deciso di calarsi nel pieno clima di alberi e lucette con A Mary Christmas. Pubblicato il 15 Ottobre del 2013, l’album è una raccolta dei classici di Natale: da Little Drummer Boy a Do You Hear What I Hear?  fino a Have Yourself a Merry Little Christmas.

Non è veramente Natale senza un album di Susan Boyle. L’ex rivelazione di Britain’s got Talent, se con The Gift strizzava appena l’occhio al Natale, quest’anno è nel pieno della festa con Home for Christmas. Lungo la tracklist troviamo anche un duetto virtuale con Elvis Presley ed uno, reale, con il gruppo The Overtones. Il disco è parte della colonna sonora del film The Christmas Candle, che segna il debutto cinematografico della cantante.

Ma non sono soltanto le donne a tentare l’impresa del Natale: anche Chris Mann, del team di Christina Aguilera per il talent The Voice, ha pubblicato quest’anno, come la Boyle, un album dal titolo Home for Christmas: undici classici delle feste, tra musica pop e opera.

Quattro album, quattro artisti, quattro stili diversi per emozionarsi e vivere la magia del Natale.

Sophie Ellis Bextor torna con “Wanderlust”: a gennaio nuovo album e nuovo sound

Sophie-Ellis-Bextor-Wanderlust-2013-1200x1200.png

Bella quanto brava, Sophie Ellis Bextor si appresta a ritornare sulla scena musicale a due anni di distanza dall’album Make a Scene. Ed è un disco molto atteso Wanderlust, questo il titolo, la cui data di uscita è fissata per il prossimo 20 Gennaio. Il quinto lavoro da studio dell’artista si preannuncia come un album di maturazione artistica. Lo scorso maggio infatti la cantante britannica ha regalato ai suoi fan il download gratuito della demo del brano Young Blood, un pezzo quasi acustico, in cui la voce limpida di Sophie è accompagnata dal solo piano, prendendo quasi le distanze dalla musica pop e dance che finora aveva caratterizzato il sound dei suoi precedenti lavori.

Le sessioni di registrazione del disco sono terminate lo scorso giugno, così come la stessa cantante ha annunciato via twitter qualche tempo fa e, come promesso, la Bextor sta aggiornando i suoi fan attraverso tutti i canali social. L’ultima news, appena di pochi giorni fa è la pubblicazione della cover del disco, dove Sophie, come sempre bellissima, è seduta ad un tavolo, con i caratteri del disco e del suo nome che sembrano quasi scritti in cirillico.

Ma le sorprese non finisco qui. Sophie ha pubblicato uno snippet su YouTube dei brani che andranno a comporre questo interessante capitolo musicale. In alcuni pezzi le influenze anni ’60 e ’70 sono evidentissime, ricordando quasi la porta-bandiera del genere, Lana Del Rey, che negli ultimi anni cavalcando l’onda retro ha fatto la sua fama e fortuna. La voce di Sophie è limpida e chiarissima, scevra da effetti elettronici, con una capacità interpretativa che forse la musica pop-dance ci avevano tenuto finora nascosto.

Giorgia: “Senza Paura” per il nuovo album. E ai fan dice: «Almeno provarci!»

Giorgia-Senza-Paura.jpg

Tra gli album più attesi di questo autunno 2013 c’è senza dubbio quello della cantautrice Giorgia. Anticipato dal brano Quando una stella muore, pubblicato lo scorso 4 Ottobre, il disco vedrà la ufficialmente la luce il prossimo 5 Novembre. Se finora il progetto non aveva ancora un titolo, secondo le ultimissime indiscrezioni della rete il nono lavoro da studio dell’artista romana s’intitola invece Senza Paura, così come mostra la cover postata dalla stessa cantante sul suo profilo facebook, e conterrà un duetto con la star britannica emergente Olly Murs, lanciato da X Factor, con il quale l’artista canterà Did I Lose You. Il brano è stato scritto da Busbee, autore del brano Try di Pink, e già autore per Giorgia per l’hit italiana È l’amore che conta, contenuta nel precedente album dell’artista (Dietro le apparenze, 2011).

Il primo singolo estratto dall’album della Todrani si è subito piazzato al primo posto della classifica iTunes, spodestando avversarie temibili come Laura Pausini in duetto con Kylie Minogue e Alessandra Amoroso, dimostrando che anche, e forse soprattutto, la musica d’autore può fare la differenza. 

Il prossimo 3 Maggio invece partirà il tour della cantante che la porterà in lungo e in largo della penisola: prima tappa Padova, fino a toccare tutti i più importanti palazzetti d’Italia: da Rimini ad Ancona, da Torino a Napoli, passando per Milano e Roma.

Kate e Giselle cantano il giorno e la notte: quando la moda si fa musica

gisele and kate.jpg

Da un po’ di anni moda e musica sono ormai un connubio indissolubile, non soltanto per le soundtrack sulle passerelle di tutto il mondo, che devono esprimere l’essenza stessa delle fashion house, ma anche, e soprattutto, perché sempre più spesso le sue protagoniste preferiscono la seconda alla prima. Sono ben due le super top model che in questo periodo hanno deciso di abbandonare momentaneamente i défilé per entrare in studio di registrazione, Gisele Bündchen e Kate Moss. L’occasione però non è del tutto estranea al mondo della moda. Le due modelle infatti hanno inciso due brani per le rispettive campagne che le vedono protagoniste.

 

Diversi gli stili dei brani, così come i caratteri delle due modelle che da anni sfilano sui catwalk internazionali più importanti: è un pezzo dalle atmosfere anni ’70 quello che ha inciso Gisele, All Day and all Night, in perfetta linea con la campagna e lo stile che da qualche anno segue il brand H&M, mentre Kate Moss ha scelto un pezzo lounge, Day and Night, distribuito on-line gratuitamente. Di grido le collaborazioni della top model inglese, che sceglie il Dj canadese Brendan Fallis e il suo collaboratore Andrew Watt, che fondono la voce della Moss con un sax.

Cher: in anteprima on-line “Closer to the Truth”

Cher closer to the truth.jpg

A giudicare dalla copertina del suo album, più che vicina alla verità, come recita il titolo, Closer to the Truth, Cher sembra vicina alla fonte dell’eterna giovinezza, o di chi, grazie a luci e Photoshop, della vecchiaia, almeno in foto e in video, proprio non vuol sentirne parlare. A 67 anni suonati infatti, la cantante, dopo ben undici anni di silenzio, ha deciso di riaffacciarsi sul mondo della musica, per dimostrare ancora di essere quella donna dei record, capace di vincere tutti i premi possibili nel mondo del cinema e della musica. Da qualche ora integralmente disponibile in streaming on-line, l’album della cantante-attrice, nell’edizione standard, si compone di undici brani. Era difficile superare un album-capolavoro come Believe (dell’ormai lontano 1999), ma Cher sembra aver regalato ai suoi fan un valido nuovo capitolo alla sua carriera musicale. Tra i pezzi migliori, oltre al primo singolo estratto, Woman’s World, c’è di sicuro Takes it like a man, che lo segue a ruota, e Dressed to Kill. Pezzi dance, venati di elettronica, e forse un po’ troppo vocoder, da nascondere, più che evidenziale, la voce dell’artista, ma senza dubbio orecchiabili e godibili. Tra i pezzi da segnalare Lovers Forever, che all’elettronica mixa una bellissima parte orchestrale. La tracklist si chiude con tre ballad molto belle, in cui è possibile ascoltare davvero Cher: Favorite Scars, I Hope You Found it, e, la migliore in chiusura, Lie to Me.

Britney Spears: Work Bitch N°1 in 35 paesi, e a dicembre il nuovo album

1275805_10151892598318234_1803290625_o.jpg

1186115_10151890836343234_143233961_n.jpgBritney Spears ritorna e lo fa in grande stile. A pochi giorni dalla pubblicazione di Work Bitch, brano che anticipa l’ottavo album da studio dell’artista, la cantante della Louisiana è già al primo posto della classifica digitale in ben trentacinque paesi. Work Bitch è senza dubbio il brano più sperimentale della Spears, ma anche il pezzo più audace di questo autunno ormai alle porte: se Katy Perry e Lady Gaga infatti sono rimaste legate al loro genere, quello pop-rock per l’una, e la dance per l’altra, Britney ha osato ed è andata oltre, con un pezzo che sfocia nell’house puro, regalando ai fan uno di quei pezzi che farà ballare i dancefloor e i club di tutto il mondo. Il pezzo è ipnotico sin dal primo ascolto, e vede la Spears elencare una serie di beni di lusso per i quali: “you better work bitch”, è meglio che lavori str**za.

Sin dalla cover del singolo in molti avevano presagito lo stile di Las Vegas, citato da Britney per un presunto contratto per una serie di spettacoli. È proprio di queste ore infatti la conferma di tale roumors che da tempo ormai si rincorreva in rete. Britney ha infatti firmato un contratto biennale per “Piece of Me”, spettacolo, che prende il nome da un noto brano dell’artista, che la terrà impegnata per cinquanta show circa, che la Spears terrà al Planet Hollywood di Las Vegas a partire dal prossimo 27 Dicembre. Per questo progetto Britney ha anche rinunciato a fare da giudice per una seconda stagione all’edizione americana di X Factor. Costo dei biglietti vanno da 59 dollari ad un massimo di 179: «Amo Las Vegas – ha detto la cantante durante lo show mattutino Good Morning America – l’energia lì è straordinaria». Secondo quanto riporta il sito TMZ.com Britney avrebbe firmato per quindici milioni all’anno, circa 310,000 dollari a spettacolo.

Ma le buone notizie per i fan non sono finite. La cantante ha infatti ufficializzato la data d’uscita del suo prossimo disco, seguito di “Femme Fatale” (2011): il prossimo 3 Dicembre infatti arriverà sugli scaffali di tutto il mondo l’ottava fatica discografica di Britney Spears, il cui titolo è ancora avvolto nel mistero. Per ora ascoltiamo l’ipnotica Work Bitch! 

Britney Spears: in forma smagliante per “All Eyes on Me”

1238285_10151866070514316_1095686103_n.jpg

Britney Spears sta tornando e, a giudicare dalle prime immagini che la cantante sta postando in rete, ricorda molto la Britney-prima-maniera: capelli biondi corti mossi, fisico asciutto, vaga trasgressione e tanta voglia di scalare ancora le classifiche. A quattro giorni dall’uscita di Work Bitch, questo il titolo del nuovo singolo, la Spears diffonde su facebook una foto dell’artwork di copertina, che la ritrae in un camerino con un giacchetto di piume turchese, e quell’aria vagamente sfrontata da cattiva ragazza che i fan non vedevano da tempo, a metà strada tra Oops! I did it again e la Circus-era, ricordando vagamente Las Vegas, forse a supporto di un contratto che la cantante avrebbe firmato, impegnandosi in una serie di spettacoli appositi per la capitale del gioco. La cantante della Louisiana ha svelato sul suo account instagram gli autori del brano, tra i quali troviamo Sebastian Ingrosso, Dj e produttore svedese, del trio Swedesh House Mafia. La presenza del Dj svedese di certo è indice di un brano dance, che promette scintille. Co-autore del pezzo William Adam, altrimenti noto come Will.i.am, leader dei Black Eyed Peas.

Smessi i panni della Femme Fatale, Britney rivuole adesso il suo posto di teen-idol, capace però di abbracciare ancora quel pubblico che adolescente non lo è da un bel pezzo. Work Bitch arriverà in promozione su iHeartRadio lunedì 16 Settembre, alle sei del pomeriggio (ora americana), mezzanotte ora italiana, mentre arriverà su iTunes sei ore dopo, alla mezzanotte ed un minuto del prossimo 17 Settembre.

Forte del successo planetario di Scream&Shout con Will.i.am, per questo disco, il cui titolo è ancora top-secret, la cantante potrà contare ancora sul leader dei Black Eyed Peas, e sulla preziosa collaborazione di Orbit, già a lavoro per Ray of Light di Madonna alla fine degli anni ’90.

Il countdown che da oltre un mese troneggia sul sito ufficiale dell’artista è dunque quasi giunto al termine.

 

Britney sta per tornare, e i fan presto potranno gridare ancora: «It’s Britney, bitch!».

1234510_10151869631628234_28712436_n.jpg


Alessandra Amoroso torna con “Amore Puro”, scritto da Tiziano Ferro

alessandra amoroso-amore puro-cover.jpg

Il 2013 è senza dubbio l’anno dei ritorni. Se sul fronte straniero ci sono nomi del calibro di Lady Gaga, Katy Perry e Britney Spears, preannunciando un autunno rovente, a suon di hit e stacchetti, su quello italiano abbiamo pezzi da novanta come Laura Pausini, Giorgia ed Elisa. Ma tra le artiste italiane che ritornano sulla scena musicale, c’è anche lei, Alessandra Amoroso, l’ex stella del talent Amici, che con questo disco ambisce a lanciarsi definitivamente nel firmamento degli artisti italiani che contano. La cantante salentina ritorna infatti con Amore Puro, album, in uscita a fine anno, anticipato dal singolo omonimo in rotazione radiofonica e digital download da venerdì 30 Agosto. Il pezzo porta la firma prestigiosa di Tiziano Ferro, che di quest’album è anche produttore. Così come anticipato dalla stessa Amoroso sui suoi social network nelle passate settimane.

Il brano è una ballad, con un testo davvero notevole che ben evidenzia la voce di Alessandra Amoroso. Del brano Ferro non è soltanto autore, ma anche corista: la sua voce infatti compare in sottofondo in uno dei momenti più belli del brano.

Molto atteso questo lavoro della Amoroso. Ferro infatti non è la sola novità. Tra le collaborazioni illustri c’è anche la firma di Kekko Silestre, leader dei Modà, che per la Amoroso ha scritto Il solo al mondo.

Katy Perry 1 Lady Gaga 0: è iniziata la guerra per il primo posto della classifica

17748_10151533630671466_1769887828_n.jpg

Protagoniste di questa settimana, manco a dirlo, sono state loro, Katy Perry e Lady Gaga, che con i brani Roar e APPLAUSE (si scrive proprio così), che anticipano i loro nuovi album, rispettivamente Prism e ARTPOP, hanno catturato l’attenzione dei media musicali e non solo. Ma c’è una piccola delusione per le due regine delle classifiche, che nella loro settimana di debutto, hanno entrambe mancato il fatidico primo posto. Un po’ meglio la Perry che con la sua Roar si è aggiudicata un dignitoso secondo posto, sottostando però a Robin Thicke, Pharrell e T.I., i quali con Blurred Lines da ben undici settimane sono ormai stabili al primo posto della classifica statunitense. Sesto posto invece per Lady Gaga, che si è vista superare da Miley Cyrus e la sua We can’t stop, che dopo tre settimane (non consecutive) al secondo posto, scende al terzo, Radioactive degli Image Dragon al quarto, e la collaudatissima coppia artistica Jay-Z featuring Justin Timberlake, con il singolo Holy Grail. 

Con il suo album Teenage Dream, Katy Perry aveva eguagliato il record detenuto da Bad di Michael Jackson, piazzando ben cinque singoli al primo posto estratti da un unico disco. Mentre Lady Gaga, con questo sesto posto segna il suo terzo debutto più alto, dopo Born this way, The Edge of Glory e You and I. Chi riuscirà a conquistare il primo posto nelle prossime settimane?