Miley Cyrus: regina degli EMA 2013 e delle provocazioni

miley.JPG

miley cyrus ema 2013 red carpet.jpgIeri si sono svolti ad Amsterdam gli Europe Music Awards, gli irriverenti premi della musica europea, giunti quest’anno alla diciannovesima edizione. E la protagonista indiscussa non poteva che essere ancora una volta lei, Miley Cyrus che, dopo gli Video Music Awards di quest’anno, ha bissato la sua trasgressiva performance con Robin Thicke, in cui ha ripetuto il “twerking”, il provocatorio strusciarsi a novanta. Ma quello non è stato l’unico momento in cui la cantante si è messa in mostra: già sul tappeto rosso, infatti, la regina delle teenagers, ha fatto parlare di sé per una mise succinta, simil-passeggiatrice, che ha lasciato ben poco all’immaginazione. Ma Miley è andata oltre e, per tener fede alla sua fama di cattiva ragazza, ha persino fumato sul palco ritirando il premio di miglior video per Wrecking Ball, clip in cui l’artista è completamente nuda su di una palla da demolizione.

Ma se è stata Miley la protagonista indiscussa della serata, i premi hanno visto trionfare altri nomi della musica contemporanea, da Katy Perry, che si conferma come miglior artista femminile, a Beyoncé per il miglior live. Grande delusione per Rihanna, che ha visto strapparsi il titolo di miglior canzone da Bruno Mars con la sua Locked out of heaven, e Lady Gaga, nominata in quattro categorie senza portare a casa alcun premio.

miley-cyrus-lights-blunt-on-stage-wins-mtv-ema-award-04.jpg


 

Best song:

Bruno Mars, “Locked out of heaven”

 

Best hip hop:

Eminem

 

Best alternative:

Thirty Seconds To Mars

 

Best female:

Katy Perry

 

Best male:

Justin Bieber

 

Worldwide act:

Chris Lee

 

Best video:

“Wrecking ball”, Miley Cyrus

 

Best live:

Beyoncé

 

Best rock:

Green Day

 

Best electronic:

Avicii

 

Best look:

Harry Styles

 

Best world stage:

Linkin Park

 

Biggest fan:

 

Tokio Hotel

Miley Cyrus: da teen idol a icona sexy. Quando il sesso vende

Miley-Cyrus-Wrecking-Ball-Video-Stills-20.jpg

Miley Cyrus, discografia, filmografia, fidanzato, Liam Hemsworth, classifiche, we can’t stop, wrecking ball, youtube, video, vevo, album, disco, cd, 2013, look, capelli, BangerzIn molti la ricordano per i recenti successi di We can’t stop e per l’incredibile primo posto in classifica del secondo singolo Wrecking Ball, brani che anticipano l’imminente album Bangerz in uscita l’8 Ottobre. Ma Miley Cyrus calca le scene musicali, e non solo, da anni. La cantante infatti è giunta alla notorietà con la nota sit-com Disney Hanna Montana, in cui interpretava l’omonima protagonista dalla doppia vita: di giorno teenager qualunque e di notte segretamente popstar. Prima di strusciarsi contro il bel Robin Thicke sul palco dei Video Music Awards 2013, trasformandosi nella vera protagonista della serata, Miley ha recitato in diverse pellicole come LOL – Pazza del mio migliore amico con Demi Moore, remake dell’omonimo film francese, The Last Song, e collezionando un cameo persino nel secondo film cinematografico di Sex and the City, dove indossava lo stesso abito di una delle protagoniste. Ma in pochi probabilmente se ne ricorderanno. Miley infatti, prima della trasgressiva cresta platino, con rasatura ai lati, aveva fluenti capelli castani e grandi occhioni, ed era passata dall’essere la protagonista di un serial per ragazzi a fidanzatina d’America cantando pezzi come Party in the USA e, tra i più “trasgressivi”, Can’t be tamed, iniziando una vaghissima trasformazione in bad girl che non poteva essere domata.

Per il suo quarto album da studio la cantante-attrice ha così deciso un radicale cambio di immagine e di sound, avvicinandosi molto più a Rihanna, di quanto prima invece non fosse, cantando il brano We can’t stop inizialmente pensato per la bella cantante delle Barbados, che è rimasto per settimane stabile al terzo posto della Billboard Chart. La Cyrus è riuscita a mantenere alta l’attenzione su di sé con un nudo integrale nel video del secondo singolo, diretta dall’irriverente fotografo Terry Richardson e totalizzando quasi venti milioni di visualizzazioni su YouTube diventando il video più visto in così poco tempo della piattaforma VEVO. Una trasformazione che l’ha portata ai vertici delle classifiche degli States e all’attenzione dei media, all’indomani della già confermata rottura dal fidanzato, l’attore Liam Hemsworth conosciuto sul set di The Last Song, che, ancora una volta, dimostra che il sesso vende… più del talento.

 

Justin Timberlake trionfa ai VMA 2013

justin_timberlake_vmas_h_2013.jpg

Giunti alla ventinovesima edizione, i Video Music Awards di quest’anno erano particolarmente attesi per le performance di due nuove regine nascenti della musica internazionale: Katy Perry e Lady Gaga, che si sono sfidate a colpi di ultimi singoli, Roar e APPLAUSE, e stacchetti ammiccanti. Mentre la Perry si è esibita sotto il ponte di Brooklyn, dando vita ad un vero e proprio ring di pugilato (idea, diciamolo, non proprio originalissima), Lady Gaga, come molte sue dive contemporanee o meno, da Britney Spears a Madonna, ha deciso di auto-celebrarsi, portando sul palco le “Gaga” che si sono succedute nel tempo, da Pokerface a Telephone, fino a restare quasi nuda sul palco.

Ma a rubare la scena alle due dive è stato lui, Justin Timberlake con l’attesissima reunion della sua band, gli *nsync, ed è stato proprio Timberlake uno dei principali protagonisti della serata, portando a casa ben tre premi per la bellissima clip di Mirrors, straordinariamente bella come un cortometraggio, e per il montaggio di Suit & Tie, che l’ex nsync canta in coppia con Jay-Z. E di sicuro questi premi si preannunciano come portafortuna per la seconda parte dell’album The 20/20 Experience, che verrà pubblicata, anche in edizione Deluxe, a fine anno.

Tra le rivelazioni della serata, come c’era da aspettarsi d’altronde, le ex stelline della Disney Selena Gomez e Miley Cyrus: le due cantanti infatti hanno mostrato una verve sexy e comica, dimostrando di non essere più le giovani protagoniste di sit-come per ragazzi, ma artiste mature pronte a catapultarsi nello star-system dei cantanti che contano davvero.

Ecco tutti i vincitori della serata.

 

Video of the Year: Justin Timberlake, Mirrors

Best Hip-Hop Video: Macklemore & Ryan Lewis feat. Ray Dalton, Can’t Hold Us

Best Male Video: Bruno Mars, Locked Out of Heaven

Best Female Video: Taylor Swift, I Knew You Were Trouble

Best Pop Video: Selena Gomez, Come & Get It

Best Rock Video: Thirty Seconds to Mars, Up in the Air

Best Art Direction: Janelle Monae feat. Erykah Badu, Q.U.E.E.N

Best Choreography: Bruno Mars, Treasure

Best Direction: Justin Timberlake feat. Jay-Z, Suit & Tie

Best Editing: Justin Timberlake, Mirrors

 

Best Visual Effects: Capital Cities, Safe and Sound

Miley Cyrus si ispira a Rihanna e batte Justin Bieber!

miley cyrus.jpg

Tempo di record per Miley Cyrus, o forse sarebbe più corretto dire “a tempo di record”. Con un taglio nuovo e, forse, un fidanzato in meno (ha appena rotto con Liam Hemsworth), l’ex Hanna Montana è ritornata alla musica, svestendo i panni della teen idol Disney per indossare quelli un po’ da femme fatale della cantante pop. La trasformazione pare aver sortito l’effetto sperato: il video del singolo we can’t stop, che anticipa il nuovo album della cantante, ha infatti totalizzato dieci milioni e settecento mila visualizzazioni su VEVO in meno di ventiquattrore, battendo il record detenuto da Justin Bieber con la sua Beauty and the Beat, che aveva invece totalizzato nel primo giorno dieci milioni e sei.

 

Il brano, scritto originariamente per Rihanna, di cui ne riprende palesemente lo stile, è un midtempo pop, e il prossimo 18 Agosto vedrà la pubblicazione di una versione in cui vi prenderà parte anche Will.i.am, leader dei Black Eyed Peas.

La bella Miley Cyrus si fidanza con il fratello minore di “Thor”

Miley-Cyrus-Liam-Hemsworth.jpg

Galeotto fu il set di The Last Song, nell’ormai lontano 2009, quando la giovanissima Miley Cyrus, oggi diciannovenne, ha conosciuto l’attore Liam Hemsworth, da allora, nella realtà, come nella finzione scenica, è stato amore a prima vista. La notizia di queste ora è che la bella attrice, e cantante, si è oggi ufficialmente fidanzata con il bel protagonista di Hunger Games, nonché fratello minore del possente Thor (l’attore Chris Hemsworth), conquistando così subito le prime pagine dei settimanali di gossip statunitensi e le pagine telematiche del settore musicale, e non solo.

Secondo quanto riporta oggi mtv.com infatti, il ventiduenne attore australiano avrebbe chiesto alla Cyrus di sposarlo, con un diamante di quasi quattro carati: «Sono così felice di essermi fidanzata – ha subito rivelato l’attrice a People magazine – e di guardare ad una mia vita futura di felicità con Liam».

Non c’è ancora una data di nozze ufficiali, la coppia infatti è impegnata su più fronti con i propri impegni professionali: Miley infatti sta registrando il suo quarto album da studio, mentre Liam sta ultimando le riprese del film Empire State a New Orleans, e dopodiché sarà impegnato nelle riprese del film Paranoia, al fianco di Harrison Ford e Gary Oldman, prima di ritrovarsi sul set del seguito di Hunger Games.

Scandalosa Miley Cyrus: più sexy che mai, copia le regine della musica

Miley Cyrus.jpg

Miley-1.jpgSe con Can’t be tamed, primo singolo del nuovo album omonimo, Miley Cyrus aveva dichiarato la propria indipendenza dal personaggio bambinesco di una sit-com Disney, asserendo letteralmente di “non poter essere domata” come un animale selvaggio in gabbia, con il secondo singolo, Who owns my heart, chi possiede il mio cuore, l’ex Hanna Montana da avvio a quella che possiamo definire una personale rivoluzione sessuale. Più donna e meno ragazzina, la Cyrus nella clip, che accompagna l’uscita del brano, appare più sexy che mai, al punto da suscitare lo scalpore dei genitori americani, attoniti dinanzi a tanto sesso “urlato”. Le tematiche, a dire il vero, non sono proprio originali nel mondo del pop e della videografia musicale americana, tante altre star prima di Miley hanno deciso di scoprire il proprio sex appeal per vendere dischi: da Britney Spears a Christina Aguilera, da Jamelia a Jennifer Lopez, passando per l’antesignana Madonna fino ad arrivare alla trasgressiva Lady Gaga. Ed è proprio a queste regine della musica che Miley si ispira, “rubando” qualche idea alle clip che hanno decretato il successo musicale, e non solo, delle sue colleghe.

Who owns my heart è un pezzo dance che strizza l’occhio al rock, davvero molto orecchiabile e di facile impatto, e vede una Miley dimenarsi in lingerie in camera da letto, si trucca sinuosa in bagno, si dimena in auto e si scatena ad una festa. Deja vù? Può darsi, ma del resto le piccole teen star contemporanee dovranno pur iniziare in qualche modo.

Miley-4.jpg
Miley-2-2.jpg
Miley-3.jpg

Anche Katy Perry bacia una ragazza… e le è piaciuto!

Kary Perry.jpg

Come recitava il testo della sua canzone di debutto, I kiss a girl (and i like it), Katy Perry ha baciato una ragazza e a quanto pare le è piaciuto. La cantante, che sta sbaragliando la concorrenza dominando da settimane la Billboard Chart con California Gurls, ha infatti baciato una donna sulla bocca dopo uno shooting fotografico a Parigi.

Ormai è ufficiale: il bacio lesbo è diventato un must per le cantanti contemporanee, e forse la provocazione sarebbe quella di astenersi dal seguire tale moda e così dopo le antesignane Madonna e Britney, dopo Miley Cyrus e Kylie Minogue (appena qualche giorno fa al Festival di Glastonbury) anche Katy Perry si aggiunge alla lista delle artiste femminili che quest’anno si sono abbandonate ad un tenero bacio gay. Ma non temete, a dispetto delle provocazioni e dei testi dei suoi brani, la Perry non è un’abitante dell’isola di Lesbo e entro la fine dell’anno, come annunciato, sposerà il suo fidanzato Russell Brand.

Miley Cyrus si trasforma in Carmen Electra ai MuchMusic Awards

Miley Cyrus.jpg

Carmen Electra red.jpgMiley Cyrus è proprio cresciuta. La diciassettenne cantante e attrice americana, che tanto ha fatto parlare la rete di recente per le sue effusioni saffiche al Britain’s got talent e per la foto shock senza slip postata dal blogger Perez Hilton, ad un solo giorno dalla pubblicazione del suo album di debutto, Can’t be tamed, ha sfoggiato un nuovissimo look in occasione del red carpet dei MuchMusic Awards di Toronto (Canada) domenica sera: dallo scatto pubblicato su US Magazine si vede infatti che Miley ha rinunciato ai suoi lunghi capelli, un po’ adolescenziali, sino alla vita, per un più maturo e sofisticato taglio sbarazzino, ma come si evince dalla foto pubblicata dal magazine americano il taglio non è la sola cosa che la Cyrus ha deciso di cambiare, passando così dal castano-rosso ad un più luminoso biondo. Anche il look, in linea con lo stile da bad girl adottato di recente, è cambiato, strizzando il suo seno in un aggressivo completo di pelle nera. Ma con questo nuovo look non trovate che somigli a Carmen Electra (foto lato)?

Miley Cyrus a tinte fosche in “Wake”

miley-cyrus-vanity-fair (1).jpgTra qualche giorno lancerà ufficialmente il suo primo album, Can’t be tamed, ma Miley Cyrus, l’ex Hanna Montana della TV che ha recentemente trovato la consacrazione al cinema con il suo primo ruolo da protagonista in The Last Song, già pensa al futuro: la cantante ed attrice americana ha infatti rivelato di volersi concentrare nei prossimi anni sulla sua carriera attoriale. Secondo quanto si legge sul Daily Star, Miley si starebbe preparando ad affrontare un ruolo più adulto, distante dalla sitcom scanzonata della Disney e dalla adolescente problematica della pellicola tratta dal romanzo di Nicolas Sparks. Il magazine britannico rivela infatti che l’attrice potrebbe essere la protagonista del thriller paranormale Wake, tratto dall’omonimo romanzo di Lisa McMann, edito in Italia da Newton Compton con il sottotitolo Cronache dell’incubo, della collana Vertigo. La Cyrus dovrebbe infatti interpretare Janie, adolescente dall’incontrollato potere di entrare nei sogni degli altri, sogni talvolta a tinte fosche come cadere nel vuoto, camminare nuda o sesso estremo. Una giorno Janie è protagonista di un terrificante gioco perverso, che la urlare spaventata nel cuore della notte.

Wake è il primo volume di una trilogia della quale la produzione del film ha acquistato i diritti per farne un franchising cinematografico, di cui la cantante, secondo quanto riporta Hollywood Reporter, sarebbe la protagonista ideale.

Miley Cyrus: «Non voglio diventare una tr**a»

miley-cyrus.jpg

Se l’intento era quello di provocare una reazione, allora Miley Cyrus c’è senza dubbio riuscita. La cantante ed attrice americana, è passata infatti dai panni angelici di Hanna Montana alla trasgressione di un bacio lesbo sul palco dei Britain’s got talent, e le critiche non sono tardate ad arrivare. Adesso Miley, dalle pagine di MTV News dice: «Non sto provando a diventare una tr**a». Beh di sicuro il suo atteggiamento non è più quello del personaggio della sit-com Disney che interpretava, e lap dance e performance bollenti, non aiutano la cantante a scrollarsi di dosso questa immagine da conturbante bad girl.

«Non sto cercando di essere come una ragazza che va in un club e conquista un gruppo di ragazzi – ha detto la cantante alla presentazione dell’uscita ufficiale del suo album di debutto Can’t be tamed – quello che sto cercando di fare è avere un senso con il mio disco e avere un look coerente nel modo in cui suona il mio album e quello in cui mi vesto».

Un cambiamento solo in superficie dunque per la cantante che asserisce di essere vergine e porta al dito un anello della verginità. La cantante ammette anche di avere una certa predilezione per abiti succinti e minigonne sexy, ma ciò non significa che ci sia qualcosa di male nello scoprire le gambe: «Sto molto bene con il mio corpo – ha aggiunto la cantante – lavoro molto per essere in forma e sapere che posso indossare qualsiasi cosa che mi faccia sentire a mio agio».

«Mi sento molto più a mio agio con meno un po’ meno addosso – chiude infine Miley – ora sono in grado di farlo un po’ più liberamente».