Shakira: on-line la demo dell’inedito “No Joke”

shakira___no_joke__demo___single_cover__by_giancor123-d5ui1mv.png

In questo autunno traboccante di uscite discografiche, italiane e straniere, mancava solo lei, Shakira, la regina colombiana delle classifiche, che con i suoi pezzi latineggianti ha fatto ballare tutto il mondo a colpi di Waka Waka e ululati di She Wolf. Proprio qualche ora fa è trapelata in rete un demo ufficiale dell’artista intitolato No Joke, che andrebbe a comporre il prossimo e imminente album in inglese della cantante. La traccia è un pezzo dance-elettronico, seguendo l’evoluzione musicale dell’ultimo album di Shakira. L’artista ha più volte confermato di essere a lavoro su di un nuovo album in inglese già da alcuni anni, tuttavia la bella colombiana si è rifiutata di fornire qualche indiscrezione in merito a questo nuovo capitolo musicale. A noi italiani, alcuni passaggi potrebbero ricordare la versione dance di Gianna di Rino Gaetano, ma il pezzo è davvero bello.

Noi nel frattempo speriamo che la demo sia inclusa nella tracklist ufficiale, perché, ascoltandola, già non possiamo fare a meno di scatenarci e ballare.

Lady Gaga: on-line il singolo “Applause” e (a sorpresa) il duetto con Cher

Lady Gaga - Applause.jpg

Forse per rispondere alla minaccia di Katy Perry, al momento l’artista più temibile, che con il singolo Roar ha anticipato l’uscita di Applause di una settimana, Lady Gaga ha deciso di far trapelare in rete il suo pezzo e, quasi in concomitanza con il pezzo della Perry, è riuscita a catalizzare l’attenzione dei social media su di sé, in visibilio per il primo inedito a due anni di distanza dall’album Born this way. Come per l’imminente album da cui è tratto, ARTPOP, in uscita a fine anno, anche Applause, nel testo, è un chiaro riferimento alla Pop Art di Andy Wharol e a quel movimento di arte contemporanea che tra gli anni ’50 e ’70 riuscì ad esprimere la propria creatività attraverso le tecniche e i materiali più disparati: stampe, litografie, barattoli e addirittura orinatoi.

L’idea della PopArt non è proprio una novità: già Madonna, nelle sue tante vite musicali, ha indagato anche questa corrente, lo dimostra l’iconica copertina della raccolta “Celebration” del 2009, in cui Madge ricordava proprio una Marilyn di Wharoliana memoria.

Dopo il suo secondo album, o meglio la riedizione del primo, The Fame Monster, Lady Gaga forse non riesce più a stupire, sia musicalmente che a livello di immagine, poiché è proprio ciò che i fan si aspettano, l’eccesso. Forse la cantante di Bad Romance ci riuscirebbe davvero, se decidesse di proporsi nel modo più semplice e pulito. Applause è tuttavia orecchiabile, benché ci si aspettasse un radicale cambio di sound, un’altra direzione musicale che ne evidenziasse le qualità vocali, è un pezzo dance in puro stile Gaga, che potrebbe riportarla ai vertici delle classifiche statunitensi, come singoli recenti non hanno (più o meno) saputo fare.

E ciliegina sulla torta, trapela on-line anche il fantomatico duetto con Cher, The Greatest Thing, che presumibilmente sarà incluso nell’imminente album della cantante di Believe

Beyoncé Knowles: trapela in rete un altro inedito

beyonce_3.jpg

Trapela on-line un altro brano di Beyoncé Knowles. Dopo le pubblicazioni ufficiali di Rise Up, colonna sonora di Epic, e i leak di alcuni brani di cui abbiamo parlato in questi giorni (ecco il link), arriva sul web Standing on the Sun. Il pezzo, già jingle per lo spot H&M di cui l’ex Destiny’s Child è testimonial, è un brano dal sapore caraibico, scritto dall’autrice-cantane Sia, ed è arrivato in queste ore nella sua versione completa.   

Nuove informazioni sul prossimo album della Knowles arrivano dal cantante Ne-Yo, il quale ha detto dalle pagine di Billboard Magazine che Beyoncé è il suo team sono ancora a lavoro sul progetto del nuovo disco: «Stanno ancora cercando di capire cosa vogliono che sia – ha rivelato il cantante, svelando così che il lavoro non ha ancora un’impronta ben definita – Beyoncé è il tipo di artista che non si mostra fin quando non è tutto perfetto. I suoi fan la amano per questo e saranno pazienti».

Aguilera: on-line il leak di “Lotus”. L’artista vulnerabile e emozionante nel nuovo disco

155385_10151290135020803_1181595485_n.jpg

christinaaguileralotusc.jpgTrapelato da qualche ora on-line sui siti di file sharing e streaming, il nuovo album di Christina Aguilera, Lotus, in uscita (quella ufficiale) il prossimo 13 Novembre, rivela che oltre  quel “corpo”, Your Body, il non proprio fortunatissimo singolo di lancio, c’è molto di più, e che forse, ancora una volta, la casa discografica e la stessa Christina hanno sbagliato a lanciare il pezzo prodotto da MaxMartin per promuovere l’uscita di un disco che prospetta invece di essere molto di più di un gratuito tentativo di sorprendere e scandalizzare, nel tentativo di emulare i fasti del passato, e del fortunatissimo Stripped in particolare, ad oggi quello che forse è il miglior album prodotto dall’artista. Con Lotus Christina smette di autoproclamarsi donna bionica, in grado di fare ed affrontare ogni cosa, dalla maternità all’allora ruolo di moglie, per gridare al mondo la propria debolezza, l’umana natura di una donna che è caduta, ma che, al tempo stesso, come quel fiore di loto che dà il titolo all’album e sopravvive in ogni condizione atmosferica, trova la forza di rialzarsi e andare avanti. La Aguilera lo fa in tredici brani (diciassette nell’edizione Deluxe), in cui ancora una volta rischia, evolvendo il proprio sound, a cominciare dalla Intro, prodotta insieme al gruppo M83, in cui la voce di Christina si fonde al vocoder per dar vita ad un pezzo elettronico ed orecchiabile, o Army of Me, in cui dance e rock sembrano camminare fianco a fianco, per trasformarsi in dance pura in Let there be love. Secondo le indiscrezioni che si rincorrono on-line sarebbe Red Hot Kinda Love il secondo estratto di questo disco, ma i brani migliori sono, come sempre, le grandi ballad cui ci ha abituato in questi anni Christina, a cominciare da Blank Page, postata on-line qualche giorno fa dalla stessa artista, Sing for me o, in chiusura, il bellissimo duetto con il cantante country Blake Shelton, Just a fool. Lotus è dunque, per stessa ammissione dell’artista, un album variegato, che spazia tra generi diversi, ma non per questo incoerente, nel quale Christina evidenzia le sue potenzialità vocali, confermando di essere un’artista poliedrica, capace di andare oltre il prodottino commerciale del momento, senza paura di sperimentare e mostrarsi ai fan per ciò che è in questo momento: vulnerabile sì, ma con una forza (vocale) che è ancora in grado di emozionare ed arrivare al cuore.

Lana Del Rey: in rete trapelano quattro brani inediti

Lana Del Rey.jpg

La riedizione del suo album d’esordio, Born to die, che per l’occasione diventa Paradise Edition, arriverà soltanto il prossimo autunno, ma nel frattempo sono trapelati in rete quattro brani inediti della bella Lana Del Rey, che potrebbero andare a comporre questo suo prossimo lavoro discografico. Uno dei brani è il demo di Ghetto Baby, pezzo che Lana ha scritto per la cantante Cheryl Cole. Gli altri invece sono Summer of Jam, un pezzo quasi rap, Ooh Baby, e Serial Killer. Quest’ultimo brano, tra tutti, è quello che di sicuro ha maggiori probabilità di far breccia nel cuore dei fan che l’hanno amata in Video Games. Il brano infatti riproduce le atmosfere retro cui ci ha ormai abituati Lana, con un suono ipnotico che potrebbe farne uno dei prossimi singoli della Paradise Edition.

Ascoltare per credere:

 

 

 

I leak dell’estate: in rete due brani inediti di Amy Winehouse e Kelly Rownald

amy winehouse and kelly rowland.jpg

A poco meno di venti giorni dal primo anniversario della sua morte (il 23 Luglio), è trapelata in rete una nuova traccia inedita di Amy Winehouse. Si tratta di Cherry Wine, vino di ciliegie, una ironica coincidenza per l’artista, morta un anno fa per i suoi abusi di alcol e droga. Il pezzo è un duetto con il rapper newyorkese Nas, il quale aveva già collaborato con l’artista per il brano Like Smoke, incluso in Lioness: Hidden Treasures, primo album postumo di Amy. Il brano è prodotto da Salaam Remi, già produttore dei due album della Winehouse, Frank e Back to Black. Una felice coincidenza, questo ennesimo leak sospetto del pezzo, che sarà incluso nel nuovo album del rapper Life is Good, in uscita il 17 Luglio, e che vedrà anche la partecipazione di Drake, Rick Ross, Mary J Blige e Swizz Beatz: «È una sensazione agrodolce fare qualcosa con lei che adesso non è qui. Ma sono felice… il bello è che noi abbiamo fatto musica e che i fan possono ascoltare qualcosa di nuovo che appartenga a lei».

Ma questo non è il solo leak “fortunato” dell’estate. Anche Kelly Rowland si è vista trapelare in rete il pezzo Ice, che la vede di nuovo in coppia con Lil Wayne, e l’ha presa con filosofia, scrivendo su twitter: «Beh, scommetto che avete già ascoltato Ice, grazie per il vostro affetto e supporto. Mi spiace, volevo farvi aspettare ancora, ma sono contenta che vi piaccia ad ogni modo».

 

Whitney Houston: on-line “Celebrate”, l’ultimo brano dell’artista scomparsa

WhitneyHoustonAlbum.jpg

A poco più di tre mesi dalla morte di Whitney Houston, spunta in rete il primo inedito. Come molti sapranno la cantante di I will always love you non stava lavorando ad un nuovo album, eppure la sua eredità ai fan l’ha tuttavia assicurata. Whitney infatti, nei mesi che hanno preceduto la sua morte, aveva completato le riprese del film musicale Sparkle, remake dell’omonimo film del 1976, che ripercorre la carriera delle Supremes. Il film, la cui uscita era già fissata per l’agosto di quest’anno (da noi a settembre), vede protagonista la vincitrice di American Idol, Jordin Sparks, di cui Whitney ne interpreta la madre, e di cui Whitney, com’era prevedibile ne ha inciso anche la colonna sonora.

Ed è il duetto Celebrate, in coppia con la Sparks, a regalarci l’ultima Whitney, molto più matura, intensa e vicina alla cantante che abbiamo (ri)conosciuto in I Look to You, il disco che ne segnò il ritorno sulle scene musicali dopo un lungo periodo di assenza nel 2009. Nessun artifizio del computer, nessun eccesso, un toccante ed emozionante duetto, che arriva a meno di ventiquattrore dall’omaggio live che la Sparks ha tributato ieri alla cantante, prematuramente scomparsa all’età di quarantotto anni, durante la cerimonia dei Billboard Music Awards 2012, intonando I will always love you. 

Madonna: in “M.D.N.A.” un cameo della figlia Maria Lourdes

Madonna, M.D.N.A., album, disco, cd, 2012, uscita, Superstar, Maria Lourdes, tracklist, vevo, youtube, Girl Gone Wild, foto, leak, leaked

Se più di una volta Maria Lourdes, primogenita di Madonna, ha espresso la volontà di non voler far parte dello show business e di volersi concentrare sugli studi, è anche vero il fatto che, ad oggi, grazie a sua madre, la piccola Ciccone (in realtà Leon) ha già fatto le sue prime apparizioni in diversi settori, dalla moda, disegnando proprio con Madge la Material Girl per i magazzini Macy’s, al cameo nel videoclip Celebration (del 2009) interpretando proprio la sposina vergine di Like a virgin, che consacrò sua madre come nuova icona del pop. A queste due collaborazioni però, secondo quanto riporta oggi etonline.com, ve ne sarebbe anche una terza: la bella Marilu infatti avrebbe prestato la sua voce a sua madre per i cori del brano Superstar, contenuto nell’attesissimo album M.D.N.A., la cui uscita è fissata per il prossimo 26 Marzo. Un’anteprima di un minuto è stata caricata on-line dalla stessa Madonna qualche giorno fa, sul suo canale YouTube ufficiale, mentre alcune tracce del disco stanno un po’ per volta trapelando in rete, come Love Spent e Gang Bang.

Nel frattempo Madonna ha reso noto la data di pubblicazione ufficiale del video di Girl gone wild, secondo singolo estratto dall’album, senza dubbio più felice del primo Give me all your luvin’, e che sarà pubblicato il 20 Marzo. Nella clip Madonna rende omaggio a se stessa e allo stile che la cantante adotto negli anni ’90.

Laura Pausini: trapela su YouTube il backstage del nuovo video

Laura-Pausini_290x435.jpg

Prende sempre più forma il ritorno di Laura Pausini. Se in principio sembrava quasi un’attesa evanescente avvolta nel mistero, a pochi mesi dall’annuncio del ritorno in novembre con il nuovo album, trapela on-line un breve filmato con il backstage del videoclip del nuovo singolo, che la cantante romagnola ha girato in questi giorni ad Amsterdam. Insomma a quasi due anni di stop musicale, Laura sta finalmente ritornando. Come ormai annunciato da tempo sui suoi siti ufficiali e social-network, ad accompagnare la promozione del decimo album da studio dell’artista, ci sarà un mini-tour italiano, con tappa a Roma la sera del 31 Dicembre, per celebrare l’arrivo del nuovo anno, cui seguiranno quello sudamericano ed europeo. Come ormai consuetudine di Laura, il disco, il cui titolo non è ancora stato reso noto, sarà inciso sia in italiano che in lingua spagnola.

Nella clip, messa on-line da un paparazzo che ha beccato la Pausini per le strade della capitale olandese, Laura canta di fianco ad una parete ricoperta di murales e graffiti. Intuita la presenza dei paparazzi, l’entourage della cantante ha cercato di proteggerla con degli ombrelli. Nulla è ancora dato sapere per quanto concerne il brano, la melodia o il testo, che anticiperà quello che si preannuncia come uno dei lavori discografici più attesi dell’anno.

Beyoncé: “4” già trapeato in rete: leak o pubblicità occulta?

4_(Official_Album_Cover)_Out_June_28.jpeg

A quasi un mese dall’uscita ufficiale, il nuovo disco di Beyoncé Knowles, 4, la cui pubblicazione è fissata per il prossimo 28 Giugno, è già on-line nella sua versione completa. Il quarto album da studio dell’ex Destiny’s Child, è infatti trapelato in rete lo scorso lunedì. Se si considera il flop del singolo di lancio, Run the world (Girls), piombato subito sul fondo della Billboard Chart, e la fredda accoglienza della ballad 1+1, presentata con tanto di performance live alla finalissima del talent American Idol, è lecito sospettare che il leak di turno possa essere in realtà un modo per sponsorizzare il disco a costo zero, offrendo così un primo ascolto ai fan, con l’augurio che possa piacere a tal punto da spingerli ad acquistarne poi una copia originale. Con queste premesse l’album potrebbe infatti rivelarsi come il primo flop nella carriera dell’artista, che ad oggi con i suoi primi precedenti lavori discografici ha venduto cento milioni di copie in tutto il mondo.