Lady Gaga diventa un cartone animato per la Disney

LadyGAGA_disney_v_12nov12_pr_b_1080x720.jpg

«Non sono cattiva – diceva una sensuale Jessica Rabbit – è che mi disegnano così». Sono tante le star che si sono divertite a trasformarsi in un cartone animato, che sia per un videoclip o per la copertina di un disco, in molti, almeno una volta ci hanno provato: da Madonna a Britney Spears, da Robbie Williams alle Spice Girls, passando per i nostrani Mina e Celentano. Ma sono in pochi quelli che possono affermare di essere stati “disegnati” dalla Walt Disney, tra questi c’è sicuramente Lady Gaga, ultima artista, solo in ordine cronologico, che va ad aggiungersi alla lista delle star-cartoon. La cantante di Born this way infatti trova il suo alter ego formato cartoon per un progetto del noto store americano Barneys in collaborazione con la casa di produzione di cartoni animati più famosa al mondo. Si tratta di un cortometraggio animato, intitolato Electric Holiday, e segue il sogno di Minnie di seguire la settimana della moda di Parigi. Durante il suo viaggio, la topolina Disney incontrerà varie facce dello show system dell’industria della moda, tra cui l’iconica Lady Gaga, entrata, con i suoi cambi di look e mise stravaganti, di diritto tra i volti che dettano le leggi del fashion oggi. Ma la cantante non sarà il solo volto che andranno ad incontrare i vari personaggi Disney. Insieme a lei Sarah Jessica Parker, nota Carrie Bradshow del serial “Sex and the City”, Anna Dello Russo, Naomi Campbell e tanti altri.

Il film sarà proiettato a ripetizione su di un LED wall che copre i primi due piani della facciata del franchising americano.

“ARTPOP”: i due volti di Lady Gaga

Lady Gaga.jpg

Negli ultimi mesi Lady Gaga ha collaborato con un così ampio parterre di artisti, che il suo imminente album, ARTPOP, potrebbe essere suddiviso addirittura in due volumi. A darne notizia la stessa Miss Germanotta attraverso il suo social network littlemonsters.com, dal quale dice che il suo terzo lavoro discografico potrebbe essere suddiviso in due capitoli, uno “commerciale”, più radiofonico, e l’altro invece che andrebbe a raccogliere quelle che sono le tracce più “sperimentali” cui l’artista sta lavorando: «È un po’ più moderno – ha detto Gaga – e non sai quanto le radio siano pronte. Non posso ancora decidere quante tracce saranno, e sto pensando che un volume potrebbe avere tutti i brani commerciali, e riservare il materiale sperimentale ad un secondo capitolo».

Non è dato sapere se ARTPOP sarà dunque composto di due album, come fu qualche anno fa per Beyoncé Knowles con I’m…Sasha Fierce – o se il disco vedrà due diverse release, con due diversi dischi che andranno a comporre due facce della stessa medaglia.

Consapevole dell’importanza della comunicazione “social”, Lady Gaga ha inoltre dichiarato che al disco corrisponderà un’app, che andrà dunque a fare di questo album un vero e proprio progetto a trecentosessanta gradi: «L’app sta venendo davvero bene, è incredibile – ha detto la cantante di Born this way – sto ritornando a Chicago per lavorarci».

Lady Gaga: tante collaborazioni per ARTPOP, da RedOne a Lana Del Rey!

Lady Gaga Lana del Rey.jpg

Per il suo secondo album, Born this way, Lady Gaga aveva detto che non avrebbe inserito duetti, ritenendo che dopo Telephone con Beyoncé, della riedizione del disco The Fame Monster, non sarebbe riuscita a trovare quella stessa sinergia che, insieme all’ex Destiny’s Child, le ha consentito di vendere oltre due milioni del solo singolo.

Adesso Miss Germanotta, delusa forse dal riscontro ottenuto da Born this way (che ha tuttavia venduto oltre cinque milioni di copie nel mondo), pare abbia cambiato idea, e per l’attesissimo ARTPOP, progetto discografico che vedrà la luce agli inizi del 2013, la cantante di Judas pare voglia includere un seguito del fortunatissimo singolo inciso insieme a Queen B. A darne notizia il sito di informazione musicale mtv.com dal quale si legge che lo scorso 24 Ottobre, Lady Gaga avrebbe confermato l’indiscrezione. Tuttavia l’entourage della Knowles si dice estraneo alla notizia, il che fa pensare che il duetto possa essere stato inciso insieme ad un’altra star.

Lady Gaga ha inoltre confermato di aver collaborato con la bella Lana Del Rey, vera rivelazione musicale dello scorso anno, che insieme all’artista avrebbe confezionato la versione LP di Princess Die, pezzo che Gaga presentò ai suoi fan durante una tappa della sua tournée. Ma Lana non è la sola guest di questo disco. Anche la rapper Azealia Banks apparirà in ARTPOP. Durante una chat del suo personalissimo social network, littlemonsters.com, Lady Gaga ha infatti confermato di aver registrato un brano intitolato Ratchet.

E per ingolosire ulteriormente i suoi fan, Lady Gaga ha postato un tweet con le parole di un brano intitolato Tea, dicendo inoltre di aver collaborato con i Dj e produttori Fernando Garibay, DJ White Shadow, RedOne e Zedd.

Lady Gaga si trasforma in rapper per l’amico Mugler

lady-gaga fat.jpg

Che volesse cambiare genere, dopo le vendite, sì buone, ma non entusiasmanti di Born this way (cinque milioni di copie nel mondo) un po’ si sapeva, ma che dalla dance passasse al rap proprio non ce l’aspettavamo.  È trapelata in rete agli inizi della settimana scorsa la traccia Cake Like Lady Gaga in cui la cantante di Judas si diletta a rappare con una voce maschile. Nulla è dato sapere su chi sia l’uomo che canta il brano, presentata sulla passerella dell’amico-stilista Mugler durante la settimana della moda di Parigi, per il quale Gaga era direttore della musica. Il file leakato è una versione prodotta da Dj White Shadow, la quale però non include il testo originale in cui Miss Germanotta diceva: “Fan***o il mondo, io sono Lady Gaga/Giro il mondo come Lady Gaga/cammino per miglia su tacchi alti”. Un’autocelebrazione, in risposta forse alle tante critiche sul peso delle ultime settimane, e agli attacchi di Madonna, e nel frattempo ha lanciato la sua  Body Revolution 2013 campaign, dicendo di piacersi anche con qualche chilo in più e per invitare i suoi fan ad accettarsi così come sono, anzi, parafrasando il testo del suo brano, “nati così”.

Che sia questo il nuovo genere di Miss Germanotta?

La dieta di Lady Gaga: «Ho preso undici chili»

lady-gaga-fat1.jpg

Se Christina Aguilera si dice soddisfatta del suo nuovo corpo e delle curve decisamente più generose, Lady Gaga invece ha deciso di mettersi a dieta. Come avevamo già anticipato qualche settimana fa, la cantante di Born this way ha effettivamente preso peso: undici chili per l’esattezza, come dici la stessa cantante in un’intervista radiofonica: «Sono a dieta adesso – ha detto Miss Germanotta – perché ho preso più o meno undici chili».

La colpa, secondo Miss Germanotta, è del ristorante che suo padre ha aperto a New York: «Amo mangiare la pasta e la pizza – continua – sono una ragazza italiana di New York. Ecco perché devo star lontana da New York. Mio padre ha aperto un ristorante, è incredibile, è così dannatamente delizioso, che metto su due chili ogni volta che ci vado. Per questo mio padre vuole che io vada al ristorante, ed io invece devo andare dove posso bere del succo verde».

Sensi di colpa? Assolutamente no: «Non mi sento in colpa, nemmeno per un secondo – dice subito la star che a breve pubblicherà il suo nuovo album, ARTPOP – ma devo stare a dieta costantemente. È dura perché è uno show grandioso [il tour Monster Ball appena sbarcato negli States dopo la partentesi Euro-asiatica, ndr] e tendo a sviluppare la muscolatura.  E non mi piaccio così. Così sto provando a ritrovare un nuovo equilibrio».

Per le foto di Miss Germanotta più in carne sul palco, ecco il link.

Madonna: «Io adoro Lady Gaga. Presto saremo sul palco insieme»

madonna and lady gaga.jpg

Pace fatta tra Madonna e Lady Gaga? È ancora presto per dirlo, ma di certo Miss Ciccone, che nei mesi passati tanto aveva fatto per attaccare la neo-regina del pop, adesso sembra far marcia indietro e, incassata la sconfitta per il suo album MDNA ed il tour, la cantante di Girl gone wild sembra che adesso voglia addirittura duettare con Miss Germanotta: «Volete sapere una cosa? La adoro» ha detto Madge alla folla presente al concerto di sabato ad Atlantic City, dedicando alla collega-connazionale oriunda italiana il brano Masterpiece, lo stesso che aveva dedicato tempo prima ad Elton John: «Lo perdono» aveva detto Madonna al cantante che in una precedente intervista l’aveva definita una “spogliarellista da luna park”. Ma subito dopo rilancia: «L’imitazione è la più alta forma di lusinga». Un riferimento, questo, ai tanti look di Gaga ispirati a lei e a quel brano, Born this way, che proprio non le era piaciuto: troppo simile alla sua Express Yourself del 1989: «Credo che sia un meraviglioso modo di riproporre la mia canzone – aveva commentato Madonna – voglio dire, ho riconosciuti i cambi di accordi. Ho pensato che fosse… interessante».

Ma le vendite dei suoi album non decollano, nessuno dei tre singoli finora pubblicati, raggiunge la vetta della classifica US, e i toni per Madonna sembrano cambiare adesso: «Un giorno, molto presto, saremo sul palco insieme – ha gridato Madonna ai suoi fan – dovete solo aspettare. Pensate stia scherzando? Mi piace Lady Gaga».

Dal canto suo invece, paga degli oltre (anche se un po’ deludenti) cinque milioni di copie vendute dell’album Born this way, e di quasi due del singolo omonimo, Lady Gaga non ha mai risposto fuoco col fuoco, e in risposta agli schizzi di veleno della Ciccone sulle velate accuse di plagio aveva così risposto: «È assolutamente ridicolo anche farmi una domanda a riguardo… se metti le canzoni l’una accanto all’altra, fianco a fianco, le somiglianze riguardano solo la progressione degli accordi. È la stessa cosa che succedeva con la disco music degli ultimi cinquant’anni. Solo perché sono la prima fot*******a artista ad aver pensato di nella top 40 radio, non significa che io sia un plagiario, ma che sono fot***mente intelligente. Scusatemi».

Adesso Madonna perdona e dimentica: d’altronde come si dice? Se non puoi batterli, unisciti a loro.

 

Lady Gaga: i capelli “illuminati” e il progetto ARTPOP

Lady Gaga capelli luminosi.jpgSe Katy Perry ha tinto i suoi capelli di viola, e qualcun’altra di rosa invece, Lady Gaga ancora una volta riesce a sorprendere i suoi fan e ad andare oltre. La cantante di Born this way infatti in un video postato suoi suoi social network sfoggia di nuovo una capigliatura platino (a dispetto delle ultime settimane che la volevano castana), la quale, improvvisamente, s’illumina! Altro che colpi di sole o di luce, l’acconciatura della nuova regina del pop s’illumina per davvero e, è proprio il caso di dirlo, brilla di luce propria. Come spiega la stessa Miss Germanotta nel video, questa acconciatura sarà protagonista dei suoi prossimi progetti musicali, come gli show musicali, il tour che sta portando proprio adesso in America (dopo la parentesi europea). Secondo il titolo del video si tratta di un invenzione ARTPOP, dal titolo del suo prossimo (ed attesissimo) album, che, secondo una nota diffusa proprio qualche ora fa, non sarà solo un semplice lavoro discografico, ma un vero e proprio progetto artistico a trecentosessanta gradi. Secondo quanto si legge oggi nel social network personale dell’artista, littlemonsters.com, che vanta già mezzo milione di iscritti, ARTPOP sarà un’applicazione per iPhone, iPad, e computer di tutto il mondo che permetterà una maggiore interazione con chat, film, canzoni, contenuti musicali extra, giochi ispirata alla stessa Gaga, aggiornamenti di moda, magazine, e molti altri progetti ancora in lavorazione.

Lady Gaga infatti aggiornerà i suoi fan direttamente dall’applicazione ARTPOP, proprio come attualmente fa con il suo social network LM.com e twitter: «Voi mi ispirate a creare qualcosa che comunichi con le immagini – ha infatti scritto la cantante – perché VOI lo fate, VOI comunicate con me e con gli altri con gif e immagini, lavori grafici. Voi siete una generazione ARTPOP».

Una maggiore interazione con i piccoli mostri dunque, ed un sogno: «Io spero continuiate a crescere insieme, e siate connessi attraverso la creatività».

“Famolo strano”, il capello. Le cantanti dalle tinte bizzarre

Christina Aguilera - Your body.jpgAntesignana del “famolo strano”, il capello, fu Pink, che nel lontano 2000 esordiva con un taglio alla maschietto tutto rosa nel video There you go, poi arrivò la moda di punte colorate di Beyoncé Knowles, le radici scure alla Shakira, e le extension rosso fuoco di Christina Aguilera. Ma la prima a capire il potenziale di un’acconciatura dal colore bizzarro, in epoca (musicale s’intende) recente, è stata Katy Perry che due anni fa, nel video di California Gurls sfoggiò un taglio lilla, seguita a ruota da Rihanna e la sua cresta leonina rosso fiammante, e Lady Gaga che ha addirittura tinto i suoi capelli di verde! Passando per i colori fluorescenti di Niki Minaj,  e le ciocche colorate (poco apprezzate dai fan) di Britney Spears.

Ultima, solo in ordine cronologico, ad aggiungersi alla lista delle cantanti dal “colore bizzarro” è Christina Aguilera, che, lontana da quelle extension rosse, le tinte platino e il nero corvino, ritorna, a due anni da suo ultimo album di inediti, Bionic, con una morbida acconciatura rosa, con punte fucsia. La cantante, già vista con i capelli tinti di viola alla presentazione della terza edizione di The Voice, talent dove lei è giudice, lo fa per il video di Your Body, singolo che, secondo quanto Christina ha confermato al Rolling Stone, anticipa il suo settimo attesissimo lavoro discografico, e che uscirà il prossimo settembre.

Un demo ufficiale del pezzo, prodotto da Shellback e Max Martin, è trapelato in rete qualche giorno fa, svelando un brano up tempo, in cui la cantante, nella explicit version, grida: «All I wanna do is fuck your body», “tutto ciò che voglio fare è scopare il tuo corpo”.

Problemi di peso per Lady Gaga

Lady Gaga grassa composizione.jpg

In periodo di spiagge e costumi da bagno, è quasi un piacere consolatorio sapere che anche i very important people abbiano problemi di peso. Ultima solo in ordine cronologico è Lady Gaga, a dimostrazione che le cantanti (vedi Britney Spears e Christina Aguilera, ma anche Janet Jackson) sono senza dubbio la categoria più colpita. Noi l’avevamo già presagito in questo post, quando Miss Germanotta, posando contro la bulimia, aveva mostrato delle forme più burrose, ben distanti dalla figura filiforme che si scatenava nel videoclip di Born this way. Adesso è il Daily Mail che ne parla, mostrando gli ultimi scatti del tour dell’artista, in cui Lady Gaga appare appesantita, e fuori forma. Con un giro vita senza dubbio più largo ed un sedere più grosso di quanto negli ultimi video non aveva mostrato. Ma in fondo lei è nata così, sta bene in ogni sua forma, e a noi piace comunque.

Lady Gaga: il nuovo album sarà ARTPOP

Lady Gaga ARTPOP.jpg

L’annuncio avrebbedovuto farlo a settembre, ma era tanto l’entusiasmo di comunicare ai fan il titolo del suo prossimo lavoro discografico che Lady Gaga proprio non ha resistito. Qualche giorno fa infatti l’eccentrica cantante ha postato una sua foto con un nuovo piccolissimo tatuaggio sotto al braccio che diceva ARTPOP, mentre lei, sulla sua pagina facebook aveva commentato: «nuovo inchiostro, nuovo album». Immediata la reazione dei fan che si sono scatenati nel toto album o toto singolo, pensando che quello potesse essere il titolo del primo brano estratto dal suo nuovo lavoro discografico, la cui uscita è ancora un mistero.

Domenica infatti è arrivata la conferma su di un altro social network dell’artista, twitter. Secondo quanto riporta oggi MTV News, Lady Gaga avrebbe registrato il disco durante il Born this way Tour, includendo in questo nuovo progetto anche il chitarrista Doug Aldrich, i due sono stati in studio anche con un vecchio collaboratore di Gaga, il Dj White Shadow a Los Angeles.

Alcuni brani di questo terzo lavoro discografico sono stati già presentati ai fan in diverse occasioni: Lady Gaga infatti ha cantato dal vivo un brano dedicato alla Principessa Diana, Princess Die, mentre una traccia dance, che pare possa essere il primo singolo estratto, è stata postata on-line mentre l’artista la suonava dal suo SUV. Insomma anche Lady Gaga sta tornando e tutte le altre sono avvertite.