Natale in musica: le uscite discografiche per vivere la magia delle feste

collage.jpgSe quest’anno ad annunciare il Natale non è stato uno spot della CocaCola, come tradizionalmente è successo negli ultimi anni, ma uno di ikea, almeno certe cose non cambiano mai: anno che vai, strenne natalizie che trovi. Dopo il best-seller tutto italiano di Andrea Bocelli prima (2009), e di Michael Bublé dopo (2011), quest’anno sembra siano prevalentemente le donne a tentare la scalata alla classifica di Natale. Prima nell’ordine Kelly Clarkson. L’ex vincitrice di American Idol, dopo il suo primo Greatest Hist (Chapter One), e il singolo Tie it up, la Clarkson debutta con la sua prima compilation delle feste: Wrapped in Red, pubblicata lo scorso 25 Ottobre. Ad ispirare la cantante non sono i tradizionali canti di Natale, ma brani ispirati a film natalizi: dal 1954 ad oggi, sono tante le pellicole, e i rispettivi temi musicali, che ritroviamo nel disco della cantante. Dal White Christmas di Bing Crosby a Love Actually al Natale di Charlie Brown.

Per gli amanti dell’R&B anche la cantante Mary J Blige ha deciso di calarsi nel pieno clima di alberi e lucette con A Mary Christmas. Pubblicato il 15 Ottobre del 2013, l’album è una raccolta dei classici di Natale: da Little Drummer Boy a Do You Hear What I Hear?  fino a Have Yourself a Merry Little Christmas.

Non è veramente Natale senza un album di Susan Boyle. L’ex rivelazione di Britain’s got Talent, se con The Gift strizzava appena l’occhio al Natale, quest’anno è nel pieno della festa con Home for Christmas. Lungo la tracklist troviamo anche un duetto virtuale con Elvis Presley ed uno, reale, con il gruppo The Overtones. Il disco è parte della colonna sonora del film The Christmas Candle, che segna il debutto cinematografico della cantante.

Ma non sono soltanto le donne a tentare l’impresa del Natale: anche Chris Mann, del team di Christina Aguilera per il talent The Voice, ha pubblicato quest’anno, come la Boyle, un album dal titolo Home for Christmas: undici classici delle feste, tra musica pop e opera.

Quattro album, quattro artisti, quattro stili diversi per emozionarsi e vivere la magia del Natale.

Kelly Clarkson, più grintosa e più forte con “Stronger”

26cec__kellyclarksonstronger.jpg

Kelly Clarkson ritorna con un nuovo album di inediti. È uscito infatti qualche giorno fa Stronger, il suo nuovo capitolo musicale pubblicato a due anni di distanza da All I ever wanted, ed è proprio alle sonorità di quest’ultimo che si rifà il nuovo lavoro discografico della vincitrice della prima edizione di American Idol. Nelle tredici tracce che compongono il disco ritroviamo una Clarkson più grintosa e rock, lontana anni luce dalla ragazzina che, quasi dieci anni fa ormai, si presentava al mondo con la ballad Because of you. Dal disco è già stato estratto il singolo, Mr. Know it all, ma tra i prezzi migliori, e papabili singoli, ci sono sicuramente Stronger, pezzo che da il titolo all’intero album, che ricorda forse un rocchettone anni ’80, di quelli femminili e arrabbiati, e Dark side. Lungo la tracklist sembra che non trovino molto spazio  le ballad, eccezion fatta per Breaking Your Own Heart, che chiude la raccolta.

 

1.         Mr. Know It All 

2.         What Doesn’t Kill You (Stronger)          

3.         Dark Side        

4.         Honestly          

5.         You Love Me   

6.         Einstein           

7.         Standing In Front Of You         

8.         I Forgive You   

9.         Hello   

10.       The War Is Over           

11.       Let Me Down   

12.       You Can’t Win  

13.       Breaking Your Own Heart

Simon Cowell, verso l’X Factor Americano

simoncowell.jpg

Se in Europa, Italia compresa, spopola il famoso talent X Factor, in America a ricercare promettenti talenti della musica internazionale da sempre è American Idol, che negli anni ha lanciato stelle come Kelly Clarkson, giungendo con successo a sette edizioni e cento milioni di telespettatori, diventando al contempo uno dei programmi più seguiti d’America. Le cose però potrebbero presto cambiare anche negli USA: Simon Cowell, storico giudice della trasmissione, si prepara adesso a lanciare X Factor, di cui ne è autore, anche negli States, divenendone giudice e produttore esecutivo. In questi anni il popolare personaggio televisivo è stato famoso per le sue battute spesso taglienti come rasoi, adesso la produzione dovrà trovare un giudice che ne sia all’altezza e ne colmi il vuoto senza rimpianti, affiancando degnamente gli altri due giudici, la coreografa e ballerina Paula Abdul e il produttore discografico Randy Jackson.

Nel frattempo Cowell dovrà sfidare uno degli show americani più amati di sempre, facendo entrare nella tradizione televisiva il format X Factor, di grande successo in Gran Bretagna che ha saputo lanciare stelle del pop mondiale come Leona Lewis, vincitrice della quarta edizione. Una sfida ardua, ma forse non del tutto impossibile.