Lady Gaga pubblica on-line la copertina di ARTPOP

ARTPOP_album_ladygaga.jpg

L’attesa è finita. Lady Gaga ha postato on-line la copertina del suo prossimo album, ARTPOP, in uscita a novembre, e l’immagine ha subito fatto il giro del mondo. Sulla copertina del suo imminente disco, infatti, troneggia una scultura in cera di Miss Germanotta, che appare “plasticosa” e finta, come una sorta di Barbie, seduta nuda, mentre si copre il seno con le mani. Alle sue spalle s’intravede la nascita di Venere del Botticelli e quella che presumibilmente potrebbe essere la scultura Amore e Psiche del Canova. Un omaggio all’arte, a quella pop art di cui l’album millanta di sovvertire le regole, a partire dal titolo, ma forse anche un omaggio alle origini italiane dell’artista.

 

L’opera in copertina è un lavoro del visionario artista americano Jeff Koons, ed è stata presentata ufficialmente da iHeartRadio a seguito dei tanti tweet il cui hashtag diceva #iHeartARTPOP a supporto del “grande evento”. Uno scatto che unisce due diverse discipline artistiche, la musica e la scultura contemporanea, e che prova a far rivivere quella popart che ha trovato in artisti quali Andy Wharol la sua massima espressione. Ma la copertina sembra fallire miseramente la sua missione, a dispetto del nome illustre coinvolto nel progetto. È molto più interessante ed “inconico” l’artwork di copertina del singolo APPLAUSE, pubblicato lo scorso agosto, in cui il volto in primo piano della cantante di Pokerface è coperto di colori, dipinto come un’opera d’arte in movimento, fino a farsi arte stessa.

Rihanna: sperimentale e più elettronica nell’album “Unapologetic”

Unapologetic-Rihanna-New-Album.jpg

Spesso gli artisti che pubblicano troppi album di fila rinunciano alla qualità per la pura commercializzazione della loro musica. Non è il caso di Rihanna che negli ultimi sette anni ha pubblicato ben sette album, dei quali gli ultimi tre a distanza di undici mesi l’uno dall’altro. La bella cantante delle Barbados è ritornata infatti qualche mese fa con il singolo Diamonds, pezzo che anticipa la pubblicazione dell’album Unapologetic, in uscita il 20 Novembre, e che è riuscito a piazzarsi al quarto posto della classifica americana.

Rihanna continua ad evolvere il suo sound, passando dal pop al funky, dal raggae all’elettronica. È quello che Rihanna ha fatto per quest’album, indagando ora sonorità elettroniche, per un lavoro ricco di collaborazioni. Quattordici tracce in cui Rihanna si reinventa e ritorna a collaborare con Eminem, dopo l’enorme successo del singolo Love the way the lay, ma RiRi non ricalca nostalgicamente il passato: con Numb infatti l’artista cambia completamente, con un ritornello ipnotico, di minor fascino forse, ma sperimentale. Tra i pezzi migliori dell’album ci sono proprio le collaborazioni, ben cinque delle quattordici tracce, di cui segnalare Love Song in coppia con Future, e Right Now, dove Miss Fenty ritrova il Dj francese David Guetta. Bellissima anche la ballad Stay con Mikky Ekko.

Unapologetic è un album per scoprire una Rihanna diversa, più matura, ma sempre fedele a se stessa, e che con pezzi come Love without tragedy dimostra di avere ancora tanto da dire, e molti brani ancora con cui dominare le classifiche di tutto il mondo.

Madonna. La regina del pop rivuole il suo scettro: on-line la copertina di “M.D.N.A.”

Madonna - M.D.N.A. cover copertina.jpg

Madonna - Give me all your luvin' cover copertina.jpgA quattro anni da Hard Candy, e tre dall’antologico Celebration, continua l’auto-celebrazione di Madonna, che ha pubblicato on-line la copertina ufficiale del suo nuovo album, M.D.N.A., la cui data di pubblicazione prevista è il 26 Marzo, e che ha già scatenato non poche polemiche per l’assonanza con la MDMA, sostanza più comunemente nota come Ecstasy.

Le lettere, com’è facile intuire, altro non sono che un riferimento al nome dell’artista che, sulle provocazioni, ci ha costruito una carriera lunga trent’anni. Ed è una Madonna giovanissima, quella che appare sul coloratissimo scatto ufficiale del disco, che per la posa, e per la sensualità, rievoca se stessa ai tempi di Vogue. Madonna infatti guarda in camera attraverso un specchio sagomato, che ne deforma a tratti il viso perfetto, ed il nome, dando così origine all’assonanza dello scandalo.

E se negli scatti promozionali, come quello in bianco e nero del singolo Give me all your luvin’, Madge appare con un’immagine curatissima ed azzeccatissima come sempre, il brano invece desta qualche perplessità.

In collaborazione con la rapper Nicki Minaj e M.I.A., Give me all your luvin’ ricorda forse più il singolo d’esordio di una nuova teen idol, piuttosto che quello di un’icona vivente del pop mondiale. Il ritornello, ripetitivo, ma di facile presa, potrebbero sicuramente farne un successo della prossima primavera, eppure non convince del tutto. Il pezzo, la cui demo è già trapelata in rete da qualche mese ormai, arriverà nelle radio, e negli store digitali, dal prossimo 3 Febbraio, due giorni prima dell’attesissima esibizione dell’artista al prossimo SuperBowl. Sarà possibile vedere un’anteprima del video invece, il giorno prima dell’uscita, in uno dei programmi più seguiti degli Stati Uniti, American Idol. La regina del pop è ritornata a riprendersi il suo scettro: ci riuscirà anche questa volta?