Madonna, a giugno l’uscita del MDNA Tour: «Lo show più duro e emozionante di sempre»

401826_10151646967744402_334637318_n.jpg

Se non siete stati tra gli spalti per uno degli eventi cult del 2012, non temete, il prossimo 22 Giugno esce uno degli spettacoli più controversi e stravaganti di sempre, il MDNA Tour sarà pubblicato in DVD. A darne notizia è la stessa Madonna, che dalla sua pagina facebook ufficiale ne pubblica la bellissima copertina, mentre in una nota si legge che il DVD è stato prevalentemente girato a Miami e in altre tappe in giro per il mondo. Il MDNA Tour è stato uno dei più grandi successi e incassi dello scorso anno, con un audience di pubblico di quasi due milioni e mezzo, durante le ottantotto date mondiali.

Oltre ai grandi successi storici di Miss Ciccone, come Vogue, Like a prayer e Hung Up, il concerto contiene anche le hit estratte dall’ultimo album dell’artista, MDNA, tra cui Give me all your luvin’, Girl Gone Wild, Gang Bang e l’ultimo singolo Turn up the radio. L’album ha debuttato al primo posto in oltre trenta paesi, Madonna, insieme alla sua band, e ad un corpo di ballo di quasi trenta ballerini (e 1500 costumi) ed un equipe per gli effettivi visivi e sonori, ha realizzato ciò che Lady Ciccone ha definito: «Il più duro, ma più emozionante e impegnativo spettacolo che io abbia mai fatto».

E sembra soddisfatta Madonna di questa tournée che ha rievocato i fasti della Material Girl guardando avanti e alle tanti cambi di sound, di immagine di pelle che la cantante ha fatto nel corso della sua carriera: «Il mio spettacolo è un viaggio – ha detto la cantante di Like a virgin – un viaggio dell’anima, dalle tenebre alla luce.» un percorso spirituale, come di quelli cui Madonna, da Ray of Light ad oggi ci ha abituati: «Un viaggio dalla rabbia all’amore, dal caos all’ordine – ha continuato l’artista – ci sono i buoni e i cattivi che lo illustrano e a volte io li interpreto entrambi».

Il MDNA Tour non poche polemiche ha suscitato: dalle tentate censure nell’Est Europa alle polemiche di Elton John, ma Madonna sembra rispondere anche a questo: «Dev’essere visto con il cuore aperto dall’inizio alla fine. Sono sicura che se lo si considera in questo modo, si ritornerà a casa ispirati, rinvigoriti con il desiderio di fare del mondo un posto migliore».

Madonna: quando il sesso non vende più

Madonna - MDNA Tour No Fear.jpg

A quasi cinquantaquattro anni suonati, li compirà il prossimo 16 Agosto, Madonna continua a comportarsi come una teen idol trasgressiva, e forse un po’ insicura. Consapevole di trovarsi in un mondo, quello dello showbiz, e musicale in particolare, dove giovinezza e bellezza sono le armi vincenti, per promuovere il suo ultimo album, MDNA, Miss Ciccone sembra voglia dimostrare di essere perfettamente in grado di rivaleggiare con tutte le Lady Gaga, Rihanna e Katy Perry di turno, nonostante gli anni che avanzano. Lo ha dimostrato confezionando un video, Give me all your luvin’, in cui, vestita da improbabile ragazza pon pon, cantava al fianco di due stelline del momento, Nicki Minaj e M.I.A., a suon di ammiccamenti e stacchetti; l’ha ribadito con il secondo singolo, Girl Gone Wild, nel video del quale, grazie alla regia degli straordinari Mert & Marcus, sembra non aver toccato nemmeno la pubertà, e l’ha confermato nell’imminente video di Turn up the radio, il terzo brano estratto da questa sua non fortunatissima ultima fatica discografica, in cui, con fascia nei capelli e due tette che sfidano la forza di gravità, fa il verso proprio a quelle ragazzette che oggi sono ai vertici delle classifiche di mezzo mondo.

Ma la Material Girl sa bene che, se vuole riconquistare i suoi fan, i videoclip da soli non bastano, e così per la seconda volta, sul palco della tappa parigina del suo MDNA Tour, dopo aver sfoggiato il fondoschiena, la cantante ha mostrato un seno, scostando il suo reggiseno di pizzo come ad Istanbul, e mostrando la schiena nuda con la scritta NO FEAR, niente paura.

Premessa: da sempre Madonna, salutista convinta, fervida seguace della Kabala e dello yoga, ha un corpo da fare invidia a molte delle starlette nate alla fine degli anni ’90 che, alla soglia dei trenta, si ritrovano svaccate e fuori forma. Ma quanto le sue sono ancora oggi provocazioni o semplicemente raschiare il fondo nel tentativo di riconquistare uno scettro, quello musicale, forse inavvertitamente ceduto alle nuove arrivate? Lady Gaga in primis.

Eppure le vendite del 2011 hanno dimostrato che il sesso non vende, non quanto agli inizi degli anni ’90 almeno. Il disco di maggior successo dello scorso anno è stato infatti 21, con i suoi oltre venti milioni di copie nel mondo, della burrosa Adele, che con la sensualità ha poco o niente a che fare, e che si è già riconfermata come l’artista più venduta in Inghilterra e negli States con un anno di primo posto (non consecutivo) nella Billboard Chart.

Tra le artiste emergenti del momento le più interessanti sono proprio quelle che puntano sulla vocalità, come la straordinaria Rebecca Ferguson, che con il suo Heaven è già disco di platino nel Regno Unito, e Emeli Sandé, che, con Our Version of Events, ha già superato il mezzo milione di copie vendute in UK.

Quanto conviene ancora puntare sul sesso, e quanto, superati gli “anta”, farlo è ridicolo? Eppure Madonna un riconoscimento quest’anno l’aveva già avuto: la sua Masterpiece, non a caso “capolavoro” [traduzione del titolo, ndr], una ballad quasi acustica, colonna sonora de suo secondo film da regista WE, aveva vinto il Golden Globes come miglior canzone. Perché non seguire un repertorio più di nicchia ma artisticamente più valido e maturo, anziché giocare ancora a fare la ragazzina con le tette al vento?

Madonna: un video italiano stile “Dolce Vita” per «Turn up the radio»?

Madonna MDNA tour 2012.jpg

Se in Give me all your luvin’ ha sfoggiato un (poco adatto) look da cheerleader, e in Girl Gone Wild ha rivisitato l’era di Erotica, adesso Madonna potrebbe invece re-interpretare La Dolce Vita. Secondo le ultime indiscrezioni infatti, la popstar sarebbe arrivata in queste ore a Roma con un volo privato. L’occasione è il MDNA World Tour, che martedì farà tappa nella capitale italiana, ma secondo un rumor lanciato dal sito mtv.com Madge starebbe filmando il video del terzo singolo estratto dal suo dodicesimo album da studio MDNA, Turn up the Radio, ritornando così in Italia dopo Like a Virgin (1984) girato tra le gondole veneziane.

A dirigere la clip sarebbe Tom Munro, già regista del video Give it 2 me. Nessuna conferma dallo staff dell’artista, che non ha risposto alle domande della redazione statunitense. Dopo aver fatto tappa a Istanbul e in Israele, Madonna martedì 12 Giugno sarà dunque allo Stadio Olimpico di Roma, per poi proseguire la parte europea del suo tour mondiale.

Nessun’altra indiscrezione trapela per il momento sul terzo singolo della cantante, che sarà prodotto da Martin Solveing, che ha invece detto, dalle pagine del sito americano, che non ci sono limiti su ciò che lui e Madonna potrebbero fare insieme.

Madonna: abuso di Photoshop per il poster di “Truth or Dare”

Madonna, Truth or Dare, profumo, fragranza, uscita, Give me all your luvin’, Girl gone wild, M.D.N.A., poster, foto, 2012, uscita, vendita, Macy’s, photoshp, ritocco

Continua un uso, o forse è meglio dire un abuso, di Photoshop per Madonna. A cinquantatré anni suonati, la cantante di Give me all your luvin’ è oggi apparsa sul poster promozionale della sua prima fragranza, in vendita dal primo aprile da Macy’s, Truth or Dare by Madonna (verità o sfida), più giovane che mai. Dopo la copertina di Girl gone wild, il secondo singolo estratto dall’attesissimo M.D.N.A., in uscita a fine mese, sulla quale la cantante somiglia ad un magrissimo manichino di plastica, Madge si fa levigare ancora per una bellezza senza tempo.

Il primo profumo firmato da Madonna è un mix di gardenia, tuberose e neroli, con un retrogusto di vaniglia, ambra e muschio. E così, in uno scatto in bianco e nero che ricorda ancora i fasti di Erotica e Justify my love, la regina del pop appare con labbra scure e pelle liscissima, senza dubbio più giovane dei suoi anni, mentre si guarda languida allo specchio: «Sono sempre stata ossessionata dai profumi – ha detto l’artista a Women’s Wear Daily lo scorso novembre – e per anni volevo creare qualcosa di personale che fosse una mia espressione, ma che potesse riguardare anche altre persone: qualcosa di onesto, ma audace».

Madonna, Give me all your luvin’ non decolla

Madonna - Give me all your luvin' cover copertina - Copia.jpgIl nuovo singolo di Madonna non decolla. Se con la sua performance “faraonica” Miss Ciccone ha polverizzato ogni record di ascolto, con quasi 113 milioni di telespettatori, di cui due solo in streaming on-line, Give me all your luvin’ proprio non va e, pubblicato ormai da una settimana, il brano, che anticipa l’uscita di “M.D.N.A.”, dodicesimo album dell’artista, nella sua settimana di debutto non solo non ha conquistato la prima posizione, ma proprio non è riuscito a rientrare nella top five, fermandosi appena al settimo posto della classifica digitale di iTunes.

I più, come sottolineato più volte anche da noi di cosmomusic, che ne avevamo ascoltato il demo, accusano la cantante di aver presentato un pezzo troppo da teenager, che proprio non si addice ad un’artista con quasi trent’anni di carriera.

Poco originale anche il video con cui Madge si propone che, tra cheerleader e Desperate Housewives cerca, tra l’altro senza riuscirci di (auto)celebrare i fasti del suo percorso artistico, rievocando Vogue, Like a Virgin e Material Girl, come d’altronde tenta di fare la stessa copertina del disco.

Insomma se è vero che Hollywood vuole solo giovinezza e bellezza, la smania di apparire come una ragazzina non ha di certo giovato alla cantante, quasi cinquantaquattrenne, che forse questa volta avrebbe dovuto curare un po’ meno l’immagine a concentrarsi solo sulla sua musica.

Madonna si trasforma in Iside per il super show del Super Bowl 2012

1592659-madonna-super-bowl-13-617-409.jpg

super_bowl_2012_madonna_la_regina_del_pop_video.jpgUna faraonico mini-concerto è stato quello di Madonna durante l’intervallo del Super Bowl, l’evento sportivo americano più seguito dell’anno, con un audience media di cento milioni di telespettatori. Come una novella Iside in trono, Madonna ha fatto rivivere l’antico Egitto, trasformando lo stadio statunitense in un circo massimo. Una performance di (quasi) un quarto d’ora, in cui la regina del pop ha ripercorso i momenti più importanti della sua trentennale carriera, da Vogue, storica hit, con la quale ha aperto l’ampio medley a Music featuring gli LMFAO, passando naturalmente per la nuovissima Gimme all your luvin’ (con le rapper Nicki Minaj e M.I.A.), portando in scena straordinari artisti circensi ed uno spettacolo che resterà negli annali della musica contemporanea. Madonna è sapientemente passata dall’Antico Egitto al circo, dalle cheerleader alle majorette, facendo saggiare al pubblico un simple di Express Yourself (facendo un po’ il verso alla rivale Lady Gaga), e chiudendo la con una bellissima interpretazione di Like a Prayer cantata insieme a Cee Lo Green, lanciando un bellissimo messaggio d’amore, ma, soprattutto di pace.

Madonna – Super Bowl Halftime Performance from Zephyr Alexxx on Vimeo.

Madonna: «Britney Spears è meglio di Lady Gaga»

Madonna, Britney Spears, Lady Gaga, vs, Born this way, Give me all your luvin’, M.D.N.A., contro, Guerra, The Advocate

Continua la crociata personale di Madonna contro Lady Gaga. Se negli ultimi anni Miss Germanotta ha beneficiato di un trono (apparentemente) vacante e di due eredi, Britney Spears e Christina Aguilera, non proprio al massimo della loro forma (fisica e musicale), diventando di fatto il vero nuovo mito per la generazione contemporanea, ispirando milioni di ragazzini e non nel mondo, adesso le cose sono un tantino cambiate: la regina del pop, Madonna, è ritornata per reclamare il suo legittimo posto. Reduce da quattro anni lontana dalle scene musicali, per dedicarsi alla settima arte, con la regia del film W.E., Madge ha interrotto il silenzio, quello musicale, ed è ritornata con il (non molto convincente) brano Give me all your luvin’ (che anticipa l’album M.D.N.A.), che vede il featuring di Nicki Minaj e M.I.A., proposto ai fan con una massiccia promozione: un leak sospetto, un’anteprima del video in uno dei programmi più visti degli Stati Uniti, American Idol (in cui appare come una novella “Desperate Housewives”), ed un’altra durante l’intervallo in quello che è considerato, con i suoi cento milioni di telespettatori, l’evento dell’anno, il SuperBowl.

Dopo la frecciatina di qualche settimana fa al brano “Born this way” di Gaga, che, secondo Madonna, sarebbe stato un omaggio alla sua Express Yourself, asserendo implicitamente che si tratti di un plagio, intervistata da un altro prestigioso magazine, The Advocate, la cantante, in merito all’entusiasmo dei giovani gay per la Germanotta, ha detto: «Sembra genuino, sembra naturale ed io posso capire perché lei ha tanto seguito tra i gay. Posso capire che si connettono al suo essere non convenzionale. Sì, voglio dire, non è Britney Spears. Lei non è costruita come il mattone di una casa».

Madonna. La regina del pop rivuole il suo scettro: on-line la copertina di “M.D.N.A.”

Madonna - M.D.N.A. cover copertina.jpg

Madonna - Give me all your luvin' cover copertina.jpgA quattro anni da Hard Candy, e tre dall’antologico Celebration, continua l’auto-celebrazione di Madonna, che ha pubblicato on-line la copertina ufficiale del suo nuovo album, M.D.N.A., la cui data di pubblicazione prevista è il 26 Marzo, e che ha già scatenato non poche polemiche per l’assonanza con la MDMA, sostanza più comunemente nota come Ecstasy.

Le lettere, com’è facile intuire, altro non sono che un riferimento al nome dell’artista che, sulle provocazioni, ci ha costruito una carriera lunga trent’anni. Ed è una Madonna giovanissima, quella che appare sul coloratissimo scatto ufficiale del disco, che per la posa, e per la sensualità, rievoca se stessa ai tempi di Vogue. Madonna infatti guarda in camera attraverso un specchio sagomato, che ne deforma a tratti il viso perfetto, ed il nome, dando così origine all’assonanza dello scandalo.

E se negli scatti promozionali, come quello in bianco e nero del singolo Give me all your luvin’, Madge appare con un’immagine curatissima ed azzeccatissima come sempre, il brano invece desta qualche perplessità.

In collaborazione con la rapper Nicki Minaj e M.I.A., Give me all your luvin’ ricorda forse più il singolo d’esordio di una nuova teen idol, piuttosto che quello di un’icona vivente del pop mondiale. Il ritornello, ripetitivo, ma di facile presa, potrebbero sicuramente farne un successo della prossima primavera, eppure non convince del tutto. Il pezzo, la cui demo è già trapelata in rete da qualche mese ormai, arriverà nelle radio, e negli store digitali, dal prossimo 3 Febbraio, due giorni prima dell’attesissima esibizione dell’artista al prossimo SuperBowl. Sarà possibile vedere un’anteprima del video invece, il giorno prima dell’uscita, in uno dei programmi più seguiti degli Stati Uniti, American Idol. La regina del pop è ritornata a riprendersi il suo scettro: ci riuscirà anche questa volta?