Miley Cyrus: da teen idol a icona sexy. Quando il sesso vende

Miley-Cyrus-Wrecking-Ball-Video-Stills-20.jpg

Miley Cyrus, discografia, filmografia, fidanzato, Liam Hemsworth, classifiche, we can’t stop, wrecking ball, youtube, video, vevo, album, disco, cd, 2013, look, capelli, BangerzIn molti la ricordano per i recenti successi di We can’t stop e per l’incredibile primo posto in classifica del secondo singolo Wrecking Ball, brani che anticipano l’imminente album Bangerz in uscita l’8 Ottobre. Ma Miley Cyrus calca le scene musicali, e non solo, da anni. La cantante infatti è giunta alla notorietà con la nota sit-com Disney Hanna Montana, in cui interpretava l’omonima protagonista dalla doppia vita: di giorno teenager qualunque e di notte segretamente popstar. Prima di strusciarsi contro il bel Robin Thicke sul palco dei Video Music Awards 2013, trasformandosi nella vera protagonista della serata, Miley ha recitato in diverse pellicole come LOL – Pazza del mio migliore amico con Demi Moore, remake dell’omonimo film francese, The Last Song, e collezionando un cameo persino nel secondo film cinematografico di Sex and the City, dove indossava lo stesso abito di una delle protagoniste. Ma in pochi probabilmente se ne ricorderanno. Miley infatti, prima della trasgressiva cresta platino, con rasatura ai lati, aveva fluenti capelli castani e grandi occhioni, ed era passata dall’essere la protagonista di un serial per ragazzi a fidanzatina d’America cantando pezzi come Party in the USA e, tra i più “trasgressivi”, Can’t be tamed, iniziando una vaghissima trasformazione in bad girl che non poteva essere domata.

Per il suo quarto album da studio la cantante-attrice ha così deciso un radicale cambio di immagine e di sound, avvicinandosi molto più a Rihanna, di quanto prima invece non fosse, cantando il brano We can’t stop inizialmente pensato per la bella cantante delle Barbados, che è rimasto per settimane stabile al terzo posto della Billboard Chart. La Cyrus è riuscita a mantenere alta l’attenzione su di sé con un nudo integrale nel video del secondo singolo, diretta dall’irriverente fotografo Terry Richardson e totalizzando quasi venti milioni di visualizzazioni su YouTube diventando il video più visto in così poco tempo della piattaforma VEVO. Una trasformazione che l’ha portata ai vertici delle classifiche degli States e all’attenzione dei media, all’indomani della già confermata rottura dal fidanzato, l’attore Liam Hemsworth conosciuto sul set di The Last Song, che, ancora una volta, dimostra che il sesso vende… più del talento.

 

Gwyneth Paltrow diventa cantante con “Country Strong”. L’attrice pubblicherà un disco

Gwyneth Paltrow.jpg

Gwyneth Paltrow diventa cantante. Moglie di Chris Martin, leader dei Coldplay, la bionda attrice Hollywoodiana, premio Oscar per Shakespeare in Love, ha avuto una brillante carriera al cinema fino al 1998, interpretando pellicole del calibro di Sliding Doors, diventato un vero cult, il remake Omicidio Perfetto e Obsession, e recitando accanto a grandi nomi come Michael Douglas e Jessica Lange. Ma dopo la vittoria dell’ambita statuetta, anziché subire un’impennata, la carriera cinematografica dell’attrice è giunta ad una battuta d’arresto: pellicole di scarso rilievo o scarso successo, ruoli marginali e molti action movie che di sicuro non hanno reso giustizia alla sua capacità interpretativa. Come Jennifer Lopez prima di lei, anche la Paltrow, dopo aver interpretato il ruolo della cantante Kelly Canter nel film Country Strong, ha deciso di pubblicare un album. A rivelarlo il sempre bene informato Daily Star, dal quale si apprende che l’attrice si è innamorata della musica, dopo aver inciso la title-track del film: «Appena i produttori del film hanno sentito la voce di Gwyneth – ha rivelato una fonte al giornale – se ne sono innamorati, e le hanno detto che poteva pubblicarla».

Come suggerisce il titolo del brano, Country Strong è una ballata country-rock in cui l’attrice sfodera davvero una voce sorprendente. La traccia è già trapelata sulle reti p2p e torrent. Naturalmente il marito Chris Martin non poteva che appoggiare Gwyneth in questa sua nuova avventura artistica: «Chris pensa che sia brillante – ha aggiunto una fonte al magazine – Gwyneth ha sempre cantato a casa e le ha sempre detto che ha una gran voce».

Ronn Moss: cantante “Beautiful” a Roma. Il celebre Ridge Forrester al Lian Club

Ronn Moss.jpg

Ronn Moss - cover.jpg

In questi giorni è sugli schermi italiani nell’inedita veste di ballerino, nel cast del fortunato programma del sabato sera di RaiUno, Ballando con le Stelle, ma per gli italiani è Ridge Forrester, storico volto di una delle soap più longeve del piccolo schermo, Beautiful, eppure in pochi sanno che Ronn Moss è anche un cantante. Nel 2002 infatti l’attore americano ha inciso il suo primo CD da solista, I’m your man. Sì, perché il bello della soap, prima di diventare parte del perenne triangolo Brooke-Ridge-Taylor, aveva fondato insieme ad un gruppo di amici, la band The Player, che ora vorrebbe riunire.

Nel 2005 è uscito il suo secondo album da solista, Uncovered, la cui canzone It’s all about you, è rientrata anche nell’airplay radiofonico italiano.

Venerdì 5 Febbraio, il bel Ronn sarà al Lian Club, noto locale romano, dove, insieme al chitarrista Peter Beckett, proporrà quella che sarà la prima data live dei The Player. Il cantante infatti proporra al pubblico romano una session pop-rock, in cui canterà e suonerà anche basso e chitarra: «Mi piace l’atmosfera del piccolo club, permette una comunicazione più intima» ha raccontato l’attore al Lian. «Suoneremo solo tre o quattro pezzi – ha aggiunto Moss – tra cui una versione acustica della nostra hit, Baby come back».

Il sogno di Ronn è quello di fare un tour in Europa con la sua band, magari partendo proprio dall’amata Italia, in cui l’attore vive un momento di seconda giovinezza artistica, distaccandosi dal celebre e forse ingombrante personaggio che, dal 1987, l’ha reso celebre in tutto il mondo.

Fan di Andrea Bocelli, Moss sta anche lavorando ad un album di imminente uscita, la cui data tuttavia non è stata ancora specificata, ma dovrà collocarsi tra i molteplici impegni dell’artista.