Dido pronta a tirare le somme con il suo primo “Greatest Hits”

dido greatest hits.jpg

Il 2013 sarà ricordato come l’anno dei grandi ritorni musicali delle principali artiste femminili di sempre: da Lady Gaga a Britney, da Katy Perry a Avril Lavigne. Donne, artiste e stili diversi, tutte unite da una sola certezza: pubblicare un lavoro inedito da studio entro la fine dell’anno. E la sfida ai primi posti delle classifiche è già partita, e se tra le artiste “maggiori” questo primo round sembra esserselo aggiudicato la Perry con la sua Roar, mentre la trasgressiva Miley Cyrus gioisce per il primo posto dell’album Bangerz, le altre non stanno di certo a guardare, postando lyrics video e collaborazioni inedite. Ma cè anche chi con dodici anni di carriera alle spalle, più che andare avanti sente il bisogno di guardarsi indietro e tirare le somme. Dopo la pubblicazione del suo quarto album di inediti, Girl who got away, pubblicato quest’anno, Dido annuncia su facebook la pubblicazione del suo primo Greatest Hits ufficiale, la cui uscita è prevista per il prossimo 25 Novembre, postandone la tracklist scritta di suo pugno su instagram. Come si evince dalla foto, il cofanetto si comporrà di due dischi, che ripercorreranno l’intera discografia della delicata cantante americana: da Here with me a Life for rent, da White Flag all’ultimo singolo No freedom. Nel secondo album versioni alternative dei suoi successi, racchiudendo collaborazioni con i migliori produttori musicali del momento, da Timbaland a DJ Cobra, da Cedric Gervais a MJ Cole. Il secondo disco però andrà inoltre ad arricchirsi di un nuovo brano inedito, che farò da traino a questa interessante antologia, NYC.

tracklist dido.jpg

Dido ritorna con l’acustica e intensa “No freedom”

74332_412001145549698_700636666_n-586x586.jpeg

Ritornata un po’ in sordina, Dido posta on-line il suo primo singolo ufficiale, No freedom, brano, che a quattro anni di distanza dal suo ultimo disco, ne segna il ritorno sulla scena musicale, e ad un sound decisamente più intimo. Abbandonata l’elettronica e la sperimentazione di Safe Trip Home, la cantante propone oggi un pezzo che rievoca le atmosfere del suo album di debutto, No Angel (1999), ritornando con un brano scritto di suo pugno insieme a Rick Nowles, già collaboratore di Madonna e di Lana Del Rey. No freedom è un pezzo acustico, scevro dagli artifizi elettronici e pop-commerciali.

In un mondo musicale in continua evoluzione, alla perenne ricerca di nuove icone e star sempre più giovani, oggi Dido, come molte artiste della sua generazione, riprova a conquistare quella fetta di pubblico che negli anni è cresciuta. La cantante è stata assente dalle scene per un bel po’, e in molti la ricordano maggiormente per uno dei suoi ultimi successi, White Flag, dimenticando la discografia storica dell’artista. Nell’attesa di un disco, Girl who got away, manco a dirlo, la ragazza che andò via, in uscita il prossimo 4 Marzo, ascoltiamo questo interessantissimo e molto intenso lavoro.

La colonna sonora di “Sex and the City 2”: tra atmosfere esotiche e musica lounge

Sex and the City 2 - poster 2.jpg

Sex and the City 2 - soundtrack cover.jpg

In linea con l’ambientazione esotica dell’omonimo film, la colonna sonora di Sex and the City 2, seconda pellicola tratta dalla nota serie della HBO, la cui uscita è prevista per il 25 maggio (appena qualche giorno prima del film, nelle sale il 28), è un tripudio di suoni arabeggianti e atmosfere esotiche, miste a beat R&B e glamour. Primo brano della tracklist quella che probabilmente sarà l’apertura del film, Rapture, con la suadente e calda voce di Alicia Keys, che campiona il jingle originale della sigla di Douglas J. Cuomo, alternandolo ad un sound orientaleggiante e parti rap. Con Everything to lose di Dido si respira invece un’atmosfera lounge in stile Buddha Bar, che ai motivi orientali mixa invece sonorità elettroniche.

Tra i brani più suggestivi della colonna sonora, quello del cantante funk/R&B Cee Lo, Language of Love, e Kidda di Natacha Atlas.

Ma non solo oriente, la soundtrack del film accontenta proprio tutti, e per gli amanti delle rarità c’è la riuscitissima reinterpretazione di Single Ladies (Put a ring on it) di Liza Minnelli, cover del noto brano di Beyoncé Knowles, ed un pezzo cantato (ed inciso) direttamente dalle quattro protagoniste del film, Sarah Jessica Parker, Cynthia Nixon, Kim Cattrall e Kristin Davis che ironicamente invece cantano il classico di Helen Reddy, I am woman.

E se l’attesissimo brano Love is your color, duetto di Jennifer Hudson e Leona Lewis, vi delude perché ricorda un po’ troppo True Colors di Cyndi Lauper, non preoccupatevi: a scanso di equivoci, nella original soundtrack c’è anche quella. In chiusura Aaron Zigman con Divas e Dunes, ennesima rivisitazione in salsa orientale della sigla d’apertura dell’omonimo serial cult.

Che siate fan o meno della pellicola o del serial, se amate la musica glamour-lounge, e volete (ri)vivere l’atmosfera esotica, allora la colonna sonora di Sex and the City 2, film che mira a sfondare il tetto dei quattrocento milioni di euro realizzati dal primo capitolo cinematografico, è un pezzo che non può assolutamente mancare nella vostra collezione.