Britney Spears: in forma smagliante per “All Eyes on Me”

1238285_10151866070514316_1095686103_n.jpg

Britney Spears sta tornando e, a giudicare dalle prime immagini che la cantante sta postando in rete, ricorda molto la Britney-prima-maniera: capelli biondi corti mossi, fisico asciutto, vaga trasgressione e tanta voglia di scalare ancora le classifiche. A quattro giorni dall’uscita di Work Bitch, questo il titolo del nuovo singolo, la Spears diffonde su facebook una foto dell’artwork di copertina, che la ritrae in un camerino con un giacchetto di piume turchese, e quell’aria vagamente sfrontata da cattiva ragazza che i fan non vedevano da tempo, a metà strada tra Oops! I did it again e la Circus-era, ricordando vagamente Las Vegas, forse a supporto di un contratto che la cantante avrebbe firmato, impegnandosi in una serie di spettacoli appositi per la capitale del gioco. La cantante della Louisiana ha svelato sul suo account instagram gli autori del brano, tra i quali troviamo Sebastian Ingrosso, Dj e produttore svedese, del trio Swedesh House Mafia. La presenza del Dj svedese di certo è indice di un brano dance, che promette scintille. Co-autore del pezzo William Adam, altrimenti noto come Will.i.am, leader dei Black Eyed Peas.

Smessi i panni della Femme Fatale, Britney rivuole adesso il suo posto di teen-idol, capace però di abbracciare ancora quel pubblico che adolescente non lo è da un bel pezzo. Work Bitch arriverà in promozione su iHeartRadio lunedì 16 Settembre, alle sei del pomeriggio (ora americana), mezzanotte ora italiana, mentre arriverà su iTunes sei ore dopo, alla mezzanotte ed un minuto del prossimo 17 Settembre.

Forte del successo planetario di Scream&Shout con Will.i.am, per questo disco, il cui titolo è ancora top-secret, la cantante potrà contare ancora sul leader dei Black Eyed Peas, e sulla preziosa collaborazione di Orbit, già a lavoro per Ray of Light di Madonna alla fine degli anni ’90.

Il countdown che da oltre un mese troneggia sul sito ufficiale dell’artista è dunque quasi giunto al termine.

 

Britney sta per tornare, e i fan presto potranno gridare ancora: «It’s Britney, bitch!».

1234510_10151869631628234_28712436_n.jpg


Jahméne Douglas: quando la cover è più bella dell’originale

jahmene-douglas-album.jpg

Il suo nome è Jahméne Douglas, classe 1991, ed è uno dei finalisti dell’ultima edizione britannica di X Factor. Capitanato dall’ex Pussycat Dolls, Nicole Scherzinger, Douglas ha pubblicato lo scorso luglio il suo album d’esordio, Love Never Fails. Un successo che l’ha portato al primo posto della classifica UK, Irlandese e Scozzese. In linea con lo spirito del talent che l’ha reso celebre, Douglas ha inciso dieci cover, reinterpretandoli in chiave soul, ma in alcuni pezzi come Next to me di Emeli Sandé viene fuori l’anima gospel dell’artista. Primo singolo estratto dal fortunato album la bellissima Titanium di David Guetta, resa famosa la scorsa stagione da Sia, e che qui trova nuova linfa vitale, in un arrangiamento che nulla toglie all’originale dance. Una formula già sperimentata, quella di Douglas, che reinterpreta sapientemente dieci brani più o meno recenti: da Halo di Beyoncé, che qui non sfigura affatto, a Angel di Sarah McLachlan, passando per due duetti d’eccezione, The Greatest Love of All, in coppia con l’ex mentore Nicole, e, la chicca, Give us this way, brano originario del 1949, che qui trova la guest d’eccezione in Stevie Wonder.

Cher: giovanissima e biondissima sulla copertina di “Closer to the Truth”

Cher - Closer to the Truth (cover).jpg

Biondissima e giovanissima. Gli sforzi pioneristici di Cher per non arrivare alla vecchiaia sembrano dare i risultati sperati, almeno a giudicare dalla copertina di Closer to the Truth, vicina alla verità, l’imminente nuovo album dell’artista, che ne segna il ritorno alla musica dopo quasi dodici anni di assenza, e da cui è tratto il primo singolo, Woman’s World, del quale la cantante, qualche giorno fa, ha presentato il singolo sperato. Quello di Cher dunque è un ritorno alla musica, sì, ma anche un ritorno all’amata dance che nel 1999 con Believe, anticipando i tempi, le regalò quella notorietà e fama tra le allora nuove generazioni di adolescenti. 

Il disco, secondo i primi leak della rete, potrebbe contenere il fantomatico duetto con Lady Gaga, The Greatest Thing. Nel frattempo Woman’s World è riuscito a regalare all’artista ancora qualche soddisfazione, a cominciare dal primo posto nella classifica dance americana, e rientrando nella top twenty delle altre charts.

Katy Perry: on-line i primi quindici secondi di “Roar”

Katy-Perry-400-400.jpg

Mancano pochi giorni al ritorno musicale di Katy Perry, il quale coincide con un altro attesissimo comeback musicale, quello di Lady Gaga, e negli States già si parla di sfida tra regine. Chi di loro dominerà le classifiche? Molto diverse le strategie di marketing utilizzate per la promozione dei singoli. Mentre Katy Perry, su YouTube pone fine alla Teenage Dream Era, bruciando parrucche viola, partecipando al suo funerale, e svelando quali saranno le atmosfere di Roar, il brano in uscita il prossimo 12 Agosto, Lady Gaga invece condivide sui social network il testo di Applause, il singolo che anticiperà la pubblicazione di ARTPOP, in arrivo a fine anno.

Ma le influenze di Katy Perry pare che, almeno dal punto di vista visivo, dell’immagine, non saranno molto diverse dal sogno adolescenziale visto finora: la cantante infatti continua ad indagare le atmosfere anni ’80, così come si evince dall’artwork di copertina del nuovo singolo, del quale, nell’ultima clip su YouTube, svela anche quindici secondi del pezzo, in cui canta: «Cause I am a champion / And you’re going to hear me roar» (poiché io sono un campione / tu mi sentirai ruggire ). Dai quindici secondi si potrebbe desumere che Roar potrebbe essere un pezzo pop-rock in stile anni ’80.

Sull’artwork di copertina, la Perry, di spalle, indossa una giacca di jeans con su impressa una tigre. Il brano andrà ad anticipare il quarto album dell’artista, Prism, che vedrà invece la luce il prossimo 22 Ottobre.

Lady Gaga sparita? O forse no…

271817_10151799598724574_1023534761_o.jpg

Da qualche tempo aveva mantenuto un basso profilo, alternando al momento di sovraesposizione mediatica uno di eclissi totale. Ma se anche voi temevate che Lady Gaga fosse sparita dalla circolazione, allora non dovete preoccuparvi. L’aspirante regina del pop ha infatti finalmente annunciato la data ufficiale dell’uscita del suo nuovo album. Come molti ormai sapranno, il disco si intitolerà ARTPOP, così come il singolo omonimo che dovrebbe anticiparlo. La cantante di Bad Romance ha postato sul suo profilo facebook ufficiale due nuove immagini. Una di se stessa, in cui indossa una maschera di protezione, l’altra, la foto copertina, con tutte le date da segnare sulla propria agenda musicale. Sembra infatti che il prossimo 19 agosto vedrà la luce il primo estratto, forse omonimo del disco, che farà da traino all’uscita che avverrà invece in novembre, esattamente l’11, in concomitanza alla pubblicazione di una APP. Sì, perché come anticipato nei post dei precedenti mesi, ARTPOP non sarà soltanto un lavoro discografico, ma un vero e proprio progetto che andrà a coinvolgere più ambiti. Sarà possibile pre-ordinare il disco a partire dal 1 settembre. Quali altre sorprese terrà in serbo Miss Germanotta per i suoi fan? Non ci resta altro che aspettare.

La “Giungla” di Paola e Chiara: uno scrigno di tesori da scoprire

cover-ALBUM-paolachiara-giungla-1.jpeg

A tre anni di distanza da Milleluci, Paola & Chiara finalmente ritornano negli store musicali con Giungla, ottavo lavoro discografico che vede ricomporsi il duo più longevo della musica italiana. Ma in questi anni le sorelle Iezzi non se ne sono state con le mani in mano, coltivando con successo anche le proprie carriere soliste, arricchendosi come donne, ma, soprattutto, come artiste. Anticipato dal singolo Divertiamoci (perché c’è feeling) featuring Razza Krasta, Giungla è la summa dei precedenti lavori delle due sorelline milanesi, una vera e propria evoluzione musicale di quanto i fan hanno ritrovato ed apprezzato in album storici quali Television, Festival e Blu, diventati nel tempo dei veri e propri cult, che hanno coniugato la qualità musicale alla ricerca di una bellezza formale che si fa parte dell’espressione del testo e della musica stessa. Da sempre attente (anche) all’immagine, Paola&Chiara sono radiose sulla copertina di questo disco.

In quest’album la brunetta e la biondina recuperano il sound dal sapore spagnoleggiante, che viene qui a mixarsi perfettamente con l’elettronica e il pop, in un connubio, come ormai ci hanno abituati, sperimentale sì, ma sempre perfettamente riuscito, con un sound che continua a strizzare l’occhio alle produzioni d’oltremanica e d’oltreoceano.

Lungo queste quattordici tracce trovano posto anche inedite collaborazioni. Lungimiranti, P&C hanno infatti collaborato con quello che sarebbe diventata la nuova stella dei talent italiani, Moreno, fresco vincitore di Amici, che presta il suo rap al brano Tu devi essere pazzo. Ma è quando cantano da sole che Paola e Chiara danno il meglio di sé: tra i brani migliori infatti il latineggiante Non c’è me senza te, il brano dance-elettronico Ma tu non puoi (più chiamarla felicità), vero e proprio pezzo ipnotico, e Tu sei l’anno che verrà. Non mancano le ballad, la migliore E se per caso.

E continua la venerazione per Rihanna: se in Milleluci le due cantanti avevano “coverato” Russian Roulette, qui ritroviamo la cover di California King Bed, che diventa un’orchestrale Che mi importa di te. La chicca: Xin Fang Kai, versione cinese del sanremese A modo mio del 2005.  

 

Insomma Giungla è uno scrigno con così tante perle, che quasi viene da domandarsi come mai Paola & Chiara abbiano scelto “Divertiamoci” come primo estratto, ma è senza dubbio un album qualitativamente alto, musicalmente all’avanguardia e, senza dubbio, da acquistare subito.

Il mondo delle donne secondo Cher

964540_591397434226005_975587189_o.jpg

Se n’è parlato tanto, ma alla fine sembra che arriverà davvero. Il singolo Woman’s World di Cher, previsto inizialmente per marzo e che anticipa l’uscita del nuovo album di inediti, sarà ufficialmente pubblicato il prossimo 18 Giugno, mentre bisognerà aspettare la fine di settembre, esattamente il 24, per l’uscita del disco. È un ritorno importante quello dell’artista, che si riaffaccia alla musica dopo ben dodici anni di assenza: l’ultimo album dell’attrice premio Oscar e cantante risale infatti all’ormai lontano 2001, Living Proof.

 

Originariamente previsto per lo scorso novembre, il nuovo album di Cher, del quale non conosciamo ancora il titolo, pare sarà prodotto da Timbaland e, a rendere questo lavoro ancora più atteso e interessante, avrà autori d’eccezione, tra i quali Lady Gaga, grande amica dell’artista, Pink, che con il suo ultimo disco è ritornata ai vertici delle classifiche mondiali, e la stella della dance Jason Derulo.

Christina Aguilera: dopo Lotus, uno straordinario duetto in spagnolo

Hoy-Tengo-Ganas-De-Ti-feat.-Christina-Aguilera-Single.png

Aveva espresso la sua volontà di lasciare la poltrona di giudice del talent statunitense The Voice per dedicarsi completamente alla sua musica. Christina Aguilera ha mantenuto le promesse e, a dispetto del flop di vendite di LOTUS, il suo ultimo album, ritorna con un nuovo brano per la gioia dei fan. Si tratta di uno straordinario duetto in coppia con il cantante messicano Alejandro Fernández. Il pezzo è uno dei classici della musica messicana, Hoy tengo ganas de ti, oggi ho desiderio di te, che sarà il tema portante della nuova telenovelas La Tempestad. Per chi conosce bene la cantante americana, sa che questa non è la prima volta che la bella Christina si cimenta con la lingua iberica: tredici anni fa infatti, dopo il successo del suo esordio americano con Genie in a bottle, incise anche un disco interamente in spagnolo, Mi reflejo, con brani inediti e reinterpretazioni dal suo disco di debutto, inclusa l’omonima Mi reflejo, colonna sonora del film Disney Mulan, che incise anche per gli Stati Uniti. Ma l’amore per lo spagnolo non si è mai interrotto. Qualche anno fa infatti Christina, insieme al nostro Andrea Bocelli, aveva inciso un altro classico della musica latina, Somos Novios, mentre qualche anno fa toccò ad un’altra colonna sonora, La Casa, per il film spagnolo La Casa de mi padre.

La bella Christina dà sfoggio della sua straordinaria voce, in un’interpretazione da brivido che la riporta ai grandi livelli di interprete che l’ha fatta amare dal pubblico di tutto il mondo. Di sicuro un buon auspicio che lascia ben sperare per il suo futuro musicale.

Madonna, a giugno l’uscita del MDNA Tour: «Lo show più duro e emozionante di sempre»

401826_10151646967744402_334637318_n.jpg

Se non siete stati tra gli spalti per uno degli eventi cult del 2012, non temete, il prossimo 22 Giugno esce uno degli spettacoli più controversi e stravaganti di sempre, il MDNA Tour sarà pubblicato in DVD. A darne notizia è la stessa Madonna, che dalla sua pagina facebook ufficiale ne pubblica la bellissima copertina, mentre in una nota si legge che il DVD è stato prevalentemente girato a Miami e in altre tappe in giro per il mondo. Il MDNA Tour è stato uno dei più grandi successi e incassi dello scorso anno, con un audience di pubblico di quasi due milioni e mezzo, durante le ottantotto date mondiali.

Oltre ai grandi successi storici di Miss Ciccone, come Vogue, Like a prayer e Hung Up, il concerto contiene anche le hit estratte dall’ultimo album dell’artista, MDNA, tra cui Give me all your luvin’, Girl Gone Wild, Gang Bang e l’ultimo singolo Turn up the radio. L’album ha debuttato al primo posto in oltre trenta paesi, Madonna, insieme alla sua band, e ad un corpo di ballo di quasi trenta ballerini (e 1500 costumi) ed un equipe per gli effettivi visivi e sonori, ha realizzato ciò che Lady Ciccone ha definito: «Il più duro, ma più emozionante e impegnativo spettacolo che io abbia mai fatto».

E sembra soddisfatta Madonna di questa tournée che ha rievocato i fasti della Material Girl guardando avanti e alle tanti cambi di sound, di immagine di pelle che la cantante ha fatto nel corso della sua carriera: «Il mio spettacolo è un viaggio – ha detto la cantante di Like a virgin – un viaggio dell’anima, dalle tenebre alla luce.» un percorso spirituale, come di quelli cui Madonna, da Ray of Light ad oggi ci ha abituati: «Un viaggio dalla rabbia all’amore, dal caos all’ordine – ha continuato l’artista – ci sono i buoni e i cattivi che lo illustrano e a volte io li interpreto entrambi».

Il MDNA Tour non poche polemiche ha suscitato: dalle tentate censure nell’Est Europa alle polemiche di Elton John, ma Madonna sembra rispondere anche a questo: «Dev’essere visto con il cuore aperto dall’inizio alla fine. Sono sicura che se lo si considera in questo modo, si ritornerà a casa ispirati, rinvigoriti con il desiderio di fare del mondo un posto migliore».

Mads Langer ritorna in “cattive acque”

mads langer - in these waters.jpg

Attivo dall’ormai lontano 2006, Mads Langer trova la fama soltanto nel 2009, con la cover in chiave acustica di uno dei maggiori successi dance degli anni ’90, You’re not alone degli inglesi Olive. Ma il cantante danese non è stato di certo con le mani in mano in questi anni, e ritorna con un nuovo lavoro di inediti dal titolo In these waters, in queste acque. E come si evince dalla copertina, in cui Langer è immerso nell’acqua, è proprio questo l’elemento che lega e caratterizza molti brani che vanno a comporre la raccolta, a partire dalla bellissima Dire Straits, manco a dirlo “cattive acque”, o lo stesso omonimo del disco. Per questo nuovo progetto Langer ai suoni acustici cui ci ha abituati da tempo, mescola anche sonorità elettroniche, ritmi solari ed estivi come Heartquake, che vanno a mescolarsi a tracce dance, lasciando spazio per delle bellissime ed introspettive ballad come Never forget You. L’amore è il filo conduttore di questi dodici brani che ripropongono un Langer molto più maturo, che non ha paura di cantare i propri sentimenti.

Anticipato dal singolo Elephant, il disco è di sicuro una delle migliori uscite di quest’anno, per scoprire una musica più introspettiva e sentita, e meno patinata.