Natale in musica: le uscite discografiche per vivere la magia delle feste

collage.jpgSe quest’anno ad annunciare il Natale non è stato uno spot della CocaCola, come tradizionalmente è successo negli ultimi anni, ma uno di ikea, almeno certe cose non cambiano mai: anno che vai, strenne natalizie che trovi. Dopo il best-seller tutto italiano di Andrea Bocelli prima (2009), e di Michael Bublé dopo (2011), quest’anno sembra siano prevalentemente le donne a tentare la scalata alla classifica di Natale. Prima nell’ordine Kelly Clarkson. L’ex vincitrice di American Idol, dopo il suo primo Greatest Hist (Chapter One), e il singolo Tie it up, la Clarkson debutta con la sua prima compilation delle feste: Wrapped in Red, pubblicata lo scorso 25 Ottobre. Ad ispirare la cantante non sono i tradizionali canti di Natale, ma brani ispirati a film natalizi: dal 1954 ad oggi, sono tante le pellicole, e i rispettivi temi musicali, che ritroviamo nel disco della cantante. Dal White Christmas di Bing Crosby a Love Actually al Natale di Charlie Brown.

Per gli amanti dell’R&B anche la cantante Mary J Blige ha deciso di calarsi nel pieno clima di alberi e lucette con A Mary Christmas. Pubblicato il 15 Ottobre del 2013, l’album è una raccolta dei classici di Natale: da Little Drummer Boy a Do You Hear What I Hear?  fino a Have Yourself a Merry Little Christmas.

Non è veramente Natale senza un album di Susan Boyle. L’ex rivelazione di Britain’s got Talent, se con The Gift strizzava appena l’occhio al Natale, quest’anno è nel pieno della festa con Home for Christmas. Lungo la tracklist troviamo anche un duetto virtuale con Elvis Presley ed uno, reale, con il gruppo The Overtones. Il disco è parte della colonna sonora del film The Christmas Candle, che segna il debutto cinematografico della cantante.

Ma non sono soltanto le donne a tentare l’impresa del Natale: anche Chris Mann, del team di Christina Aguilera per il talent The Voice, ha pubblicato quest’anno, come la Boyle, un album dal titolo Home for Christmas: undici classici delle feste, tra musica pop e opera.

Quattro album, quattro artisti, quattro stili diversi per emozionarsi e vivere la magia del Natale.

Sanremo 2013: la pagella di Repubblica.it contro i talent

sanremo-2013.jpg

Gino Castaldo di Repubblica ha ascoltato in anteprima le canzoni che animeranno il prossimo Festival di Sanremo. 28 i brani in gara per i quattordici artisti, che quest’anno portano sul palco dell’Ariston ben due brani a testa, l’uno più tradizionalmente sanremese, l’altro invece più sperimentale, che possa mostrare la vera anima dell’artista, scevro dai condizionamenti del festival. E saranno proprio i brani quest’anno ad essere eliminati, permettendo a tutti i Big, in una gara non gara, di restare nella finalissima del sabato sera.

Il critico di repubblica ha dato le pagelle per ogni coppia di pezzi portati, con risultati sorprendenti. Tra i migliori del Festival Elio e la Storie Tese, capoclasse di questa scolaresca, che prendono un 10 pieno, mentre Raphael Gualazzi, rivelazione dei giovani di due sanremi fa, deve accontentarsi solo di un 8, ma questo è niente paragonato al 5- di Annalisa Scarrone, rea di essere fuoriuscita da un talent (sbagliato). Va un po’ meglio per Marco Mengoni che porta a casa un 5 ½ e Chiara, ultima vincitrice di X Factor, che prende un 6 (non sarà perché è l’ultima vincitrice?). Insomma il critico di Repubblica sembra un po’ prevenuto proprio verso quei talent che negli ultimi anni hanno invece dominato Sanremo, conquistando podi e vittorie, ultima, solo in ordine cronologico Emma Marrone con Non è l’inferno, che porta a tre le vittorie degli “Amici” di Maria De Filippi (altre due nel 2008 e 2009, rispettivamente con Marco Carta e Valerio Scanu).

I peggiori di questo Festival, con un 4, sono invece proprio il gruppo che negli ultimi due anni è riuscito a farsi notare dal grande pubblico, i Modà, autori del brano vincitore dello scorso anno, e secondi classificati insieme ad Emma Marrone in quello precedente.

Si tratterà di certo di voti imparziali, e per ora possiamo solo fidarci della conoscenza e del gusto musicale del giornalista del quotidiano, ma alcuni artisti sembrano pagare lo scotto della loro provenienza, a favore di chi invece nasce fuori dal mondo televisivo.

Per leggere la pagella completa ecco il link.

Lana Del Rey: in rete trapelano quattro brani inediti

Lana Del Rey.jpg

La riedizione del suo album d’esordio, Born to die, che per l’occasione diventa Paradise Edition, arriverà soltanto il prossimo autunno, ma nel frattempo sono trapelati in rete quattro brani inediti della bella Lana Del Rey, che potrebbero andare a comporre questo suo prossimo lavoro discografico. Uno dei brani è il demo di Ghetto Baby, pezzo che Lana ha scritto per la cantante Cheryl Cole. Gli altri invece sono Summer of Jam, un pezzo quasi rap, Ooh Baby, e Serial Killer. Quest’ultimo brano, tra tutti, è quello che di sicuro ha maggiori probabilità di far breccia nel cuore dei fan che l’hanno amata in Video Games. Il brano infatti riproduce le atmosfere retro cui ci ha ormai abituati Lana, con un suono ipnotico che potrebbe farne uno dei prossimi singoli della Paradise Edition.

Ascoltare per credere:

 

 

 

Lana Del Rey ritorna a novembre con “Paradise”

Lana Del Rey.jpg

Sull’onda del successo del suo album di debutto, Born to die, ai vertici delle classifiche inglesi e di mezzo mondo, Lana Del Rey ritorna nei negozi a novembre con un repacking del disco che ha saputo regalarci brani come l’omonimo Born to die, Video Games, ma anche National Anthem e l’ultimo singolo, estratto per i paesi teutonici, Summer Sadness. Secondo quelle che sono le nuove leggi del mercato discografico, come già successo per altre artiste come Lady Gaga, Kesha e Katy Perry, ai brani già noti della prima edizione del disco del nuovo volto di H&M, verranno dunque ad aggiungersi altre sette tracce inedite: «Non si tratta di un nuovo album – ha detto la cantante in un’intervista – è come un pensiero che continua il disco originale».

Lana ha rivelato in alcune interviste che cinque dei sette brani sono già scritti, e due dei quali saranno Will You Still Love Me When I’m No Longer Young and Beautiful, In the Land of Gods and Monsters e I Sing the Body Electric, presentato dal vivo lo scorso 24 Giugno al BBC Radio 1’s Hackney Weekend.

I leak dell’estate: in rete due brani inediti di Amy Winehouse e Kelly Rownald

amy winehouse and kelly rowland.jpg

A poco meno di venti giorni dal primo anniversario della sua morte (il 23 Luglio), è trapelata in rete una nuova traccia inedita di Amy Winehouse. Si tratta di Cherry Wine, vino di ciliegie, una ironica coincidenza per l’artista, morta un anno fa per i suoi abusi di alcol e droga. Il pezzo è un duetto con il rapper newyorkese Nas, il quale aveva già collaborato con l’artista per il brano Like Smoke, incluso in Lioness: Hidden Treasures, primo album postumo di Amy. Il brano è prodotto da Salaam Remi, già produttore dei due album della Winehouse, Frank e Back to Black. Una felice coincidenza, questo ennesimo leak sospetto del pezzo, che sarà incluso nel nuovo album del rapper Life is Good, in uscita il 17 Luglio, e che vedrà anche la partecipazione di Drake, Rick Ross, Mary J Blige e Swizz Beatz: «È una sensazione agrodolce fare qualcosa con lei che adesso non è qui. Ma sono felice… il bello è che noi abbiamo fatto musica e che i fan possono ascoltare qualcosa di nuovo che appartenga a lei».

Ma questo non è il solo leak “fortunato” dell’estate. Anche Kelly Rowland si è vista trapelare in rete il pezzo Ice, che la vede di nuovo in coppia con Lil Wayne, e l’ha presa con filosofia, scrivendo su twitter: «Beh, scommetto che avete già ascoltato Ice, grazie per il vostro affetto e supporto. Mi spiace, volevo farvi aspettare ancora, ma sono contenta che vi piaccia ad ogni modo».

 

Amy Winehouse: ad una settimana dalla morte, spuntano due inediti in rete

Amy Winehouse, morte, inediti, brani, discografia, dischi, Black to Black, classifica, 2011, video, vevo

È inutile negarlo, la morte fa vendere. Lo sanno bene i produttori e discografici di Michael Jackson, che lo scorso anno hanno pubblicato il primo album postumo dell’artista scomparso nel 2009, Michael, e lo sa bene il produttore di Amy Winehouse, Salam Remi, che sul suo canale tumblr ha postato ben due brani inediti dell’artista inglese scomparsa prematuramente lo scorso 23 Luglio 2011. Si tratta di una versione inedita di Unholy War, brano contenuto nel secondo album di Amy, Black to Black, e l’inedito Roun’ Midnite. Questi “leak ufficiali” sono destinati a precedere quello che sarà il terzo album della Winehouse, nonché primo lavoro discografico postumo, forti del rinnovato successo di Black to Black, entrato direttamente al primo posto della classifica digitale americana, e nella top ten della Billboard Chart.

Per ascoltare i pezzi basta andare sul sito ufficiale del produttore dell’artista http://salaamremi.tumblr.com/

 

Sade: la tracklist e le date del tour

9310ba04d33b25e13fee4c596801a07.jpg

Ve ne ho parlato qualche giorno fa, la band inglese Sade il prossimo 3 Maggio 2011 pubblicherà l’album antologico The Ultimate Collection, raccolta completa di tutti i successi del gruppi dagli esordi del 1984 all’ultimo lavoro discografico, Soldier of Love, del 2010. È di poche ore fa l’annuncio della tracklist ufficiale che comporrà questo nuovo progetto, ventinove brani in tutto, tra hit, remix e inediti. E saranno quattro, non tre come ho detto qualche giorno fa, i brani mai pubblicati in precedenza che vanno ad arricchire questo album: oltre alla già annunciata collaborazione con il rapper Jay-Z, per The Moon and the Sky, ci saranno Still in love with you, Love is found e I would never have guessed. Nel doppio disco sono stati inseriti anche molti pezzi lasciati fuori dal best of. È già possibile pre-ordinare il disco on-line, insieme ai biglietti dei concerti dell’imminente tour. Ecco la tracklist completa e i link per tutte le info e le date:

 

Disc 1

Your Love Is King

Smooth Operator

Hang On To Your Love

The Sweetest Taboo

Is It A Crime

Never As Good As The First Time

Jezebel

Love Is Stronger Than Pride

Paradise

Nothing Can Come Between Us

No Ordinary Love

Kiss Of Life

Feel No Pain+

Bullet Proof Soul+

 

Disc 2

Cherish The Day

Pearls

By Your Side+

Immigrant+

Flow+

King Of Sorrow+

The Sweetest Gift+

Solider Of Love+

The Moon And The Sky+

Babyfather+

Still In Love With You**

Love Is Found**

I Would Never Have Guessed**

The Moon And The Sky (Remix Featuring Jay-Z)**

By Your Side (Neptunes Remix)+

 

+ Non nel “Best Of”

** mai pubblicato prima

 

http://www.myplaydirect.com/sade/details/5868151?cid=lg:4yo&utm_medium=referral&utm_source=sade.com

http://web.epicrecords.com/sade/preorder-ticketpresale/

Britney Spears: la tracklist ufficiale di “Femme Fatale”

250531189.jpg

Dopo aver presentato ufficialmente tre brani in anteprima on-line del suo imminente album, Femme Fatale, in uscita alla fine di marzo, Britney Spears adesso rende nota la tracklist ufficiale che costituirà questo attesissimo settimo album da studio, il quale, secondo gli addetti ai lavori, sarebbe il miglior lavoro di sempre dell’artista. Come già anticipato qualche settimana fa, l’album avrà anche una Deluxe Edition di sedici brani: oltre alle dodici tracce dell’edizione standard, ci saranno anche Up ‘n down, He about to lose me, Selfish, Don’t keep me waiting. Tra i brani che è già è stato possibile ascoltare in streaming web spicca la collaborazione della cantante della Louisiana con il leader dei Black Eyed Peas, Will.i.am con il quale ha collaborato per il brano Big fat bass. Da un ascolto dei primi snippet postati in rete, Inside Out (prossimo singolo), I wanna go, How i roll e Seal it with a kiss sembra che in questo disco Britney continuerà a cavalcare, e felicemente è il caso di aggiungere, la dance saggiata con il primo singolo estratto Hold it against me. Nel frattempo ecco la tracklist completa delle due edizioni dell’album Femme Fatale.

 

Standard Edition

01. Till The World Ends – 3:57

02. Hold It Against Me – 3:49

03. Inside Out – 3:38

04. I Wanna Go – 3:30

05. How I Roll – 3:36

06. (Drop Dead) Beautiful (feat. Sabi) – 3:36

07. Seal It With A Kiss – 3:26

08. Big Fat Bass (feat. Will.I.Am) – 4:44

09. Trouble For Me – 3:19

10. Trip To Your Heart – 3:33

11. Gasoline – 3:08

12. Criminal – 3:21

 

Deluxe Edition

01. Till The World Ends – 3:57

02. Hold It Against Me – 3:49

03. Inside Out – 3:38

04. I Wanna Go – 3:30

05. How I Roll – 3:36

06. (Drop Dead) Beautiful (feat. Sabi) – 3:36

07. Seal It With A Kiss – 3:26

08. Big Fat Bass (feat. Will.I.Am) – 4:44

09. Trouble For Me – 3:19

10. Trip To Your Heart – 3:33

11. Gasoline – 3:08

12. Criminal – 3:21

13. Up ‘n Down – 3:42

14. He About To Lose Me – 3:48

15. Selfish – 3:43

16. Don’t Keep Me Waiting – 3:21

Michael Jackson rivive con “Michael”, disco di inediti anticipato da “Breaking News”

Michael Jackson - Michael (cover).jpg

S’intitolerà semplicemente Michael il nuovo lavoro di Michael Jackson, primo di un ricco franchising di album postumi, che promettono ai fan della compianta, star scomparsa nel 2009, inediti e rivisitazioni ancora per molti anni a venire. Su etichetta Epic Records, l’album vedrà la luce il prossimo 14 Dicembre, appena in tempo per diventare un best seller di fine anno, aggiudicandosi una grande fetta del mercato più importante, quello natalizio, anticipato dal singolo, totalmente inedito, Breaking News, in streaming on-line in anteprima esclusiva sul sito ufficiale del cantante dall’8 Novembre. Pur mancando già da quasi dieci anni sul mercato discografico, Michael Jackson non aveva mai smesso di cantare e registrare nuove canzoni, seppure senza mai pubblicarle, collaborando negli anni anche con gli artisti della scena musicale contemporanea, da Will.i.am, leader dei Black Eyed Peas, a Lenny Kravits, il cui duetto, Crush, trapelò invece misteriosamente in rete poco dopo la morte dell’artista.

Dieci, forse dodici, i brani che comporranno questo disco, registrati tra il 2002 e il 2008, di cui quattro o cinque, come si legge da wikipedia, sono stati registrati con l’amico di lunga data Eddie Cascio, durante il soggiorno di Michael a New Jersey nel 2007, tra cui il singolo di lancio, solo recentemente completato.

Secondo un post su twitter del produttore Teddy Riley, tra i brani del disco potrebbe esserci il pezzo Hold my Hands, stringi le mie mani, registrato da Michael per l’album Freedom di Akon del 2006. Ma c’è già chi grida al falso, e ritiene che quella nel disco non sia la voce di Michael, bensì di un “impostore” che imiti abilmente la voce dell’artista.

L’artwork di copertina, che vede in primo piano Jackson in una purpurea veste regale, con tanto di corona, a simboleggiare che è il vero ed unico Re del Pop, è del pluripremiato artista afroamericano Kadir Nelson, che ha realizzato un dipinto ad olio che riassume le più importanti fasi della vita di Michael, da Thriller a Black or White, dagli esordi con i Jackson Five, al moonwalk, il leggendario passo di danza dell’artista.

Susan Boyle “il dono” ideale per il Natale ormai alle porte

Susan_Boyle_The_Gift_cover.jpgRarefatto e sognante, quasi fosse Enya, il nuovo disco di Susan Boyle rasenta di più una vera e propria strenna natalizia, piuttosto che l’ideale seguito al suo album d’esordio. Non a caso intitolato The Gift, il dono, questo nuovo lavoro discografico, in uscita l’8 novembre, si affaccia appena in tempo per il ghiotto mercato natalizio, proponendosi come il perfetto regalo da trovare sotto l’albero. Dieci i brani che compongono questo secondo disco dell’ex rivelazione di Britain’s got Talent, che reinterpreta sapientemente hit degli anni ’60, conferendo loro nuove forme e nuova vita musicale, tra cui Perfect Day, di Lou Reed, vietatole precedentemente di poterlo interpretare dal vivo durante la trasmissione America’s got Talent, e trionfalmente inserito quale prima traccia e primo singolo di questo godibilissimo album. Tra i brani conosciuti al pubblico italiano Don’t dream it’s over, cover dei Crowed House dell’87, meglio nota in Italia grazie alla cover Alta Marea di Antonello Venditti. Ma c’è spazio anche per un duetto con Amber Stassi in questo nuovo album della Boyle, frutto di un casting on-line di voci nuove, con la quale ha interpretato il classico di natale Do You Hear what I Hear? del 1962, ed è più propriamente dedicata al Natale la seconda parte di The Gift che, con i tradizionali brani delle feste, da O Holy Night a O come all ye Faithfull. Sarà naturalmente difficile per la Boyle bissare gli oltre sette milioni di copie del suo album di debutto, I Dreamed a Dream, ma di sicuro The Gift ha tutte le carte in regola eguagliarne il risultato.

 

1.         Perfect Day     

2.         Hallelujah         

3.         Do You Hear What I Hear?       

4.         Don’t Dream It’s Over  

5.         The First Noel  

6.         O Holy Night    

7.         Away In A Manger        

8.         Make Me A Channel Of Your Peace     

9.         Auld Lang Syne           

10.       O Come All Ye Faithful