Sophie Ellis Bextor torna con “Wanderlust”: a gennaio nuovo album e nuovo sound

Sophie-Ellis-Bextor-Wanderlust-2013-1200x1200.png

Bella quanto brava, Sophie Ellis Bextor si appresta a ritornare sulla scena musicale a due anni di distanza dall’album Make a Scene. Ed è un disco molto atteso Wanderlust, questo il titolo, la cui data di uscita è fissata per il prossimo 20 Gennaio. Il quinto lavoro da studio dell’artista si preannuncia come un album di maturazione artistica. Lo scorso maggio infatti la cantante britannica ha regalato ai suoi fan il download gratuito della demo del brano Young Blood, un pezzo quasi acustico, in cui la voce limpida di Sophie è accompagnata dal solo piano, prendendo quasi le distanze dalla musica pop e dance che finora aveva caratterizzato il sound dei suoi precedenti lavori.

Le sessioni di registrazione del disco sono terminate lo scorso giugno, così come la stessa cantante ha annunciato via twitter qualche tempo fa e, come promesso, la Bextor sta aggiornando i suoi fan attraverso tutti i canali social. L’ultima news, appena di pochi giorni fa è la pubblicazione della cover del disco, dove Sophie, come sempre bellissima, è seduta ad un tavolo, con i caratteri del disco e del suo nome che sembrano quasi scritti in cirillico.

Ma le sorprese non finisco qui. Sophie ha pubblicato uno snippet su YouTube dei brani che andranno a comporre questo interessante capitolo musicale. In alcuni pezzi le influenze anni ’60 e ’70 sono evidentissime, ricordando quasi la porta-bandiera del genere, Lana Del Rey, che negli ultimi anni cavalcando l’onda retro ha fatto la sua fama e fortuna. La voce di Sophie è limpida e chiarissima, scevra da effetti elettronici, con una capacità interpretativa che forse la musica pop-dance ci avevano tenuto finora nascosto.

Britney Spears: in forma smagliante per “All Eyes on Me”

1238285_10151866070514316_1095686103_n.jpg

Britney Spears sta tornando e, a giudicare dalle prime immagini che la cantante sta postando in rete, ricorda molto la Britney-prima-maniera: capelli biondi corti mossi, fisico asciutto, vaga trasgressione e tanta voglia di scalare ancora le classifiche. A quattro giorni dall’uscita di Work Bitch, questo il titolo del nuovo singolo, la Spears diffonde su facebook una foto dell’artwork di copertina, che la ritrae in un camerino con un giacchetto di piume turchese, e quell’aria vagamente sfrontata da cattiva ragazza che i fan non vedevano da tempo, a metà strada tra Oops! I did it again e la Circus-era, ricordando vagamente Las Vegas, forse a supporto di un contratto che la cantante avrebbe firmato, impegnandosi in una serie di spettacoli appositi per la capitale del gioco. La cantante della Louisiana ha svelato sul suo account instagram gli autori del brano, tra i quali troviamo Sebastian Ingrosso, Dj e produttore svedese, del trio Swedesh House Mafia. La presenza del Dj svedese di certo è indice di un brano dance, che promette scintille. Co-autore del pezzo William Adam, altrimenti noto come Will.i.am, leader dei Black Eyed Peas.

Smessi i panni della Femme Fatale, Britney rivuole adesso il suo posto di teen-idol, capace però di abbracciare ancora quel pubblico che adolescente non lo è da un bel pezzo. Work Bitch arriverà in promozione su iHeartRadio lunedì 16 Settembre, alle sei del pomeriggio (ora americana), mezzanotte ora italiana, mentre arriverà su iTunes sei ore dopo, alla mezzanotte ed un minuto del prossimo 17 Settembre.

Forte del successo planetario di Scream&Shout con Will.i.am, per questo disco, il cui titolo è ancora top-secret, la cantante potrà contare ancora sul leader dei Black Eyed Peas, e sulla preziosa collaborazione di Orbit, già a lavoro per Ray of Light di Madonna alla fine degli anni ’90.

Il countdown che da oltre un mese troneggia sul sito ufficiale dell’artista è dunque quasi giunto al termine.

 

Britney sta per tornare, e i fan presto potranno gridare ancora: «It’s Britney, bitch!».

1234510_10151869631628234_28712436_n.jpg


Katy Perry: ecco l’anteprima di “Prism”

katy-perry-prism-album-cover-650.jpg

Uno degli album più attesi del 2013 è sicuramente il suo, Prism di Katy Perry. Giunta alla sua terza prova discografica, la cantante di Roar, ha presentato il suo imminente lavoro a Billboard Chart, che ha così potuto ascoltarne alcune tracce insieme ad un ristretto gruppo di addetti ai lavori, durante una sessione lo scorso 5 Settembre.

Il disco dell’artista sarà composto da tredici brani, a fronte dei dodici del penultimo album Teenage Dream, nella versione standard, e sedici in quella Deluxe. Data d’uscita ufficiale, come ormai molti sapranno è il prossimo 22 Ottobre.

Prism nasce di certo sotto una buona stella: Roar, il primo singolo estratto, è diventato l’ottavo numero uno dell’artista, che ormai domina le classifiche americane da due settimane, battendo una concorrenza agguerrita, tra cui la temutissima Lady Gaga.

Variegato il tema dei brani, che vanno da Unconditionally, un’ode all’amore, tra i brani preferiti della Perry, a Dark House, che vede il featuring di Juicy J.

La cantante ha poi rivelato che le registrazioni sono state effettuate tra lo studio di Santa Barbara in California e Stoccolma, in Svezia. Alcuni brani infatti si rifanno al sound di Robyn, cantante che è stata in tour con Katy, di cui l’artista si dice grande fan.

Tra gli autori del disco Greg Kurstin e Sia, che hanno scritto per l’artista Double Rainbow. Molto simile a Roar sarà invece Birthday, che ne riprende le sonorità.

 

Il testo di Love Me’s è invece un personale mantra di Katy, mentre International Smile, ricorda forse la Perry di Teenage Dream. I momenti più seri del disco sono rappresentati dalle ballad Ghost e By The Grace Of God, che si ispirano alla separazione dal marito dell’artista, Russell Brand.

Lady Gaga: on-line il singolo “Applause” e (a sorpresa) il duetto con Cher

Lady Gaga - Applause.jpg

Forse per rispondere alla minaccia di Katy Perry, al momento l’artista più temibile, che con il singolo Roar ha anticipato l’uscita di Applause di una settimana, Lady Gaga ha deciso di far trapelare in rete il suo pezzo e, quasi in concomitanza con il pezzo della Perry, è riuscita a catalizzare l’attenzione dei social media su di sé, in visibilio per il primo inedito a due anni di distanza dall’album Born this way. Come per l’imminente album da cui è tratto, ARTPOP, in uscita a fine anno, anche Applause, nel testo, è un chiaro riferimento alla Pop Art di Andy Wharol e a quel movimento di arte contemporanea che tra gli anni ’50 e ’70 riuscì ad esprimere la propria creatività attraverso le tecniche e i materiali più disparati: stampe, litografie, barattoli e addirittura orinatoi.

L’idea della PopArt non è proprio una novità: già Madonna, nelle sue tante vite musicali, ha indagato anche questa corrente, lo dimostra l’iconica copertina della raccolta “Celebration” del 2009, in cui Madge ricordava proprio una Marilyn di Wharoliana memoria.

Dopo il suo secondo album, o meglio la riedizione del primo, The Fame Monster, Lady Gaga forse non riesce più a stupire, sia musicalmente che a livello di immagine, poiché è proprio ciò che i fan si aspettano, l’eccesso. Forse la cantante di Bad Romance ci riuscirebbe davvero, se decidesse di proporsi nel modo più semplice e pulito. Applause è tuttavia orecchiabile, benché ci si aspettasse un radicale cambio di sound, un’altra direzione musicale che ne evidenziasse le qualità vocali, è un pezzo dance in puro stile Gaga, che potrebbe riportarla ai vertici delle classifiche statunitensi, come singoli recenti non hanno (più o meno) saputo fare.

E ciliegina sulla torta, trapela on-line anche il fantomatico duetto con Cher, The Greatest Thing, che presumibilmente sarà incluso nell’imminente album della cantante di Believe

Katy Perry: on-line i primi quindici secondi di “Roar”

Katy-Perry-400-400.jpg

Mancano pochi giorni al ritorno musicale di Katy Perry, il quale coincide con un altro attesissimo comeback musicale, quello di Lady Gaga, e negli States già si parla di sfida tra regine. Chi di loro dominerà le classifiche? Molto diverse le strategie di marketing utilizzate per la promozione dei singoli. Mentre Katy Perry, su YouTube pone fine alla Teenage Dream Era, bruciando parrucche viola, partecipando al suo funerale, e svelando quali saranno le atmosfere di Roar, il brano in uscita il prossimo 12 Agosto, Lady Gaga invece condivide sui social network il testo di Applause, il singolo che anticiperà la pubblicazione di ARTPOP, in arrivo a fine anno.

Ma le influenze di Katy Perry pare che, almeno dal punto di vista visivo, dell’immagine, non saranno molto diverse dal sogno adolescenziale visto finora: la cantante infatti continua ad indagare le atmosfere anni ’80, così come si evince dall’artwork di copertina del nuovo singolo, del quale, nell’ultima clip su YouTube, svela anche quindici secondi del pezzo, in cui canta: «Cause I am a champion / And you’re going to hear me roar» (poiché io sono un campione / tu mi sentirai ruggire ). Dai quindici secondi si potrebbe desumere che Roar potrebbe essere un pezzo pop-rock in stile anni ’80.

Sull’artwork di copertina, la Perry, di spalle, indossa una giacca di jeans con su impressa una tigre. Il brano andrà ad anticipare il quarto album dell’artista, Prism, che vedrà invece la luce il prossimo 22 Ottobre.

Aguilera: on-line il leak di “Lotus”. L’artista vulnerabile e emozionante nel nuovo disco

155385_10151290135020803_1181595485_n.jpg

christinaaguileralotusc.jpgTrapelato da qualche ora on-line sui siti di file sharing e streaming, il nuovo album di Christina Aguilera, Lotus, in uscita (quella ufficiale) il prossimo 13 Novembre, rivela che oltre  quel “corpo”, Your Body, il non proprio fortunatissimo singolo di lancio, c’è molto di più, e che forse, ancora una volta, la casa discografica e la stessa Christina hanno sbagliato a lanciare il pezzo prodotto da MaxMartin per promuovere l’uscita di un disco che prospetta invece di essere molto di più di un gratuito tentativo di sorprendere e scandalizzare, nel tentativo di emulare i fasti del passato, e del fortunatissimo Stripped in particolare, ad oggi quello che forse è il miglior album prodotto dall’artista. Con Lotus Christina smette di autoproclamarsi donna bionica, in grado di fare ed affrontare ogni cosa, dalla maternità all’allora ruolo di moglie, per gridare al mondo la propria debolezza, l’umana natura di una donna che è caduta, ma che, al tempo stesso, come quel fiore di loto che dà il titolo all’album e sopravvive in ogni condizione atmosferica, trova la forza di rialzarsi e andare avanti. La Aguilera lo fa in tredici brani (diciassette nell’edizione Deluxe), in cui ancora una volta rischia, evolvendo il proprio sound, a cominciare dalla Intro, prodotta insieme al gruppo M83, in cui la voce di Christina si fonde al vocoder per dar vita ad un pezzo elettronico ed orecchiabile, o Army of Me, in cui dance e rock sembrano camminare fianco a fianco, per trasformarsi in dance pura in Let there be love. Secondo le indiscrezioni che si rincorrono on-line sarebbe Red Hot Kinda Love il secondo estratto di questo disco, ma i brani migliori sono, come sempre, le grandi ballad cui ci ha abituato in questi anni Christina, a cominciare da Blank Page, postata on-line qualche giorno fa dalla stessa artista, Sing for me o, in chiusura, il bellissimo duetto con il cantante country Blake Shelton, Just a fool. Lotus è dunque, per stessa ammissione dell’artista, un album variegato, che spazia tra generi diversi, ma non per questo incoerente, nel quale Christina evidenzia le sue potenzialità vocali, confermando di essere un’artista poliedrica, capace di andare oltre il prodottino commerciale del momento, senza paura di sperimentare e mostrarsi ai fan per ciò che è in questo momento: vulnerabile sì, ma con una forza (vocale) che è ancora in grado di emozionare ed arrivare al cuore.

Susan Boyle: la cantante a novembre omaggia Broadway con “Standing Ovation”

Susan Boyle - Standing Ovation (cover).jpg

Formula che vince non cambia. Se con soli due album, Susan Boyle è riuscita a vendere quattordici milioni di copie nel mondo, l’ex rivelazione di Britain’s got Talent ci riprova adesso con Standing Ovation, terzo lavoro discografico, che arriva a due anni da The Gift. Ed è di nuovo al mercato natalizio quello cui la cantante britannica mira, fissando la data d’uscita di questo nuovo album al prossimo 19 Novembre, già numero uno nella classifica dei pre-orders di Amazon UK. Un nuovo disco di cover quello della Boyle, che questa volta omaggia gli ABBA (con una superba interpretazione della power ballad The Winner takes it all) e Barbra Streisand con la bellissima Memory e i grandi brani di Broadway. Ma Standing Ovation è un disco che riserba non poche sorprese ai fan dell’artista, che, su undici brani della tracklist, riserba ben tre duetti, dei quali due con l’ex teen idol Donny Osmond, con il quale canta All I ask of you e This is the moment, mentre in The music of the night la Byle ritrova la voce dell’attore e cantante inglese Michael Crawford.

Una strenna confezionata per vendere sì, ma nell’insegna della qualità, delle grandi interpretazioni e delle emozioni soprattutto che solo il talento di Susan Boyle sa darci.

Lana Del Rey on-line in anteprima gli snippet di “Born to die: Paradise Edition”

Lana Del Rey - Born to die Paradise Edition.jpg

Protagonista della nuova campagna di H&M, che la vede partecipare nella duplice veste di testimonial ed interprete, con la cover Blue Velvet, Lana Del Rey non smette di sorprendere i suoi fan, e pubblica on-line la copertina del suo nuovo lavoro discografico: Born to die: Paradise Edition riedizione del suo fortunato album di debutto, Born to die. Lo scatto, rubato forse dal set dei video del singolo Blue Jeans, mostra un primo piano a colori di Lana con costume bianco a bordo piscina (Hollywoodiana con tanto di palme) ed il suo nome e il titolo dell’album scritto a caratteri (dorati) cubitali.

Ma la Del Rey non si limita solo a rendere pubblico l’artwork di copertina del disco che arriverà sugli scaffali il prossimo 12 Novembre. La cantante di Video Games infatti ha postato sui suoi social network una clip di quasi cinque minuti con i nuovi brani che andranno ad aggiungersi alla tracklist originale del disco, tra cui proprio il brano che fa da colonna sonora allo spot H&M.

Per ascoltare i brani che erano trapelati in rete ecco il link.

 

Christina Aguilera: a settembre arriva il singolo “Your body”

christina-aguilera.jpg

Christina Aguilera, Your body, musica, canzone, video, nuova, uscita, album, 2012, singolo, video, cd, disco, anteprima, Cee Lo GreenManca poco e siamo vicini all’ufficialità. Il nuovo singolo di Christina Aguilera, che anticipa l’uscita del suo attesissimo album, sarà Your Body. In rete sono già tante le demo e i leak del singolo prontamente rimosse per violazione del copyright, il che fa presupporre che siamo vicinissimi alla versione finale di quello che sarà il brano in uscita, e in vendita, dal prossimo settembre. A dare ulteriore conferma è la stessa Christina che, dal set del video, twitta un’immagine: «Sono emozionata per il mio ritorno come artista» ha scritto la cantante sul sito di micro-blogging on-line. Il brano pare avrà una versione esplicita, (Fuck) Your Body, il cui titolo nella versione censurata diventerà (Love) Your Body.

Nel disco pare possano trovare posto una collaborazione con Cee Lo Green, giudice insieme alla Aguilera del talent The Voice, con il quale Xtina avrebbe inciso un duetto: «Sono una cui piace collaborare – aveva detto la stessa cantante dalle pagine di Rolling Stone – amo alimentare l’energia creativa, mi rende migliore. Sono in un percorso continuo sia personale che professionale. Il mio obiettivo è migliorarmi come persona e come artista, e lo spettacolo è solo uno dei fattori che contribuiscono». Sui featuring la cantante di Genie in a bottle ha aggiunto: «È divertente collaborare».

Beyoncé: anteprima esclusiva di “I was here” per la Giornata Umanitaria Mondiale

Beyoncé I was here.jpg

19 Agosto. Giornata Umanitaria Mondiale, il giorno in cui ognuno dovrebbe far sentire la propria presenza ed il proprio sostegno al prossimo con un piccolo-grande gesto. Non soltanto le solite donazioni, atte forse più ad alleggerire la propria coscienza, ma un piccolo aiuto concreto anche a chi ci è vicino. Lo sa bene Beyoncé Knowles, da sempre attenta ai temi sociali, che con il suo brano, I was here, estratto dall’album 4, celebra questa giornata indetta dall’ONU, dove ne ha girato anche un video, facendone il simbolo di questa importante iniziativa. L’ex Destiny’s Child spinge i propri fan, e non solo, a dare di più, e poter dire con orgoglio “I was here”, io ero qui. E per lasciare un proprio contribuito è stato aperto il sito internet www.whd-iwashere.org dove Beyoncé ha presentato in anteprima esclusiva lo straordinario videoclip del suo intenso brano. Visitate il sito, lasciate un segno, lasciate la vostra firma e condividetelo con i vostri amici sui social network e non solo, e siate fieri anche voi di poter gridare al mondo, insieme a Beyoncé, “I was here”.